Colpo di Stato in Niger: l’Africa verso una nuova guerra che avrà profondi effetti geopolitici globali

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

southfront.org

 

Sono passati undici giorni dal colpo di stato militare contro il governo filo-occidentale di Mohamed Bazoum, e gli sforzi stranieri per sventare il colpo di stato e riportare Bazoum al potere continuano. A prima vista, questo colpo di Stato potrebbe non sembrare così importante, ma il contesto e il valore speciale del Niger in Africa dimostrano l’elevata importanza dei recenti eventi nel Paese, eventi importanti che possono in ultima analisi portare a cambiamenti politici, militari e persino economici in Africa.

Mercoledì 26 luglio, la guardia presidenziale del Niger ha arrestato il Presidente del Paese, Mohamed Bazoum, presso la sede presidenziale di Niamey e un altro gruppo di militari ha annunciato ufficialmente il colpo di Stato alla TV nazionale e la rimozione di Bazoum dal potere. I golpisti hanno dichiarato il deterioramento della sicurezza nel Paese e la deplorevole governance come causa principale del colpo di Stato e hanno chiesto ai Paesi stranieri di astenersi da qualsiasi interferenza. Anche le forze armate del Niger hanno dichiarato il loro sostegno al colpo di Stato, rilasciando una dichiarazione firmata dal Generale Abdou Sidikou Issa, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito del Niger. Il 28 luglio, i promotori del colpo di Stato hanno nominato il Generale Abdourahamane Tchiani, capo della guardia presidenziale nigerina, come presidente del Consiglio Nazionale per la Salvaguardia della Patria, la giunta militare del Niger.

D’altra parte, il presidente deposto del Niger, Mohamed Bazoum, ha chiesto aiuto agli Stati Uniti e alla comunità internazionale nel suo articolo per il Washington Post. Ha affermato che se il colpo di Stato dovesse avere successo, avrebbe molte conseguenze per il Paese e per il resto della regione e del mondo. Nel frattempo, il Consiglio militare del Niger ha annunciato giovedì sera che avrebbe risposto immediatamente a qualsiasi intervento militare da parte della Comunità Economica dell’Africa Occidentale (ECOWAS) a Niamey.

Colpo di Stato in Niger: l'Africa verso una nuova guerra che avrà profondi effetti geopolitici globali

Le dichiarazioni di Bazoum e del suo governo e la richiesta di aiuto da parte degli Stati Uniti hanno provocato raduni dei suoi sostenitori davanti al palazzo presidenziale. Chiedono il rilascio del Presidente e la fine del colpo di Stato. I sostenitori del golpe si sono riuniti davanti all’Assemblea Nazionale tenendo in mano bandiere russe e gridando slogan antifrancesi. Hanno dato fuoco alla sede del Partito Nigeriano per la Democrazia e il Socialismo (partito al potere in Niger) a Niamey.

Per indagare sul colpo di Stato in Niger, occorre innanzitutto studiare il contesto e gli eventi passati. Gli sviluppi in Africa Occidentale sono un processo complesso di questioni militari, politiche ed economiche che si intrecciano e ciascuna di esse non può essere analizzata separatamente. Negli ultimi anni, si è osservato un nuovo allineamento globale nella geopolitica africana. Molti analisti considerano il Niger come il nuovo campo di battaglia della competizione in corso tra i blocchi occidentale e orientale in Africa occidentale. Credono che il blocco occidentale guidato dalla Francia sarà il perdente in Niger questa volta, come nelle precedenti competizioni in Burkina Faso e Mali.

Sebbene l’era del colonialismo francese in Africa sia terminata negli anni ’60 con la dichiarazione di indipendenza di un gran numero di Paesi africani, l’influenza francese persiste ancora in tutto il continente, sia apertamente che segretamente, a causa delle strutture e delle relazioni tra la Francia e i suoi ex territori coloniali. L’Africa occidentale e la regione del Sahel, pur possedendo enormi e preziose risorse minerarie e fossili, come l’oro e l’uranio, si trovano al livello più basso possibile in termini di tasso di crescita, e la maggior parte della popolazione di questa regione vive al di sotto della soglia di povertà, come risultato di anni di colonialismo dell’Occidente e della Francia. Pertanto, i continui saccheggi da parte della Francia e del blocco occidentale e l’aumento del tasso di disoccupazione e di povertà spingono gradualmente le popolazioni della regione del Sahel verso l’indipendenza e la liberazione dai loro oppressori.

