Home / 2005 / giugno / 14

Archivi giornalieri: 14 Giugno 2005 , 21:35

PERCHE' LE TORRI DEL WORLD TRADE CENTER SONO CROLLATE ?

by Morgan Reynolds “Non mi sembrava vero… c’erano migliaia di quelle travi d’acciaio che cadevano come fossero stuzzicadenti.” John Albanese, vigile del fuoco volontario e appassionato di fotografia “Quello che ci ha sbalordito – gente come Warren Jennings e me stesso, che abbiamo passato praticamente tutta la nostra vita nel settore della rottamazione – è che non avevamo mai visto una massa di acciaio così pesante, immensa, colossale. Era assolutamente incredibile.” Michael Henderson (p. 93), General Manager, Marine Terminals, Metal …

Leggi tutto »

CECENIA, LO STALLO NEL SANGUE

DI GIULIETTO CHIESA La seconda guerra cecena cominciò cinque anni fa, esattamente l’8 agosto 1999, quando – tra lo stupore generale – Shamil Bassaev scatenò l’offensiva della mosca contro l’elefante attaccando la Russia in Daghestan. Quel giorno, con straordinaria coincidenza, Vladimir Putin venne nominato a capo del governo russo da un Boris Eltsin ormai palesemente sulla via del tramonto. Che infatti avvenne quattro mesi dopo. Dopo cinque anni e due trionfi elettorali, Putin non è ancora riuscito ad archiviare la …

Leggi tutto »

DAHR JAMAIL – IRAQ DISPATCHES

CHI E’ DAHR JAMAIL? Stanco del completo fallimento dei media statunitensi nel riportare accuratamente la realtà della guerra per il popolo iracheno ed i soldati statunitensi, Dahr Jamail si è recato in Iraq per riferire sulla guerra da sè. I suoi dispatches (articoli pubblicati sul weblog) sono stati velocemente riconosciuti come un’importante risorsa mediatica e adesso Dahr scrive per l’Inter Press Service, l’Asia Times e molte altre fonti. I suoi resoconti sono stati pubblicati anche su The Nation, The Sunday …

Leggi tutto »

Bush's Willing Executioners

By PAUL CRAIG ROBERTS In 1996 Daniel Jonah Goldhagen published Hitler’s Willing Executioners: Ordinary Germans and the Holocaust. His thesis is that the mass murder of Jews was not done on the quiet by a few Nazi fanatics. Instead, Goldhagen writes, by their complicity ordinary Germans were willing participants in the slaughter. In other words, the German people as a people were guilty as well, because they accepted and permitted the slaughter of an ethnic group.

Leggi tutto »

IL PAESE DI MERDA

DI GIUSEPPE GENNA L’esito del referendum è un’ulteriore prova che, al di là delle convinzioni delle singole persone, noi viviamo in un Paese di merda. Questa è una nazione che non capisce un cazzo in massa, snobba i minimali della strumentazione democratica, se ne fotte di problemi fondamentali quali ricerca scientifica e statuti della vita. E’ un Paese il cui Sud persiste nel fare da zavorra elettorale di fronte ai momenti politicamente decisivi e il cui Nord è capitanato da …

Leggi tutto »