Soros: Cina minaccia la ‘società aperta’. Rotschilds scaricano Xi?

Il discorso di George Soros alla Hoover Institution di ieri è un vero e proprio attacco a viso aperto all'establishment cinese.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Video" su Telegram.

Il discorso di George Soros alla Hoover Institution di ieri è un vero e proprio attacco a viso aperto all’establishment cinese. Jinping è paragonato dallo Schwarz naturalizzato yankee prima a Hitler, paragonando le Olimpiadi invernali che si terranno in Cina a quelle nella Germania naziasta nel 1934: anche Xi come il fuhrer avrebbe intenzione di sfoggiare sul mondo il suo modello autoritario. Poi a Dheng Xiaoping, il suo predecessore, grande riformista in senso liberale, diversamente da Xi, comunista impenitente come Mao e Lenin, al quale Soros in chiusura del discorso augura addirittura di essere destituito, e invita tutti i paesi occidentali a collaborare coi dissidenti dell’attuale governo cinese. Dopo la provocazione, accende la miccia: minacciando apertamente la Cina di un attacco bellico congiunto con gli USA alla testa, se osa minacciare Taiwan. Mentre sull’Ucraina loro saranno pacifici, deve essere Putin a decidere. Il diavolo, si sa, è nei dettagli, e qui se guardate il video ne coglierete uno fondamentale: George Soros parla come se il presidente degli Stati Uniti fosse lui. D’altronde, con quello che ha speso per far eleggere Sleepy Joe!

Altro passaggio interessante è quello in cui il dietro-golpista ungherese attribuisce il declino della potenza americana al progresso tecnologico e delle intelligenze artificiali, che sono “particolarmente efficaci nel produrre strumenti di controllo che aiutano i regimi repressivi e mettono in pericolo le società aperte” e questo favorirebbe la dittatura cinese sulla democraticissima America. Poi traccia, a modo suo, la storia del Partito Comunista Cinese (Mao cattivo, Deng bravo perché apre ai capitali stranieri, Xi cattivo perché statalizza) per arrivare all’attuale crisi immobiliare del colosso Evergrande, altro errore dell’attuale amministrazione che ha investito troppo nell’immobiliare, anche perché i cinesi, secondo Soros, sono meno di quanti dicono di essere e questo non gioverà al mercato degli immobili.

Come mai quest’attacco così diretto? I Rothschilds, di cui l’ex spia ungherese è il factotum, hanno scaricato Xi? Oppure stanno cercando di alimentare un fittizio fronte russo-cinese da contrapporre alla NATO? O si stanno preparando la narrazione per scaricare sulla Cina le responsabilità del piano autoritario globalista noto come Operazione Covid? Che messaggio vuole mandare Soros con questa vera e propria ‘sparata’?

Aspettiamo la risposta di Xi.

(Segue al video il testo integrale del discorso)

Le seguenti osservazioni sono state pronunciate all’apertura di un panel della Hoover Institution – La Cina alla vigilia delle Olimpiadi invernali: Hard Choices for the World’s Democracies, il 31 gennaio 2022.

Il 2022 sarà un anno critico nella storia del mondo. Tra pochi giorni, la Cina – lo stato autoritario più potente del mondo – inizierà ad ospitare le Olimpiadi invernali e, come la Germania nel 1936, tenterà di usare lo spettacolo per segnare una vittoria propagandistica per il suo sistema di controlli rigorosi.

Siamo a, o vicini a, decisioni importanti che determineranno la direzione in cui il mondo sta andando. Le elezioni tedesche sono già avvenute, quelle francesi avranno luogo nell’aprile 2022. In quello stesso mese, gli elettori ungheresi, contro ogni aspettativa, potrebbero cacciare dal potere un governante autoritario. Insieme alla decisione di Putin di invadere l’Ucraina, questi sviluppi contribuiranno a determinare il destino dell’Europa.

A ottobre, il 20° Congresso del Partito cinese deciderà se dare a Xi Jinping un terzo mandato come segretario generale del Partito. Poi, gli Stati Uniti terranno un’elezione cruciale di metà mandato a novembre.

Il cambiamento climatico rimarrà una sfida politica fondamentale per il mondo, ma la caratteristica geopolitica dominante del mondo di oggi è l’escalation del conflitto tra due sistemi di governo che sono diametralmente opposti tra loro. Permettetemi quindi di definire la differenza nel modo più semplice possibile.

In una società aperta, il ruolo dello Stato è quello di proteggere la libertà dell’individuo. In una società chiusa il ruolo dell’individuo è quello di servire i governanti dello stato.