Colpo di Stato in Niger: l'Africa verso una nuova guerra che avrà profondi effetti geopolitici globali

Nel 2014, la Francia ha lanciato un’operazione chiamata “Operazione Barkhane” con il pretesto di combattere il terrorismo nella regione del Sahel, ma questa operazione non ha mai avuto successo. La Francia ha circa 5.000 truppe dispiegate nella regione del Sahel e le Nazioni Unite hanno schierato 15.000 peacekeepers in Mali nell’ambito dell’operazione denominata “Multidimensional Integrated Stability Mission in Mali”. L’insoddisfazione pubblica nei confronti della Francia e le tensioni interne alla fine hanno portato al terzo colpo di Stato del Mali in un decennio, nel 2021. Successivamente, una serie di scontri e tensioni tra il nuovo governo del Mali e la Francia hanno costretto quest’ultima a ritirare i suoi militari dal Paese. In realtà, le truppe francesi sono state espulse dalla pressione e dalle proteste del popolo del Mali. Anche il colpo di stato militare in Burkina Faso nel 2022 ha portato all’umiliante espulsione delle truppe francesi da questo Paese africano. Il nuovo governo del Burkina Faso e la popolazione ritenevano che la presenza militare francese in Burkina Faso non avesse migliorato la sicurezza, ma al contrario, i francesi interferiscono negli affari interni del Paese, alimentando l’insicurezza.

Ora, i golpisti in Niger hanno annullato la cooperazione militare con la Francia e hanno chiesto lo smantellamento delle basi militari francesi e l’espulsione delle truppe francesi dal Paese. Pertanto, se il colpo di Stato in Niger avrà successo, il Niger diventerà il terzo Paese della regione del Sahel a sollevarsi contro l’occupazione francese e le truppe francesi saranno espulse da un altro Paese africano. Va notato che dopo l’espulsione della Francia dal Mali e dal Burkina Faso, il Niger era diventato uno dei partner militari e di sicurezza più importanti della Francia in Africa Occidentale, e la base francese di Niamey era una delle principali basi militari nella regione del Sahel. L’espulsione della Francia dal Niger ovviamente ridurrà in larga misura il dominio militare francese e indebolirà il dominio coloniale francese.

Tuttavia, questo non è l’unico aspetto dei recenti sviluppi in Niger e nella regione del Sahel. La crescente influenza della Russia in Africa e nella regione del Sahel è un’altra questione importante che ha causato cambiamenti fondamentali negli sviluppi geopolitici di questa regione. I risultati positivi dell’influenza russa e del lavoro del Gruppo Wagner in Libia e nella Repubblica Centrafricana, la presenza militare in Mali, così come il sostegno popolare alla Russia nei Paesi citati, sono molto importanti. Durante i recenti colpi di Stato degli ultimi tre anni, le proteste pubbliche sono state accompagnate da dichiarazioni di sostegno alla Russia. Alzando la bandiera russa, i rivoltosi hanno abbattuto e calpestato la bandiera francese. Questo ha provocato voci sul coinvolgimento della Russia nei colpi di stato e nei cambiamenti politici nella regione del Sahel.

Tuttavia, vale la pena considerare la posizione ufficiale del governo russo. Il Ministero degli Affari Esteri russo ha dichiarato che le accuse di coinvolgimento della Russia nel colpo di Stato in Niger sono prive di fondamento. La posizione attuale della Russia indica che gli eventi in Niger sono una questione interna del Paese e che nessun Paese straniero dovrebbe interferire. D’altra parte, Prigozhin, il capo del Gruppo Wagner, in un messaggio vocale del canale Telegram attribuito al gruppo, ha descritto questa azione come lo sforzo del popolo del Niger per ottenere l’indipendenza contro il colonialismo. Nel frattempo, la stampa ha ipotizzato attivamente che Wagner possa essere coinvolto nella situazione in Niger. I diplomatici e i media occidentali sfruttano ogni occasione nel tentativo regolare di dipingere il lavoro di successo delle agenzie PMC legate alla Russia in Africa come un fattore destabilizzante.

