Home / Attualità / Guerra bipartisan – Un nuovo studio incoraggia maggiori interventi da parte degli USA

Guerra bipartisan – Un nuovo studio incoraggia maggiori interventi da parte degli USA

DI PHILIP GIRALDI

unz.com

La classe dirigente e le comunità realiste di politica estera negli Stati Uniti sembrano spesso essere separate dal linguaggio che le guida nel parlarsi a vicenda. Quando un realista o un libertario parla di non-intervento o di moderazione in politica estera, come fece Ron Paul nel 2008 e nel 2012, la risposta della classe dirigente è di accusa di isolazionismo. Come osservò il Dott. Paul durante le sue campagne, il non-intervenzionismo e l’isolazionismo non hanno niente a che fare l’un l’altro poiché un paese che non si immischia negli affari degli altri può ciò nonostante essere accessibile ed aperto nel trattare con altre nazioni in molti altri modi. I non-intervenzionisti sono affezionati alla citazione del “Farewell Address di George Washington, in cui raccomandava che “il nostro grande ruolo di condotta verso le nazioni straniere è nell’estensione delle relazioni commerciali, in modo da avere con loro i più piccoli legami politici possibili…. Armonia, confronto liberale con tutte le nazioni, sono raccomandati dalla politica, umanità ed interesse”.Gli esperti della classe dirigente tendono ad ignorare questi“piccoli legami politici”, preferendo invece segnalare come il distacco dalle politiche estere possa guidare all’ascesa di un nuovo Adolph Hitler.

Mi sono ricordato della barriera linguistica mentre leggevo il report dell’Atlantic CouncilMiddle East strategy task force” (“Strategia della Task Force in Medio Oriente”), apparsa il 30 novembre. Il rapporto, che promette un nuovo “compatto per il medio oriente” mentre afferma anche che “l’isolazionismo è una delusione pericolsa”, potrebbe essere considerato come il documento per antonomasia a mandare a tappetto la posizione dell’establishment su quanto dovrebbe essere fatto nella regione. È verosimilmente il prodotto di due co-dirigenti, Madeleine Albright e Stephen Hadley, ma è anche accreditato ad un team esecutivo condotto dal direttore esecutivo Stephen Grand e dal vice direttore esecutivo Jessica Ashooh, che con molta probabilità sono responsabili della stesura e dell’editing attuali.

Il rapporto pare abbia anche numerosi consulenti di alto profilo che potrebbero aver avuto o non , un ruolo nel prodotto finale. Scorrendo la lista degli associati al progetto che compare alla fine del rapporto, si nota immediatamente che non ci sono singoli o gruppi identificati che potrebbero contestare la nozione che gli USA dovrebbero avere un ruolo da leadership nel Medio Oriente. A dirla tutta, molti di coloro che sono nominati traggono uno status considerabile dall’essere parte o dall’essere di supporto al coinvolgimento dell’America nella regione.

Vorrei descrive in modo netto Albright e Hadley come intervenzionisti, un’etichetta che loro potrebbero disapprovare. Albright fu l’aggressiva Segretario di Stato di Bill Clinton, ed è famosa per il suo sostengo all’American Exceptionalism (Eccezionalismo americano), dichiarando che “ noi siamo la nazione indispensabile. Noi stiamo a testa alta e guardiamo più lontano di altri paesi verso il futuro…”

Lei è anche famosa per la sua approvazione delle sanzioni all’Iraq che potrebbero aver ucciso 500.000 bambini: “Io credo che sia una scelta davvero difficile, ma il prezzo, noi crediamo che il prezzo valga la pena” e aveva anche chiesto a Colin Powell “ A cosa serve avere queste forze militari eccezionali di cui parli sempre se non le possiamo usare?”.

Stephen Hadley fu l’interventista consigliere per la Sicurezza Nazionale sotto la presidenza di George W. Bush. Fu uno dei più espliciti sostenitori dell’azione militare contro l’Iraq. Durante la sostanzialmente falsa crisi delle armi chimiche in Siria nel 2013, egli apparve sui media sostenendo l’attacco alla  Siria con i missili. A quel tempo, egli faceva parte della  Raytheon e possedeva 11.477 titolari azioni, cosa che alcuni considerarono un conflitto d’interessi.

