Home / Spazio utenti / IL NOSTRO SISTEMA SELEZIONA GLI INCOMPETENTI SOCIOPATICI?
13033-thumb.jpg

IL NOSTRO SISTEMA SELEZIONA GLI INCOMPETENTI SOCIOPATICI?

CHARLES HUGH SMITH
Of Two Minds

Qual è la vita utile di un sistema che premia i sociopatici patiti del gioco, invece della competenza?

Uniamo i puntini della selezione naturale e della patologia del potere.

Nel suo libro del 2012, The Wisdom of Psychopaths: What Saints, Spies, and Serial Killers Can Teach Us About Success, l’autore Kevin Dutton ha descritto come gli attributi di sociopatologia sono in un certo senso neutri: gli attributi sociopatologici che caratterizzano un pericoloso criminale possono anche caratterizzare un freddo e performante neurochirurgo.Come spiega Dutton nel suo saggio What Psychopaths Teach Us about How to Succeed (Scientific American):

Gli psicopatici sono privi di paura, fiduciosi, carismatici, spietati e focalizzati. Eppure, contrariamente alla credenza popolare, non necessariamente sono violenti. Lungi dal suo essere un caso risolto – tu sei uno psicopatico o tu no – ci sono, invece, le aree periferiche, interne ed esterne al disturbo: un po’ come le zone tariffarie della mappa di una metropolitana. C’è uno spettro di psicopatia lungo il quale ognuno di noi ha il nostro posto, con solo una piccola minoranza di residenti nel “centro città”, i quali prendono la linea A.

Mentre non vi è ovviamente un posto per i sociopatici radicali in professioni che premiano tali caratteristiche, che dire dei sociopatici che sostituiscono ambiguità e inganno alla competenza? Per alcuni contesti, passiamo la parola alla Pathology Of Power di Norman Cousins​​, pubblicato nel 1988.

Cousins ​​era particolarmente preoccupato per il National Security State, ossia il complesso militare-industriale, che a quel punto della storia degli Stati Uniti era impegnato nella guerra fredda contro l’impero sovietico. Cousins ​​descrisse così la patologia del potere:

“Insieme alla tendenza del potere di poter corrompere, esistono altre tendenze che emergono dalle pagine degli storici:

1. La tendenza del potere a pilotare l’intelligenza in modo sotterraneo;

2. La tendenza del potere a diventare una teologia, non ammettendo altri dèi al di fuori di sé;

3. La tendenza del potere a distorcere e danneggiare le tradizioni e le istituzioni che avrebbe dovuto proteggere;

4. La tendenza del potere a creare un proprio linguaggio, rendendo le altre forme di comunicazione incoerenti e irrilevanti;

5. La tendenza del potere a disporre l’esistente a proprio beneficio.

In termini più ampi, potremmo aggiungere: la tendenza del potere a manifestare supponenza, arroganza, prepotenza, inganno ed a sostituire le regole delle Elite allo Stato di diritto.

La selezione naturale non opera soltanto in Natura; è ugualmente operativa nelle organizzazioni umane, nelle economie e nella società. Le persone rispondono a qualsiasi insieme di incentivi e disincentivi che sia disponibile. Se ingannare e truffare gli altri è fortemente incentivato, mentre l’integrità e l’onestà sono punite, le persone tendono a intraprendere gli schemi della truffa e dell’appropriazione indebita.

Quali comportamenti vengono premiati dallo Status Quo? Le rappresentazioni fuorvianti, l’offuscamento, il saccheggio legalizzato, l’appropriazione indebita, la frode, una vasta gamma di imbrogli, scommettere sul sistema, la tortuosità, l’ambiguità, le menzogne ​​e gli inganni sapientemente progettati.

Colleghiamo la patologia del potere e i comportamenti selezionati dal nostro Status Quo. Quello con cui abbiamo a che fare è un sistema che seleziona una specifica categoria di sociopatici: coloro la cui unica competenza è essere bravi negli imbrogli.

Non c’è da stupirsi se abbiamo una leadership che non è stata selezionata per la competenza, ma per l’ambiguità. Nel nostro sistema viene incentivata una girandola di mezze verità e di propaganda pronunciate con la faccia seria, e il praticare raggiri che rafforzano la patologia del potere.

Qual è la durata utile di un sistema che premia i sociopatici patiti del gioco, invece della competenza? A meno che non cambiamo gli incentivi e disincentivi, il sistema non ha futuro.

***************************

CHARLES HUGH SMITH

Of Two Minds

Link: http://www.oftwominds.com/blogmar14/sociopaths3-14.html

26.03.2014

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da SUPERVICE

Pubblicato da