Fase Tre in Ucraina

Nessun aiuto militare occidentale è stato in grado di impedire alla Russia di raggiungere l'obiettivo militare di liberare l'intero territorio di Lugansk e Donetsk con l'inizio della Fase 3.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

di Scott Ritter
consortiumnews.com

Dopo più di novanta giorni di incessante propaganda ucraina, riecheggiata senza sosta da dei complici media mainstream media occidentali che esaltano i successi sul campo di battaglia delle forze armate ucraine e la presunta incompetenza delle forze armate russe, i russi sono ora sul punto di raggiungere l’obiettivo dichiarato della loro operazione, ovvero la liberazione delle repubbliche del Donbass di Lugansk e Donetsk, da poco indipendenti, che la Russia ha riconosciuto due giorni prima della sua invasione.

La vittoria russa nel Donbass arriva dopo settimane di intensi combattimenti che hanno visto l’esercito russo cambiare marcia rispetto a quella che è diventata nota come Fase Uno. Si tratta dell’atto di apertura, durato un mese, che, secondo quanto dichiarato dal Presidente russo Vladimir Putin nel suo discorso del 24 febbraio, aveva il compito di intraprendere “azioni in tutto il territorio dell’Ucraina con l’attuazione di misure per la sua smilitarizzazione e denazificazione”.

Putin ha affermato che lo scopo è quello di ripristinare “la DPR [Repubblica Popolare di Donetsk] e la LPR [Repubblica Popolare di Lugansk] entro i confini amministrativi delle regioni di Donetsk e Lugansk, come sancito dalle costituzioni delle repubbliche”.

Il 25 marzo, il capo della Direzione operativa principale dello Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa, il colonnello generale Sergei Rudskoy, ha dichiarato che:

gli obiettivi principali della prima fase dell’operazione sono stati raggiunti. Le capacità di combattimento delle Forze Armate ucraine sono state significativamente ridotte, il che ci permette, ancora una volta, di concentrare i nostri sforzi principali sul raggiungimento dell’obiettivo principale – la liberazione del Donbass.

Secondo Rudskoy, gli obiettivi della Fase 1 erano di causare:

Danni tali alle infrastrutture militari, all’equipaggiamento, al personale delle Forze Armate dell’Ucraina, i cui risultati permettessero non solo di immobilizzare le loro forze e non dare loro la possibilità di rafforzare il loro raggruppamento nel Donbass, ma anche non permettessero loro di farlo fino a quando l’esercito russo non avesse liberato completamente i territori della RPD e della RPD. Tutte le 24 formazioni delle Forze terrestri che esistevano prima dell’inizio dell’operazione hanno subito perdite significative. L’Ucraina non ha più riserve organizzate.

La Russia ha completato la Fase Uno nonostante gli sforzi di Stati Uniti, NATO e Unione Europea per fornire all’Ucraina una quantità significativa di assistenza militare letale, principalmente sotto forma di armi leggere anticarro e antiaeree. “Consideriamo un grave errore”, ha concluso Rudskoy, “che i Paesi occidentali forniscano armi a Kiev. Questo ritarda il conflitto, aumenta il numero delle vittime e non sarà in grado di influenzare l’esito dell’operazione.”

Estremamente negativo”
La storia del conflitto finora ha dato ragione a Rudskoy: nessun aiuto militare occidentale è stato in grado di impedire alla Russia di raggiungere il suo obiettivo militare di liberare l’intero territorio di Lugansk e Donetsk.

Come ha ammesso il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba al World Economic Forum di Davos, in Svizzera:

“Non voglio che nessuno abbia la sensazione che la guerra vada più o meno bene. La situazione nel Donbass è estremamente negativa.”

Sono finite le dichiarazioni audaci fatte alla vigilia delle celebrazioni del Giorno della Vittoria del 9 maggio, quando i molti detrattori della Russia proclamavano che la Fase 2 dell’offensiva di Rudskoy nel Donbas era in stallo e che la Russia sarebbe stata costretta, in breve tempo, a passare dall’attacco a una posizione difensiva, il che rappresentava l’inizio di una ritirata che, secondo gli ucraini, sarebbe culminata non solo nella riconquista di tutti i territori persi finora, ma anche della Crimea.

