E’ L’ORA DEL CACEROLAZO

DI MAURIZIO BLONDET
rischiocalcolato.it

Come esprimere la protesta di massa contro questo governo che non abbiamo voluto, contro il Colle che ce l’ha dato, contro la tassazione che uccide?

Un metodo molto usato in America Latina, e con qualche successo, è il CACEROLAZO (pronuncia “caserolasso”) Si scende in piazza con casseruole e padelle, e le si sbatte con i mestoli. Vuol dire “il popolo ha fame” perchè le pentole sono vuote, somiglia molto alla protesta dei carcerati (quando sbattono la gavetta contro le sbarre); dice ai politici: “Andate tutti a casa!”, dunque esprime molto bene la situazione degli italiani depredati dai parassiti pubblici e prigionieri delle caste.  Un famoso cacerolazo delle casalinghe cilene contribuì a far capire che il governo comunista Allende non aveva il favore popolare, in Argentina è stato spesso adottato contro qualunque governo… E anche noi siamo un po’ sudamericani. Almeno lo è la nostra classe dirigente.

Naturalmente il Cacerolazo non esclude il Salivazo (coprire di sputi i politici), anzi è consigliato unire le due forme di protesta che si rafforzano a vicenda.  Ma molto di rado i politici, con le loro scorte ed auto corazzate, si espongono ai sentimenti popolari…

Un cacerolazo si può fare anche sbattendo le casseruole dalle finestre e dai balconi: fa’ un casino tremendo, e non ha bisogno di autorizzazioni di polizia per manifestazioni pubbliche, in quanto la protesta avvviene nell’abitazione privata  di ciascuno. Basta accordarsi sull’ora, il giorno e il luogo, e centomila  finestre  risuonino di casseruole! 

Dunque, CACEROLAZO.  Passate la voce.  Qualcuno lo suggerisca a Beppe Grillo: con i suoi mezzi e il suo seguito, può organizzare un cacerolazo di massa molto rapidamente. 

Maurizio Blondet
Fonte: www.rischiocalcolato.it
Link: http://www.rischiocalcolato.it/2012/04/e-lora-del-cacerolazo-di-maurizio-blondet.html
29.04.2012

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Aironeblu
Aironeblu
29 Aprile 2012 22:05

CAZEROLAZO? E perchè non il BARATTOLACCIO?…….

Bella idea, ma meglio organizzarla in cortei, possibilmente a cadenza regolare, nelle piazza e sotto i palazzi del governo: per dare un tocco di originalità si potrebbero riempire barattoli di latta ben risuonanti con qualche moneta (euro o meglio le vecchie 100 lire) e farle saltare dentro a mo’ di “setaccio”, verrebbe fuori un bel rumore a”sonaglio” e il messaggio sarebbe molto diretto!

bstrnt
bstrnt
30 Aprile 2012 2:05

“Un famoso cacerolazo delle casalinghe cilene contribuì a far capire che il governo comunista Allende non aveva il favore popolare” ……
Come deve essere letto?
“Un famoso cacerolazo delle casalinghe cilene contribuì a far capire che il governo Allende non aveva il favore della CIA e del criminale psicopatico Henry Kissinger”?

anventur
anventur
30 Aprile 2012 2:51

E’ sinistro il sistema ed è sinistro anche Blondet.

tres19
tres19
30 Aprile 2012 5:13

Questo è da posizionare sicuramente tra i primi 10 articoli più imbecilli che ho mai letto su CDC.

Pellegrino
Pellegrino
30 Aprile 2012 6:03

vabbè… questi vanno capiti per quello che sono, non articoli, ma boutades…

massi
massi
30 Aprile 2012 6:07

Stavo per scrivere la stessa cosa…

tres19
tres19
30 Aprile 2012 6:15

Se non altro ho imparato una parola nuova, grazie! 🙂

eresiarca
eresiarca
30 Aprile 2012 10:42

Queste stronze che spentolano in Sud America sono sempre della “buona borghesia”… altro che “proteste popolari”! Hanno spentolato anche contro Chavez, ma si dà il caso che spesso e volentieri l’unica volta che hanno preso in mano una pentola sia proprio quella, dato che hanno la governante a casa.

zufus
zufus
30 Aprile 2012 10:48

Quindi sarebbe bene fare un po’ di CACEROLAZO per avere anche noi un Pinochet al più presto?
Ho fatto bene a disdire l’abbonamento a Effedieffe.

Highlangher
Highlangher
30 Aprile 2012 10:51

L’autore qui mette il bella vista la bandiera argentina, ed espone chiaramente la sua ignoranza, quando Invece parla di allende e del chile. La protesta con le pentole mi risulta nata in Argentina, appunto, per protestare contro i regimi di peron e videla. E dove si contano più di trentamila desaparecidos che gridano vendetta. In ogni caso i tiranni, siano di destra o di sinistra, sono sempre burattini del sistema bancario. Che usano i bracci armati per i loro sporchi giochi di potere. Tutto il resto serve solo a dividerci invece di unirci contro il solo nemico di questa umanità, il prestito a interesse.

RicBo
RicBo
30 Aprile 2012 11:02

sulle due righe che parlano di Allende meglio stendere un velo pietoso, sul cacerolazo meglio ricordare che fu un modo di protesta che contribuì alla cacciata di De La Rua, ma furono ben + determinanti: la durata della protesta, l’unione della popolazione (studenti, pensionati ed operai), l’autogestione in molte fabbriche, la gravità della crisi che portò al blocco dei risparmi nelle banche e last but not least l’esistenza di una sponda politica pronta a raccogliere le ragioni della protesta. Se Blondet non parla di tutto questo è evidente che non sa di cosa parla, o è una boutade. In entrambi i casi è un superficiale.

walterkurtz
walterkurtz
30 Aprile 2012 12:43

Blondet è di anticomunismo talmente viscerale che spesso gli fa scrivere idiozie come quella da te citata

consulfin
consulfin
30 Aprile 2012 13:59

l’hai letto con gli occhiali giusti (almeno credo: non ero la). Blondet, di solito, è attento a non scrivere questi svarioni. Strano!

Kevin
Kevin
30 Aprile 2012 14:00

LOL

andyconti
andyconti
30 Aprile 2012 18:23

Blondet e’ solo buono a parlare dell 11.9. Comunque, vivo in Sudamerica e posso assicurare che qui la gente esige molto di piu’ dai politici che in Italia.

andyconti
andyconti
30 Aprile 2012 18:26

almeno non ha insultato Grillo 🙂