Colpo di Stato in Niger: l'Africa verso una nuova guerra che avrà profondi effetti geopolitici globali

Il colpo di Stato in Niger ha fatto suonare l’allarme non solo per la Francia, ma anche per gli Stati Uniti. Washington è l’altra faccia della stessa medaglia. Per anni, gli Stati Uniti hanno aumentato la loro presenza militare e costruito basi militari in tutta l’Africa sotto l’egida di USAFRICOM, al fine di raggiungere i loro obiettivi politici, militari ed economici e ottenere il dominio sul continente. Nella regione del Sahel, gli Stati Uniti hanno basi militari in Burkina Faso, Niger e Ciad, e l’aumento dell’influenza russa in questa regione minaccia seriamente il potere dell’America in Africa occidentale. La Russia ha già dimostrato in Libia quanto può essere efficace e quanto può sfidare gli interessi degli Stati Uniti. Inoltre, la base segreta di droni della Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti si trova nel nord-est del Niger. Questa base è considerata la fonte delle operazioni dannose del governo statunitense nel continente africano, e la perdita del Niger ridurrà notevolmente il potere operativo della CIA nel centro dell’Africa. Pertanto, è facile capire perché gli Stati Uniti sono contrari al colpo di Stato in Niger e sostengono Macron in questa vicenda.

Il Presidente francese ha definito illegittimo il colpo di Stato in Niger e ha annunciato la disponibilità della Francia a collaborare con le organizzazioni regionali per sanzionare i leader del colpo di Stato. L’Unione Africana, di concerto con Francia e Stati Uniti, ha fissato una scadenza di 15 giorni per il “Consiglio Nazionale per la Salvaguardia della Patria” (i golpisti nigerini) e ha chiesto loro di ripristinare il governo precedente. Come accennato in precedenza, anche l’ECOWAS (l’unione regionale politica ed economica di quindici Paesi dell’Africa occidentale) ha espresso la sua opposizione al colpo di Stato e, pur sospendendo gli scambi commerciali con il Niger e sanzionando i leader del colpo di Stato, ha dato ai golpisti una settimana di tempo per porvi fine. In caso contrario, prenderanno tutte le misure necessarie, compresa l’interferenza militare.

Colpo di Stato in Niger: l'Africa verso una nuova guerra che avrà profondi effetti geopolitici globali

Negli ultimi tre giorni e con l’avvicinarsi della scadenza dell’ECOWAS per i cospiratori del colpo di Stato, è stato annunciato che i comandi militari degli Stati membri dell’ECOWAS hanno finalizzato un piano di intervento militare in Niger. I requisiti delle operazioni militari sono stati determinati e le forze militari di Senegal, Ghana, Benin e Nigeria parteciperanno all’operazione militare.

Tuttavia, il Senato nigeriano ha inaspettatamente respinto la proposta di Bola Ahmed Tinubu, che è anche il presidente dell’ECOWAS, di intervenire militarmente in Niger. Il Senato nigeriano ha approvato una risoluzione a maggioranza che si rifiuta di autorizzare il Governo a usare la forza contro il Niger. I senatori hanno anche chiesto al Presidente Tinubu, in qualità di presidente dell’ECOWAS, di incoraggiare gli altri leader della regione a cercare soluzioni politiche e diplomatiche invece di ricorrere al conflitto militare.

Gli esperti ritengono che la riluttanza del Senato nigeriano a invadere il Niger sia dovuta a diversi fatti. In primo luogo, l’esercito nigerino non ha il potenziale logistico e di addestramento necessario per attaccare un altro Paese, mentre l’attacco al Niger e il nuovo caos muterebbero la situazione a favore dei gruppi terroristici attivi in Nigeria, come Boko Haram e ISIS nell’Africa occidentale.

Altri due fattori molto importanti sono che la Nigeria e il Niger appartengono al gruppo etnico Hausa, e la guerra tra i due Paesi sarà come un fratricidio.

D’altra parte, i sentimenti antiamericani si sono rafforzati in Nigeria negli ultimi anni, e molti esperti nigeriani ritengono che “la decisione di attaccare militarmente il Niger” sia stata presa sotto pressione americana. I nigeriani sono insoddisfatti della mancanza di assistenza militare degli Stati Uniti alla Nigeria nella lotta contro il terrorismo.