Questo pensiero fantasioso ha lasciato il posto alla dura realtà che ignora la propaganda e favorisce lo sporco compito di distruggere il nemico attraverso la potenza di fuoco e le manovre. A complicare questo compito, tuttavia, c’era il fatto che durante gli otto anni di conflitto incessante nel Donbass, che hanno precipitato l’invasione russa, le forze armate ucraine avevano preparato una cintura difensiva che era, come ha osservato il generale Rudskoy nel suo briefing del 25 marzo, “profondamente stratificata e ben fortificata in termini ingegneristici, consistente in un sistema di strutture monolitiche di cemento a lungo termine.”

Secondo Rudskoy, le operazioni offensive contro questa cintura difensiva sono state, per forza di cose, “precedute da un pesante attacco di fuoco contro i capisaldi del nemico e le loro riserve.”

Il vantaggio russo nell’artiglieria è stato un fattore chiave per l’esito vittorioso delle operazioni della Fase 2, polverizzando le difese ucraine e aprendo la strada alla fanteria e ai corazzati per finire i sopravvissuti.

Secondo i briefing giornalieri forniti dal Ministero della Difesa russo, gli ucraini stanno perdendo l’equivalente di un battaglione di uomini ogni due giorni, per non parlare di decine di carri armati, veicoli da combattimento corazzati, pezzi di artiglieria e camion.

In effetti, diversi osservatori di questo conflitto, me compreso, hanno previsto che, sulla base di un’analisi predittiva ricavata dalla matematica militare di base per quanto riguarda i livelli di perdite effettive e previste, c’era una reale aspettativa che la Russia, al completamento della Fase 2, sarebbe stata in grado di affermare, con giustificazione, di aver raggiunto la maggior parte, se non tutti, gli obiettivi politici e militari stabiliti all’inizio dell’operazione.

La logica imponeva che il governo ucraino, privato di un esercito valido, non avrebbe avuto altra scelta che una versione moderna della resa della Francia nel giugno 1940, dopo le decisive vittorie sul campo di battaglia dell’esercito tedesco.

Mentre la Russia continua a posizionarsi per una vittoria militare decisiva nell’Ucraina orientale, potrebbe limitarsi alla liberazione del Donbass, al sequestro del ponte terrestre che collega la Crimea alla terraferma della Federazione Russa (attraverso il Donbass) e all’espansione della testa di ponte di Kherson per assicurare alla Crimea le risorse di acqua dolce che erano state tagliate dal governo ucraino dal 2014.

Lo stato degli obiettivi della Russia
Nel suo classico trattato “Sulla guerra”, il teorico militare prussiano Carl Von Clausewitz scrisse quello che è diventato uno degli ultimi truismi dei conflitti tra nazioni, ovvero che “la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi”. Questo vale oggi come quando fu pubblicato nel 1832.

Putin ha articolato due obiettivi politici principali per l’operazione militare: tenere l’Ucraina fuori dalla NATO e creare le condizioni affinché la NATO accetti le richieste della Russia esposte in un paio di bozze di trattato presentate agli Stati Uniti e alla NATO il 17 dicembre 2021. Tali proposte di trattato definiscono un nuovo quadro di sicurezza europeo, richiedendo il ritiro della potenza militare della NATO ai confini esistenti nel 1997. Sia la NATO che gli Stati Uniti hanno respinto le richieste della Russia.

Per quanto riguarda gli obiettivi militari, oltre alla liberazione del Donbass, Putin ha dichiarato nel suo discorso del 24 febbraio, annunciando l’invasione, che la Russia “cercherà di smilitarizzare e denazificare l’Ucraina, oltre a processare coloro che hanno perpetrato numerosi crimini sanguinosi contro i civili, compresi i cittadini della Federazione Russa”.

Sebbene la sconfitta del Reggimento Azov e di altre formazioni neonaziste durante la battaglia di Mariupol abbia rappresentato un passo decisivo verso il raggiungimento di questo obiettivo, diverse migliaia di combattenti neonazisti, organizzati in varie formazioni militari e paramilitari, continuano a combattere sui fronti nell’Ucraina orientale e a svolgere operazioni di sicurezza nelle retrovie ucraine.