Albright e Hadley erano stati chiaramente selezionati come co-dirigenti per rendere il rapporto bipartisan, un imperativo per l’Atlantic Council, che è orgoglioso di dichiararsi non-politico, descrivendosi nei siti web come “un’organizzazione imparziale che promuove una leadership americana costruttiva e il coinvolgimento negli affari internazionali basato sul ruolo centrale della comunità atlantica”. Questa auto-definizione suggerisce un coinvolgimento attivo da parte degli Stati Uniti che va ben oltre il consiglio di George Washington. E se guardate la lista degli esecutivi del Council ed esaminate i loro scritti, sarete in grado di confermare che sono decisamente coinvolti, in termini di supporto, per un ruolo deciso degli Stati Uniti negli affari mondiali.

Albright e Hadley hanno portato con sé un certo punto di vista che è stato sicuramente riconosciuto dai promotori del progetto e si potrebbe immaginare che l’Atlantic Council conoscesse abbastanza bene quanto il resoconto avrebbe sostenuto anche prima che lo stesso venisse scritto.

Il resoconto che conta circa 105 pagine, esplora quanto descrive come una nuova visione strategica per il Medio Oriente che “cambierà la traiettoria politica della regione”.

Sostiene alcune cose come questa: gli stati nella regione devono lavorare insieme per creare una “visione positiva per le loro società” per includere “la risoluzione della ricchezza della regione, ampiamente non sfruttata, il capitale umano, sopratutto i talenti sottoutilizzati dei giovani e delle donne”. Nel frattempo, le forze esterne come gli Stati Uniti avrebbero la responsabilità di essere al comando per riposarsi dai “violenti conflitti” che hanno scosso la regione. Ciò significa che i governi locali saranno responsabili di aver contrattato il loro modo per un modus vivendi accettabile, mentre gli USA dovrebbero essere maggiormente coinvolti militarmente ed utilizzare le risorse dell’intelligence per stabilizzare la Siria, lo Yemen e la Libia.

Nel caso della Siria, che è il fulcro del rapporto, l’argomento è che il regime reazionario di Bashar al-Assad è la causa alla radice della violenza che è costata più di 200.000 vite e la dislocazione di circa un terzo della popolazione del paese. Questa stima non è universalmente accettata, visto che l’80% della popolazione siriana vive in aree controllate dal governo, che sta per aumentare il suo dominio conquistando Aleppo, e non ci sono resoconti riguardo la fuga di massa dei civili verso la grande libertà offerta dalle aree difese dai ribelli, è piuttosto vero il contrario.

Il rapporto raccomanda inoltre di utilizzare la forze armate americane per stabilire aree sicure per proteggere i civili, di includere zone di interdizione area, che porterebbero al contatto diretto con le forze aeree sia di Damasco che di Mosca. Richiama esplicitamente ad una diretta azione militare contro le forze del governo siriano ed include l’utilizzo di “forze aeree, armi standoff, misure sotto copertura e potenziato supporto per le forze di opposizione per interrompere l’attuale assedio di Aleppo e ostacolare i tentativi di Assad di consolidare il controllo sulla popolazione dei centri della Siria occidentale”.

Questa valutazione è stata superata dagli eventi, ma i co-autori non hanno realmente discusso su cosa significherebbe un intervento che coinvolgerebbe gli Stati Uniti in una guerra concreta basata su un decreto esecutivo senza alcuna dichiarazione da parte del congresso. Ignora anche la realtà sul territorio, aggiunge un affidamento politico-militare ai leggendari ribelli moderati mentre si sceglie di non riconoscere che le forze armate degli USA sono gli intrusi in Siria che, piaccia o meno, ha un governo legittimo e un alleato legale in Russia. La possibilità di una seconda guerra con la Russia è ampiamente ignorata nel rapporto ma c’è la supposizione che la pressione militare da parte degli USA dovrebbe spingere Damasco e Mosca verso un “accordo politico” del conflitto, dopo che la Russia si convincerà dell’affermazione di un potere militare americano e che “sconfitta o stallo, non vittoria, sono gli unici risultati militari realistici”.

Il rapporto era stato pianificato inizialmente per servire come una strigliata alla politica attuale di Barack Obama che limita il coinvolgimento americano nel conflitto. Scritto prima delle elezioni presidenziali, i co-autori non hanno anticipato una vittoria di Donald Trump, ma potrebbero aver sperato che il rapporto servisse da linea guida per la nuova amministrazione. Fortunatamente si sbaglieranno in questa aspettativa, ma è difficile a questo punto vedere dove andrà la prossima dirigenza della Casa Bianca con la politica nel Medio Oriente.

