Aridatece l’influenza! [VIDEO] Speciale Comedonchisciotte

Vi presentiamo il dibattito di approfondimento sulla “scomparsa” dell’influenza  – dalle statistiche ufficiali – nell’era Covid.

Esclusivo intervento del dottor Leopoldo Salmaso –  epidemiologo ed infettivologo – assolutamente da non perdere.

– Cos’è successo in Lombardia?

Dov’è finita la normale influenza, che – in tutto il mondo – è scomparsa?

Buona visione.

 

Partecipano inoltre Jacopo Brogi e Filippo Della Santa, autori dello studio – inchiesta pubblicato su Comedonchisciotte.org (https://comedonchisciotte.org/esclusi…). Presenta e coordina: Giuseppe Russo.

20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Papaconscio
9 Febbraio 2021 16:14

Non pronunciatemi quella bestemmia di nome….

Primadellesabbie
Primadellesabbie
9 Febbraio 2021 16:51

Che persone a modo!
Complimenti CdC.

Pfefferminz
Pfefferminz
9 Febbraio 2021 22:01

Discorsi illuminanti. Grazie a tutto il team e in particolare al dott. Salmaso.

Qui di seguito un video in inglese sullo stesso tema in salsa teutonica, “Save the Flu”, per chi volesse conoscere il dott. Bodo Schiffmann, una icona della resistenza tedesca insieme al prof. Bhakdi e altri. Il sottotitolo provocatorio è “Are Flu-believers automatically Corona deniers?”, chi crede all’influenza è automaticamente un negazionista del coronavirus?
Il dott. Schiffmann spiega che il Sars-CoV-2 è stato creato come modello al computer, che non é mai stato isolato, cosa confermata da istituzioni come RKI, CDC e dal ministro della sanità cinese. Spiega il ruolo svolto dal test PCR e dimostra che in Germania non c’è stato eccesso di mortalità. Il Sars-CoV-2 avrebbe fatto la sua apparizione nel momento in cui è sparita l’influenza.
Al minuto 15:02 il dott. Schiffmann formula la seguente domanda: cos’è più probabile, che esista l’influenza, conosciuta dall’umanità da tempi immemorabili, o che non esista il Sars-CoV-2?
Infine il dott. Schiffmann afferma che il vaccino mRNA contro il Covid è molto pericoloso, che ci sono già stati dei morti, chiede che il suo video venga diffuso, per salvare vite umane.
https://t.me/AllesAusserMainstream/2385

rocks
rocks
Risposta al commento di  Pfefferminz
10 Febbraio 2021 14:56

Possiamo ben immaginare che l’aumento di casi da novembre ad oggi sia da additarsi alla somma di influenza + covid? Ma non si considera l’assenza di viaggi nella circolazione globale dell’influenza. Per esperienza, immagino che tutti abbiano sperimentato l’influenza natalizia, fatta circolare per il mondo grazie agli aerei e diffusa localmente con le cene natalizie. Tutto ciò non c’è stato…
Come fa a dire che non ci sono eccessi di mortalità in germania? qui risultano, certo non come in italia… https://www.destatis.de/EN/Themes/Cross-Section/Corona/Society/population_death.html

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  rocks
10 Febbraio 2021 16:59

I dati che “destatis” riporta si riferiscono a cosiddetti “numeri assoluti”. Per determinare però se vi sia stato un eccesso di mortalità o no, occorre tenere conto dell’aumento della popolazione nel corso degli anni e dell’invecchiamento. Samuel Eckert, che aveva partecipato al Corona Info-Tour con il dott. Schiffmann, si occupa dei dati statistici relativi ai decessi e ha fatto diversi video, uno per ogni Paese europeo, spiegando anche il concetto sopra accennato. Questo è il link del video più attuale per la Germania, in tedesco:
https://youtu.be/CNw01Kdzkq4
(nella descrizione del video in tedesco c’è il link per lo stesso video in inglese)
Samuel Eckert suddivide la popolazione totale in fasce di età e considera la mortalità all’interno di ciascun gruppo.
In genere gli attivisti tedeschi si attengono a studi scientifici che avrebbero stabilito che i diversi lockdown non avrebbero avuto nessun effetto sulla diffusione del virus.
Samuel Eckert però richiama l’ attenzione su un altro fatto: l’isolamento, l’assenza di convivialità in generale e in particolare durante le feste natalizie possono essere la causa di decessi (suicidi o depressioni con conseguenti somatizzazioni). Samuel Eckert ne parla nel video.

rocks
rocks
Risposta al commento di  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 3:03

ma tra l’altro qualcuno di voi ha fatto influenze pesanti quest’inverno? io l’ultima a settembre, direi periodo anomalo, ma poi solo qualche raffreddore. A dir la verità c’è tempo…

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  rocks
11 Febbraio 2021 3:57

Io finora nessuna influenza né raffreddore.

rocks
rocks
Risposta al commento di  Pfefferminz
12 Febbraio 2021 3:38

È importante trovare anche un riscontro nella realtà di tutte queste teorie… Se di solito ti fai una bella influenza ogni anno, quando la fanno tutti e quest’anno no, neanche i tuoi figli, neanche i tuoi amici, etc. Magari qualcosa vuol dire…

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  rocks
12 Febbraio 2021 5:19

Verissimo. È anche quello che dice il dott. Wodarg, pneumologo, che una volta dirigeva il centro sanitario di una grande città: quando c’è un’epidemia, ognuno di noi conosce qualcuno che è ammalato.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Pfefferminz
10 Febbraio 2021 17:40

L’avvocato Markus Haintz ha comunicato che oggi, 10 febbraio 2021, la polizia ha perquisito l’ambulatorio medico del dott. Bodo Schiffmann e che domattina alle ore otto le perquisizioni continueranno. Al medico è stato confiscato il cellulare.
Il dott. Schiffmann ultimamente aveva chiuso il suo ambulatorio per proteggere i dati dei suoi pazienti. Attualmente, diversi medici in Germania vengono accusati di rilasciare certificati di esonero dall’obbligo della mascherina senza che vi sia una diagnosi appropriata.

Tonguessy
Tonguessy
10 Febbraio 2021 2:14

Quindi il giornalismo di inchiesta, seppur deceduto a seguito di intervento mediatico mainstream, sarebbe ancora vivo? Mi ricorda quanto descritto dal dott Salmaso su Covid e malattie davvero mortifere: guardate dove sta andando a parare il mainstream e troverete il colpevole.
Resto comunque della mia opinione: questa polarizzazione (che pure ha delle evidenti cause economiche) è una sintesi della War on Terror propagandata da Bush, il cui motto è: o con me o contro di me, tertium non datur. Nessuno, che io sappia, ha avuto il coraggio di ridurre, ad esempio, i controlli aeroportuali contro jihadisti armati di taglierini in grado di pilotare Boing verso torri che crollano poi da sole senza neanche essere colpite. Questo è il peccato originario, tutto il resto vene da sé. La più grande psy-op mai realizzata oggi trova pubblica legittimazione nel covid.

danone
danone
Risposta al commento di  Tonguessy
10 Febbraio 2021 3:58

E’ vero che le tecniche di manipolazione sono state evolute nel tempo e applicate in diverse occasioni, come l’11 settembre, ma secondo me la psy-op più simile al covid in dimensioni e vastità della manipolazione, sono le missioni Apollo e lo sbarco sulla Luna, che non c’è mai stato, almeno non con la tecnologia missilistica, anch’essa probabilmente usata per coprire la vera tecnologia segreta, con cui possono essere già andati anche su Marte. Tutto assurdo forse, ma anche le versioni ufficiali come ben sappiamo sono false e assurde tanto quanto, e più si approfondisce il tema dello sbarco, più ci si rende conto che le cose, come ce le hanno sempre dette, non quadrano. Consiglio la visione del film-documentario di Mazzucco sulle missioni Apollo, American Moon.

Tonguessy
Tonguessy
Risposta al commento di  danone
10 Febbraio 2021 5:45

La differenza sostanziale è che i fatti lunari non ci hanno toccato di persona, mentre tutta la questione 911 ha cambiato radicalmente i nostri rapporti con l’establishment. Con il Patriot Act si è iniziato a considerare la “sicurezza nazionale” una questione che solo le forze di sicurezza ed i media manovrati dai soliti noti potevano affrontare, e chiunque dissentisse era “contro di noi”, prerogativa che l’allunaggio non ha mai avuto. Insomma una differenza davvero enorme.

danone
danone
Risposta al commento di  Tonguessy
10 Febbraio 2021 6:47

Le differenze sono nel livello della gravità dei reati commessi per implementare la psy-op e nelle conseguenze più o meno devastanti della stessa. 11 settembre e covid sono certamente operazioni mostruose e criminali nettamente superiori al falso sbarco lunare, ci mancherebbe non tenerne conto, bisogna farlo e riuscire a far pagare tutto ai responsabili. Ciò che voglio sottolineare è che le tecniche di psy-ops e gli strumenti per realizzarle, pur nella loro evoluzione-adattamento agli scenari contingenti da controllare lungo le epoche, sono sempre stati strumenti utilizzati dalle elite. Nulla di nuovo per chi vede la narrazione storica stessa come una grande psy-op. L’ “o con me o contro di me” di bush è il solito divide et impera, che dopo il meretricio è il lavoro più vecchio del mondo.

albertos
albertos
10 Febbraio 2021 3:18

domanda, l’influenza è sparita, ogni anno fanno il vaccino anti-influenzale con il ceppi australe et simili, o comunque con il virus di sei mesi prima, con cosa lo faranno adesso che sono senza influenza?

chissà che scusa si inventeranno questa volta…

gnorans
gnorans
10 Febbraio 2021 2:55

I virus dell’influenza hanno le stesse dimensioni, o minori, del virus covid-19, come mai le mascherine fermano solo i virus dell’influenza?
L’ipotesi più benevola è che i casi di influenza siano conteggiati come covid, altrimenti ci sarebbe da sospettare che qualcuno aggiri la barriera delle mascherine, magari con qualche “rinforzo” pandemico periodico.

Deheb
Deheb
10 Febbraio 2021 4:00

Non è che l’influenza è sparita miracolosamente, non hanno più fatto ricerca dell’influenza, c’è scritto nell’intestazione del grafico:
“Number of specimens positive for influenza by subtype” solo che nell’immagine iniziale è tagliata la prima parte.
In Italia non hanno fatto campionatura, negli USA “2 o 3” campioni tra la 50 settimana e le prime due del 2021

RiccardoL
RiccardoL
10 Febbraio 2021 7:49

Discussione molto interessante e chiara. Vorrei aggiungere qualche considerazione per avvalorare la tesi discussa. Dopo una lettura veloce dell’articolo sulla mortalità dell’influenza scritto da Antonino Bella (https://www.epicentro.iss.it/influenza/sorveglianza-mortalita-influenza) si evince che di media ogni anno muoiono 8000 persone per sindromi influenzali. Se però aprite il link a fine pagina “Investigating the impact of influenza on excess mortality in all ages in Italy during recent seasons (2013/14-2016/17 seasons)” potrete leggere uno studio eseguito da Antonino Bella, Aldo Rosano, Walter Ricciardi ed altri (consultabile al link https://www.ijidonline.com/action/showPdf?pii=S1201-9712%2819%2930328-5). Purtroppo lo studio analizza solo le stagioni influenzali (1 ottobre – 30 aprile) dal 2013 al 2016, però il risultato è interessante (Table 4). Nella stagione influenzale 2013 (01/10/2013-30/04/2014) in Italia sono decedute circa 26.000 persone per sindromi simil-influenzali. Nella stagione influenzale 2014 (01/10/2014-30/04/2015) in Italia sono decedute circa 43.000 persone per sindromi simil-influenzali. Nella stagione influenzale 2015 (01/10/2015-30/04/2016) in Italia sono decedute circa 29.000 persone per sindromi simil-influenzali. Nella stagione influenzale 2016 (01/10/2016-30/04/2017) in Italia sono decedute circa 45.000 persone per sindromi simil-influenzali. Da questo studio è escluso il periodo che va dal primo maggio al 30 settembre dove plausibilmente potrebbero essere decedute altre 5-7000 persone (per arrivare ad un totale di 50-52000 decessi nella… Leggi tutto »

RiccardoL
RiccardoL
10 Febbraio 2021 10:10

Da questo studio è escluso il periodo che va dal primo maggio al 30 settembre dove plausibilmente potrebbero essere decedute altre 5-7000 persone (per arrivare ad un totale di 50-52000 decessi nella stagione influenzale 2016).

Ovviamente questi numeri non sono precisi quanto quelli rilevati durante la pandemia, in quanto se un tampone risultava positivo, l’eventuale morte è stata contabilizzata come “deceduto da covid”.

Alla luce di questi dati ufficiali, circa 55000 decessi nel 2016, quelli da covid, circa 92000 decessi nel 2020, (20/02/2020-10/02/2020) dai quali si dovrebbero sottrarre le 15-20000 persone uccise per aver applicato una cura sbagliata, si arriverebbe a circa 70000 decessi da covid.
Di conseguenza l’influenza del 2020 (covid) è stata forse più letale dell’influenza del 2016 (fatto che non giustifica minimamente quello che stanno facendo), quando però non fummo nemmeno avvisati di essere in una “pandemia”.

lurker
lurker
11 Febbraio 2021 3:38

Video molto interessante, complimenti alla redazione.

Personalmente non sopporto i video (trovo che la forma scritta sia preferibile per varie ragioni) ma questo qui valeva davvero la pena vederlo.