La Denazificazione, tuttavia, ha un’importante componente politica che, al momento, non è stata affrontata dall’operazione militare della Russia, ovvero la permanenza dei partiti politici ucraini di estrema destra e neonazisti in un momento in cui tutte le altre attività politiche sono state chiuse con la legge marziale.

Semmai, la “nazificazione” della vita politica ucraina si è espansa in modo esponenziale dopo l’invasione russa, con l’Ucraina sempre più sotto l’influenza dell’ideologia di Stepan Bandera, il nazionalista ucraino i cui seguaci uccisero centinaia di migliaia di ebrei, zingari, polacchi e russi mentre combattevano a fianco della Germania nazista nella Seconda Guerra Mondiale.

Mentre in passato la Russia avrebbe potuto concepire un accordo politico che vedeva il governo ucraino diviso in partiti politici di destra e nella loro progenie militarizzata, oggi il governo ucraino si è sempre più allineato con il movimento neonazista per rafforzare il proprio dominio di fronte alla crescente opposizione politica interna alla guerra con la Russia.

Una vera denazificazione, a mio avviso, richiederebbe che la Russia rimuovesse Zelensky dal governo e lo sostituisse con una nuova leadership politica che sostenga aggressivamente l’obiettivo russo di sradicare l’ideologia neonazista in Ucraina. Finora non ci sono indicazioni che questo sia un obiettivo russo.

La ri-militarizzazione
Allo stesso modo, la smilitarizzazione è diventata molto più difficile dopo l’invasione del 24 febbraio. Mentre gli aiuti militari forniti all’Ucraina dagli Stati Uniti e dalla NATO prima di quella data potevano essere misurati in termini di centinaia di milioni di dollari, dall’inizio della Fase 2 questi aiuti sono cresciuti al punto che il totale degli aiuti militari forniti all’Ucraina dai soli Stati Uniti si avvicina ai 53 miliardi di dollari.

Questi aiuti non solo hanno avuto un impatto misurabile sul campo di battaglia in termini di personale militare russo ucciso e di attrezzature distrutte, ma hanno anche permesso all’Ucraina di ricostituire la potenza di combattimento che era stata precedentemente distrutta dalle forze russe.

Sebbene questo massiccio sostegno non sia in grado di invertire la marea di inevitabilità riguardante la portata e l’entità della vittoria militare russa nel Donbass, significa che una volta che la Russia avrà raggiunto il suo obiettivo dichiarato di liberare le repubbliche separatiste, la smilitarizzazione non avrà ancora avuto luogo. Inoltre, dato che la smilitarizzazione si basa sul fatto che l’Ucraina sia stata privata di tutta l’influenza della NATO, compresi equipaggiamenti, organizzazione e addestramento, si può affermare che l’invasione russa è riuscita a rendere l’Ucraina un partner più vicino alla NATO di quanto non fosse prima del suo inizio.

Le questioni legali
Se la Russia fosse gli Stati Uniti, che operano secondo la nozione di “ordine internazionale basato su regole”, la questione del superamento della giustificazione legale di un conflitto non rappresenterebbe un problema – basta guardare a come una successione di amministrazioni presidenziali statunitensi abbia abusato dell’autorizzazione del Congresso per l’uso della forza militare (AUMF) approvata all’indomani degli attentati dell’11 settembre, usandola erroneamente per giustificare operazioni che non rientravano nelle proprie autorità legali.

Una parte può farla franca con queste incoerenze se è responsabile, come gli Stati Uniti, della creazione e dell’attuazione delle regole del gioco (cioè del cosiddetto “ordine internazionale basato su regole”). Tuttavia, Vladimir Putin, incontrando il presidente cinese Xi Jinping durante l’apertura dei Giochi olimpici invernali, si è impegnato in una linea politica che vede la Russia, insieme alla Cina, rifiutare l’ordine internazionale basato su regole che definisce la visione di un mondo unipolare dominato dagli Stati Uniti, per sostituirlo con un “ordine internazionale basato sul diritto”, multipolare e fondato sulla Carta delle Nazioni Unite.

Putin è stato molto attento nel cercare di collegare l’operazione militare della Russia alle autorità legali esistenti in base all’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite che regola l’autodifesa. Il costrutto specifico in questione – che citava ciò che equivale a una rivendicazione di autodifesa preventiva e collettiva – si basa sulle affermazioni russe secondo cui “le forze armate dell’Ucraina stavano completando la preparazione di un’operazione militare per prendere il controllo del territorio delle repubbliche popolari”.