A mio avviso ci sono molte cose errate nel rapporto. La più significativa: affida agli Stati Uniti la responsabilità di solidificare e applicare gli standard di autorità in parti del mondo in cui il popolo americano ha poco in materia di interessi attuali. Il rapporto riferisce di questo ruolo di supervisione come parte di “autorizzazione alle operazioni militari globali americane”, un obiettivo bizzarro ed anche un punto in cui arrivano problemi di linguaggio e percettivi, ascolto interventi, che sono stati una politica fallita dal 2001, in cui Albright e Hadley interpretano una missione umanitaria basata sugli interessi americani. Hanno anche difficoltà nella concettualizzazione di ciò che descrivono come il “ciclo debilitante del conflitto” in Medio Oriente che potrebbe effettivamente essere stato causato in buona parte dal coinvolgimento di Washington nella regione, iniziando dall’invasione dell’Iraq nel 2003.

Il secondo errore: gli autori assumono che i paesi nella regione, ognuno con gli interessi più disparati, agiranno in buona fede per supportare la “liberazione del potenziale umano della regione”, che il rapporto descrive con entusiasmo come parte della sua “visione positiva”. Suona bene e probabilmente piace ai globalisti, ma io sarei scettico su qualunque momento kumbaya che richiede di mettere insieme concorrenti come L’Arabia Saudita, l’Egitto e la Turchia in un movimento armonico per migliorare tutti nella regione. Tale pia illusione non è minimamente credibile.

Terzo punto, quando il rapporto fu pubblicato Stephen Hadley dichiarò all’agenzia Reuters che “potrebbe non funzionare. Ma una cosa che sappiamo è che ciò che sta accadendo ora non sta funzionando”. No, non lo sta facendo, ma potrebbe essere basato su una stima difettosa sulla natura del conflitto. Ma è molto facile usarla come giustificazione per andare in guerra contro la Siria e forse la Russia.

Una delle ovvie debolezze del rapporto deriva dalla sua visione del mondo establishment-centrica. Richiede la costruzione di istituzioni politiche più forti tra i palestinesi in modo da ottenere una soluzione a due stati senza nessun esame serio di ciò che l’occupazione israeliana sta facendo o non facendo, per impedire qualunque movimento reale in tale direzione. L’Iran viene trattato come un nemico della “visione positiva” e sta “interferendo” con i vicini, con gli USA favorevoli a “scoraggiare e contenere l’attività egemonica dell’Iran”. Vede una soluzione democratica liberale a tutti i mali e giudica gli sfaccettati conflitti regionali esclusivamente in termini di “noi contro loro”, favorendo i suoi “amici ed alleati” contro le altre numerose forze che non si trovano nella stessa pagina.

Il Middle East Strategy Task Force Final Report dell’Atlantic Council sostiene una trasformazione per l’intera regione, iniziando con la creazione della sicurezza con la sostituzione di al-Assad e con la sconfitta dell’ISIS, è desiderabile e raggiungibile. È un’impresa che deve essere lasciata ai concorrenti locali per i costrutti necessari sociali e politici con gli Usa che provvedono alla direzione e leadership, in particolare quando reprime i “conflitti violenti”. È una visione utopistica di ciò che potrebbe essere ma bisogna preoccuparsi per il fatto che l’impiego semplicistico delle forze armate come rimedio per il ciclo regionale di violenza, ignori la probabilità che fare affidamento su tale soluzione in primo luogo è stato un elemento chiave nell’evoluzione dell’instabilità attuale. Che il problema in Siria sarà risolto dall’entrata in gioco di una forza maggiore da parte di ciò che è promossa come un’alternativa progressiva ed umanitaria a Bashar al-Assad è ridicolo, ma è tipico della posizione predefinita che molti a Washington adottano quando valutano in che modo risolvere i problemi in Medio Oriente.

 

Fonte: www.unz.com

Link: http://www.unz.com/pgiraldi/bipartisan-war/

13.12.2016

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di Steflowers

 

 

 

 

Pubblicato da Davide

  • gianni

    aereo militare russo con 91 persone a bordo precipitato nel mar nero……RUSSIA INCAZZATI

  • clausneghe

    Era il ex coro dell’Armata rossa + giornalisti+ militari. Tutti morti.
    Pare si sia disintegrato in volo dopo soli 7 minuti senza nessun preavviso.
    Ma escludono l’attentato…

  • GioCo

    Le armi “classiche” in uso faranno a breve un salto. Qui lo dico e lo nego (dato che non ho nessuna prova e nemmeno mi va di andare troppo oltre l’accaduto) che la tragedia del Tu-154 “dono” di questo Natale, potrebbe essere un abbattimento effettuato con un nuovo tipo ti armamento che ha come primo obbiettivo strategico quello di proteggere dietro uno scudo impenetrabile la mano dell’esecutore. Ma non la firma (voluta) che intende dichiarare come sia possibile colpire a prescindere l’obbiettivo “mirato”.

