Silvana De Mari: “Arrendersi oggi significa inginocchiarsi per sempre”

di Valentina Bennati
comedonchisciotte.org

Specializzata in chirurgia generale, endoscopia digestiva e psicoterapia, la dottoressa Silvana De Mari è anche una straordinaria scrittrice di libri fantasy. Mi sono ‘innamorata’ di lei in questo anno di follia covid, ascoltando le parole infuocate dei video che quasi ogni giorno da mesi registra nella sua casa sulla collina e che poi sono seguiti da migliaia di persone.

Censurata più volte da facebook e youtube, non si è fatta intimorire e prosegue imperterrita perché ha giurato che continuerà a dire quello che sa essere vero “anche se mi sta costando denaro, la carriera, anzi due carriere, medico e scrittore, forse la libertà, forse la vita, se qualcuna delle persone che mi scrive che vuole la mia morte passa all’atto”. E’ una donna coraggiosa, Silvana De Mari, come la sua antenata Barbara che nell’undicesimo secolo combatté i saraceni a colpi d’ascia sulla costa settentrionale della Corsica “e i suoi contadini sono rimasti liberi perché lei ha combattuto”, racconta fiera la dottoressa.

Incuriosita da tanto ardore mi sono decisa ad acquistare un suo libro e sono partita da ‘Arduink il Rinnegato’ che apre la Saga degli Ultimi, storie epiche che raccontano di amore e di lotta, di sangue, forza, coraggio e onore, di sacrificio e di riscatto. Sono ambientate in un tempo e un luogo immaginario, ma parlano di noi, della nostra vita perché nella letteratura fantastica sempre è nascosta la realtà storica, anche la più cupa, quella non raccontabile.

Arduink l’ho letto tutto d’un fiato e lo consiglio, l’ho trovato di grande attualità e farebbe bene anche a tanti ragazzini, indeboliti da informazioni superficiali e intrattenimenti alienanti. Le vicende del protagonista ricordano che nella vita bisogna fare delle scelte per evitare di essere travolti dagli eventi e dagli arroganti di turno.

Lo conosciamo ancora bambino, Arduink, all’inizio del romanzo, piccolo orco figlio di una madre assassinata di botte dal padre, il quale lo destinerà a otto anni alla guerra e a una morte sicura,  tuttavia lui crescerà, di esperienza in esperienza, fino a diventare un grandissimo guerriero, il salvatore di quegli uomini, che, da orco, avrebbe invece dovuto annientare.

Come ama ripetere spesso la De Mari “noi siamo le scelte che facciamo”.

Dobbiamo essere consapevoli che abbiamo questo potere.

Se lo utilizziamo, tutto può cambiare.

 

Dottoressa, si vuol presentare? Chi è Silvana De Mari?

“Sono una che combatte per la difesa dell’ovvio. Non mi diverte essere odiata, ma se devo andare sola contro tutti per quello in cui credo, per dire che due più due fa quattro, sono disposta a farlo.
Siamo diventati un branco di fobici ipocondriaci addestrati alla passività, quindi a dipendere da cosa ci raccontano altri. Dobbiamo imparare a non avere paura, a riscoprire il coraggio”.

 

In effetti oggi la depressione e i disturbi fobici sono aumentati. Il dottor Bolognesi, psichiatra, ha osservato che “si è ribaltato il cardine assiologico della nostra cultura occidentale: l’eroe di oggi non è più quello del mito a noi noto, ma è chi abbraccia il panico, chi considera la paura come segno distintivo di superiorità, mentre chi vi si oppone è considerato un pericoloso incivile” . Le emozioni possono essere contagiose?

“Le emozioni sono molto contagiose. E l’emozione più violentemente trasmissibile è la paura. Con la paura si può intrappolare un popolo e distruggerlo, in più la gente spaventata tratterà da proprio nemico colui che sta dicendo la verità, quello che fino a un attimo prima era un vicino di casa può diventare un nemico giurato. In questo momento siamo spaccati e divisi, anche i bambini non vengono fatti giocare insieme con la scusa che possono scambiarsi virus e batteri. E poi c’è stato l’effetto Bergamo che è stato fondamentale per ispirare il terrore in Italia e all’estero, con i carri che hanno portato i morti alle dieci di sera a 5 km all’ora per cremarli.
La verità è che stiamo assistendo alla distruzione di una civiltà, la nostra civiltà. I medici che da mesi curano con successo la malattia covid a casa sono stati a lungo ignorati e chi ha parlato delle terapie possibili, dal plasma a quelle domiciliari, è stato censurato. Io ho avuto il mio profilo Facebook continuamente bloccato e il mio canale YouTube è stato abolito perché dicevo che questa malattia si può curare.
La paura permette di governare le menti deboli e la stampa ha avuto e ha una grandissima responsabilità. Stiamo diventando sempre più chiusi, isolati, sedentari, sospettosi e deboli. Ma ricordiamoci che un popolo che rinuncia alla libertà per terrore della malattia, perderà la libertà e avrà anche la malattia”.

 

In uno dei suoi tanti video lei ha parlato di ‘guerra psicologica’. Siamo quindi in guerra?

“Sì ed è bene esserne consapevoli, i mezzi di comunicazione di massa hanno saputo fare un bel lavaggio del cervello, i più sono ipnotizzati e hanno accettato di perdere tutto per una cosa che, nella maggioranza dei casi non dà sintomi e, quando ne dà, è curabile se si interviene tempestivamente e con i farmaci giusti.
Per una malattia che, al di sotto dei 70 anni, ha una letalità dello 0,05% ci siamo fatti assassinare e, in nome della nostra salute, abbiamo accettato di subire limitazioni forti delle nostre libertà. Dagli stessi governi che non hanno mai punito lo spaccio o vietato il fumo? Non è buffo?
Sono riusciti a convincere la stragrande maggioranza delle persone che non è importante vivere nella libertà e che è bene farsi iniettare dei farmaci sperimentali. DPCM e decreti legge riescono a raggiungere l’obiettivo di creare una consuetudine, ma non dimentichiamo che non sono sostitutivi della Costituzione.
La paura è quello che loro vogliono: un popolo ‘impecorito’. Perché il mondo sì, si divide in pecore e lupi. E poi ci sono i cani da pastore. Noi siamo i cani da pastore e dobbiamo aiutare le pecore ipnotizzate a mettersi in salvo. Siamo sopravvissuti al crollo dell’impero romano, alle pestilenze medioevali e due guerre mondiali: sopravviveremo anche a tutto questo”.

 

Come ne usciremo secondo Lei?

“Solo combattendo. Dicendo NO, ribellandosi. Abbiamo la Costituzione e avvocati e giudici che possono aiutarci a farla rispettare e liberarci da questa follia. Ognuno di noi però deve diventare un portatore di verità, ognuno deve convincere con molta calma, con molta pazienza, con molta dolcezza, almeno una persona. Se ognuno di noi riesce a convincere almeno una persona, la verità pian piano riuscirà a venir fuori. La verità è figlia del tempo ed è come l’acqua, prima o poi riaffiora.
Cercate di vivere, reagite. Smettete di guardare tv, sottraete il cervello a una comunicazione ipnotica. Siamo in un momento drammatico e rischiamo di essere obbligati tutti quanti a trattamenti sanitari che non vogliamo.
Saranno mesi durissimi, ma siamo di fronte a un bivio. Alzatevi e combattete! Dobbiamo combattere per la libertà, per il diritto di lavorare, per l’inviolabilità dei nostri corpi. Dobbiamo combattere per uscire da questo incubo”.

 

A proposito di inviolabilità dei nostri corpi: il decreto legge n.44 del primo aprile scorso ha previsto l’obbligo di vaccinazione per chi lavora nella sanità. C’è agitazione e malumore, non sono pochi infatti gli operatori sanitari contrari. Cosa si sente di dire ai suoi colleghi?

“Vogliono rendere obbligatoria la vaccinazione tra i medici e tutti gli altri operatori sanitari perché vogliono ribadire il concetto che il nostro corpo appartiene allo Stato, concetto che è già passato nel 2017 sui bambini con un quantitativo di vaccinazioni di cui non è stata finora dimostrata l’utilità e l’innocuità.
Ma prima di rendere obbligatorio qualcosa bisogna essere sicuri che sia innocuo e utile. Colleghi, vi prego di non cedere, da bravi medici sapete che i vaccini sono medicinali e, in quanto tali, hanno effetti collaterali. Bisogna sempre calcolare il rapporto costi-benefici e qui non vale assolutamente la pena di rischiare perché i cosiddetti vaccini anti-covid sono farmaci sperimentali dagli effetti sconosciuti, mentre la malattia è curabile e, se trattata subito bene, ha una mortalità inferiore a una normale influenza.
Non sottoponetevi a questo arbitrio incredibile, non possono radiarvi, tenete duro e non cedete. L’obbligo è un bluff, gli ordini professionali non possono radiarvi e i datori di lavoro non possono licenziarvi, non cadete nell’inganno. Oltretutto al di là degli effetti sconosciuti  per voi, aumentate anche il rischio di contagio perché non si fanno mai vaccinazioni durante le epidemie. Vaccinando durante un’epidemia si selezionano i mutanti e si selezionano anche le forme di virus più aggressive, infatti adesso iniziano ammalarsi anche le persone più giovani.
Cominciate a combattere, se voi vi rifiutate questo sistema crollerà immediatamente. L’associazione La Genesi e altre associazioni come Rinascimento Italia, Comicost e Comilva, ma anche gli avvocati Polacco, Fusillo, Scifo, Corrias e molti altri legali si sono attivati per assistere tutti coloro che non vogliono farsi iniettare questi farmaci sperimentali.
Alzatevi in piedi e combattete, questo è il momento! Se dite no, potete essere la spallata che fa crollare tutto questo. Il nostro coraggio può essere quello che salva tutti dall’incubo di una dittatura sanitaria”.

