Follia UE: Tucker Carlson potrebbe subire sanzioni per l’intervista a Putin

Proseguono le polemiche USA sull'intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin. Si temono rappresaglie legali, e invocazioni alla censura. Naturalmente anche in EU l'ansia censoria colpisce più di qualcuno.

newsweek.com, 8 febbraio 2024

Traduzione di Katia Migliore per ComeDonChisciotte.org

 

Tucker Carlson rischia un’incriminazione ‘fasulla’ ai sensi della legge sullo spionaggio per aver intervistato il presidente russo Vladimir Putin, avverte un esperto legale.

Carlson, ex conduttore di Fox News che rimane popolare tra i conservatori, ha detto che ha intervistato il leader russo perché la maggior parte degli americani “non è informata” su ciò che sta accadendo in Russia e che è suo “dovere informare la gente“.

 

Ma l’intervista ha provocato un contraccolpo da parte dei critici, che in passato hanno accusato Carlson di promuovere i punti di vista del Cremlino durante la guerra tra Russia e Ucraina.

La maggior parte degli americani non ha idea del perché Putin abbia invaso l’Ucraina o di quali siano i suoi obiettivi ora“, ha detto Carlson in un video postato su X. “Non hanno mai sentito la sua voce. Questo è sbagliato. Gli americani hanno il diritto di sapere tutto quello che possono su una guerra in cui sono coinvolti, e noi abbiamo il diritto di parlarne perché siamo americani anche noi“.

Carlson sta correndo un rischio intervistando Putin, ha detto l’avvocato Ian Corzine in un video postato su X mercoledì, e la sua analisi ha suscitato qualche reazione. L’avvocato ha affermato che, sebbene intervistare Putin possa essere legale, potrebbero esserci “grossi problemi” per Carlson, sottolineando il linguaggio “super ampio” dell’Espionage Act, che proibisce agli americani di spiare per conto di Paesi stranieri.

Corzine ha avvertito che il linguaggio della legge “potrebbe essere interpretato in modo da proibire qualsiasi condivisione di informazioni con un altro Paese con l’intento di danneggiare gli Stati Uniti“.

Secondo Corzine, Carlson avrebbe potuto condividere le domande con il team di Putin prima dell’intervista o il team di Putin avrebbe fornito all’americano prove a sostegno della guerra con l’Ucraina. Ma ha spiegato perché l’accusa sarebbe comunque debole.

Tucker Carlson ha l’intenzione di danneggiare gli Stati Uniti?“, ha chiesto. “È qui che il caso dello Espionage Act contro Tucker diventa più debole, e lo diventa ancora di più se si considera che il governo degli Stati Uniti ha il dovere di seguire i dettami della Costituzione, che garantisce la libertà di stampa e la Corte Suprema degli Stati Uniti ha fatto tutto il possibile per proteggere questa disposizione e i giornalisti“.

Corzine ha anche detto che Carlson sta correndo il rischio di essere “perseguito più avanti nel tempo con accuse fasulle“.

L’analisi di Corzine su X è diventata virale, accumulando più di 1 milione di visualizzazioni giovedì. Ma i critici sostengono che l’intervista sia coperta dalla libertà di stampa garantita dal Primo Emendamento.

Per favore, guardate questo video e vedete voi stessi quanto siano diventati completamente fuori di testa, autoritari e repressivi i liberali americani“, ha risposto il giornalista Glenn Greenwald. “Questo è un avvocato che discute molto seriamente se Tucker Carlson sarà perseguito ai sensi della legge sullo spionaggio del 1917 per aver intervistato Putin“.

Il commentatore conservatore Ian Miles Cheong ha scritto:

È legale per la CNN intervistare Putin, ma non è legale per Tucker Carlson farlo, a quanto pare“.

Corzine ha risposto ad alcune critiche su X, scrivendo: “È sicuramente legale, ma questo non impedisce al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di intentare cause e agli imputati di spendere migliaia, anche centinaia di migliaia di dollari per la loro difesa“.

Sebbene non sia chiaro se Carlson debba affrontare un’azione legale negli Stati Uniti, in Europa ha ricevuto richieste di sanzioni. Guy Verhofstadt, ex primo Ministro belga e attuale membro del Parlamento europeo, ha precedentemente dichiarato a Newsweek che Carlson potrebbe essere soggetto a sanzioni dell’Unione Europea per l’intervista.

Il legislatore – che ha chiesto all’UE di valutare la possibilità di imporre un ‘divieto di viaggio’ a Carlson – ha descritto Carlson come “un portavoce” dell’ex presidente Donald Trump e di Putin, aggiungendo:

“Poiché Putin è un criminale di guerra e l’UE sanziona tutti coloro che lo assistono in questo sforzo, sembra logico che il Servizio per l’azione esterna esamini anche il suo caso“.