    Lo so è un concetto un po’ complicato ma ci possiamo arrivare (dai!). Se devo mandare un messaggio oltre cortina come faccio, conservando intatta la cortina di ferro? Due servizi segreti (ad esempio) dichiaratamente nemici, come possono comunicare se la situazione lo richiede?

    Non è difficile, basta usare un codice che sia “chiaramente” accessibile a chi possiede la chiave per leggere e basta assicurarsi che il destinatario (possibilmente solo lui) abbia la chiave. Ad esempio posso mandare un messaggio pubblico (come una scritta su un muro) che dice “Ti vogliamo bene 23463 Volte!”, magari sul numero apparentemente a casaccio potremmo discutere a vita. Ma se ci fermiamo alla superficie il contenuto sembra generalmente positivo e indirizzato a qualcuno che non vuole dichiararsi: quindi tutto bene? Sostituendo i numeri alle lettere (senza contare gli spazi) che sono contenuti nel passaggio, al secondo posto, terzo e quarto troviamo “mor..” che completato diventa “morto” e sostituito al messaggio diventa “Ti vogliamo bene morto Volte!”. Notiamo a questo punto che Volte! è scritto in maiuscolo, come per suggerire un nome proprio di persona, magari incompleto.

    Questo sciocco esempio era per chiarire un concetto che riguarda la possibilità di nascondere attraverso “messaggi” delle precise minacce.
    Chi riceve il messaggio e può decodificarlo perchè ha la chiave, se lo fa pubblicamente è facile dichiararlo un “complottista”, uno così “disturbato” mentalmente che (nel nostro caso) deve vedere dietro ogni messaggio d’amore una minaccia di morte solo perché gli appare un poco strano.

    Vediamo come questo si potrebbe declinare nel caso del Tupolev abbattuto. Diciamo intanto che il servizio di sicurezza russo ha dichiarato che il volo è sparito dai radar al decollo a un Km e mezzo dall’aeroporto. Il che significa che era visibile a vista. Un dettaglio non minimo se si considera che non era un volo qualunque, simbolicamente parlando. Perchè vuol dire che se si fossero usate armi convenzionali l’esplosione non sarebbe passata inosservata. Epperò, un volo militare ha due trasponder e un personale a bordo che è addestrato a ogni evenienza … ma in questo caso è semplicemente “sparito dai radar”? Cioè vuol dire che qualsiasi cosa sia successa è accaduta così di improvviso che il personale a bordo non ha fatto in tempo a comunicarlo a terra? Nemmeno un grido di allarme? Vediamo che come nel caso del mio esempio cretino “i numeri non quadrano”. Ma a me (non so voi) ricorda tanto un certo ospedale da campo preso di mira dai terroristi. Sono abbastanza sicuro che non fossero tanto segreti i passeggeri a bordo, non essendo questo un volo strettamente militare. Quindi chi avesse voluto colpire l’aereo non avrebbe certo avuto difficoltà a sapere cosa stava facendo (simbolicamente). Contiamo in oltre che le ultime provocazioni hanno sempre più alzato il tiro. Quella precedente in Turchia sul diplomatico russo era palese.

    Se mettiamo insieme tutte queste indicazioni, non è difficile capire che (presupponendo che ci sia stata una volontà precisa che ha abbattuto l’aereo e non sia invece una banale “disgrazia”) è un modo indiretto di dire al complesso militare russo che “non è il più sicuro al mondo” come era stato affermato da poco. Se tanto mi da tanto, i russi faticheranno a capire cosa è successo. Non potranno dichiarare apertamente che è un ennesima provocazione ma nemmeno possono dire che “va tutto bene”. Se abbiamo capito come funziona la politica putiniana, non ci saranno proprio dichiarazioni di giudio finché non sarà appurato cosa è successo (anche se verranno rese note le scoperte) ma non mi aspetto che i transponder daranno più notizie di quelle che hanno dato i radar … se ad abbattere l’aereo fosse stato (ad esempio) un arma a energia diretta puntata sul bersaglio dallo spazio. Forse un attento esame delle videocamere dell’aeroporto potrebbe svelare l’arcano. Chissà …

    • gianni

      Ormai la Russia e’ sotto attacco

  • Se è attentato verrà smentito, sicuramente l’esercito russo in generale è in lutto, l’orchestra che avrebbe dovuto allietare, il cuore dei soldati in Siria catapulta gli stessi nel dolore profondo.
    Se è attentato, speriamo di no, la Russia farà tutto il possibile a smentire perchè risponderà senza lasciare traccia. Se la Russia resta in silenzio perchè colpirà in silenzio.
    LA Russia è chiaro che è meno potente degli USA, ha subito 2 anni tra aerei di linea, caccia, ambasciatore….escludiamo il Tu-154, chiaramente è presa di mira.

