Farsa Quirinale, Don Silvio lascia la palla a Herr Mario

La defezioni di Berlusconi leva il sipario dal triste spettacolo che porterà la carica più alta della nostra Repubblica nelle mani del maggiordomo della BCE

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Berlusconi oggi ha lasciato la partita, dopo un vertice acceso (riferito ai computer, visto che era on-line) con gli altri vertici del centro-destra. “Mario Draghi resti premier” ha detto il Silvio uscente, esprimendo l’opinione diffusa nel suo schieramento – che include Salvini e Meloni – della imprescindibilità del maggiordomo dei bankers a Palazzo Chigi. D’altronde, i due sono amici di vecchia data e sono stati per tutta la vita pupazzi al servizio dello stesso obiettivo: la rottamazione della democrazia italiana. Anche se, a differenza del semper fidelis Mario, impeccabile maggiordomo, per Silvio c’è voluto qualche schiaffo dieci anni fa.

A prescindere dal fatto che tutti sapevamo la candidatura del Berlusca fosse un diversivo, c’è da dire una cosa: lo sono anche tutti gli altri candidati. L’obiettivo della farsa quirinalesca è distrarre il popolazzo e mettere il non-eletto maggiordomo del Bilderberg (a sua volta succursale della Commissione dei 300) a occupare la poltrona di Don Sergio Mattarella, posto cruciale per infliggere le ultime stoccate all’economia e alla democrazia italiana.

Perché diciamo questo? Diamo un’occhiata al parlamento: nessuna area politica, dopo la ricomposizione del parlamento fatta dai draghiani che ha annullato tutte le proporzioni stabilite in sede elettorale, ha da sola i voti (673 nei primi tre scrutini, 505 successivamente) per piazzare un suo candidato, e ben sappiamo che la sudditanza a Draghi è l’unica cosa che tiene insieme questo ammasso di lacchè che chiamiamo parlamento – ad eccezione di pochi rari fiori che nascono dal letame…

La candidatura dell’ormai senile viveur più amato e odiato dagli italiani è stata solo il solito diversivo del potere per celare il colpo di grazia alla nostra Italia: Herr Draghi al Quirinale, un piccolo passo verso il presidenzialismo, un grande salto nel più nero dei burroni della nostra democrazia.

MDM 22/01/2022

Fonte https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2022/01/22/quirinale-cav-alle-16.30-zoom-ministri-fi-poi-18-centrodestra_eb20c194-ff82-481b-b54d-b638fa0a3c7b.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix