Avanzeranno finché non andranno a sbattere

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Leggendo e ascoltando le varie testimonianze in merito, il bilancio di questi primi due giorni di “Super Green Pass Rafforzato” è piuttosto eloquente: il regime celebra la sua tracotante apoteosi, lasciando che i suoi mille occhi elettronici si soffermino sul “successo” di questo stupro del buon senso e sull’esclusione dei non allineati da una società finalmente “ripulita”. Particolare enfasi è posta, manco a dirlo, sulle banche e sugli uffici postali: bisogna che si sedimenti l’idea che senza puntura non sarà più possibile disporre liberamente del proprio denaro, né riscuotere la pensione (ulteriore mistificazione: era già in vigore l’obbligo di accredito, almeno oltre una certa soglia), né ritirare le raccomandate (perlopiù minacce di altre agenzie governative che reclamano altri pagamenti). Chiaramente, tutto questo non sarebbe possibile senza la zelante collaborazione dei tanti microkapò di cui siamo tragicamente circondati, quelli che sguazzano in questo abominio e si nutrono, oramai, delle angherie che dispensano al prossimo. Oltre ai profondi e devastanti effetti sul lungo periodo, l’esito a breve di questo terrore senza fine sarà un aumento esponenziale delle operazioni “on line”, sia nell’ambito finanziario che in quello commerciale. Saranno contenti i negozianti che, sangue negli occhi e macchinacce nelle mani, saltano addosso al malcapitato cliente capitato nella loro bottega, reclamando l’esibizione del sacro lasciapassare prima di ogni altra cosa. Un giorno diranno che l’hanno fatto “per paura delle multe”. Da più parti si rilevano scricchiolii, marce indietro, smarcamenti, ma la fine del tunnel sembra sempre più un’allucinazione. Qualunque cosa dovesse accadere nelle prossime settimane e mesi, i tanti maggiordomi, pagliacci e burattini che si sono prestati a quest’orrore sanno che indietro non possono tornare: avanzeranno finché non andranno a sbattere, lasciandosi alle spalle un deserto avvelenato.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x