    La Russia subirà sino al punto in cui tutti capiranno che una sua risposta plateale è un atto di difesa e non di attacco. L’Occidente desidera che la Russia perda la pazienza è rispondi impulsivamente, e subito dopo lanciare l’opinione pubblica occidentale contro la Russia. Putin starà in silenzio, probabilmente se il Tu-154 è un attentato risponderà con mosse strategiche nel Mediterraneo.

    Che non sia un attentato, ma se dovesse esserlo questa volta Putin probabilmente consulterà il Manuale Geopolitico “Mafioso”.

  • clausneghe

    Mah, ho visto un video ripreso dalla webcam fissa di Sochi, dove ad un certo punto si vede una palla luminosa in cielo, proprio nel momento e nel punto dove dovrebbe esserci l’aereo in rotta. Poi sembra che i rottami siano sparsi nel raggio di km, segno che si è “sfaldato” in volo. Penso che sia un attentato, magari eseguito con la classica bomba nel bagagliaio, pieno zeppo di strumenti musicali. Non credo abbiano usato “armi esotiche”, ma tutto può essere, in questa terrificante guerra ibrida senza limiti.
    Stavolta l’Orso non starà fermo, lo hanno colpito duro, il Coro è molto amato in Russia e non la passeranno liscia gli esecutori, dovesse scoppiare l’Inferno.
    Se non sarà Putin a vendicarsi lo farà qualcun altro, credo.
    Hanno davvero ferito la “profonda anima Russa”, con questa uccisione in massa di artisti musici,seppur militari.

    • gianni

      C’ erano anche il capo della polizia militare di aleppo , 8 soldati russi e una famosa volontaria umanitaria russa , oltre a 8 membri dell’ equipaggio russi…il messaggio e’ chiaro

  • Assistiamo a diverse strategie di guerra globale, il livello diplomatico, il livello militare, ed il livello “terroristico mafioso”. La Russia in questo momento usa la strategia diplomatica e militare. Non minaccia gli avversari con strategie terroristiche o mafiose, se non quelle in un teatro di guerra dichiarato. La strategia diplomatica e militare impiega uomini dell’aristocrazia, uomini dell’Elite. Mentre la strategia terroristica e mafiosa utilizza manovali della classe media/bassa, sempre al servizio dell’Elite. La Russia nel confronto con l’Occidente non utilizza la “Strategia del Terrore” perchè non è la Regina del Mondo, al contrario gli USA possono tutto perchè hanno gustato che significa “Possedere il Pianeta”, ed il “Potere Assoluto” percepito dall’Elite Occidentale, tende ad utilizzare anche la strategia del Terrore, mentre il “Potere Relativo” percepito dall’Elite Orientale, tende ad utilizzare soprattutto la Strategia Diplomatica. A questi livelli di confronto geopolitico non resta all’Oriente di vitalizzare la SCO, ed iniziare a muoversi come fossero parte di uno stesso Regno, e inutile che la Russia si metta nei conflitti in primo piano per subire in prima “persona”, meglio distribuire il peso delle strategie militari con la Cina, ed iniziare una strategia militare nuova a più stretta partecipazione con gli aderenti alla SCO, perchè se scelto scelto di usare le “Armi del Terrore”, non può esistere nessun confronto serio con la controparte, e come giocare a scacchi con un avversario che ti punta una pistola appena fai la mossa corretta. Non resta che fare sedere al tavolo un rinforzo per tenere la situazione più sotto controllo. Se dovesse essere un attentato è facile capire che in una partita a scacchi dove regna la minaccia non è più l’intelligenza a determinare la partita o il “Grande Gioco”. Se è stato un attentato la Russia dovrà iniziare a muoversi con la Cina, a meno che non inizi uno scontro diretto o guerra globale con l’avversario perchè prima o poi la Russia perderà la freddezza che sino ad ora ha manifestato. Ma meglio usare la diplomazia per il bene dell’umanità almeno per i prossimi anni.

    • cdcuser

      @comedonchisciotte-d8ab1a52f058358b947cdf8261b5e1a2:disqus
      concordo con il tuo commento.