Home / Attualità / Un altro passo verso l’Armageddon

Un altro passo verso l’Armageddon

DI PAUL CRAIG ROBERTS

paulcraigroberts.org

Il military/security complex americano ha fatto un altro passo verso l’Armageddon. Il Pentagono ha preparato una Nuclear Posture Review (NPR), che dà il via libera allo sviluppo di più piccole armi nucleari “utilizzabili” e ne autorizza l’uso in risposta ad un attacco non nucleare.

Come avevano capito Reagan e Gorbaciov, ma non i guerrafondai che si sono impadroniti dell’America, ci sono già troppe armi nucleari. Alcuni scienziati hanno concluso che persino l’uso del 10% dell’arsenale statunitense o russo sarebbe sufficiente a distruggere la vita sulla Terra.

È spericolato ed irresponsabile che Washington prenda una tale decisione, dopo anni di aggressioni contro la Russia. Il regime criminale di Clinton non ha mantenuto la promessa che la NATO non si sarebbe espansa verso a est. Il regime criminale di George W. Bush si è tirato fuori dal Trattato anti missili balistici ed ha cambiato la dottrina di guerra USA, per elevare l’uso di armi nucleari da rappresaglia a primo attacco. Il regime criminale di Obama ha lanciato una propaganda frontale contro la Russia, con la Clinton che ha apostrofato Putin come “il nuovo Hitler”. Nel tentativo di togliere alla Russia la base navale in Crimea, il regime Obama ha rovesciato il governo ucraino durante le Olimpiadi di Sochi, installando un proprio governo fantoccio. Basi missilistiche americane sono state stabilite al confine con la Russia, ed ora la NATO può ivi compiere esercitazioni militari.

Questa è follia. Queste ed altre provocazioni gratuite hanno convinto il comando militare dell’esercito russo che Washington stia progettando un attacco nucleare a sorpresa. Mosca ha risposto a queste provocazioni dicendo che non combatterà mai più una guerra sul proprio territorio.

Quelli come me e Stephen Cohen, che sottolineano che il comportamento sconsiderato ed irresponsabile del deep state ha reso nemico un paese che desiderava molto essere amico, non ricevono molta attenzione dai media presstituti. Il military/security complex ha bisogno di un nemico sufficiente a giustificare i suoi vasti budget e potere, ed i media occidentali hanno accolto questo egoistico e pericoloso bisogno.

La Russia oggi è molto più forte e meglio armata di quanto lo sia mai stata l’Unione Sovietica. Ha anche un’alleanza con la Cina, un potere economico e militare, creata proprio dalle minacce di Washington contro ambo i paesi.

Europa e Giappone devono capire che sono responsabili della risurrezione di una Guerra Fredda ben più pericolosa di quella del 20° secolo. Entrambe, i cui leader politici sono di proprietà di Washington, hanno infatti preso denaro da D.C. e svenduto i propri popoli assieme al resto dell’umanità.

L’intero mondo occidentale è privo di una leadership politica intelligente. Sono paesi come Russia, Cina ed Iran ad avere il compito di preservare la vita sulla Terra, dato che l’Occidente spinge l’umanità verso l’Armageddon.

 

Paul Craig Roberts

Fonte: www.paulcraigroberts.org

Link: https://www.paulcraigroberts.org/2018/01/11/another-step-toward-armageddon/

11.01.208

Traduzione prr www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Pubblicato da Davide

10 Commenti

  1. [cito]
    L’intero mondo occidentale è privo di una leadership politica
    intelligente. Sono paesi come Russia, Cina ed Iran ad avere il compito
    di preservare la vita sulla Terra, dato che l’Occidente spinge l’umanità
    verso l’Armageddon.
    [fine citazione]

    Per la prima parte posso essere genericamente d’accordo, anche se non è proprio così … ci sono diversi se e diversi ma: le cose non sono mai semplici e lineari come ce le immaginiamo e come tendiamo a descriverle. Diciamo che è più corretto dire che non fa comodo adesso che paesi europei forti, abbiano guide politiche di governo troppo autonome rispetto ai territori da governare. Dopodichè guai a considerare Macron o la Merkel leader stupidi. Ma nemeno Draghi o la May.
    Sulla seconda parte invece prendo le distanze. Non esistono paesi che possono prendersi la briga di “preservare la vita sulla terra”. Quello è un compito che non può essere di una plutocrazia anche se illuminatissima. Così come nessuno può diventare genitore di tutta l’umanità, ce un solo modo per “preservare la vita sulla terra”: accorgersi che esiste. Ma per ora siamo distanti dal quell’obbiettivo e abbiamo pure preso direzioni che ci allontanano da quell’obbiettivo.

