I media di Torquemada: “Al rogo gli eretici!” “NO VAX”, IL NUOVO FRONTE DELLA “GUERRA AL TERRORISMO”

Di Fulvio Grimaldi

Una faccia una razza

 

La storia dei terroristi che danno del terrorista alle loro vittime designate è vecchia come il cucco. Da quando hanno inventato il diavolo. Chi ce l’ha fatta, a forza di vita dissipata, ad arrivare alla mia età con stracci di memoria, si ricorda uno Stato barcollante sotto la spinta delle sue forze produttrici e pensanti, operai, studenti, donne, tutti. L’Autunno Caldo poi denigrato in “anni di piombo”. E’ dunque il terrore delle stragi, da Piazza Fontana in poi, per almeno un quarto di secolo. Noi, che ne eravamo il bersaglio sapemmo rispondere. Fu nostro il grande e difficile lavoro di disvelamento: “La strage di Stato”, il libro che offrì agli eterni turlupinati, vessati, uccisi, la buona novella della verità e delle responsabilità. Un piede di porco contro tutte le serrande che via via sarebbero state abbassate sulle nefandezze dei regimi dei pochi.

La notizia più recente alla base di quanto va succedendo, è questa: “Nonostante il 70% sia vaccinato, Israele registra 10.946 contagi in 24 ore e 7000 morti. Qualcuno si è preoccupato.  Qualcuno, prima, aveva scoperto, frugando tra notizie non smentite ma nascoste, che, per esempio, il VAERS (organo ufficiale USA per la conta degli effetti avversi da vaccini) ha registrato 13.000 decessi da vaccino (70% trombosi), con una mortalità quindi 60 volte più alta di quella di tutti i vaccini passati. Qualcuno aveva notato l’analogia con “Eudravigilance”, l’organo equivalente UE, con un tasso di effetti avversi e morti da vaccino più o meno uguale. I sorci che Burioni vuole rinchiudere nelle loro tane, non ci fanno caso. Gli bastano Mentana e Locatelli.

Morti ed altri effetti avversi negli USA al 20 agosto 2021.

Qualcuno aveva sentito il Premier Draghi dire che, nel ristorante o al cinema, i dotati di passi verde si sarebbero trovati tra non contagiati e non contagianti, quando ha scoperto che a questo punto, anche in quel ristorante, siamo a tot vaccinati e tot contagiati. E poi aveva udito il suo virologo-pochette ridurre i non vaccinati a “sorci da chiudere in casa”. Qualcuno negli USA aveva letto sui giornali che il CDC, centro per la prevenzione e il controllo dei farmaci, annunciava la reclusione in “zone verdi” di tutti coloro che fossero ad “alto rischio”, intendendo per tali i non vaccinati, e si era sbilanciato, correndo col pensiero ai campi di concentramento. Insomma, qualcuno si era preoccupato. Ed era andato in piazza dove ha trovato molti altri preoccupati. Milioni tra Berlino, Parigi e Londra, molte migliaia tra Milano, Roma, Firenze, Torino…

A Berlino non c’è né un giudice, né un giornalista (diversamente da quanto succedeva sotto Re Federico II)

A questo punto la stampa – noblesse oblige nei confronti dei rispettivi danti causa – non ha potuto non reagire. Il tema è: dubbi vax uguale “sedizione”. E neanche la Procura di Torino, capofila della magistratura italiana fin dai tempi delle simpatie manettare riservate ai No Tav (comprese signore ultrasettantenni, pericolosissime), poteva esimersi dall’ aprire un’inchiesta sotto la dicitura “Terrorismo”. Media e Magistratura uniti in giornale, televisione e giudice, con per azionisti di maggioranza automobilieri, brevettisti, banchieri, oligarchi ospedalieri, tutti vaccinofili, CIA, hanno obbedito al riflesso condizionato (Pavlov) che gli scatena il fischio del pastore di Washington. Negli USA, dopo la sciarada delle elezioni presidenziali, chi aveva votato “male” veniva bollato di “terrorista interno”. Ora, in tal modo eliminato uno scettico della combine virus-vaccino, come Donald Trump, l’onta del reprobo piomba su chi – plebe o intellettualità scientifica – non crede, o non segue alla lettera i testi sacri del presunto virus e del presunto vaccino, entrambi da quelle parti prodotti e diffusi.