 

Lei si definisce “una cattolica integralista” ma è stata per molti anni atea, cosa ha cambiato il corso della sua vita? E che pensa del Papa che ha definito la vaccinazione una scelta etica e ha invitato tutti a procedere in tal senso?

“Sono stata completamente atea perché mi rifiutavo di credere a una divinità che non intervenisse sul dolore innocente, poi  passati i 50 anni la mia vita è cambiata anche grazie a due osservazioni scientifiche inoppugnabili: è impossibile che la cellula si sia formata da sola per aggregazione casuale di atomi ed è impossibile che il DNA si sia formato da solo per aggregazione casuale di atomi. E poi c’è la sindone che non è una produzione artistica: la tela non ha pigmenti di colore né segni di putrefazione (che compaiono dopo circa 40 ore dalla morte) e il sangue non è sbavato, segno che nessuno ha  mosso o trascinato via quel corpo le cui ferite corrispondono esattamente a quelle descritte nei Vangeli riguardo la passione di Gesù Cristo: quel corpo è scomparso e la luce ha impresso la tela, è un negativo tridimensionale.
Riguardo il Papa ci sarebbero molte cose da dire. Il Papa è il vicario di Cristo. Cristo era uno, non aveva fratelli gemelli. Il Papa è uno. Il primo requisito per un’elezione valida al papato è che la sede sia vacante. Il Papa precedente deve essere morto, non malato, ferito in coma farmacologico, proprio morto. Oppure deve avere abdicato con una abdicazione valida. Il Papa non dà le dimissioni, non è un amministratore delegato. Il Papa abdica e nella sua abdicazione deve essere contenuta la frase ‘io rinuncio’, la rinuncia deve essere sia dall’essere Papa che dalla funzione di Papa e non deve contenere nessuna ambiguità. Nel caso sia scritta, sarebbe raccomandabile che non contenesse errori di ortografia. Nella abdicazione di Benedetto XVI manca la frase ‘io rinuncio’ e ci sono due clamorosi errori di ortografia latina e un errore nella data ed è altamente improbabile che un testo come un’abdicazione papale diventi pubblico senza essere stato revisionato”.

 

Come spiegare allora l’attuale situazione?

“L’unica spiegazione logica a tutto questo è che Benedetto XVI sia sotto attacco e sotto ricatto. Se era sotto attacco otto anni fa, quando ha annunciato la sua abdicazione, è sotto ricatto anche adesso. La declaratio scritta da Ratzinger è stata scritta in maniera da dare l’impressione che sia un’abdicazione, ma non lo è. È stata scritta con errori ortografici impensabili che sono il primo indizio, il secondo è che leggendo con attenzione ci si rende conto che il Papa non stava abdicando dall’essere il Papa (Muuns), ma rinunciava a fare il Papa (ministerium), cioè a svolgere alcune funzioni.
Il Papa è uno solo, lo ha sottolineato anche Benedetto XVI al corriere in una recente intervista. E’ Benedetto XVI che si firma Pontifex, Giorgio Bergoglio ha rifiutato i simboli della sovranità papale, la mazzetta rossa, ha rifiutato l’appellativo di Vicario di Cristo e si è sempre dichiarato Vescovo di Roma.
Benedetto liberamente ha scritto un testo estremamente ambiguo che contemporaneamente afferma e nega la sua abdicazione. Lo ha fatto con coscienza, l’ha fatto con assoluta attenzione. L’abdicazione non c’è mai stata. È uno solo il Papa: Sua Santità Benedetto XVI”.

 

Bergoglio è però anche amato dalla gente, per molti credenti cattolici le sue dichiarazioni sui vaccini hanno indubbiamente un peso.

“Ripeto, ci vogliono almeno 5 anni per sperimentare un vaccino e questi cosiddetti vaccini anti-covid sono in realtà medicinali che per la prima volta vengono testati su esseri umani sani. Non fermano il contagio, quindi non sono un gesto etico e non si conoscono effetti su fertilità, tantomeno a distanza di tempo, si deve infatti firmare un foglio dove si scarica la responsabilità sia dei produttori che dei tizi che li stanno iniettando. Sono state moltissime nel mondo le reazioni avverse anche fatali e questo è documentato, anche se non pubblicizzato. Molto meglio rischiare di prendersi la malattia che si può curare e guarire, come stanno dimostrando da mesi i medici del Movimento Ippocrate e del Gruppo della terapia domiciliare covid-19.
Inoltre ai credenti cattolici dovrebbe interessare il fatto che alcuni di questi pseudovaccini sono stati fatti con feti abortiti negli anni 70, ci sono state due madri che hanno scelto la morte per i loro figli, li hanno abortiti vivi a 5 mesi e questi bimbi, fatti partorire vivi, sono stati squarciati senza anestesia per prendere le cellule renali perché fossero vitali e non inquinate dai farmaci anestetici. Anche se si trattasse di un bambino solo sacrificato con la giustificazione di salvare altre vite, per chi si professa cristiano dovrebbe essere ignobile e inaccettabile. E anche se fosse efficace, sarebbe qualcosa di mostruoso, non si può essere cristiani se non rispettiamo l’etica e non proteggiamo la vita. Per chi è lontano dalla fede c’è comunque una legge in Medicina: quando facciamo qualcosa in medicina deve essere nell’interesse di quel paziente e non di altri, altrimenti stiamo facendo sperimentazioni. Chi, per salvare milioni di persone, dice che è bene sacrificare una vita, cominci a sacrificare la sua e non quella di un altro.
Bergoglio, piuttosto che raccomandare i vaccini, dovrebbe parlare dei cristiani massacrati in Nigeria, delle bambine cristiane rapite in Pakistan e date spose a ottantenni, del martirio dei cristiani in Asia e in terra d’Africa. Dovrebbe dire che Dio ha creato l’uomo e la donna per amarsi e levare forte la voce contro l’abominio che è l’aborto”

 

Qual è il suo pensiero in merito al lockdown?
“La segregazione con arresti domiciliari, vezzosamente chiamata con l’anglicismo Lockdown, non è solo inutile, ma favorisce la malattia in quanto danneggia il sistema immunitario e distrugge la salute. Lo stanno finalmente dicendo in molti. Lo ha detto, per esempio,  il direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, dottor Francesco Vaia, lo ha detto uno studio aggiornato al 5 febbraio di quattro professori dell’università Stanford in California guidati dal professor John P.A. Ioannidis: hanno paragonato le chiusure durissime di Italia, Francia, Germania, Iran, Stati Uniti, Olanda e Spagna con quelle molto più soft di Svezia e Corea del Sud e i risultati delle seconde sono clamorosamente migliori. Eppure si continua a parlare di giallo, arancione, rosso e di chiusure dei locali e delle attività. I disoccupati aumentano a milioni, i bambini impazziscono a milioni.
Essere contagiati, positivi, non vuol dire nulla: tutte le malattie si estinguono in questa maniera, contagiano una grande parte della popolazione, questa popolazione fabbrica gli anticorpi, la malattia si estingue. Se il contagio non c’è, la malattia non si estingue, diventa endemica, e compaiono le mutazioni, oggi non si sa perché dette varianti”.

 

Le mascherine servono?

“Nessuno studio randomizzato fatto su grandi numeri dimostra che portare la mascherina riduca la contagiosità del covid-19. Anzi il dottor Donzelli, medico, specialista in Igiene e Medicina preventiva,  esperto di sanità pubblica, già membro del Consiglio Superiore di Sanità, ha spiegato che la mascherina può trasformare un asintomatico in un sintomatico o far aggravare un paucisintomatico fino a portarlo a essere un malato vero.
La mascherina è utile se siamo in sala operatoria, al di sopra di un paziente che stiamo operando, o a 50 cm da un’altra persona, per esempio sul tram. Può essere una situazione di buon senso tenerla al chiuso: il virus in questione come tutti i virus influenzali si trasmette al chiuso, non all’aperto. Occorre però anche ricordare che per poter avere una trasmissione del virus occorre un contatto continuativo, non basta essere passati vicino a un altro, perché in questo caso la carica virale non sarebbe sufficiente.
Invece, portate come oggi dalla maggior parte della gente, indossate continuamente e toccate con le mani, le mascherine favoriscono ipossia e nelle lunghe distanze deprimono il sistema immunitario, col vapore acqueo inumidite diventano un’incubatrice e fanno ammalare: stanno aumentando faringiti, tonsilliti, sinusiti e anche le carie perché si modifica il microbiota della bocca e molte delle polmoniti di adesso sono polmoniti micotiche e batteriche da mascherina.
Ricordo che anche sui DPCM c’era scritto di portare la mascherina solo se a meno di un metro di distanza. Ma si torna lì: se 10 su un milione non portiamo le mascherine verremo fucilati, se invece saremo in molti non potranno fare nulla.
Dobbiamo imparare tutti quanti a dire ‘no, non lo faccio, è sbagliato’. Se pagate le multe non c’è più nulla da fare, ma se non le pagate gli avvocati possono toglierle. La normalità dobbiamo riacquistarla noi con coraggio e  determinazione. C’è una quota di avvocati, medici e magistrati coraggiosi e obiettivi e tutti quanti insieme ce la faremo. Ma dobbiamo combattere per riconquistare la normalità, dobbiamo diventare tutti quanti persone che fanno obbedienza civile solo alla Costituzione”.