Come fondatore della Open Society Foundations, ovviamente sono dalla parte delle società aperte. Ma la domanda più importante ora è: quale sistema prevarrà?

Ognuno ha punti di forza e di debolezza. Le società aperte liberano le energie creative e innovative delle persone, le società chiuse concentrano il potere nelle mani dello stato monopartitico. Questi sono i punti di forza. Le debolezze sono più specifiche delle condizioni locali e regionali. Per esempio, la relazione tra l’Unione europea e i suoi stati membri è ancora in evoluzione. L’UE dovrebbe proteggere la Lituania, che ha riconosciuto Taiwan, da un blocco non ufficiale della Cina, ma lo farà? La vittoria delle società aperte non può essere data per scontata, in un mondo che traballa sull’orlo dell’aggressione militare, sia in Ucraina che a Taiwan.

Il presidente Biden ha generalmente adottato le politiche giuste. Ha detto a Putin che la Russia pagherà un prezzo pesante se attacca l’Ucraina, ma gli Stati Uniti non andranno in guerra per difendere l’Ucraina. Se Putin attacca, la sua pena più pesante sarà una maggiore cooperazione transatlantica. Biden non farà concessioni unilaterali ma è interessato a trovare una soluzione pacifica. La scelta spetta a Putin.

Allo stesso tempo, Biden ha chiarito a Xi Jinping che se usa la forza contro Taiwan, la Cina dovrà confrontarsi non solo con gli Stati Uniti, ma con un’alleanza più grande composta dall’AUKUS, cioè Australia, Regno Unito e Stati Uniti e dal QUAD che è Stati Uniti, Giappone, Australia e India, insieme a un certo numero di altri potenziali alleati che non si sono ancora impegnati pienamente in un’azione comune, come la Corea del Sud e le Filippine. Il Giappone è il paese che più di tutti si è impegnato a difendere Taiwan.

D’altra parte, Xi Jinping ha dichiarato che è determinato ad affermare la sovranità della Cina su Taiwan con la forza, se necessario. Sta dedicando enormi risorse agli armamenti. Recentemente ha sorpreso il mondo dimostrando un missile ipersonico controllabile.

Gli Stati Uniti non hanno nulla di paragonabile e non intendono competere. Penso che questa sia la politica giusta perché la conquista ipersonica di Xi Jinping non cambia l’equilibrio della distruzione reciproca assicurata che impedirà ai nemici di attaccarsi a vicenda. Il missile è solo una vittoria propagandistica. Tuttavia, la guerra tra gli Stati Uniti e i suoi nemici è diventata più plausibile e questo non è un argomento piacevole da contemplare.

Recentemente mi sono posto la domanda: come è nata la situazione attuale? Quando ho intrapreso quella che chiamo la mia filantropia politica negli anni ’80, la superiorità americana non era in discussione. Ora non è più così. Perché?

Parte della risposta va ricercata nel progresso tecnologico, la maggior parte del quale si basa sull’intelligenza artificiale, o IA, che era agli inizi negli anni ’80.

Lo sviluppo dell’IA e l’ascesa dei social media e delle piattaforme tecnologiche si sono evoluti insieme. Questo ha prodotto aziende molto redditizie che sono diventate così potenti che nessuno può competere con loro, ma possono competere tra loro. Queste aziende sono arrivate a dominare l’economia globale. Sono multinazionali e la loro portata si estende ad ogni angolo del mondo. Tutti possiamo nominarle: Facebook, Google, Apple e Amazon. Ci sono conglomerati simili in Cina, ma i loro nomi sono meno noti in Occidente.

Questo sviluppo ha avuto conseguenze politiche di vasta portata. Ha acuito il conflitto tra Cina e Stati Uniti e gli ha dato una dimensione completamente nuova.

La Cina ha trasformato le sue piattaforme tecnologiche in campioni nazionali; gli Stati Uniti sono più esitanti a farlo perché si preoccupano del loro effetto sulla libertà dell’individuo. Questi diversi atteggiamenti gettano nuova luce sul conflitto tra i due sistemi di governo che gli Stati Uniti e la Cina rappresentano.

In teoria, l’IA è moralmente ed eticamente neutra; può essere usata per il bene o per il male. Ma in pratica, il suo effetto è asimmetrico.

L’IA è particolarmente efficace nel produrre strumenti di controllo che aiutano i regimi repressivi e mettono in pericolo le società aperte. È interessante notare che il Coronavirus ha rafforzato il vantaggio di cui godono i regimi repressivi legittimando l’uso dei dati personali a fini di controllo pubblico.