Strategia della tensione all’amerikana

Guerra dei terroristi al terrorismo

Il trucco è “strategia della tensione” e la risposta è “guerra al terrorismo”. Capita quando un assetto di potere, a forza di malefatte e cazzate, entra in crisi. Nei paesi meno alfabetizzati politicamente si reagisce in modo rozzo e, per chi ha buona vista, riconoscibile. Vedi gli USA dell’11/9, dove i terroristi planetari neocon decidono di prendere un paese economicamente e infrastrutturalmente a pezzi e provano a rilanciarlo a forza di “guerra al terrorismo” ed economie di guerra. Dall’occasione dell’11 settembre, vaticinata in precedenza, è guerra al terrore e semina di terroristi in mezza dozzina di paesi africani e mediorientali.

Vedi la stessa manica di psicopatici costretti alla fuga dall’Afghanistan, inseguiti da tutto un popolo (salvo 4 milioni di “sfollati” dalle bombe, che si vorrebbero rovesciare sui paesi limitrofi, o sull’Europa da scardinare). Il Pentagono, tutti i servizi segreti, il barbiere sotto casa e, ovviamente, il NYT, annunciano un dettagliatissimo attentato ISIS entro 24 ore. Come al solito, non lo si previene e, come al solito, lo si realizza facendo sparare i marines sulla folla degli speranzosi in trasferta, ammassati all’aeroporto, dicendo che è stato l’ISIS. Proprio come astutamente precisato 24 ore prima. Peccato che perfino la BBC ammetta la truffa. Poi si mandano i droni, a suo tempo inaugurati contro civili sospetti da Obama, e li si fanno lanciare missili su passanti (inevitabilmente donne, che riproducono afghani, e bambini, afghani di troppo) e si dice di aver decapitato la banda di terroristi. Chissà se, insieme alla base di Wagram, gli USA e la Nato abbandonano anche le tante carceri segrete della tortura sparse per tutto il paese. Che le abbiano passate all’ISIS?

Strategia della tensione all’italiana

Da noi, lettori di Ulisse, discendenti di Machiavelli e discepoli di una Chiesa che fa passare per dannati agnostici e miscredenti, si va più per il sottile. Negli anni ’70 i nostri maggiorenti, insidiati da masse escluse dal boom e a cui si tornava a stringere la cinghia, crearono gli “opposti estremismi”. Eliminarono le BR vere e ne crearono altre fasulle, ricorsero alla P2, ai fascisti, alla mafia, con una spruzzata di servizi detti deviati, per un po’ di stragi (appunto di Stato), ne trassero l’occasione per far ammutolire ogni opposizione e per le prime leggi “restrittive” degli spazi democratici. E ricuperarono alla grande.

A ogni crisi la sua strategia della tensione e il suo terrorista

Tra morti di ogni malanno, ma che l’astuto tampone tramuta in vittime del Covid, giovani immuni allo 0,0005%, ma tampinati da tamponi e vaccini, vaccini salvifici che si scopre che non vaccinano e quindi richiedono ulteriori dosi, fino alla periodicità regolare, che non ti proteggono ma ti mantengono contagiabile e contagioso alla faccia del green pass, ecco la nuova crisi da affrontare.

Per neutralizzare chi riferisce di statistiche catastrofiche sugli effetti avversi, emboli, infarti, cecità, paralisi; chi si sente dire da premi Nobel (Montagnier e altri), dai più illustri dei medici e scienziati, dallo stesso vicepresidente di Pfizer (Mike Yeanon), dimessosi inorridito, che nel “vaccino” ci sono inspiegabilmente sostanze perniciose; chi apprende dalla stessa FDA americana che i farmaceutici non avevano incluso certi effetti avversi nei loro bugiardino, chi si sente spiegare da scienziati con indice H di rango scientifico decuplo rispetto a tutti i nostri televirologi, che il “virus aggredito dal siero produce varianti tipo Delta che contagiano di più” e fanno ulteriore fortuna dei vaccinari; per tutti costoro ci voleva una grande e risolutore antidoto. E ancor più ci voleva per mettere a tacere la massa degli sconcertati che non si facevano capaci come i curatori della nostra salute non ricorressero a farmaci e terapie di pochissimo costo per evitarci l’esito fatale del virus e addirittura le proibissero.