 

I tamponi sono utili?

“I tamponi a tappeto sull’intera popolazione sono un’idiozia e uno spreco inutile, sono una maniera di inventare malati e di inchiodare una popolazione. Il 90 % dei tamponi sono falsi positivi, sono un medico e mi assumo la responsabilità di quello che sto dicendo: i tamponi sono una ridicola buffonata con cui la gente è stata torturata e persone sane trattate come fossero appestati, con cui sono state fatte fallire le imprese e i vostri bambini torturati.
Piantatela di fare tamponi, ci rinchiudono a causa dei vostri tamponi. Il tampone lo faranno solo le persone che si ammalano per capire se è coronavirus o meno, come si fa in Giappone. Pensiamo piuttosto a rafforzare il sistema immunitario e poi a curare la malattia covid quando si presentano i sintomi.”

 

Dunque come si cura la malattia da sars-cov-2?

“In Italia abbiamo due esperienze eccezionali: ippocrateorg.org, movimento fondato da Mauro Rango e terapiadomiciliarecovid19.org, gruppo creato dall’Avvocato Erich Grimaldi. Ci sono medici che da un anno si sono attivati sul territorio a domicilio salvando vite umane. Perché, come da mesi sta rendendo noto anche la stampa indipendente, la malattia covid si cura a casa facilmente evitando di intasare gli ospedali, ma occorre intervenire subito all’emersione dei primi sintomi e con i farmaci giusti. Altro che tachipirina e vigile attesa! Sono state scritte linee guida criminali che hanno fatto aggravare e ricoverare molte persone e, di queste, alcune non si sono potute salvare, sono morti che potevano essere evitati e gridano giustizia.
La mia totale stima invece a quei  medici che non hanno rispettato i protocolli onorando il giuramento di Ippocrate e si sono messi in gioco. I colleghi che vogliono davvero fare quello per cui hanno studiato, cioè prendersi cura dei malati, aderiscano immediatamente a una di queste due realtà contattando i siti di riferimento. E’ urgente arrivare ad avere più medici perché al momento ancora sono pochi rispetto alle richieste di aiuto.
Colleghi, soprattutto i medici di base, vi prego, attivatevi e ce la faremo, siamo noi che dobbiamo sconfiggere i due mostri: il nuovo coronavirus che, se mal curato, è devastante e la dittatura sanitaria. Uniti possiamo superare questa situazione”

 

Che fare in caso di sintomi sospetti?

“Per stabilire se è covid o meno, in caso di febbre, in farmacia cercate il sierologico, vi pungete un dito, un buchetto, con la pipetta prendete la goccia e la mettete sulla piastrina, dentro c’è il test con il reagente e le istruzioni: se viene una stanghettina non avete mai incontrato il sars-cov-2; se viene la stanga grossa IGG vuol dire che l’avete avuto e potete anche donare il plasma iperimmune; se viene IGM allora avete il covid. E’ bene anche avere in casa un saturimetro, se la saturazione di ossigeno inizia a scendere sotto 94 è possibile che sia covid.
Così abbiamo subito distinto perché, se non avete covid, è inutile stare in isolamento. Invece se avete la malattia covid avete bisogno di tre cose:  antinfiammatorio ad esempio aspirina, antibiotico della classe dei macrolidi (come l’azitromicina) che hanno anche azione antivirale e idrossiclorochina che ha avuto alterne vicende in Italia, ma è stata utilizzata con successo anche nella prima sars. Ad ogni modo ci sono varie fasi della malattia e i farmaci cambiano, è necessario quindi farsi seguire dai medici esperti delle cure domiciliari sia per i dosaggi che per il cambio eventuale di medicinali. Contattateli immediatamente ai siti di riferimento. E non abbiate paura perché si guarisce se la malattia è trattata in modo tempestivo e adeguato”.

 

Può dare qualche consiglio per un’efficace prevenzione?

“Abbiamo moltissime armi che possiamo usare. A cominciare dagli integratori: vitamine D, A e C, Omega 3, zinco, selenio, esperidina, quercitina, resveratrolo, lattoferrina, per fare alcuni esempi.
La prima difesa per questo virus e altri, come per il cancro, è comunque il sistema immunitario. Covid-19 colpisce prevalentemente chi ha patologie pregresse: ipertensione, diabete e obesità, malattie che peggiorano rinchiudendo la gente in casa. Quindi state all’aria aperta ogni volta che potete, camminate, prendete il sole. E attenzione perché la cosa che più distrugge il sistema immunitario, oltre alla sedentarietà e al confinamento in casa, è la nostra psiche, soprattutto la paura e l’insicurezza. Lo stress permette di adattaci alle situazioni ma, nel momento in cui è prolungato, diventa negativo e innesca malattie.
Dovremmo arrabbiarci tutti, sostituire la parola resilienza con resistenza. Quindi imparate ad arrabbiarvi perché lo stress si annulla nella collera. Nel momento in cui siete frustrati e avete paura state distruggendo il vostro sistema immunitario, ma se riuscite ad arrabbiarvi, a capire che siete in guerra, che dovete combattere, il vostro stress paradossalmente diminuisce perché voi siete dei combattenti di una guerra difficile e non delle foglie sbattute dal vento.
E come si fa a combattere? Amate. Chi ama combatte e non si arrende mai anche quando tutto sembra perso. Fate un dispetto al sistema, spegnete la tv perché ha capacità ipnotiche di cui voi non siete coscienti anche se siete molto intelligenti e critici.
Portate la mascherina il meno possibile e siate vivi e felici. Mangiate bene, leggete bei libri, ascoltate musica, guardate film comici, fate movimento, fate l’amore con chi amate e cercate la bellezza. Ora più che mai dobbiamo mantenere l’attenzione su ciò che è bello – come l’alba e la natura in primavera – e su ciò che funziona in questo momento nella nostra vita. Le nostre disgrazie non sono la nostra unica narrazione. Non esiste nessuna situazione dove non esiste nemmeno un atomo di bellezza. Padre Massimiliano Kolbe aveva trovato in Auschwitz la bellezza di aiutare gli altri. La bellezza ci salverà. L’ha detto un tizio che si chiamava Dostoevskij.
Infine pregate, anche la preghiera produce endorfine. Imparate a dire il rosario in latino, studi fatti a Ginevra da un neuroscienziato di Pavia hanno evidenziato come questa pratica favorisca la coerenza cardiaca. E poi aiuta a guadagnarsi il Paradiso che potrebbe essere una cosa interessante”.

 

Lei è molto impegnata in questo periodo anche per l’uscita della sua ultima fatica letteraria “Cronache di vascello del capitano Aquindici” che contiene tre racconti per un pubblico più giovane, perciò La ringrazio per aver accetto di fare questa intervista e del tempo che mi ha dedicato, nel concluderla vuole aggiungere qualcosa?

“Sì, vorrei dire che tante lacrime e tanto sangue sono stati versati per creare questa nazione. Siamo stati uno Stato magnifico e potremo tornare ad esserlo.
Operatori sanitari, insegnanti, avvocati, giudici, forze dell’ordine, cittadini tutti, decidetevi da che parte stare e, se state dalla parte della verità e della libertà, alzatevi e combattete perché tutto quello che sta avvenendo è anticostituzionale e stanno assassinando una nazione.
A Lepanto e Vienna abbiamo combattuto con le spade e abbiamo vinto, oggi non occorrono armi ma è necessario avere il coraggio e la determinazione di dire NO.
Unendo voci, energie e competenze possiamo uscire da questa follia. Arrendersi ora significa inginocchiarsi per sempre.”

FONTE: https://valentinabennati.it/silvana-de-mari-arrendersi-oggi-significa-inginocchiarsi-per-sempre/

 

 

138 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
VincenzoS1955
VincenzoS1955
15 Aprile 2021 7:20

Come si fa a convincere il gregge terrorizzato?
Il consenso alla casta infame lo da, consapevolmente o no, proprio il gregge.

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  VincenzoS1955
15 Aprile 2021 8:31

Il gregge, terrorizzato o no, collabora attivamente con i lupi.

E se, in qualche modo, le cose dovessero andare a finire favorevolmente per il gregge, questo troverà il modo di incolpare i maremmani per quanto accaduto e per quanto sarebbe potuto accadere.

Se sei scettico rispetto a questa posizione prova a ripercorrere la storia dell’ultimo secolo.

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  VincenzoS1955
15 Aprile 2021 8:31

Il gregge, terrorizzato o no, collabora attivamente con i lupi.

E se, in qualche modo, le cose dovessero andare a finire favorevolmente per il gregge, questo troverà il modo di incolpare i maremmani per quanto accaduto e per quanto sarebbe potuto accadere.