Con questi vantaggi, si potrebbe pensare che Xi Jinping, che raccoglie dati personali per la sorveglianza dei suoi cittadini più aggressivamente di qualsiasi altro sovrano nella storia, sia destinato ad avere successo. Lui certamente lo pensa, e molti gli credono. Vorrei spiegare perché non è così. Questo richiederà una piccola storia del Partito Comunista Cinese, o PCC.

La prima persona a comandare il PCC, Mao Zedong, ha scatenato il Grande Balzo in Avanti che ha causato la morte di decine di milioni di persone. Questo fu seguito dalla Rivoluzione Culturale che distrusse la cultura tradizionale cinese torturando e uccidendo l’élite culturale ed economica.

Da questo tumulto emerse un nuovo leader, Deng Xiaoping, che riconobbe che la Cina era tristemente in ritardo rispetto al mondo capitalista. Il suo motto era: “Nascondi la tua forza e aspetta il tuo momento”. Ha invitato gli stranieri a investire in Cina, e questo ha portato a un periodo di crescita miracolosa che è continuato anche dopo che Xi Jinping è salito al potere nel 2013.

Da allora, Xi Jinping ha fatto del suo meglio per smantellare le conquiste di Deng Xiaoping. Ha portato le imprese private fondate sotto Deng sotto il controllo del PCC e ha minato il dinamismo che le caratterizzava. Invece di lasciar fiorire l’impresa privata, Xi Jinping ha introdotto il suo “sogno cinese” che può essere riassunto in due parole: controllo totale. Questo ha avuto conseguenze disastrose.

Al contrario di Deng, Xi Jinping è un vero credente del comunismo. Mao Zedong e Vladimir Lenin sono i suoi idoli. Alla celebrazione del centenario del PCC era vestito come Mao mentre il resto del pubblico indossava abiti da lavoro.

Secondo le regole di successione stabilite da Deng, il mandato al potere di Xi Jinping dovrebbe scadere nel 2022. Ma Xi, ispirandosi a Lenin, ha ottenuto un fermo controllo sui militari e su tutte le altre istituzioni di repressione e sorveglianza. Ha accuratamente coreografato il processo che lo eleverà al livello di Mao Zedong e Deng Xiaoping e lo renderà sovrano a vita. Per realizzare questo, Xi ha dovuto reinterpretare la storia del PCC per mostrare che essa porterà logicamente a nominarlo almeno per un altro mandato.

Xi Jinping ha molti nemici. Anche se nessuno può opporsi pubblicamente a lui perché controlla tutte le leve del potere, c’è una lotta all’interno del PCC che è così acuta che ha trovato espressione in varie pubblicazioni di partito. Xi è sotto attacco da coloro che si ispirano alle idee di Deng Xiaoping e vogliono vedere un ruolo maggiore per l’impresa privata.

Xi Jinping stesso crede di introdurre un sistema di governo che è intrinsecamente superiore alla democrazia liberale. Ma governa con l’intimidazione e nessuno osa dirgli quello che non vuole sentire. Di conseguenza, è difficile scuotere le sue convinzioni, anche se il divario tra le sue convinzioni e la realtà è diventato sempre più ampio.

La Cina sta affrontando una crisi economica incentrata sul mercato immobiliare, che è stato il principale motore di crescita da quando Xi Jinping è salito al potere nel 2013.

Il modello su cui si basa il boom immobiliare è insostenibile. Le persone che comprano appartamenti devono iniziare a pagarli ancora prima che siano costruiti. Quindi, il sistema è costruito sul credito. I governi locali traggono la maggior parte delle loro entrate dalla vendita di terreni a prezzi sempre più alti.

Alla fine, i prezzi sono dovuti salire oltre il livello che la gente comune può permettersi. Questo è successo a metà del 2021. A quel punto, il boom era cresciuto a una dimensione malsana. Rappresentava quasi il 30% dell’economia e stava consumando una quantità sempre maggiore di credito.

Dopo un’accelerazione graduale, il boom immobiliare è finito con un botto. I prezzi dei terreni residenziali nel giugno 2021 erano più del 30% più alti di quelli dell’anno precedente. Le autorità hanno cercato di rallentare il ritmo e hanno ordinato alle banche di non aumentare i prestiti per gli immobili residenziali.

La direttiva ha avuto l’effetto opposto a quello voluto. Ha reso difficile per lo sviluppatore più grande e con più leva finanziaria, Evergrande, soddisfare i suoi obblighi. I subappaltatori che non sono stati pagati hanno smesso di lavorare, e le persone che hanno comprato appartamenti hanno iniziato a preoccuparsi che non avrebbero mai potuto ricevere le case per cui avevano pagato.