Dalla mascherina sul viso, a quella su te intero

Visto che provvedimenti-clava alla Gestapo, come gli arresti domiciliari, la frantumazione di ogni socialità, la criminalizzazione di ogni dissenso, le multe astronomiche, le novene televisive all’uranio impoverito, recitate tre volte al giorno da un pugno di virologi che, per carenza di malati, non avevano di meglio da fare, non avevano impedito gente in piazza e addirittura momenti organizzativi, si è potenziato il meccanismo mascherina. Dalla obliterazione della faccia e relativa comunicazione ed espressione, si è trascesi all’obliterazione del corpo intero, sangue, ossa e anima. Con il green pass sei fuori, out, raus!

Tra quelli dentro che, con te fuori, si contagiavano lo stesso, per quanto sventolassero il green pass, il provvedimento, di un tasso di angheria paragonabile all’abito a strisce nei campi di concentramento, suscitò l’effetto che si voleva combattere. Più gente in piazza, più punti interrogativi, più No Vax di quanti ne fossero apparsi sotto le insegne di No Tav, No Tap, No Muos, No Trivelle, No Nucleare, No Nato.

Dagli all’odiato odiatore!

E siamo all’oggi. La misura senza precedenti di odio per l’uomo/donna liberi/e sulla quale avevano navigato tutte le vessazioni politiche, sociali, economiche e culturali dell’impresa Covid, avrebbe dovuto raggiungere un livello tale da incendiare quante foreste del dubbio, diniego, contrasto, ancora ospitavano dei terroristi. Le forze armate dell’odio di regime, detto “progressista”, che dall’inizio della Grande Frode, avevano mascherato il proprio odio presentandolo su giornali e schermi con il cartello “Odio dei no vax, negazionisti, sovranisti, populisti, fascisti”, non conobbero più limiti.

Qualcuno aveva visto la trasmissione dell’epidemiologo Bassetti che, forte della vasta collaborazione con case farmaceutiche vaccinare, con i botoli latranti Giletti e Telese, infieriva come un pitbull da combattimento sul medico delle cure domiciliari che curano, Mariano Amici. Forse quel qualcuno è l’avventato che si è permesso di lanciare per strada un paio di contumelie al luminare, per le quali il quasi linciato ha chiesto un distaccamento di Marines sotto casa. Il Dr. Amici, bersaglio di analoghe invettive poiché colpevole di guarigioni, non lo ha richiesto.

Vedendo anche come a Torino, a Berlino, a Parigi, a Londra, odiatori del bene avessero affrontato violentemente le forze dell’ordine mettendogli la testa sull’asfalto e sotto il ginocchio, od opponendo il collo alla stretta affettuosa del braccio in divisa, non poteva più attendersi un minuto per il recupero dell’antica soluzione: strategia della tensione.

A ognuno il suo ISIS

A comportamenti estremi, misure estreme, aveva ventilato Marcello Sorgi, della Stampa e del Quirinale. Tipo quella che né il generale De Lorenzo, né il comandante Borghese, né P2 e CIA, erano riusciti a fare, il regime militare. Misura del tutto meritata da quelli che il virologo Burioni ha civilmente definito “sorci da chiudere in casa”.

Per i quali nientemeno che un poderoso sindacalista CGIL-Berlusconi-Monti-Alfano, come Giuliano Cazzola (nomen omen), sentendosi Biden contro l’Isis, ha invocato “le cannonate di Bava Beccaris ” (1898, 83 morti). E politici e costituzionalisti chiedono, se malati, di “fargli pagare le ospedalizzazioni”. E Draghi, reduce dell’assassinio del patrimonio industriale italiano, ha riservato la “qualifica di assassini”, come Biden con l’ISIS. E Mariotti (Confindustria) ha annunciato la “sospensione dello stipendio”. E Giani (presidente Toscana) vuole “vietato l’ingresso nei luoghi pubblici”. E Lucia Annunziata auspica la “presa per il collo”, tipo Berlino. E Crisanti virologo promette di “fargliela pagare”, come Biden all’ISIS. E il ragazzo di bottega di Travaglio, il Pulitzer Andrea Scanzi, si ripromette lo “spettacolo di vederli morire come mosche”, cosa che Biden dice di volere per l’ISIS. E la spalla di ogni comico (Telese, Cruciani, Concita), David Parenzo, promette di decontaminarli “sputando nel loro cibo”. Possibile che Torquemada non muoia mai in questo paese? Possibile.

Tanto possibile che il carico da novanta arriva dai rappresentati supremi del bene spirituale e di quello laico. Il papa: “Vaccinarsi è un dovere morale”. Di rincalzo il capo dello Stato: “Vaccinarsi è morale”. Ne consegue che non vaccinarsi è immorale. Non basta, per il papa vaccinarsi è “un atto d’amore” (non dice per chi, forse per Bill Gates). Chi non lo fa compie un atto di disamore, cioè di odio. Chi non si vaccina sta dalla parte del male.