Se sei scettico rispetto a questa posizione prova a ripercorrere la storia dell’ultimo secolo.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  Primadellesabbie
15 Aprile 2021 11:23

Sia i lupi che i maremmani, anche se per scopi diversi, hanno bisogno del gregge…

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  VincenzoS1955
15 Aprile 2021 11:49

Vediamo, …i lupi senz’altro, i maremmani solo nel loro ruolo di pastori.

In quanto partecipi di una società, la nostra unica difesa contro la prevaricazione da parte dell’organizzazione sociale è costituita dai nostri simili, dall’indole di costoro (ho sempre pensato a questo modo), se questi cedono in massa o caldeggiano la prevaricazione non c’è altra strada che subire o abbandonare quella società, quando ciò si possa fare.

Combattere contro i mezzi di persuasione uniti, sommati a istituzioni autoreferenti, equivale ad un suicidio con relativo sputtanamento garantito, non vedo possibilità finché non cambia il vento, mi spiace.

Una volta, quando esisteva un’opposizione strutturata, era difficile ma c’era qualche possibilità, oggi no.

Questa canzoncina (Un aeroplano a vela, Mannoia) può forse fornire un’ispirazione:
https://www.youtube.com/watch?v=a6wLzj9Tpfk

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  VincenzoS1955
15 Aprile 2021 11:49

Vediamo, …i lupi senz’altro, i maremmani solo nel loro ruolo di pastori.

In quanto partecipi di una società, la nostra unica difesa contro la prevaricazione da parte dell’organizzazione sociale è costituita dai nostri simili, dall’indole di costoro (ho sempre pensato a questo modo), se questi cedono in massa o caldeggiano la prevaricazione non c’è altra strada che subire o abbandonare quella società, quando ciò si possa fare.

Combattere contro i mezzi di persuasione uniti, sommati a istituzioni autoreferenti, equivale ad un suicidio con relativo sputtanamento garantito, non vedo possibilità finché non cambia il vento, mi spiace.

Una volta, quando esisteva un’opposizione strutturata, era difficile ma c’era qualche possibilità, oggi no.

Questa canzoncina (Un aeroplano a vela, Mannoia) può forse fornire un’ispirazione:
https://www.youtube.com/watch?v=a6wLzj9Tpfk

Hospiton
Hospiton
Risposta al commento di  Primadellesabbie
16 Aprile 2021 11:35

Hai toccato un punto cruciale, i mezzi di persuasione uniti, a ranghi compatti, fatto estremamente preoccupante in un quadro di lotta tra fazioni (quadro in cui rientra ad esempio l’interessante faccenda al centro del dialogo Putin-Merkel che hai postato sul forum). Possibile che i “maremmani”, pur in un momento storico di difficoltà, appaiano così spuntati dal punto di vista mediatico (per non dire evanescenti, tolti canali seguiti da pochi attenti lettori)? Nel cosiddetto mainstream per ora colgo pochissimi segnali favorevoli, spero si tratti anche di un mio limite interpretativo… Il dominio di stampo conservatore che abbiamo notato sui media negli ultimi decenni (qui mi ricollego anche alla tua considerazione sulla Storia del XX secolo nel primo commento, ci troviamo in un autentico campo minato) è stato netto e subdolo, talvolta mi ha suggerito determinati interventi su articoli apparsi su CDC, riguardanti i totalitarismi anni ’30; articoli certamente in buonafede ma che ritengo fuorvianti o comunque aventi una visione ristretta (lo dico, a scanso di comprensibili equivoci in discussioni sul web, da simpatizzante di un socialismo ormai dimenticato da tempo immemore, oggi analizzabile solo grazie a saggistica e letteratura semi-dimenticate – studi come quelli di Howard Zinn o narrativa come “Il… Leggi tutto »

R66
R66
Risposta al commento di  VincenzoS1955
15 Aprile 2021 12:11

So già che compariranno alcuni a dire: “ecco, ora è finita, ora se non faccio questo succederà quello e la colpa è di chi non ha protestato” – che nella pratica equivale ai raduni elemosinatori e va letto come “la colpa è di chi non ha implorato”.

Li anticipo già da ora: “non funziona così, il momento in cui ognuno si troverà di fronte alla bilancia a due piatti non sarà il momento della sconfitta, la sconfitta non equivale al dover scegliere, casomai sarà la scelta che la determinerà o meno.”

Si dice in giro che, indipendentemente dal risultato collettivo, il quale nel tempo può sempre cambiare, a livello individuale ci sia il rischio di effetti permanenti (in tutti i sensi). 🙂

R66
R66
Risposta al commento di  VincenzoS1955
15 Aprile 2021 12:11

So già che compariranno alcuni a dire: “ecco, ora è finita, ora se non faccio questo succederà quello e la colpa è di chi non ha protestato” – che nella pratica equivale ai raduni elemosinatori e va letto come “la colpa è di chi non ha implorato”.

Li anticipo già da ora: “non funziona così, il momento in cui ognuno si troverà di fronte alla bilancia a due piatti non sarà il momento della sconfitta, la sconfitta non equivale al dover scegliere, casomai sarà la scelta che la determinerà o meno.”

Si dice in giro che, indipendentemente dal risultato collettivo, il quale nel tempo può sempre cambiare, a livello individuale ci sia il rischio di effetti permanenti (in tutti i sensi). 🙂

R66
R66
15 Aprile 2021 7:30

Riguardo una metafora della signora De Mari, tempo fa ho visto un documentario sui cani Pastori Maremmano-Abbruzzesi, nel video si spiegava come questi cani, dovendo fronteggiare un nemico potente come il lupo, si organizzavano a difesa del gregge. Alcuni si ponevano davanti alla minaccia principale, i più forti, gli altri coprivano i lati. Ma il lupo è furbo, molto, crea diversivi per poi attaccare sul fronte più debole, i cani però, conoscendo questa tattica cercano di non lasciare varchi. Alcuni hanno un ruolo mobile, una specie di libero del calcio, si spostano in caso di bisogno, altri coprono a zona. Provando a antropomorfizzare la situazione, nel momento del confronto, quindi lupi da una parte e cani dall’altra, cosa succederebbe se a dare il primo morso ai Pastori fosse invece una pecora? I cani, trovandosi a gestire oltre all’esterno anche l’interno, potrebbero dire: “pecore, sai che c’è? Noi stiamo qui per voi e non per noi, dato che ci mordete, vedetevela da sole, da oggi baderemo a noi stessi, ciao.” Spesso si immagina una situazione in cui tutti sono uniti contro la tirannia e l’unico problema riguarda la strategia per batterla. Si chiamano all’appello pure vecchi e giovani: “facciamo fronte comune,… Leggi tutto »

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 10:32

I cani, trovandosi a gestire oltre all’esterno anche l’interno, potrebbero dire: “pecore, sai che c’è? Noi stiamo qui per voi e non per noi, dato che ci mordete, vedetevela da sole, da oggi baderemo a noi stessi, ciao

.”

Gurdyieff dice che la libertà è solo per pochi..per quelli che riescono a liberarsi dal giogo delle influenze…che la massa..non potendolo fare è destinata a soccomberci..
Parole sante e veritiere..
Ma c’è un confine ..oltre il quale.. per liberarci noi dalle influenze..dobbiamo appoggiarci materialmente agli altri..
Badare a se stessi significa anche non lasciare la situazione a marcire talmente che potrebbe distruggerci..o accettare serenamente di venire travolti..
Alla fine non ci sono regole ma solo la nostra scelta..in genere condannata da tutti..ma appunto per questo sicuramente giusta..

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 10:32

I cani, trovandosi a gestire oltre all’esterno anche l’interno, potrebbero dire: “pecore, sai che c’è? Noi stiamo qui per voi e non per noi, dato che ci mordete, vedetevela da sole, da oggi baderemo a noi stessi, ciao

.”

Gurdyieff dice che la libertà è solo per pochi..per quelli che riescono a liberarsi dal giogo delle influenze…che la massa..non potendolo fare è destinata a soccomberci..
Parole sante e veritiere..
Ma c’è un confine ..oltre il quale.. per liberarci noi dalle influenze..dobbiamo appoggiarci materialmente agli altri..
Badare a se stessi significa anche non lasciare la situazione a marcire talmente che potrebbe distruggerci..o accettare serenamente di venire travolti..
Alla fine non ci sono regole ma solo la nostra scelta..in genere condannata da tutti..ma appunto per questo sicuramente giusta..

R66
R66
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 10:52

A volte ho la sensazione che andare a “prendere dei numeri” sia più importante che non restare saldi.

Se per coinvolgere qualcuno non ci fosse altro modo che gettare al vento dei principi, credo sia meglio non coinvolgerlo.
Chi non vuole metterci del proprio e non vuole essere difeso, ma divorato, cosciente o meno della scelta, lo si deve lasciare andare.
Ostinandosi nell’intento, ritengo sia il caso di analizzare se ciò non derivi da una dipendenza dallo stesso sistema che si crede di avversare.

Un esempio pratico è quello di protestare contro il distanziamento distanziati e mascherati, altrimenti qualcuno per la paura non si presenta.
Questa è caccia al numero e, oltre a non servire a nulla, fa schifo.
Per chi non lo avesse ancora capito, non ci sarà un evento che eviterà la presa di posizione, la presa di posizione è l’evento!