  2. Resto sempre fedele al “Proletari di tutti i Paesi unitevi”….

  3. L’Europa e il Giappone devono capire ……L’Europa capire? Con quei cervelli che si ritrovano? Ma per favore!!!

  4. Non credo che una guerra nucleare termini la vita sulla terra, nemmeno se scoppiassero tutte le bombe atomiche in circolazione. Da qualche parte in Siberia, Africa o America Latina qualcosa si salverà. La prossima guerra atomica farà centinaia di milioni di morti, forse miliardi, quello sì. Daltronde il TREND è quello lì. Da Napoleone in poi il numero delle vittime nelle guerre che si sono succedute è stato un crescendo. Qui si parla comunque di demenzialità umana o troppa droga che gira nell’ Oligarchia. La guerre sono nate e sono “naturali” se fatte con pietre, lance e bastoni …mica le atomiche! La parte triste è che chi decide di andare in guerra non è la povera gente. Chi non arriva a fine mese fa la sua guerra ogni giorno…

    • “La guerre sono nate e sono “naturali” se fatte con pietre e bastoni …mica le atomiche”.
      Parole sante, le guerre fatte con i carri armati, gli Stukas, i missili, i droni, sono crimini contro l’umanità e qualcuno dovrà render conto; eventualmente anche al Nostro Dio… t l

      • quale Dio, quello che ci ha insegnato a fare le guerre o quello di cui non si ha alcuna idea se esista o meno

        • caro gian
          “un Dio che dobbiamo trovare dentro Noi stessi”. (G. Gaber).
          se lo cerchi lo trovi senz’altro, è un dio che ti farà star bene perché non necessita di nessuna religione ma solo tempo, il tempo che devi dedicare a te e volerti bene, (di conseguenza vuoi bene anche agli altri) chè un’altra vita non ci è data. saluti, t l

  5. Certo che leggere P.C.R. non tira su il morale..
    D’altronde è proprio come dice lui se non peggio.
    Pensiamo all’ultima pesante provocazione dei 13 Droni finti artigianali che volevano colpire la base Russa di Hmeymim e il porto di Tartus.
    Putin ha detto senza mezzi termini che sa chi c’è dietro, e non è la Turchia.
    Sarà forse Usraele? (questo lo penso io)
    Nel mentre, gli esecutori materiali dei precedenti tiri di mortaio, sempre sulla base aeronautica di Hmeymim e che provocarono la morte di due soldati Russi, la notte di capodanno, secondo quanto comunicato dal M.O.D., sono stati, tutti e sei assieme, mentre salivano sul pulmino, ridotti in brandelli fumanti da un tiro teleguidato di artiglieria.
    I Ruski per condurre l’operazione hanno messo in campo tutti i loro sistemi, intelligence per prima, hanno stabilito da dove sono partiti i colpi, hanno seguito e spiato i bombaroli e poi al momento giusto li hanno inceneriti,per concludere.
    C’è anche il presunto video rilasciato.
    I Droni killer non hanno avuto molta più fortuna, sono stati tutti abbattuti dalla contraerea o tirati a terra dal sistema di guerra elettronica.
    Viene da pensare che Usraele li stia testando e tastando, i Russi, ma ci rimane male.
    Certo che noi, anzi loro gli Italioti al comando, pensano a buttare un fracco di soldi sugli sfigati F35 che niente potrebbero contro un attacco di Droni a sciame, e poi, pensiamo che la nostra risibile Difesa sia in grado di abbattere 13 piccoli velivoli su 13 come hanno fatto loro?
    O di risalire al punto di fuoco dei mortai?
    Speriamo solo che i nostri dannati governanti non lascino partire un colpo dal nostro territorio pieno di basi Usanato, perchè l’Orso giustamente farebbe partire gli artigli, e che artigli, checchè ne dica la propaganda de noàntri..

  6. Con il bilancio economico-militare che hanno gli Usa non vanno da nessuna parte.
    http://dailysignal.com/2017/02/10/defense-leaders-agree-us-military-readiness-is-at-a-dangerous-low/