Come vedete, uno degli schieramenti per la strategia della tensione, quello perbene, è sul posto. Vediamo cosa succede con l’altro. Quello che è l’equipollente dell’ISIS di Biden. Vuoi vedere che salta fuori un Valpreda che fa saltare per aria un orfanotrofio? Sennò, che terroristi sarebbero?

Di Fulvio Grimaldi, ComeDonChisciotte.org

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

02.09.2021

Notifica di
22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
CptHook
Staff CDC
3 Settembre 2021 19:17

Grandissimo Grimaldi…, ma a questo popolo di teste vuote teledirette non servirà niente…

BALABIOTT
Utente CDC
Risposta al commento di  CptHook
4 Settembre 2021 0:07

Temo che lei abbia ragione.. Chi conosce Grimaldi (e quello che propone) tra i telebeoti italici?…i padroni del discorso hanno il controllo della situazione e avanzano come un caterpillar..

ton1957
Utente CDC
3 Settembre 2021 19:38

Grimaldi é un pericoloso estremista, urge vaccino antimemoria.
Un paio di giorni fá, qui su CDC, l’articolo sulla ragazza fermata, qualcuno ha scritto: “non siamo negli anni 70” ed é un problema di molti anche tra i no-vax, cambiano i tempi ed arrivano anche gli smartphone ma il sistema é sempre lo stesso……tenere gli occhi ben aperti e non sentirsi piú furbi please.

Milorum
Utente CDC
3 Settembre 2021 20:00

Ma è lo stesso Fulvio Grimaldi che vedevo tanti anni fa su Rai tre con il suo inseparabile bassotto ? Contentissimo di leggerlo !

Holodoc
Utente CDC
Risposta al commento di  Milorum
3 Settembre 2021 23:08

Certo che è lui!

Giovanni01
Utente CDC
3 Settembre 2021 20:48

Compagno Fulvio, anche se l’appellativo compagno mi ha sempre un po’ schifato, visto soprattutto chi sempre se ne è fregiato, sono felice che vi sia chi ha ancora lucida memoria della nostra storia recente.
Chissà quando qualche riluttante al siero della felicità, avuto coscienza del suo errore, si defenestrerà da qualche questura….

Primadellesabbie
Utente CDC
3 Settembre 2021 21:07

Che bel Paese!

nicolass
Utente CDC
3 Settembre 2021 21:11

Intanto da oggi la campagna terroristica pro vaccini ritrova la sua centralità in tutti i Tg di regime dopo la parentesi afghana di fine estate. Il nuovo appello di Draghi a vaccinarsi sembra aver lanciato il rush finale a vaccinarsi tant’è che nei Tg della sera campeggia la notizia che le terapie intensive di vari ospedali italiani tornano a riempirsi in prevalenza di ricoverati no vax .. ancora una volta l’Italia è in contro tendenza rispetto a paesi come Israele o l’Inghilterra dove invece i ricoverati sono in maggioranza vaccinati… allora 2 sono le cose… o siamo semplicemente baciati dalla fortuna visto che da noi i vaccini funzionano mentre in altre parti del mondo sono un fallimento totale…… oppure più semplicemente siamo più bravi a mentire degli altri.

Ultimo aggiornamento 20 giorni fa effettuato da nicolass
Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
4 Settembre 2021 8:07

Oppure in Italia hanno pagato molto il ma in stream che non riesce a scrivere altro che menzogne.Vedi le percentuali dei vaccinati, in ospedale vanno solo i no vax, vedi che non riesce nemmeno a capire come un pdc possa dire cose incostituzionali senza che ci pensino un attimo a strobazzarle mentre le notizie vere n on hanno idea quali siano.
Tanto i soldi per le ca….te li trovano sempre ( vero Tridico e sindacati?) Ma non ci sono per la popolazione italiana.