Quando a settembre è iniziata la stagione principale delle vendite, c’erano molti più venditori che acquirenti. Per un po’ non c’è stata quasi nessuna transazione ai prezzi pubblicizzati, ma oggi i prezzi sia dei terreni che degli appartamenti stanno cominciando a scendere. Questo metterà molti di coloro che hanno investito la maggior parte dei loro risparmi nel settore immobiliare contro Xi Jinping.

Evergrande è ora in amministrazione controllata e altri sviluppatori affrontano un destino simile. I creditori di Evergrande hanno iniziato a lottare per migliorare la loro posizione nel ricevere le distribuzioni fallimentari. I tribunali hanno preso il comando, e la loro prima mossa è stata quella di proteggere i subappaltatori che impiegano circa 70 milioni di lavoratori migranti.

Resta da vedere come le autorità gestiranno la crisi. Potrebbero aver rimandato troppo a lungo la questione, perché la fiducia della gente ora è stata scossa. Xi Jinping ha molti strumenti a disposizione per ristabilire la fiducia – la domanda è se li userà correttamente. Secondo me, il secondo trimestre del 2022 mostrerà se ci è riuscito. La situazione attuale non sembra promettente per Xi.

Strettamente legato al settore immobiliare, la Cina affronta anche un serio problema demografico. Il tasso di natalità è molto più basso di quanto indicano le cifre pubblicate. Gli esperti calcolano che la popolazione reale è circa 130 milioni più bassa della cifra ufficiale di 1,4 miliardi. Questo non è molto noto, ma aggraverà la crisi immobiliare, produrrà carenze di manodopera, tensioni fiscali e un rallentamento dell’economia.

Xi Jinping ha anche incontrato seri problemi con i vaccini. I vaccini cinesi sono stati progettati per affrontare la variante Wuhan, ma il mondo è ora alle prese con altre varianti, prima Delta e ora Omicron. Xi Jinping non potrebbe mai ammetterlo mentre aspetta di essere nominato per un terzo mandato. Lo sta nascondendo al popolo cinese come un segreto colpevole.

Tutto quello che Xi Jinping può fare ora è imporre una politica di “zero Covid”. Questo comporta severe chiusure al minimo segno di un’epidemia, ma questo sta avendo un effetto negativo sull’attività economica. Sta anche infliggendo gravi disagi alla gente che viene istantaneamente messa in quarantena ovunque si trovi e le sue lamentele non possono essere messe a tacere.

Omicron minaccia di essere la rovina di Xi Jinping. È molto più infettivo di qualsiasi variante precedente, anche se è molto meno dannoso per tutti coloro che sono stati adeguatamente vaccinati. Ma i cinesi sono stati vaccinati solo contro la variante di Wuhan e il segreto colpevole di Xi Jinping è destinato ad essere rivelato durante le Olimpiadi invernali o subito dopo.

L’Omicron è entrato in Cina principalmente attraverso la città portuale di Tianjin, che dista 30 minuti di treno ad alta velocità da Pechino. Ormai si è diffuso in un numero crescente di città in tutta la Cina. Non è più sotto controllo.

Poiché le Olimpiadi invernali sono il progetto di prestigio di Xi Jinping, l’amministrazione sta facendo di tutto per renderle un successo. I concorrenti sono ermeticamente isolati dalla popolazione locale, ma non ha senso continuare lo sforzo dopo l’evento. È improbabile che le chiusure in tutta la città funzionino contro una variante infettiva come Omicron. Questo è evidente a Hong Kong, dove l’epidemia di Omicron sembra sempre più grave. Eppure il costo di zero-Covid sta aumentando ogni giorno perché la città è isolata dal resto del mondo, e anche dalla Cina. Hong Kong evidenzia la sfida più ampia che Omicron rappresenta per Xi Jinping.

Ha cercato di imporre il controllo totale, ma ha fallito. Data la forte opposizione all’interno del PCC, l’elevazione attentamente coreografata di Xi Jinping al livello di Mao Zedong e Deng Xiaoping potrebbe non avvenire mai.

C’è da sperare che Xi Jinping possa essere sostituito da qualcuno meno repressivo in patria e più pacifico all’estero. Questo eliminerebbe la più grande minaccia che le società aperte affrontano oggi e dovrebbero fare tutto ciò che è in loro potere per incoraggiare la Cina a muoversi nella direzione desiderata.

Grazie.

Traduzione e sottotitoli MDM, 02/02/2022

Fonte https://www.georgesoros.com/2022/01/31/george-soros-on-china-remarks-delivered-at-the-hoover-institution/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
40 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
40
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x