R66
R66
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 10:52

A volte ho la sensazione che andare a “prendere dei numeri” sia più importante che non restare saldi.

Se per coinvolgere qualcuno non ci fosse altro modo che gettare al vento dei principi, credo sia meglio non coinvolgerlo.
Chi non vuole metterci del proprio e non vuole essere difeso, ma divorato, cosciente o meno della scelta, lo si deve lasciare andare.
Ostinandosi nell’intento, ritengo sia il caso di analizzare se ciò non derivi da una dipendenza dallo stesso sistema che si crede di avversare.

Un esempio pratico è quello di protestare contro il distanziamento distanziati e mascherati, altrimenti qualcuno per la paura non si presenta.
Questa è caccia al numero e, oltre a non servire a nulla, fa schifo.
Per chi non lo avesse ancora capito, non ci sarà un evento che eviterà la presa di posizione, la presa di posizione è l’evento!

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 13:12

E’ la pecora.. che si mette dalla parte dei lupi per non essere divorata..(sperando)
Io sono a favore dei vaccini..ma datelo a chi ne ha più bisogno..
Applicate tutte le misure..ma fatemi aprire..
Io non sono novax..però…
Vacciniamoci tutti..così potremo tornare a vivere..
Bene il passaporto vaccinale..così potremo tornare a viaggiare..
Alle volte..invece ..se non è stupidità è strategia…come:
Vanno denunciati perché hanno chiuso troppo tardi..
Vanno dimessi perché non ci hanno dato i vaccini..
Alla base di tutto c’è la convinzione che il sistema vada assecondato per farla franca in qualche modo..perché uscire dal sistema è roba da eroi..da pazzi..da saggi .. o da pensionati..

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 13:12

E’ la pecora.. che si mette dalla parte dei lupi per non essere divorata..(sperando)
Io sono a favore dei vaccini..ma datelo a chi ne ha più bisogno..
Applicate tutte le misure..ma fatemi aprire..
Io non sono novax..però…
Vacciniamoci tutti..così potremo tornare a vivere..
Bene il passaporto vaccinale..così potremo tornare a viaggiare..
Alle volte..invece ..se non è stupidità è strategia…come:
Vanno denunciati perché hanno chiuso troppo tardi..
Vanno dimessi perché non ci hanno dato i vaccini..
Alla base di tutto c’è la convinzione che il sistema vada assecondato per farla franca in qualche modo..perché uscire dal sistema è roba da eroi..da pazzi..da saggi .. o da pensionati..

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 13:20

Eh sì, i pensionati sono proprio la quintessenza di chi esce dal sistema, come gli eroi e i pazzi. Non sono pecore loro, no no (soprattutto a parole).

Stupro dei significati così come della punteggiatura, stucchevole inutile retorica da latte alle ginocchia, e avanti con il capovolgimento del senso e del significato! Avanti!
Cosa ci tocca leggere, buon Dio.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 14:03

I pensionati sono liberi di dire quello che vogliono perché non ricattabili sul lavoro e la carriera..
E’ così difficile capirlo..?
Se invece dici le cose come stanno e lavori..sei un eroe…
Se invece parli tu..sei un pazzo (nel senso di non capire quello che leggi)..
Io invece mi colloco dalla parte dei saggi (teorici)..così..per intima e inamovibile convinzione..
Se non sai comprendere la saggezza..è meglio che stai zitto..così ci fai più bella figura..
(Avverto la moderazione che se vengo attaccato in modo strumentale e idiota..mi sento in dovere di rispondere..in modo soft..perché non sono villanzone e bifolco..soprattutto quando non sono impegnato in altri post)

R66
R66
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 14:05

In effetti non ha tutti i torti, nessun pensionato potrà mai uscire, anche la pensione fa parte delle armi di ricatto seppur finora non utilizzata.
Nel caso diventerebbe un ex-pensionato, termine tra l’altro nuovo e mai usato se non per un defunto. 🙂

R66
R66
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 14:05

In effetti non ha tutti i torti, nessun pensionato potrà mai uscire, anche la pensione fa parte delle armi di ricatto seppur finora non utilizzata.
Nel caso diventerebbe un ex-pensionato, termine tra l’altro nuovo e mai usato se non per un defunto. 🙂

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 14:27

Potrebbero ridurla..ma solo chi l’ha gold..altrimenti toccherebbe la protezione dei vecchi..e non potrebbe essere moralmente giustificata..visto che le misure sono fatte per difenderli .
Comunque non solo il target reale..tanto muoiono a breve..
Basta vedere di come Astrazeneca viene a loro riservato..perché se muoiono..è più facile dare la colpa all’età..

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 14:27

Potrebbero ridurla..ma solo chi l’ha gold..altrimenti toccherebbe la protezione dei vecchi..e non potrebbe essere moralmente giustificata..visto che le misure sono fatte per difenderli .
Comunque non solo il target reale..tanto muoiono a breve..
Basta vedere di come Astrazeneca viene a loro riservato..perché se muoiono..è più facile dare la colpa all’età..

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 15:34

Vedi che per loro ‘perdere la pensione’ è ‘un concetto che il pensiero non considera’ come il mare d’inverno di Ruggeri. Non ci riescono proprio. Come hai fatto notare una volta in un altro post se solo gli fai presente l’opzione partono i ehm ma è impossibile e però mm insomma e ma … Stanno lì a guardare senza muovere un dito tutti gli altri che muoiono di fame ma loro al massimo ‘la riducono’ la pensione, oltre non arrivano, sempre detto, dopo sta generazione il diluvio, la vera diga della storia. E sbrodolamenti e puntini e retorica e saggezza, che si ferma sempre lì, a parlare di società e condizioni reali… però di tutti gli altri! non certo loro, un po’ come gli statali, facile fare della bassa e scadente filosofia e spiritualistica quando si hanno le chiappe parate, disquisire di problemi che loro non riguarderanno mai e mai hanno riguardato. Ma se glielo fai notare diventano iene. I saggi teorici, cosa mi tocca leggere.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 15:34

Vedi che per loro ‘perdere la pensione’ è ‘un concetto che il pensiero non considera’ come il mare d’inverno di Ruggeri. Non ci riescono proprio. Come hai fatto notare una volta in un altro post se solo gli fai presente l’opzione partono i ehm ma è impossibile e però mm insomma e ma … Stanno lì a guardare senza muovere un dito tutti gli altri che muoiono di fame ma loro al massimo ‘la riducono’ la pensione, oltre non arrivano, sempre detto, dopo sta generazione il diluvio, la vera diga della storia. E sbrodolamenti e puntini e retorica e saggezza, che si ferma sempre lì, a parlare di società e condizioni reali… però di tutti gli altri! non certo loro, un po’ come gli statali, facile fare della bassa e scadente filosofia e spiritualistica quando si hanno le chiappe parate, disquisire di problemi che loro non riguarderanno mai e mai hanno riguardato. Ma se glielo fai notare diventano iene. I saggi teorici, cosa mi tocca leggere.

R66
R66
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 15:44

Ci provo a stuzzicare i parenti pensionati, non riescono neanche in via ipotetica a fornire un’opzione in stile “nel caso che”, si alterano subito solo all’idea, mi danno addosso come se fossi io l’eventuale predatore.
Comunque un po’ di incazzatura di tanto in tanto se la meritano, li tartasso senza tregua da almeno 20 anni, loro non hanno scuse riguardo il famoso problema della “carenza di informazioni” 🙂

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 15:46

Però gli piace filosofeggiare sui cadaveri di tutti gli altri. Non ho più parole per sta gente.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 15:46

Però gli piace filosofeggiare sui cadaveri di tutti gli altri. Non ho più parole per sta gente.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 15:25

I pensionati sono i primi ricattati e al soldo dello stato, buoni buoni, docili come agnellini – e infatti una loro voce mai si è alzata a favore delle altre categorie e fanno a gara per vaccinarsi – senza pensione vedi dove finisce la tua presunta e auto-incensata saggezza, come altri hanno già fatto notare; non te lo dice nessuno te lo dici da solo che sei saggio, e vabbè sono lustri che lo fate, avete finito per crederci. Avverti pure la moderazione, se non sai tenere un dibattito, qui quello che insulta sei tu (dandomi del pazzo) visto che ad argomenti sei un po’ poverino, e frignando di attacchi ‘strumentali’ (a cosa?) e ‘idioti’ su cui soprassedero’ visto che dimostrano molto chiaramente la vostra saggezza (Sic!). Tanto più grosse di così non puoi spararle. Sta a vedere che i pensionati sono i saggi in mezzo alle pecore, eh come no, lo dimostrate ogni giorno e l’avete dimostrato bene in questi ultimi 30/40 anni.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 16:22

Quando dico che solo i pensionati possono parlare..non significa che devono parlare..(ci arrivi ?)..
Significa che non sono ricattabili..punto!
E per quanto riguarda il tuo odio per chi ha la pensione..con me stai sbagliando bersaglio..perché se la togliessero non ci troverei nulla di strano..anzi..è strano che la pensione venga data..cosa che succede da pochi anni rispetto ai millenni che non veniva concessa..
Ma io dico di più..e cioè..chi si ammala si curi da solo ..che sono stufo di pagare per chi non è in grado di cavarsela personalmente..e visto che sono compassionevole.. lascio fuori chi subisce incidenti e traumi..
Sono anche per togliere gli assegni di disoccupazione e reddito di cittadinanza..che chi lavora non mangia..perché se un vecchio non ha pensione .a maggior ragione non dobbiamo darla neppure ai giovani..
Quindi hai poco da contestarmi..che tra tassa inps..e tasse sanitarie..se non mi avessero preso i soldi avrei un bel gruzzolo per vivere tranquillo..
Ma viviamo in uno stato sociale..e le regole sono diverse..quindi vai a rompere le palle a chi le regole le ha fatte e non chi le ha subite..o godute..che per quanto mi riguarda..le ho più subite..