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
5 Settembre 2021 14:57

A mentire siamo i numeri uno

gix
Utente CDC
3 Settembre 2021 21:45

Qualche giorno fa mi pare di aver visto, nel titolo dell’articolo “un normale controllo di polizia” l’immagine di Gian Maria Volontè nel film “indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”. Un film del 1970 che ebbe un enorme successo di pubblico in un momento in cui l’Italia era nel pieno della strategia della tensione, basti pensare che usci a circa due mesi dall’attentato di Piazza Fontana. In Italia, quindi, in quel momento c’era chi proponeva, con grande successo di pubblico, opere intellettualmente complesse e acutamente critiche, a vari livelli, nei confronti del potere e dell’arroganza derivante dall’impunità delle proprie azioni. Citando da Wikipedia “Il commissario protagonista (…) è allo stesso tempo consapevole ed incapace di sostenere il potere che egli stesso incarna” e nonostante faccia di tutto per farsi riconoscere colpevole di omicidio, lasciando prove ed indizi per i propri stessi colleghi, non riesce a farsi condannare e anzi sarà costretto da questi a firmare la propria stessa “confessione di innocenza”. Un parallelo possibile, riguardo alla impossibilità di essere riconosciuti colpevoli per meriti politici, di potere giudiziario o di polizia, si può tentare con il romanzo americano “american psycho” dove però l’arroganza dell’impunità non è politica come… Leggi tutto »

Hospiton
Utente CDC
Risposta al commento di  gix
4 Settembre 2021 0:20

Oggi il sistema ha annichilito l’informazione e la capacità del pubblico di valutarla“…già, un’ incapacità di valutazione dettata spesso dalla pura e semplice ignoranza, portata a vette himalayane. Mi stupisco delle lacune che la maggioranza presenta in materia storica, economica, finanziaria, geopolitica, mass-mediatica, insomma negli ambiti cardine della contemporaneità. Raro incontrare qualcuno in grado di discutere e riflettere con cognizione di causa su tali argomenti, viceversa è spaventosamente alto il numero di persone, anche laureate, che alla parola “banca” o “multinazionale” rispondono subito “complotto”, certificando così la bontà del lavoro svolto dai media nelle operazioni di lavaggio del cervello. Mi chiedo come faccia una persona istruita, nel 2021, a non saper nulla su fondi d’investimento, emissione della moneta, ruolo delle banche d’affari, controllo capillare che gli ambienti finanziari esercitano sulla società, addirittura riderci sopra come fosse tutto una barzelletta (per poi spiegare ogni cosa accalorandosi con Salvini bla bla bla o Renzi bla bla bla). Disarmante, capisco certi sfoghi di Barnard.

Ultimo aggiornamento 19 giorni fa effettuato da Hospiton
danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Hospiton
4 Settembre 2021 0:47

Secondo me dipende dal fatto che la maggioranza delle persone, a differenza di quei pochi ben informati e più consapevoli del principio di realtà, non riescono a contenere i dati e le informazioni che recepiscono dentro di loro, unificandole dentro un quadro unico più ampio, come le tessere di un puzzle formano un disegno più esteso.
Così non solo non riescono a comprendere gli scenari generali-ambientali-storici capibili solo se si sa costruire il puzzle, ma perdono anche molto più facilmente i singoli dati, non potendoli legare insieme, in un unico disegno, dove ogni pezzo si sistema per sempre al proprio posto, dentro il puzzle.

Hospiton
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
4 Settembre 2021 1:42

Molto probabile Danone, è come se non avessero imparato a selezionare informazioni, ad inserirle nei giusti scomparti mentali e poi utilizzarle, connetterle, confrontarle…in questo credo che la scuola abbia responsabilità enormi, non so quanti insegnanti spingano ad individuare i legami tra le varie discipline, in modo da costruire il quadro complessivo di un evento storico, un’epoca, un importante passaggio sociale. Ho sempre pensato che quest’incapacità rappresenti un limite tremendo, la reazione di parecchie persone agli accadimenti più recenti mi pare l’ennesima conferma. Non dico di tirar fuori generazioni di uomini universali alla Alberti o Leibniz, impresa impossibile data la vastità delle attuali conoscenze, ma almeno di formare individui più consapevoli della realtà che li circonda, non chiusi ermeticamente nelle loro aree di competenza (problema generato anche dalla iperspecializzazione sempre più richiesta dal dio mercato, non è un caso…). Oggi tutto ciò è utopistico, domani – se giungeremo ad una società evoluta da ogni punto di vista, non solo quello tecnologico – mi auguro diventerà la norma.

Ultimo aggiornamento 20 giorni fa effettuato da Hospiton
Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  Hospiton
4 Settembre 2021 7:01

La fretta/necessità di avere un’opinione (chi sa alzi la mano!) su molte, troppe cose, dalla quale poi fatichi a liberarti e a volte non ci riesci, provoca una sorta di castrazione preventiva rispetto alla possibilità di una comprensione continuamente aggiornata ed armonizzata della realtà che vai scoprendo.

