Home / Notizie dal Mondo / Venezuela : Sale la Tensione e gli USA annunciano Esercitazioni Militari

Venezuela : Sale la Tensione e gli USA annunciano Esercitazioni Militari

FONTE: ANTIMEDIA.ORG

Il coinvolgimento delle forze armate USA in una prossima esercitazione militare multilaterale in Sud America ha suscitato preoccupazioni su possibili secondi fini da parte degli Stati Uniti.

L’esercitazione, denominata “Operation United States United“, prevede l’installazione di una base militare temporanea in tre paesi che confinano con il Venezuela : Perù, Brasile e Colombia.

Secondo Theofilo de Oliveira, Gen. in Capo delle Forze Armate Brasiliane, l’esercito U.S.A.  farà delle esercitazioni  insieme ai tre paesi dell’America Latina, il prossimo Novembre, per un periodo di 10 giorni.  Il militare brasiliano ha affermato che obiettivo dell’esercitazione è  “sviluppare maggiori conoscenze, condividere esperienze e sviluppare fiducia reciproca”, ma il governo brasiliano ha vigorosamente smentito voci sulla creazione di una base militare multinazionale in Amazzonia.

Gli U.S.A. sono stati invitati a participare dal non-eletto presidente Michel Temer,  che ha fatto crescere del 36% le spese militari brasiliane , congelando  le spese pubbliche, con un controverso emendamento costituzionale, per due decenni .

Una relazione amichevole con l’esercito del Brasile è fondamentale per gli interessi strategici USA  nell’America del Sud, ha dichiarato alla BBC Hector Luis Saint Pierre – coordinatore della sicurezza, difesa e  strategia internazionale dell’Associazione Brasiliana Relazioni Internazionali – : “Il Brasile è partner militare strategico, se gli USA manterranno un buon rapporto con la marina brasiliana, sarà più facile che il loro messaggio arrivi agli eserciti dei paesi della regione “.

Pierre ha sottolineato che l’esercitazione è di particolare interesse per gli U.S.A., perché è una occasione di concentrarsi sulla situazione politica in Venezuela. Secondo Telesur, il presidente Donald Trump ha già incontrato i presidenti di Perù e Colombia per spiegare quali sono gli interessi degli Stati Uniti  in Venezuela.

Come ha già scritto MintPress,  il Venezuela è stato il bersaglio di una guerra economica prolungata, per le continue ingerenze U.S.A. nei confronti del governo di sinistra che ha portato al potere Hugo Chávez. Ma mentre al suo successore, Nicolás Maduro, va sicuramente addebitata parte delle colpe per la situazione che sta vivendo il Venezuela, gli U.S.A. hanno continuato a lavorare in segreto per devastare l’economia venezuelana con una combinazione di sanzioni e di manipolazioni del prezzo del petrolio.

Con le riserve di denaro in cassa che si stanno riducendo rapidamente, il governo Maduro rischia il fallimento nei prossimi mesi, in quanto quasi il 70 % delle riserve residue serve solo per pagare gli interessi sui prestiti concessi da governi stranieri. Quando comincerà l’operazione “America United”, la situazione in Venezuela  sarà probabilmente già molto più grave di oggi e il governo di Maduro sull’orlo del collasso.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno sovvenzionato con  50-60 milioni di dollari  i partiti dell’opposizione venezuelana dopo il fallito colpo di stato USA contro Chávez nel 2002,  nel tentativo di rafforzare i partiti di destra. Ora, questa cifra è destinata a crescere sostanzialmente dato che il Senato è disposto a votare un disegno di legge che dovrebbe finanziare con altri milioni l’opposizione venezuelana, oltre ad alcune non-nominate ONG.

La legge, si chiama “Venezuela Humanitarian Assistance and Defense of Democratic Governance Act” e vuole offrire 10 milioni di dollari in “assistenza umanitaria” al Venezuela e altri $10 milioni per “promozione della democrazia.”

Come dice chiaro la stessa legge, gli U.S.A. sono estremamente interessati alla situazione finanziaria in Venezuela, che è particolarmente preoccupante per la possibilità che la Russia possa prendere il controllo delle infrastrutture petrolifere venezuelane, se il governo Maduro dovesse finire per dichiarare bancarotta.