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 16:22

Quando dico che solo i pensionati possono parlare..non significa che devono parlare..(ci arrivi ?)..
Significa che non sono ricattabili..punto!
E per quanto riguarda il tuo odio per chi ha la pensione..con me stai sbagliando bersaglio..perché se la togliessero non ci troverei nulla di strano..anzi..è strano che la pensione venga data..cosa che succede da pochi anni rispetto ai millenni che non veniva concessa..
Ma io dico di più..e cioè..chi si ammala si curi da solo ..che sono stufo di pagare per chi non è in grado di cavarsela personalmente..e visto che sono compassionevole.. lascio fuori chi subisce incidenti e traumi..
Sono anche per togliere gli assegni di disoccupazione e reddito di cittadinanza..che chi lavora non mangia..perché se un vecchio non ha pensione .a maggior ragione non dobbiamo darla neppure ai giovani..
Quindi hai poco da contestarmi..che tra tassa inps..e tasse sanitarie..se non mi avessero preso i soldi avrei un bel gruzzolo per vivere tranquillo..
Ma viviamo in uno stato sociale..e le regole sono diverse..quindi vai a rompere le palle a chi le regole le ha fatte e non chi le ha subite..o godute..che per quanto mi riguarda..le ho più subite..

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 16:57

Le palle le rompi tu, parla bene che ti si alza la pressione, anche col neretto il tuo vociare rimane comunque privo di fondamenti, che sei stufo di pagare per chi si ammala; Ancora più incredibile, gli unici mantenuti in uno stato sociale si lamentano perché pensano di mantenere gli altri. E continua a credere pure di non essere ricattabile, vai vai tranquillo… Mi spiace per il gruzzolo – ecco che viene fuori lo spirito del boomer privilegiato e insieme vittima eternamente lamentosa – che ti ha portato via l’INPS, che ti dà da mangiare da anni e lo farà ancora per un bel po’. Frecche e chiagne frecce chiagne… E non ti contesto figurati, semplicemente leggere dei pensionati che sono gli unici spiriti liberi insieme a pazzi e eroi mi ha fatto trasalire, di solito tuoi sproloqui lì ignoro ma quesra era troppo grossa anche per te.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 16:57

Le palle le rompi tu, parla bene che ti si alza la pressione, anche col neretto il tuo vociare rimane comunque privo di fondamenti, che sei stufo di pagare per chi si ammala; Ancora più incredibile, gli unici mantenuti in uno stato sociale si lamentano perché pensano di mantenere gli altri. E continua a credere pure di non essere ricattabile, vai vai tranquillo… Mi spiace per il gruzzolo – ecco che viene fuori lo spirito del boomer privilegiato e insieme vittima eternamente lamentosa – che ti ha portato via l’INPS, che ti dà da mangiare da anni e lo farà ancora per un bel po’. Frecche e chiagne frecce chiagne… E non ti contesto figurati, semplicemente leggere dei pensionati che sono gli unici spiriti liberi insieme a pazzi e eroi mi ha fatto trasalire, di solito tuoi sproloqui lì ignoro ma quesra era troppo grossa anche per te.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 17:05

Vabbé sembri Parenzo..
Frasi senza logica e provocazioni..
Ma ti pagano..?
No..è gratis..pure peggio..
Adesso ti metto in ignore perché non c’è neppure sugo a litigare..

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 17:48

Bravo

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 16:22

Quando dico che solo i pensionati possono parlare..non significa che devono parlare..(ci arrivi ?)..
Significa che non sono ricattabili..punto!
E per quanto riguarda il tuo odio per chi ha la pensione..con me stai sbagliando bersaglio..perché se la togliessero non ci troverei nulla di strano..anzi..è strano che la pensione venga data..cosa che succede da pochi anni rispetto ai millenni che non veniva concessa..
Ma io dico di più..e cioè..chi si ammala si curi da solo ..che sono stufo di pagare per chi non è in grado di cavarsela personalmente..e visto che sono compassionevole.. lascio fuori chi subisce incidenti e traumi..
Sono anche per togliere gli assegni di disoccupazione e reddito di cittadinanza..che chi lavora non mangia..perché se un vecchio non ha pensione .a maggior ragione non dobbiamo darla neppure ai giovani..
Quindi hai poco da contestarmi..che tra tassa inps..e tasse sanitarie..se non mi avessero preso i soldi avrei un bel gruzzolo per vivere tranquillo..
Ma viviamo in uno stato sociale..e le regole sono diverse..quindi vai a rompere le palle a chi le regole le ha fatte e non chi le ha subite..o godute..che per quanto mi riguarda..le ho più subite..

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 17:51

Chissà perchè gli unici che conosco che non si vaccinano sono pensionati come me, gli altri tutti a dire che vogliono riprendere a muoversi e viaggiare. Poi magari un giorno, se lo vorrà, bertozzi ci spiegherà perchè, anche se parlassimo di arte o di sport ci farebbe sempre entrare il suo livore per i pensionati

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 17:51

Chissà perchè gli unici che conosco che non si vaccinano sono pensionati come me, gli altri tutti a dire che vogliono riprendere a muoversi e viaggiare. Poi magari un giorno, se lo vorrà, bertozzi ci spiegherà perchè, anche se parlassimo di arte o di sport ci farebbe sempre entrare il suo livore per i pensionati

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  emilyever
15 Aprile 2021 17:57

Lo ha già spiegato ampiamente negli ultimi 10 anni – e la situazione attuale dovrebbe darci qualche indicazione… – e il livore mi sale quando si definiscono gli unici che escono fuori dal sistema insieme a pazzi e eroi, veramente il non plus ultra, un po’ come dire che Gates Soros e gli altri filantropi sono gli unici che fanno del bene per le persone. Totale stravolgimento dei significati, normale oggi come oggi. La verità fa male, capisco.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  emilyever
15 Aprile 2021 17:57

Lo ha già spiegato ampiamente negli ultimi 10 anni – e la situazione attuale dovrebbe darci qualche indicazione… – e il livore mi sale quando si definiscono gli unici che escono fuori dal sistema insieme a pazzi e eroi, veramente il non plus ultra, un po’ come dire che Gates Soros e gli altri filantropi sono gli unici che fanno del bene per le persone. Totale stravolgimento dei significati, normale oggi come oggi. La verità fa male, capisco.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Bertozzi
16 Aprile 2021 2:26

Gli unici che conosco io, intendevo, nel mio piccolo giro di amici e parenti. Leggere bene, per piacere

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  emilyever
16 Aprile 2021 3:16

Sì, ma mi pareva di aver letto – ma magari non bene – di altri che nel suo piccolo giro di amici e parenti l’hanno fatta soffrire non poco, proprio per la sua intenzione di non vaccinarsi; to’, adesso salta fuori che son tutti no vax. E approfitto anche per farle notare che quando si parla di arte sport o musica io parlo di arte sport o musica solo che evidentemente non se ne accorge, si accorge solo del mio livore per la sua categoria, ognuno vede ciò che vuol vedere, qui sotto c’è una poesia di Montale, se n’è forse accorta? Macché, e’ proprio il caso di dire che la lingua batte dove il dente duole.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 15:25

I pensionati sono i primi ricattati e al soldo dello stato, buoni buoni, docili come agnellini – e infatti una loro voce mai si è alzata a favore delle altre categorie e fanno a gara per vaccinarsi – senza pensione vedi dove finisce la tua presunta e auto-incensata saggezza, come altri hanno già fatto notare; non te lo dice nessuno te lo dici da solo che sei saggio, e vabbè sono lustri che lo fate, avete finito per crederci. Avverti pure la moderazione, se non sai tenere un dibattito, qui quello che insulta sei tu (dandomi del pazzo) visto che ad argomenti sei un po’ poverino, e frignando di attacchi ‘strumentali’ (a cosa?) e ‘idioti’ su cui soprassedero’ visto che dimostrano molto chiaramente la vostra saggezza (Sic!). Tanto più grosse di così non puoi spararle. Sta a vedere che i pensionati sono i saggi in mezzo alle pecore, eh come no, lo dimostrate ogni giorno e l’avete dimostrato bene in questi ultimi 30/40 anni.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 14:50

O tempora, o mores

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 14:50

O tempora, o mores

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 14:03

I pensionati sono liberi di dire quello che vogliono perché non ricattabili sul lavoro e la carriera..
E’ così difficile capirlo..?
Se invece dici le cose come stanno e lavori..sei un eroe…
Se invece parli tu..sei un pazzo (nel senso di non capire quello che leggi)..
Io invece mi colloco dalla parte dei saggi (teorici)..così..per intima e inamovibile convinzione..
Se non sai comprendere la saggezza..è meglio che stai zitto..così ci fai più bella figura..
(Avverto la moderazione che se vengo attaccato in modo strumentale e idiota..mi sento in dovere di rispondere..in modo soft..perché non sono villanzone e bifolco..soprattutto quando non sono impegnato in altri post)

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 14:21

Sintesi: lo schiavo che si ribella per incatenare il suo padrone fa poca paura; fa paura chi si ribella per eliminare la schiavitù!

