ESCLUSIVO. Covid e cure precoci. Il Tar del Lazio: no alla Tachipirina e alla vigile attesa

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

“Finalmente anche il Tribunale Amministrativo ha compreso che lasciare i pazienti senza cure precoci, a domicilio, è assolutamente inaccettabile. Ora ci attendiamo una revisione immediata delle linee guida ministeriali, tenendo conto dello schema terapeutico redatto dai nostri medici per le cure domiciliari precoci, nell’interesse di tutto il Paese”.

Questo il commento dell’avvocato Erich Grimaldi, presidente del “Comitato Cura Domiciliare Covid-19”, dopo il pronunciamento del Tar del Lazio. Niente Tachipirina, né vigile attesa per i pazienti Covid, nei primi giorni della malattia. A stabilirlo è il Tribunale Amministrativo, che ha accolto l’istanza cautelare promossa dai medici del “Comitato Cura Domiciliare Covid-19” , per opera dell’avvocato Erich Grimaldi, affiancato dalla collega Valentina Piraino, nei confronti del Ministero della Salute e di Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco).

Il Tribunale ha bocciato la nota di Aifa del 9 dicembre scorso, contenente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevedeva nei primi giorni di malattia la sola “vigile attesa” e la somministrazione di Fans e paracetamolo o dell’eparina, esclusivamente per trattare gli stati febbrili dei pazienti allettati, aggiungendo invece l’esortazione di non utilizzare altri farmaci, prescritti generalmente dai medici di medicina generale per la cura del coronavirus.

Decisione importante, quella del Tar: nell’ordinanza si dichiara infatti che il ricorso “appare fondato” in relazione alla richiesta dei medici “di far valere il proprio diritto/dovere, avente giuridica rilevanza sia in sede civile che penale, di prescrivere i farmaci che essi ritengono più opportuni secondo scienza e coscienza” e che tale diritto/dovere non può risultare “compresso nell’ottica di una attesa, potenzialmente pregiudizievole sia per il paziente che, sebbene sotto profili diversi, per i medici stessi”.

Il Tar ha sospeso con effetto immediato l’efficacia del provvedimento emanato da Aifa e ha rinviato la trattazione del merito al prossimo 20 luglio. L’avvocato Grimaldi non nasconde la propria soddisfazione, in quanto lo storico pronunciamento del Tribunale potrebbe preludere a un significativo cambiamento di rotta circa la cura domiciliare del Covid, in fase precoce.

Prima pagina della sentenza integrale del TAR Lazio in merito al protocollo di cura domiciliare stabilito da AIFAPrima pagina della sentenza integrale del TAR Lazio in merito al protocollo di cura domiciliare stabilito da AIFA

Prima pagina della sentenza integrale del TAR Lazio in merito al protocollo di cura domiciliare stabilito da AIFA

Di Francesco Servadio, “BUONGIORNOSÜDTIROL.IT”

Fonte: https://www.buongiornosuedtirol.it/2021/03/esclusivo-covid-e-cure-precoci-il-tar-del-lazio-no-alla-tachipirina-e-alla-vigile-attesa/

Sentenza TAR Lazio

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x