Nel testo della legge, si fa riferimento alla Compagnia Petrolifera Statale Venezuelana PDVSA e alle sue operazioni con la Rosneft, compagnia statale petrolifera russa. Come rileva TeleSur:  “Per paura che la PDVSA  non possa ripagare i suoi prestiti da $ 4 e $ 5 miliardi ricevuti dalla Rosneft – a parte il rimborso degli altri debiti del Venezuela – il disegno di legge teme che la Rosneft potrebbe prendere il controllo della  PDVSA CITGO Petroleum Corporation –  una controllata della PDVSA che opera in USA –  che controlla “infrastrutture energetiche cruciali” in 19 Stati USA. “Visto come la Russia abbia già confiscato il petrolio venezuelano per fatture non pagate, malgrado l’alleanza esistente tra i due paesi, questa paura non  sembra infondata.

Mentre gli Stati Uniti fecero in passato altre esercitazioni in Sud America  senza però fare tanto rumore, la tempistica, l’ubicazione  e le nazioni coinvolte in queste nuove esercitazioni suscitano varie congetture sui veri obiettivi USA.

Dato il timore che hanno gli Stati Uniti che il petrolio venezuelano finisca nelle mani del governo russo, e data la documentazione storica sui rovesciamenti e sulle intimidazioni, fatte dagli USA, nei confronti dei governi di sinistra in Venezuela, l’operazione “American United” potrebbe essere anche più del “drill-trapano” come dice anche il suo nome – per far rientrare il Venezuela, insieme ad altre nazioni sudamericane, nell’ambito della storica influenza U.S.A.

 

Fonte: http://www.zerohedge.com

Link : http://www.zerohedge.com/news/2017-05-09/tensions-rise-us-announces-military-drills-near-embattled-venezuela

9.05.2017

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la  fonte comedonchisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • Vamos a la Muerte

    Gli stessi, soliti, violenti e sanguinari Imperialisti a stelle e strisce: dietro la trita e ritrita Retorica di “Libertà”, “Democrazia”, “Diritti Umani” e altre amenità varie.
    Agli Usa interessa una cosa sola: il Petrolio Venezuelano. Spetta al Legittimo e Democraticamente Eletto Governo Venezuelano di Maduro (checché ne dicano gli svariati bamba che popolano forum, blog e affini) difendere l’Indipendenza del Paese di fronte a quest’ennesima Aggressione Imperialista Usa.

    • Gas

      Il 70% dei venezuelani vogliono maduro fuori dai coglioni
      L’unica aggressione che sta subendo il Venezuela è da parte della dittatura chavista e di chi la difende

      • alessandroparenti

        Quando è stato fatto il referendum dove gli antimaduo hanno preso il 70 per cento? Mi è sfuggito!

      • Gas

        Ti è sfuggito che maduro ha fatto di tutto per evitare un referendun contro di lui, andando più volte contro la legge
        Ti è sfuggito che alle politiche di dicembre 2015 l’opposizione ha ottenuto 2/3 dei voti e da quella volta la popolarità di maduro è solo scesa.
        Ti deve essere anche sfuggito che la costituente che maduro sta convocando non la elegge il popolo ma il partito chavista, visto che è dall’anno scorso che le elezioni sono bloccate per motivi vari, e in molti stati e comuni politici chavisti sono in carica oltre i termini del loro mandato
        La gente ha fame, la paga media di un operaio non basta a fare la spesa per un mese.
        Nemmeno l’esercito ferma la folla, quando la folla non ha alternative

      • stefano passa

        bhe prima lo hanno votato ora se lo tengono fino a fine mandato

        • Gas

          È che a fine mandato non ci arrivano vivi, visto che 30 euro al mese di paga media non bastano a sfamare una famiglia…

      • marco schanzer

        ma no….sono tra due fuochi….e , anche loro , incapaci di affrancarsi dalla finanza e di metter su un governo per bene . Le nazioni che funzionano , sono veramente poche .

      • Renato Tarabella

        ma per davvero?

  • Giancarlo Braido

    il Peru’ non confina con il Venezuela

  • clausneghe

    Ma ste ca..o di ameri cani vogliono essere dappertutto e ovunque ad alzare la zampa..
    Ma quanti sono?