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 14:21

Sintesi: lo schiavo che si ribella per incatenare il suo padrone fa poca paura; fa paura chi si ribella per eliminare la schiavitù!

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  giovanni
15 Aprile 2021 14:30

Più che altro è lo schiavo che incensa il padrone per indurlo a maggiore clemenza..

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  giovanni
15 Aprile 2021 14:30

Più che altro è lo schiavo che incensa il padrone per indurlo a maggiore clemenza..

a-zero
a-zero
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 17:05

Metafora peculiare dell’immaginario della signora. Dentro la sua visione funziona, anche se le metafore sono sempre sabbie mobili.

Io ammiro i lupi, nel mio immaginario metaforico sono i cani-pastore a guardia di questo mondo che hanno generato questo mondo. Poi ci si sveglia un bel giorno, toh, ma dove sono stato io finora? Per chi ho lavorato finora?

Ma fin qui ci siamo arrivati non solo grazie alle pecore, ma grazie all’indefesso lavoro dei cani-pastore. No, chi governa il mondo è un pastore, un malvagio pastore. Come il pastore si serve dei cani-pastore per prendere lana, latte e carne dalle pecore, così le altissime oligarchie trattano lo strame umanicolo con la loro economia di profitto e sfruttamento.

Restando alla metafora da ovile, egregia dottoressa le ricordo, umilmente, che “Finchè siam gregge è giusto che vi sia cricca social per leggi decretar

Comunque, i lupi (Canis lupus italicus) e i cani (Canis lupus familiaris) non sono specie diverse. Oltre ai cani-lupo famigliari, si stanno diffondendo i lupi-cane sugli appennini.

Una nuova varietà di canidi, più mediocre del lupo, ma più selvaggia ed aggressiva del cane … chissà traslando questa metafora a noi subalterni umani di questi tempi …

a-zero
a-zero
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 17:05

Metafora peculiare dell’immaginario della signora. Dentro la sua visione funziona, anche se le metafore sono sempre sabbie mobili.

Io ammiro i lupi, nel mio immaginario metaforico sono i cani-pastore a guardia di questo mondo che hanno generato questo mondo. Poi ci si sveglia un bel giorno, toh, ma dove sono stato io finora? Per chi ho lavorato finora?

Ma fin qui ci siamo arrivati non solo grazie alle pecore, ma grazie all’indefesso lavoro dei cani-pastore. No, chi governa il mondo è un pastore, un malvagio pastore. Come il pastore si serve dei cani-pastore per prendere lana, latte e carne dalle pecore, così le altissime oligarchie trattano lo strame umanicolo con la loro economia di profitto e sfruttamento.

Restando alla metafora da ovile, egregia dottoressa le ricordo, umilmente, che “Finchè siam gregge è giusto che vi sia cricca social per leggi decretar

Comunque, i lupi (Canis lupus italicus) e i cani (Canis lupus familiaris) non sono specie diverse. Oltre ai cani-lupo famigliari, si stanno diffondendo i lupi-cane sugli appennini.

Una nuova varietà di canidi, più mediocre del lupo, ma più selvaggia ed aggressiva del cane … chissà traslando questa metafora a noi subalterni umani di questi tempi …

R66
R66
Risposta al commento di  a-zero
15 Aprile 2021 17:19

Ahhh maledetto iperrealismo! 🙂
Ti giuro che all’inizio volevo mettercelo anche io l’uomo pastore, ma poi la faccenda sarebbe diventata troppo complicata e avrebbe perso di senso.
La metafora comunque non è della De Mari, è roba vecchiotta, viene usata anche in diversi film, tra gli ultimi, se non ricordo male in American Sniper, ma funziona solo immaginando i cani esenti da padroni.

R66
R66
Risposta al commento di  a-zero
15 Aprile 2021 17:19

Ahhh maledetto iperrealismo! 🙂
Ti giuro che all’inizio volevo mettercelo anche io l’uomo pastore, ma poi la faccenda sarebbe diventata troppo complicata e avrebbe perso di senso.
La metafora comunque non è della De Mari, è roba vecchiotta, viene usata anche in diversi film, tra gli ultimi, se non ricordo male in American Sniper, ma funziona solo immaginando i cani esenti da padroni.

Seneca22
Seneca22
15 Aprile 2021 6:40

Ho grande stima e ammirazione per la competenza e il coraggio della Dottoressa de Mari, anche se da credente solo in dei minori alieni e non in un dio provvidente e onnipotente non mi interessano le questioni relative alla chiesa e al papato. Temo però che la sua lotta, giusta e sacrosanta, sia destinata alla sconfitta, anche se sconfitti come Cristo, Gandhi e Spartaco o come l’Idiota di Dostoewskij possono lasciare un messaggio di verità e di coraggio alla massa di pecoroni che tutti siamo. Ma sono messaggi scritti con il sangue degli innocenti. Come scrive Giovanni nell’Apocalisse, tutti riceveranno il marchio della Bestia. Chi si oppone verrà terminato.

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 6:47

Meglio un giorno da leoni che una vita da pecoroni…, e comunque la pelle si vende, non si regala…

danone
danone
Risposta al commento di  CptHook
15 Aprile 2021 7:10

Sono dell’idea che la pelle si difende, non si regala, ne si vende. Poi di questi tempi al massimo si svende, più che vendere, non conviene.

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 8:33

Chiedo venia, hai perfettamente ragione, comunque era quello il concetto…

danone
danone
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 7:43

Se quello che insegna..”Io sono la via, la verità, la vita” è uno sconfitto, tutti gli altri cosa sono? Il nulla incarnato, come effettivamente stiamo vedendo tutto intorno a noi.

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 8:59

Io invece sono sicuro che perderanno.

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 8:59

Io invece sono sicuro che perderanno.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 12:52

Tutti un par de ciuffoli. Non e’ perche lo ha detto Giovanni…Poi vediamo chi verra’ terminato.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 12:52

Tutti un par de ciuffoli. Non e’ perche lo ha detto Giovanni…Poi vediamo chi verra’ terminato.

Annibal61
Annibal61
15 Aprile 2021 8:57

Quando vedo Silvana de Mari mi viene un pò di ottimismo…poi penso che, se ci sono persone come lei nel paese, l’ Italia può ancora farcela.

Annibal61
Annibal61
15 Aprile 2021 8:57

Quando vedo Silvana de Mari mi viene un pò di ottimismo…poi penso che, se ci sono persone come lei nel paese, l’ Italia può ancora farcela.

salvatore ore
15 Aprile 2021 7:13

ho già risposto su un altro sito a considerazioni politiche della dottoressa De Mari e qui confermo che siamo su due pianeti diversi , anzi proprio estremamente collidenti …….
Ciò non toglie che in momenti drammatici , a mio avviso, ci possiamo alleare per intraprendere una lotta comune per finalità alte, di “sopravvivenza”.
Se riusciremo anche in parte , insieme, a far rinsavire dalla pseudo pazzia dilagante le menti sopite dell’italiano medio(cre) , bene, altrimenti potremo comunque dire di averci provato ……. In caso di vittoria comunque ritorneremo fieramente diversi come prima

danone
danone
15 Aprile 2021 7:35

Se l’Italia fosse una penisola abitata su tre lati da gente come la De Mari, saremmo già una Nazione sovrana.

Damiano Paolini
Damiano Paolini
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 8:56

Io credo che basterebbero una dozzina di generali con gli “attributi” che ha questa signora, che ammiro moltissimo.

Damiano Paolini
Damiano Paolini
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 8:56

Io credo che basterebbero una dozzina di generali con gli “attributi” che ha questa signora, che ammiro moltissimo.

danone
danone
Risposta al commento di  Damiano Paolini
15 Aprile 2021 9:02

Non è questione di generali, ma di popolo, ahinoi.

danone
danone
Risposta al commento di  Damiano Paolini
15 Aprile 2021 9:02

Non è questione di generali, ma di popolo, ahinoi.

Holodoc
Holodoc
15 Aprile 2021 11:04

Un ringraziamento enorme ai medici come la De Mari che si espongono in prima linea per difendere la verità.

Holodoc
Holodoc
15 Aprile 2021 11:04

Un ringraziamento enorme ai medici come la De Mari che si espongono in prima linea per difendere la verità.

Seneca22
Seneca22
Risposta al commento di  Holodoc
15 Aprile 2021 12:42

Condivido il ringraziamento alla grande dottoressa, ma la storia (e le cronache) dimostrano che chi difende la verità viene sempre crocifisso oppure finisce in manicomio (oggi TSO) oppure costretto al suicidio (come Seneca). Ogni potere è violenza e al potere arrivano sempre i peggiori. La nostra grande amica combatte contro mostri che sembrano mulini a vento. Mi viene in mente il vecchio film FARENHEIT 451. Ci sarà sulla terra un posto dove le donne e gli uomini liberi potranno rifugiarsi dalla protervia dei potenti?

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 13:03

“…
Se procedi t’imbatti
tu forse nel fantasma che ti salva:
si compongono qui le storie, gli atti
scancellati pel giuoco del futuro.