Eppure Carlson ha dichiarato in un video di martedì quali siano le sue intenzioni:

Non siamo qui perché amiamo Vladimir Putin…. Non vi stiamo incoraggiando ad essere d’accordo con quello che Putin potrebbe dire in questa intervista, ma vi stiamo esortando a guardarla. Dovreste saperne il più possibile“.

Il Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) è il braccio diplomatico del blocco, responsabile della politica estera. Per aggiungere un individuo alla lista delle sanzioni dell’UE, è possibile presentare al SEAE delle prove da esaminare. Se le ritiene sufficienti, il SEAE può presentare il caso al Consiglio europeo, l’organo composto dai leader nazionali dell’UE, che prende la decisione finale sull’imposizione di sanzioni. I leader degli Stati membri possono anche proporre sanzioni da esaminare direttamente attraverso il Consiglio.

Pertanto, qualsiasi ipotetica sanzione per Carlson potrebbe essere lontana, anche se la mossa ha un sostegno sufficiente tra i legislatori e i capi di Stato europei.

Da soli, i membri del Parlamento non hanno il potere di imporre sanzioni. Viste le aspre lotte all’interno del Consiglio su diversi cicli di sanzioni, anche nei confronti di individui legati al Cremlino, aggiungere Carlson a questa lista si rivelerebbe un’impresa ardua.

Peter Stano, portavoce principale del SEAE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha dichiarato a Newsweek: “Mentre in generale non commentiamo il processo di proposta, discussione o adozione delle sanzioni dell’UE – poiché si tratta di un processo interno e confidenziale di competenza degli Stati membri dell’UE – al momento non c’è alcuna discussione negli organi competenti dell’UE riguardo a questa particolare persona“.

Un funzionario diplomatico europeo, che non ha voluto essere nominato in quanto non autorizzato a parlare pubblicamente, ha dichiarato a Newsweek che qualsiasi futura restrizione di viaggio richiederebbe probabilmente la prova che egli sia legato all’aggressione di Mosca, cosa che “è assente o difficile da dimostrare“.

Tuttavia, Luis Garicano, un ex deputato europeo, ha dichiarato a Newsweek di essere d’accordo con la posizione di Verhofstadt. “Non è più un giornalista, ma un propagandista del regime più odioso sul suolo europeo e più pericoloso per la nostra pace e sicurezza“, ha detto Garicano di Carlson.

Prima di tutto, va ricordato che Putin non è solo il presidente di un Paese aggressore, ma è ricercato dalla Corte penale internazionale e accusato di genocidio e crimini di guerra”, ha dichiarato a Newsweek l’eurodeputato Urmas Paet, che in passato è stato ministro degli Esteri dell’Estonia. Carlson vuole dare una tribuna a qualcuno accusato di crimini di genocidio: questo è sbagliato. Se Putin ha qualcosa da dire, deve farlo davanti alla Corte penale internazionale. Allo stesso tempo, Carlson non si comporta da vero giornalista, dal momento che ha chiaramente espresso la sua simpatia per il regime russo e per Putin e ha costantemente denigrato l’Ucraina, vittima dell’aggressione russa. Quindi, per una tale propaganda a favore di un regime criminale, si può finire nella lista delle sanzioni. Questo riguarda soprattutto il divieto di viaggiare nei Paesi dell’UE“.

Per altri, il problema è più vicino a casa. “Penso che sia un problema dei giornalisti americani valutare il comportamento di Tucker Carlson“, ha dichiarato a Newsweek il deputato polacco Witold Waszczykowski, che in passato è stato Ministro degli Esteri del suo Paese.

Qui nell’UE, abbiamo politici di primo piano [come] il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz che continuano a parlare con Putin. Vorrei piuttosto che il signor Verhofstadt si occupasse di quei politici europei che continuano a cercare come placare la Russia invece di aiutare l’Ucraina a vincere la guerra“.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha confermato che l’intervista ha già avuto luogo. “La sua posizione è diversa da quella degli altri“, ha detto Peskov mercoledì parlando di Carlson.

Non è assolutamente filo-russa, non è filo-ucraina, è filo-americana, ma almeno contrasta con la posizione dei media tradizionali anglosassoni“.

L’intervista di Carlson lo renderà il primo membro dei media occidentali a interrogare Putin dopo l’invasione su larga scala dell’Ucraina.

Fonte:

https://www.newsweek.com/tucker-carlson-sanctions-eu-putin-interview-1867655

https://www.newsweek.com/tucker-carlson-could-prosecuted-putin-interview-lawyer-warns-1868148

Traduzione di Katia Migliore per ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix