Archivi giornalieri: 17 Luglio 2008 , 19:00

DAL TRIONFO ALLA TORTURA

DI JOHN PILGERThe Guardian Il trattamento da parte di Israele nei confronti di un giovane giornalista vincitore di un premio è parte di un terribile disegno. Due settimane fa ho consegnato ad un giovane palestinese, Mohammed Omer, il “Martha Gellhorn Prize for Journalism”, edizione 2008. Conferito alla memoria della grande corrispondente di guerra statunitense, il premio va a quei giornalisti che smascherano la propaganda di stato, ovvero le “idiozie ufficiali”, come le chiamava la Gellhorn. Mohammed condivide il premio di …

Leggi tutto »

SE UNA RICCA SIGNORA LASCIA L'EREDITA' AD UN CANE

DI VIVIANA RIBEZZO Liberazione E’ di qualche giorno fa la notizia, rimbalzata su quasi tutti i giornali e ripresa da molte televisioni, dell’apertura del testamento della miliardaria Leona Hemsley. La ricchissima proprietaria di una catena di alberghi a cinque stelle ha lasciato il suo molto ingente patrimonio a un cane. Si parla di sei o sette miliardi di dollari, mica bruscolini. Una cifra pari al Prodotto Interno Lordo (Pil) della Bolivia. Pare che la generosa signora abbia lasciato tale fortuna …

Leggi tutto »

LA COMPAGNIA TEATRALE

DI EPICUREO Comedonchisciotte Che cosa avrebbe pensato l’opinione pubblica se, uno dei tanti esempi possibili, uno degli accusati dell’omicidio di Perugia avesse voluto visitare la tomba di Jack lo squartatore? Cosa pensare dunque se Ottaviano del Turco tra i primi commenti dopo giorni di isolamento ci fa sapere che in questo momento la “cosa giusta” è portare dei fiori a Bettino Craxi? E con chi? Con uno dell’altro schieramento (ma quale “altro” in realtà?), Giancarlo Lehner, vecchio compagno di merende, …

Leggi tutto »

APPELLO PER LA LIBERAZIONE DI TARIQ AZIZ

E DI QUANTI VENGONO ILLEGALMENTE DETENUTI NELLE CARCERI IRACHENE A CURA DI: ASSOCIAZIONE “AIUTIAMOLI A VIVERE” Dopo l’arresto del Vice primo ministro dell’Iraq Tareq Aziz da parte delle forze di occupazione americane, nell’aprile 2003, il suo avvocato a Baghdad, Badie Arief Izzat è scampato a diversi attentati; i suoi due figli sono stati rapiti e dopo il pagamento di una forte somma di denaro da parte dell’avvocato, sono stati liberati. Tra il 2003 e il 2007, Badie Arief Izzat è …

Leggi tutto »