Sembra che le minacce contro il Niger abbiano avuto l’effetto opposto. Questi sviluppi hanno portato alla nascita di un nuovo fronte di Paesi africani contro il colonialismo e i sostenitori del blocco occidentale nella regione del Sahel. Il Mali e il Burkina Faso, che negli anni passati erano sotto l’influenza francese e sono stati liberati dal dominio francese con dei colpi di Stato, così come l’Algeria, hanno annunciato che non parteciperanno a un’eventuale guerra contro il Niger e, al contrario, sosterranno l’esercito nigerino contro qualsiasi intervento militare straniero. Anche la Guinea si oppone alle sanzioni economiche dell’ECOWAS contro il Niger e ha annunciato che non parteciperà a un’eventuale guerra contro questo Paese. Sebbene il Senato nigeriano desideri il ritorno di Bazoum e la fine del colpo di Stato in Niger, è anche contrario a qualsiasi attacco militare contro il Niger. Pertanto, se l’intervento militare avrà luogo, potrebbe iniziare una grande e complessa guerra regionale, ma questa volta il blocco occidentale probabilmente si troverà ad affrontare un gruppo di Paesi africani che hanno il sostegno della Russia.

Colpo di Stato in Niger: l'Africa verso una nuova guerra che avrà profondi effetti geopolitici globali

Dal punto di vista economico, in Niger ci sono miniere di uranio di alta qualità. Secondo le statistiche, questo Paese è il settimo produttore al mondo, con una quota del cinque percento della produzione mondiale di uranio. La maggior parte della produzione di uranio del Niger è stata esportata in Francia e in Europa a un prezzo basso, e l’uranio del Niger ha una quota significativa nella fornitura di combustibile per i reattori nucleari in Francia e in Europa. Una parte del progetto di trasferimento del gas nigeriano in Europa, denominato TSGP (Trans-Saharan Gas Pipeline), passa attraverso il Niger. Pertanto, il cambio di governo in Niger, insieme alla formazione di una nuova coalizione africana contro il blocco occidentale, cambierà anche le equazioni geopolitiche dell’energia nella regione dell’Africa occidentale; e l’Europa, che dipende più che mai dalle risorse energetiche africane a causa della costosa guerra in Ucraina, sarà in difficoltà.

Tenendo conto delle questioni sopra menzionate, in caso di successo del colpo di Stato in Niger o di inizio di una guerra totale, il puzzle dei recenti sviluppi nel continente africano porterà a tre grandi cambiamenti nella sfera politica, militare ed economica della regione. Nella sfera politica, emergerà in Africa una nuova coalizione di Paesi con un atteggiamento fortemente anti-occidentale, che aprirà la strada a movimenti anti-occidentali già esistenti o nuovi in futuro. Nella sfera militare, che completa quella politica, la liberazione del Niger porterà alla creazione di una nuova coalizione militare contro l’Occidente e alla caduta a domino delle basi straniere nella regione del Sahel e, naturalmente, alla perdita dell’egemonia del blocco occidentale.

Questo taglierà le mani coloniali dalle preziose risorse del Sahel. È anche molto importante ricordare che la guerra nel Sahel è la fase successiva della terza guerra mondiale attualmente in corso.

Le conseguenze della guerra saranno terribili per l’economia dell’Occidente e l’Unione Europea ne soffrirà maggiormente. Un altro disastro industriale e sociale li attende.. .

Southfront.org

SouthFront: Analysis & Intelligence è un’organizzazione costituita da esperti e volontari provenienti dai quattro angoli della Terra. SouthFront si occupa di relazioni internazionali, conflitti armati e crisi; cerca di scoprire la verità su questioni che sono in genere nascoste dagli Stati interessati e dai media tradizionali. SouthFront crede che non solo i “giornalisti professionisti” ben pagati, ma anche le persone comuni con menti curiose siano in grado di produrre contenuti equilibrati in una società moderna orientata all’informazione.

06.08.2023

Titolo originale: COUP D’ETAT IN NIGER: AFRICA ON VERGE OF NEW WAR WITH DEEP GEOPOLITICAL EFFECTS

Fonte: https://southfront.org/coup-detat-in-niger-africa-on-verge-of-new-war-with-deep-geopolitical-effects/

Selezione e traduzione a cura della Redazione di ComeDonChisciotte.org – CDC Geopolitica.

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
31 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
31
0
È il momento di condividere le tue opinionix