È la minaccia imminente rappresentata da questa presunta operazione militare ucraina a dare legittimità alla rivendicazione della Russia. Infatti, sia la Fase 1 che la Fase 2 dell’operazione russa sono state specificamente adattate ai requisiti militari necessari per eliminare la minaccia posta a Lugansk e Donetsk dall’accumulo di potenza militare ucraina nell’Ucraina orientale.

Un problema, tuttavia, emerge quando la Russia completa il suo compito di distruggere, smantellare o disperdere l’esercito ucraino nella regione del Donbass. Se in passato si poteva sostenere che una minaccia imminente sarebbe continuata ad esistere finché le forze ucraine avessero avuto una potenza di combattimento sufficiente a riconquistare la regione del Donbass, oggi tale argomentazione non può essere avanzata.

A breve, la Russia annuncerà di aver sconfitto le forze militari ucraine schierate a est e, così facendo, metterà fine alla nozione di minaccia imminente che ha dato alla Russia la giustificazione legale per intraprendere la sua operazione.

Ciò è avvenuto grazie ai grandi successi sul campo di battaglia delle forze armate russe. Ma lascerà la Russia con una serie di obiettivi politici non raggiunti, tra cui la denazificazione, la smilitarizzazione, la neutralità permanente dell’Ucraina e il consenso della NATO a un nuovo quadro di sicurezza europeo secondo le linee tracciate dalla Russia nelle sue proposte di trattato del dicembre 2021. Se la Russia dovesse fermare le sue operazioni militari in questo momento, cederebbe la vittoria politica all’Ucraina, che “vince” non perdendo.

Fase 3
La sfida che la Russia dovrà affrontare in futuro, quindi, è quella di definire la portata e l’entità della Fase 3, in modo da mantenere il tipo di autorità legale che ha rivendicato per le prime due fasi e allo stesso tempo mettere insieme una potenza di combattimento sufficiente per portare a termine i suoi compiti. Tra questi mi sembra che ci sia il rovesciamento del governo Zelensky e la sua sostituzione con uno disposto e capace di mettere fuori legge l’ideologia di Stepan Bandera. Potrebbe anche comportare il lancio di un’operazione militare nell’Ucraina centrale e occidentale per distruggere completamente gli elementi ricostituiti dell’esercito ucraino insieme alle sopravvissute forze neonaziste affiliate.

Allo stato attuale, le azioni della Russia vengono attuate sulla base delle limitate autorità legali concesse a Putin dalla Duma, o parlamento russo. Uno degli aspetti più vincolanti di queste autorità è che limitano la struttura delle forze russe a ciò che può essere assemblato in condizioni di tempo di pace. La maggior parte degli osservatori ritiene che la Russia stia raggiungendo il limite di ciò che si può chiedere a queste forze.

Qualsiasi espansione su larga scala delle operazioni militari russe in Ucraina, che cerchi di spingersi oltre il territorio conquistato dalla Russia durante la Fase Uno e la Fase Due, richiederà risorse aggiuntive che la Russia potrebbe faticare a mettere insieme sotto i vincoli imposti da una postura in tempo di pace. Questo compito diventerebbe virtualmente impossibile se il conflitto ucraino dovesse estendersi alla Polonia, alla Transnistria, alla Finlandia e alla Svezia.

Solo i leader russi possono decidere cosa sia meglio per la Russia, o cosa sia ritenuto sostenibile militarmente. Ma la combinazione di un mandato legale scaduto, di obiettivi politici non raggiunti e della possibilità di una massiccia espansione della portata e della scala delle operazioni di combattimento, che potrebbero eventualmente includere uno o più membri della NATO, indica l’assoluta necessità per la Russia di articolare la missione della Fase 3 e di spiegare perché ne ha bisogno.

In caso contrario, la Russia potrebbe trovarsi nella condizione di non poter concludere con successo un conflitto che ha scelto di avviare alla fine di febbraio.

********************************************

Articolo originale di Scott Ritter:

https://consortiumnews.com/2022/05/30/scott-ritter-phase-three-in-ukraine/

30.05.2022

Traduzione di Costantino Ceoldo

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
49 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
49
0
È il momento di condividere le tue opinionix