“Un branco di drogati e neonazisti”.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Thierry Meyssan – voltairenet.org – 5 marzo 2022

 

Evocando una banda di drogati e neonazisti al potere a Kiev, il presidente Putin ha scioccato molti. La stampa atlantista ha cercato di presentarlo come un malato di mente. Eppure i fatti sono lì: il potere in Ucraina è ben occupato da un gruppo di drogati che hanno rubato i proventi del gas. È stata approvata una legge razziale. Sono stati eretti monumenti al collaboratore nazista Stepan Bandera. E due battaglioni nazisti sono già stati incorporati nell’esercito regolare.

La strategia militare della Russia è impossibile da decifrare oggi perché non abbiamo una registrazione accurata delle operazioni sul terreno. Solo lo staff russo e quello della NATO li hanno. Ciò che viene trasmesso è chiaramente falso, nel caso dei giornali occidentali e del governo ucraino, e non verificabile, nel caso degli eserciti della Russia, Donestz e Lugansk.

L’unica cosa certa è che -per il momento- i combattimenti sono limitati al territorio ucraino, mentre il conflitto riguarda la Russia e gli Stati Uniti, e solo incidentalmente l’Ucraina.

Ci aspettiamo che il 5 marzo 2022 la Russia alzi la voce e porti il conflitto in un secondo teatro di operazioni.

Nel frattempo, spiegherò cosa intendeva il presidente Vladimir Putin quando ha descritto le autorità ucraine come “un branco di drogati e neonazisti”, una frase estremamente scioccante, ma molto fondata.

Forse il presidente Putin sta enfatizzando troppo questi fatti, o forse noi occidentali li stiamo sottovalutando.

 

“Un branco di tossici”

Il governo di Viktor Yanukovych (2010-14) ha cercato di mantenere l’Ucraina in una via di mezzo tra il suo vicino russo e il suo amico americano. Tuttavia, nelle parole del presidente Bush Jr, “Chi non è con noi, è contro di noi”. Pertanto, è stato considerato dall’Occidente come “filorusso”. È stato rovesciato dagli Stati Uniti, sotto il comando dell’Assistente Segretario di Stato per l’Eurasia, la straussiana Victoria Nuland, durante la “Rivoluzione della Dignità” in piazza Maidan. Il regime transitorio era nelle mani di rivoltosi professionisti. La portata della corruzione della squadra di Yanukovych è stata scoperta e gli Straussiani hanno deciso di fare ancora più soldi.

Il 3 aprile, uno degli ex consiglieri del segretario di Stato americano John Kerry, il truffatore David Archer, e il suo compagno d’avventura, il figlio del vicepresidente Joe Biden, Hunter Biden, hanno incontrato il miliardario Stephen Schwartzman, capo del fondo d’investimento Blackstone (da non confondere con Blackrock) in Italia, sulle rive del lago di Como, al Club Ambrosetti.

Da sinistra a destra: David Archer e sua moglie, Joe Biden e suo figlio Hunter che giocano a golf.

David Archer, era stato inserito nel consiglio di amministrazione di Burisma Holdings, un’importante società di gas ucraina il cui proprietario era sotto inchiesta da parte dell’FBI e del MI5 in Occidente. La polizia americana e britannica erano convinte che il proprietario di Bursima, l’oligarca Mykola Zlochevsky, che era il ministro delle risorse naturali del regime di Yanukovych, aveva concesso illegalmente le sue società di petrolio e gas. Archer è stato pagato 83.333 dollari al mese per questa posizione di frontman. Una foto di lui alla Casa Bianca con il vicepresidente Biden è stata messa sul sito web della società.

Poi il vicepresidente Joe Biden e i suoi consiglieri Jake Sullivan e Antony Blinken arrivarono a Kiev per promettere l’assistenza degli Stati Uniti al nuovo regime e per organizzare elezioni credibili. Tuttavia, gli oblast di Donestzk e Lugansk respinsero il governo provvisorio, che comprendeva cinque ministri nazisti, e in un referendum proclamarono la loro indipendenza. Il giorno dopo, il 12 maggio 2014, il figlio del vicepresidente Biden, il drogato Hunter Biden, entrò a far parte del consiglio di amministrazione della Burisma Holding. Raggiunto successivamente da un terzo personaggio, il genero del segretario di Stato John Kerry, Christopher Heinz, che si unì a David e Hunter.

Nella seconda metà del 2014, su istruzioni di David Archer e Hunter Biden, Burisma pagò una tangente di 7 milioni di dollari al nuovo procuratore generale dell’Ucraina del regime di Poroshenko per scrivere il falso e chiudere il caso contro la società e il suo proprietario oligarca. In un’intercettazione si sente il presidente Petro Poroshenko confermare al vicepresidente Biden che l’accordo era stato “stipulato”. Gli Stati Uniti avevano così riciclato l’ex ministro del “filorusso” Yanukovych. In seguito, l’avido procuratore generale fu estromesso da un voto parlamentare provocato da Stati Uniti, UE, FMI e Banca Mondiale, che volevano anche salvare l’oligarca ed ex primo ministro Yulia Tymoshenko, ma ad un prezzo inferiore.

Tutti questi eventi sono stati ampiamente riportati dalla stampa ucraina, ma sono solo la punta dell’iceberg. Per esempio, secondo il Wall Street Journal, il segretario americano all’energia Rick Perry avrebbe fatto pressione sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky per licenziare i direttori della compagnia statale del gas Naftogaz e sostituirli con altri, tra cui lo straussiano Amos Hochstein.

Nel luglio 2019, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump chiese al suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, di indagare su questi casi di corruzione (compreso quello del suo stesso segretario all’energia), ma Zelensky rifiutò. Mentre la pressione di Trump montava, un funzionario dell’intelligence statunitense rivelò il contenuto di questa conversazione e accusò il presidente Trump di usare l’Ucraina per danneggiare il suo rivale, il candidato democratico Joe Biden. Questo portò all’impeachment del presidente Trump al Congresso, il c.d. Ukrainagate.

A dir poco, ci sono prove di una grande corruzione, di cui hanno beneficiato personalità ucraine e americane, e che alla fine ha portato alla scomparsa di decine di miliardi di dollari e al crollo del tenore di vita della popolazione ucraina. Tutto questo è stato fatto da uomini di paglia che non hanno alcuna competenza in materia di gas, ma hanno in comune il fatto di frequentare i festini a base di droga di Hunter Biden. Questo è ciò che il presidente russo Vladimir Putin ha giustamente indicato.

Da un punto di vista europeo, come tutti hanno visto, nell’ultimo anno il prezzo del gas al consumo è aumentato di dieci volte. È vero che l’aumento della domanda è maggiore dell’aumento dell’offerta, ma questo non può in alcun modo spiegare la portata di questo aumento dei prezzi. In effetti, i contratti di gas a lungo termine hanno ancora un prezzo leggermente più alto che in passato, mentre i contratti a breve termine sono saliti. La differenza può essere spiegata solo dalla speculazione. E proprio Blackstone e gli amici del presidente Joe Biden sono stati i primi a speculare. Ovviamente si aspettavano una crisi in uno dei paesi produttori.

È facile capire perché la stampa atlantista minimizza l’affare Hunter Biden, in cui il padre, ora presidente degli Stati Uniti, è dentro fino al collo. Alla fine, l’attuale operazione militare in Ucraina sta facendo aumentare ulteriormente i prezzi del gas, ancora una volta a beneficio degli amici del presidente americano e a scapito degli europei.

Questi fatti dovrebbero essere collegati a ciò che ho scritto nel precedente articolo di questa serie. Jake Sullivan, Antony Blinken e Victoria Nuland, che hanno pilotato questi schemi, sono straussiani. E come il primo di loro, Paul Wolfowitz, ha scritto nel 1992: “Il principale rivale degli Stati Uniti è l’Unione Europea, il cui sviluppo deve essere impedito”.

Inoltre, questi fatti sono affari interni dell’Ucraina e dell’Europa occidentale. Non giustificano un intervento esterno.

 

“Una banda di neo-nazisti”.

Il presidente Vladimir Putin ha anche parlato di una banda di neonazisti. Questa volta non si tratta più di un piccolo gruppo di poche decine di persone, ma di diverse migliaia, tra 10 e 20.000.

Arrivo del battaglione nazista Azov a Mariupol nell’agosto 2020.

Per capire questo, bisogna ricordare che alla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti e l’URSS fecero prigionieri ciascuno molti dignitari nazisti. Tutti cercarono di ottenere informazioni da loro. Ma se, dopo otto mesi, i sovietici li rimandarono a casa, gli americani ne trattennero alcuni e li riciclarono. È noto che, per esempio, lo scienziato nazista che aveva progettato la V2, Werner von Braun, divenne il direttore della NASA (operazione “Paperclip”). O che il consigliere speciale del cancelliere Adolf Hitler per il Nuovo Ordine in Europa, Walter Hallstein, divenne il primo presidente della Commissione Europea. O che l’alpinista Heinrich Harrer fu incaricato dalla CIA di istruire il Dalai Lama. Ciò che è meno noto è che la CIA ha anche riciclato molti ufficiali delle SS e della Gestapo in tutto il mondo. Per esempio, mise l’ufficiale della Gestapo Klaus Barbie come consigliere dei servizi segreti della Bolivia, dove riuscì a far assassinare Che Guevara, o l’SS Alois Brunner in Siria (allora alleato di Washington).

Durante tutta la guerra fredda, la CIA si avvalse di nazisti. Tuttavia, il presidente Jimmy Carter nominò l’ammiraglio Stansfield Turner per rimettere in ordine l’agenzia, per limitare il ruolo di questi agenti e per porre fine alle dittature. La maggior parte dei nazisti furono licenziati, ma quelli che potevano operare nel Patto di Varsavia furono mantenuti. Il presidente Ronald Reagan celebrò le “nazioni prigioniere” dell’Europa orientale, creando una serie di associazioni per destabilizzare gli stati del Patto di Varsavia e persino l’URSS.

È quindi abbastanza logico che nel 2007, la CIA abbia organizzato un congresso a Ternopol (Ucraina) per riunire i neonazisti europei e i jihadisti anti-russi del Medio Oriente. Era presieduto dal nazista ucraino Dmitro Yarosh e dall’emiro ceceno Doku Umarov. Tuttavia, Umarov, che era ricercato dall’Interpol, non potè partecipare, ma inviò un video messaggio di sostegno. Successivamente, neonazisti e jihadisti combatterono insieme per imporre l’Emirato islamico dell’Itchkeria al posto della Repubblica cecena.

Nel 2013, la NATO addestrò in Polonia gli uomini dello stesso Dmitro Yarosh al combattimento di strada. In questo modo, divennero operativi durante il cambio di regime guidato da Victoria Nuland in Ucraina: la “Rivoluzione della Dignità”, conosciuta anche come “EuroMaïdan”. La maggior parte dei giornalisti sul posto si accorse dell’inquietante presenza di questi nazisti, ma le personalità occidentali che vennero a partecipare a questa “rivoluzione”, come Bernard-Henri Lévy, erano cieche.

Nei mesi successivi, la presenza di cinque ministri nazisti nel governo di transizione provocò referendum indipendentisti negli oblast di Donestz e Lugansk. Il presidente Petro Poroshenko, su consiglio degli amici di Hunter Biden, li organizzò in unità militari e li collocò al confine delle nuove Repubbliche popolari di Donestz e Lugansk. I gruppi neonazisti erano finanziati dal padrino della mafia locale Ihor Kolomoysky. Il fatto che quest’ultimo fosse presidente della Comunità ebraica dell’Ucraina non gli impediva di scegliere i suoi scagnozzi in questo modo. Tuttavia, quando Kolomoysky cercò di prendere il controllo delle organizzazioni ebraiche europee con il suo denaro e le sue minacce, fu espulso.

Per rovesciare il presidente Poroshenko, Ihor Kolomoysky “fabbricò” un nuovo politico producendo una serie televisiva, Servitore del popolo, con Volodymyr Zelensky come attore principale. Quando Zelensky fu eletto presidente e gli straussiani tornarono alla Casa Bianca, egli accettò tutti i loro suggerimenti. Fece erigere monumenti a Stepan Bandera, il leader dei collaboratori nazisti durante la seconda guerra mondiale. Alla fine, sostenne la sua ideologia che la popolazione ucraina aveva due origini, scandinava e proto-germanica da un lato, e slava dall’altro, e che solo i primi erano veri ucraini, i secondi solo russi, subumani. Il 21 luglio 2021, promulgò una “legge sui popoli indigeni” che privava gli ucraini di origine slava del godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Questa legge non è ancora stata attuata.

Per sette anni, gruppi nazisti hanno massacrato a caso la gente nel Donbass. Germania e Francia, garanti degli accordi di Minsk, non hanno fatto nulla. Le stesse Nazioni Unite hanno chiuso un occhio. In sette anni, questi gruppi sono cresciuti. Sono passati da centinaia di soldati a migliaia.

Su richiesta di Victoria Nuland, il presidente Zelensky nominò Dmitro Yarosh consigliere speciale del capo dell’esercito. Quest’ultimo, ovviamente imbarazzato, ha rifiutato di commentare questo strano duo per ragioni di “sicurezza nazionale”. Yarosh riorganizzò i neonazisti in due battaglioni e gruppi urbani e lanciò un grande attacco contro gli oblast separatisti nel fine settimana della conferenza di sicurezza di Monaco, scatenando la risposta russa.

Il 3 marzo, il battaglione nazista Aydar fu sconfitto dall’esercito russo. Il presidente Zelensky nominò poi nominato il suo comandante governatore di Odessa con il compito di impedire agli eserciti russi di collegare la Crimea e la Transnistria.

Tutti questi fatti sono indiscutibili. La risposta della Russia può essere vista come sproporzionata e inappropriata, ma non ingiustificata.

Bisogna tener presente che la seconda guerra mondiale è stata vissuta in modo diverso in Occidente e in Oriente. In Europa occidentale, il nazismo era una dittatura che prendeva di mira le minoranze, gli zingari e gli ebrei, e li rapiva e sterminava a milioni nei campi. Nell’Europa dell’Est, il progetto era molto diverso. Si trattava di liberare uno spazio vitale sterminando la popolazione slava. Non c’era bisogno di un campo [di lavoro]. Tutti dovevano essere uccisi. La distruzione non è paragonabile. La sola URSS ha avuto 27 milioni di morti. La Russia moderna è stata costruita sulla memoria di questa Grande Guerra Patriottica contro il nazismo. Per i russi, è inaccettabile indossare svastiche e approvare una legge razziale. È necessario agire senza aspettare che venga applicata.

 

Link: https://www.voltairenet.org/article215853.html

 

Traduzione di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x