    • Gas

      Non sono
      ma come don chisciotte vedeva nemici dove non ce ne erano, e giustificava i suoi innumerevoli fallimenti dando la colpa a maghi malvagi, dittature come quella di maduro hanno bisogno di creare un nemico esterno.
      Così può giustificare le sue svolte militariste e anti democratiche, dare a loro la colpa per la sua incapacità politica e per ogni cosa che non funziona nel paese.
      Don chisciotte aveva i maghi
      Hitler aveva gli ebrei
      Maduro gli americani
      Tutti gli incapaci hanno bisogno di nemici, a costo di inventaseli 😉

      • Piramis

        “Tutti gli incapaci hanno bisogno di nemici, a costo di inventaseli ;)”
        Hai fatto l’esatta descrizione della politica estera americana degli ultimi 100 anni, complimenti 🙂

        • Gas

          Eppure i nazi mi sembravano reali
          Anche i sovietici, e di sicuro a estoni lituani o polacchi lo sono sembrati
          Agli abitanti di seoul l’occupazione del compagno kim fece abbastanza male…
          Non è che fai un po di confusione? ^_^

          • marco schanzer

            diffidi di chi le ha fornito queste fesserie . La hanno disinformata . Riparta dall’inizio .

          • Piramis

            “Non è che fai un po di confusione?”
            Io no, di sicuro.
            Forse tu ti sei perso la strada, scrivendo su CDC, probabilmente ti confondi con qualche altro sito, qui i trolls li riconosciamo a naso, da lontano 🙂
            Mi sono sempre chiesto se vi pagano un tanto a commento e, nel caso, quanto.
            Pura curiosità, sia chiaro, mera perdita di tempo il disquisire con voi.

          • Gas

            Sono io che mi domando chi paga certa gente per disinformare con determinate fesserie. Ho viaggiato in mezzo mondo, visto coi miei occhi molte delle cose che dico, e francamente trovo certe affermazioni patetiche.
            Maduro è indifendibile, le leggi economiche del suo regime hanno portato il paese alla fame, perché hanno azzerato il valore della moneta nazionale.
            Immagina,se ci riesci, che l’euro oggi valga 1 sulle altre monete, tra un anno 0,5 tra 2 0,2 e tra 17 valga 0,001 di quello che valeva oggi. (In Venezuela è cominciato nel 2000)
            Ovviamente gli stipendi non aumentano, perché il governo decreta che non c’è inflazione.
            Ma stranamente la banca nazionale si rifiuta di cambiare 1 euro per 1 dollaro come 17 anni fa.
            Certo, è anche un governo che distribuisce servizi che prima non c’erano, ospedali,.scuole e tante altre cose.
            Ma ora che il petrolio non è più a 110 dollari, il governo ha finito i soldi per i servizi e non riesce nemmeno a vendere cibo ai prezzi agevilati.
            È sotto gli occhi del mondo, è un intero paese alla fame
            Ma per voi non è abbastanza, basta nominare l’america che la realtà si deforma.
            Complimenti
            Succedeva qui sareste scesi in piazza a spaccare tutto già da molto tempo. Ma maduro è anti americano, lui può

        • marco schanzer

          questo e’ perfettamente vero . Piu’ approfondisci , e piu’ vedi che l’essenza e’ questa .

      • marco schanzer

        non e’ vero . Maduro e’ solo in ladro , non un dittatore . Non avrebbe nulla da dittare….in in paese alla fame . E sia la nefasta natura della opposizione , che la predatorieta’ degli USA , sono terribilmente vere . Inutile cercare un buono o uno che voglia governare bene . Alla radice , come da noi e in tanti altri posti , ce’ la nullita intellettuale , culturale , democratica , della MASSA .

        • Gas

          Educare la massa con fesserie e portarla a odiare qualcosa che nemmeno esiste, nel tempo, porta solo a nuovi conflitti.
          Hitler credeva a moltissimi complotti che storicamente erano ridicoli, ha cresciuto la massa di una generazione a crederci, e nell”invadere francia e Polonia quelle persone esultarono perché finalmente potevano fare “giustizia” secondo quello che pensavano fosse successo in passato.

    • gianni

      la prima fonte di guadagno USA e’ l’ industria bellica quindi hanno sempre bisogno di fare guerre

  • Carlo Mancuso

    Ma l’area calda non era in Asia con il Coreano ? Ma sono da tutte le parti !

  • Mario Poillucci

    Domande retoriche e pleonastiche! E’ chiaro che laddove trescano gli americanacci ci sono, esistono, sono di ”primario interesse” sempre e solo secondi fini! Sono o non sono il primo, vero stato canaglia e malavitoso della galassia? Ed allora di che c…zo stiamo parlando? Dove si presenta lo ziaccio sam, che il demonio se lo portasse via in un amen, la criminalità più fetida e scialloide è al lavoro!!!