(Per non parlare delle interferenze nella formazione della personalità).

Ultimo aggiornamento 19 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
Hospiton
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
4 Settembre 2021 11:23

Certamente, dovrebbe essere un percorso graduale, diciamo che nei primi anni di formazione le connessioni tra le varie discipline potrebbero esser quantomeno prospettate, si insegnerebbero i “fondamentali”. Non sfornare delle enciclopedie ambulanti cariche di nozioni, che magari non riescono a rapportarsi col circostante (divenendo dei disadattati), bensì proprio predisporre a quella che ben definisci “armonizzazione”, una capacità di filtrare ed utilizzare con accortezza le informazioni che pian piano acquisiamo nel corso dell’esistenza. Ci sarebbe anche il discorso a mio parere complementare, l’esser consapevoli dei propri limiti conoscitivi: forse un sistema educativo più “universale” potrebbe aiutare anche in questo delicato ambito (nel quotidiano, sul web o in tv le discussioni spesso sono impregnate di “certezze” fondate in realtà su elementi insufficienti, l’istruzione compartimentata credo non agevoli nel riconoscere tale problema). Naturalmente tutto ciò potrebbe essere solo una mia percezione, però ho sempre trovato le persone con un tipo di visione appunto “universale” meno inclini al dogmatismo, rispetto a chi si è formato in modo più canonico. Una semplice attitudine dovuta a questioni caratteriali, una mia valutazione errata o c’è qualcosa di ancora poco esplorato?

Ultimo aggiornamento 19 giorni fa effettuato da Hospiton
il pesce e l
Utente CDC
3 Settembre 2021 22:15

Grazie Fulvio

Predator.999
Utente CDC
4 Settembre 2021 9:33

Vaccinarsi è un atto di amore.

Espressione che viene da un Rappresentante delle Tenebre?

la somma dei caratteri ASCII del nome Bergoglio restituisce casualmente il numero 666

(B)66+(E)69+(R)82+(G)71+(O)79+(G)71+(L)76+(I)73+(O)79 = 666

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Predator.999
4 Settembre 2021 9:48

Mhmm!
Non so se fidarmi di te, i messaggi occulti sono sempre nascosti davanti agli occhi, vero Predator 666 :-))

illupodeicieli
Utente CDC
4 Settembre 2021 16:25

Da noi , in Italia, sappiamo come stanno , almeno per ora, le cose: ma all’estero? A parte in Danimarca, dove salvo errore dovrebbero eliminare le restrizioni dal 10 settembre, mi pare che altrove “se Atene piange, Sparta non ride”. Per non parlare di luoghi come l’Australia dove , se non sono male informato, l’esercito è impegnato nel reprimere e contenere le giuste proteste dei cittadini. Sapere insomma se siamo alle solite: cioè gli altri sembra che stiano meglio di noi ma , forse, dico forse , non è proprio così. Certamente in una nazione dove ci sono gli opposti estremismi, ci sono state anche, e credo ci siano ancora “le convergenze parallele”: soltanto che il buon Fulvio, e anche altri “esperti”, potrebbero suggerire qualcosa da poter fare perché siano ripristinate le libertà che ci sono state tolte dal 31 gennaio del 2020. Dimenticavo che tra gli sceriffi italiani occorre annoverare sindaci, che impongono nuovamente l’obbligo delle mascherine nonché la soppressione di sagre ed altri eventi: faremo come i buoni cristiani, e cioè li perdoneremo ma poi, se e quando ci saranno elezioni, non dimenticheremo i loro nomi, e non li voteremo né li faremo votare. Ecco che un concorso… Leggi tutto »

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  illupodeicieli
4 Settembre 2021 16:39

Ci vorrebbe un qualcosa che permetta di sopravvivere dignitosamente anche senza lo stipendio perso, fuori da ogni ricatto e nello stesso tempo costruisca il cambiamento che vogliamo.
Se pò ffà, se pò ffà :-))

Paul Mayer
Utente CDC
5 Settembre 2021 0:51

Per Draghi e kompagni siamo tutti come bovini da marchiare, di proprietà dello Stato. Dobbiamo dimostrare a questi farabutti che lo Stato siamo noi e che sono loro a dover obbedire alla volontà del popolo e non viceversa. In ogni caso questo governo ha passato il segno e deve cadere. Dobbiamo andare subito alle elezioni.

22
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x