Cerca una maglia rotta nella rete
che ci stringe, tu balza fuori, fuggi!
Va, per te l’ho pregato,- ora la sete
mi sarà lieve, meno acre la ruggine…”

Mai smettere di ‘cercare’ e ‘procedere’.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  Seneca22
15 Aprile 2021 13:03

“…
Se procedi t’imbatti
tu forse nel fantasma che ti salva:
si compongono qui le storie, gli atti
scancellati pel giuoco del futuro.

Cerca una maglia rotta nella rete
che ci stringe, tu balza fuori, fuggi!
Va, per te l’ho pregato,- ora la sete
mi sarà lieve, meno acre la ruggine…”

Mai smettere di ‘cercare’ e ‘procedere’.

Vlad
Vlad
15 Aprile 2021 16:09

Guarda che gli tocca fare alla Chiesa per non morire…..tocca spacciarsi per no global….e tocca inscenare il piccolo colpo di stato, Bergoglio come Biden e quello della gioventù hitleriana come Trump…bisogna rinnovare i locali….bisogna rendere noto il cambio di gestione, se si vogliono attirare nuovi avventori.

Vlad
Vlad
Risposta al commento di  Vlad
15 Aprile 2021 18:43

Toccato sul vivo eh?

Vlad
Vlad
Risposta al commento di  Vlad
15 Aprile 2021 18:43

Toccato sul vivo eh?

a-zero
a-zero
15 Aprile 2021 16:51

… Sono state scritte linee guida criminali che hanno fatto aggravare e ricoverare molte persone e, di queste, alcune non si sono potute salvare, sono morti che potevano essere evitati e gridano giustizia.

Nostra Signora del Coraggio, finalmente! Sono strasicuro che sarà Lei, senza tema, a firmare la prima denuncia contro il Ministro della Salute per l’ecatombe causata dalle nocive linee guida di approccio al Covid-19.

Mi sbaglio onorevole e coraggiosa signora?

a-zero
a-zero
15 Aprile 2021 16:51

… Sono state scritte linee guida criminali che hanno fatto aggravare e ricoverare molte persone e, di queste, alcune non si sono potute salvare, sono morti che potevano essere evitati e gridano giustizia.

Nostra Signora del Coraggio, finalmente! Sono strasicuro che sarà Lei, senza tema, a firmare la prima denuncia contro il Ministro della Salute per l’ecatombe causata dalle nocive linee guida di approccio al Covid-19.

Mi sbaglio onorevole e coraggiosa signora?

Endor
Endor
15 Aprile 2021 17:02

Visto che si cita nell’articolo la prigionia del vero papa Benedetto XVI, le cui dimissioni sono state invalidate da lui perché non stigmatizzare anche che c’è un Sacerdote eroe, con due lauree in teologia, Don Minutella, che da tre anni dimostra ai quattro venti la impostura del falso papa imbroglio. Mettendoci la faccia, dicendo una verità che nessuno ha il coraggio di dire dato che implica non partecipare per nessun caso alle “messe” in comunione con il falso papa imbroglio, perché la consacrazione dell’Ostia durante la Messa non è un fatto accessorio bensi costitutivo della cerimonia. Pertanto tutti i sacerdoti che ancora oggi celebrano oscuri rituali in comunione con imbroglio, sono fuori dalla Chiesa C.A.R. nonché compiono atti sacrilegi ed eretici. Questa situazione è già successa nella storia con le eresie di Ario e durante Napoleone che coptava i sacerdoti a dargli ubbidienza. Anche allora, come oggi, i Veri Cattolici si astenevano da celebrare “messa” con gli eretici e la celebravano solo con veri Sacerdoti. Questo lo insegna San Tommaso D’Aquino, il magistero tradizionale ed il codice di diritto canonico Universiti Dominici Gregis pag.232 paragrafo 2. Non se lo inventa Don Minutella, semplicemente, difende la Veritá. Don Minutella celebra la… Leggi tutto »

R66
R66
15 Aprile 2021 17:29

Per citare la De Mari: “Non esiste nessuna situazione dove non esiste nemmeno un atomo di bellezza.” – anche in questo marasma esce fuori l’atomo, il “martire 2.0”, se non proprio bello, almeno fa un po’ ridere.

Endor
Endor
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 17:32

allora fatti scomunicare te, da sacerdote, fatti levare lo stipendio, fatti perseguitare penalmente ed ignorare dai media e poi chiedici se ci fai ridere. Tutto questo per difendere la Veritá che, come sempre, è osteggiata…Ma te forse non ami la Veritá come Don Minutella, bensi la invettiva.

gix
gix
15 Aprile 2021 15:39

Difficile non essere d’accordo con il discorso generale di questa dottoressa, magari si può non condividere l’enfasi su certe cose rispetto ad altre, ma è indubbio che davanti alla protervia dei più, occorre gente così, senza stare troppo a sottilizzare. La storia ci insegna, dicono, che costoro fanno sempre la fine dei martiri, la storia… A parte che la storia che conosciamo noi è un romanzo che ci viene tramandato in fondo da qualche generazione di esseri umani che non abbiamo nemmeno conosciuto direttamente, non sappiamo in realtà se in altre ere gli umani avevano la stessa nostra visione della vita, degli eventi e dei propri simili. Non sappiamo nemmeno se esisteva il male e il bene per come lo conosciamo noi. Forse il gregge, quello si, più o meno potrebbe risultare una costante in qualunque tipo di aggregazione umana e in qualunque epoca. Ma non mi sembra che oggi le pecore siano compatte nella loro inconsapevole ignoranza e nel loro asservimento al comando. Si direbbe semmai che la maggior parte di loro è confusa, se ne avesse il coraggio e la forza, attaccherebbe sia il lupo che i cani e nel dubbio si affida a chi gli dice cosa… Leggi tutto »

gix
gix
15 Aprile 2021 15:39

Difficile non essere d’accordo con il discorso generale di questa dottoressa, magari si può non condividere l’enfasi su certe cose rispetto ad altre, ma è indubbio che davanti alla protervia dei più, occorre gente così, senza stare troppo a sottilizzare. La storia ci insegna, dicono, che costoro fanno sempre la fine dei martiri, la storia… A parte che la storia che conosciamo noi è un romanzo che ci viene tramandato in fondo da qualche generazione di esseri umani che non abbiamo nemmeno conosciuto direttamente, non sappiamo in realtà se in altre ere gli umani avevano la stessa nostra visione della vita, degli eventi e dei propri simili. Non sappiamo nemmeno se esisteva il male e il bene per come lo conosciamo noi. Forse il gregge, quello si, più o meno potrebbe risultare una costante in qualunque tipo di aggregazione umana e in qualunque epoca. Ma non mi sembra che oggi le pecore siano compatte nella loro inconsapevole ignoranza e nel loro asservimento al comando. Si direbbe semmai che la maggior parte di loro è confusa, se ne avesse il coraggio e la forza, attaccherebbe sia il lupo che i cani e nel dubbio si affida a chi gli dice cosa… Leggi tutto »

R66
R66
Risposta al commento di  gix
15 Aprile 2021 16:01

Due volte in un unico articolo vedo comparire il marchio della Bestia, mi sento in dovere di correggere la narrazione, non voglio entrare in temi di fede.
Nella Bibbia c’è scritto che il marchio è un “qualcosa” che va accettato e non subito, non si lo si può ricevere a forza, lo si deve condividere almeno nelle intenzioni e nelle visuali che lo generano.
Cosa sia questo “qualcosa” al momento non è dato sapere.
Riguardo a quelli che non lo accetteranno, non c’è scritto che tutti moriranno o, per citare un post in basso, verranno terminati.
Alcuni saranno imprigionati, altri uccisi, ma una buona parte, seppur sotto tribolazioni, sopravvivrà.
Riassumendo, indipendentemente dalla morte fisica, i marchiati rappresentano i dannati e i non marchiati i salvati.

R66
R66
Risposta al commento di  gix
15 Aprile 2021 16:01

Due volte in un unico articolo vedo comparire il marchio della Bestia, mi sento in dovere di correggere la narrazione, non voglio entrare in temi di fede.
Nella Bibbia c’è scritto che il marchio è un “qualcosa” che va accettato e non subito, non si lo si può ricevere a forza, lo si deve condividere almeno nelle intenzioni e nelle visuali che lo generano.
Cosa sia questo “qualcosa” al momento non è dato sapere.
Riguardo a quelli che non lo accetteranno, non c’è scritto che tutti moriranno o, per citare un post in basso, verranno terminati.
Alcuni saranno imprigionati, altri uccisi, ma una buona parte, seppur sotto tribolazioni, sopravvivrà.
Riassumendo, indipendentemente dalla morte fisica, i marchiati rappresentano i dannati e i non marchiati i salvati.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 16:06

E aggiungerei che la Bibbia e le sue innumerevoli interpretazioni nei secoli non sono legge, non è realtà, non è profezia, è ed è sempre stata strumento di controllo, per cui lascia anche pure che ci sia scritto, tanto cambia nulla.

R66
R66
Risposta al commento di  Bertozzi
15 Aprile 2021 16:13

Questo lo pensavo anche io, in passato credo di essere stato uno dei denigratori più acerrimi, dopo averla un minimo studiata e volendo adesso dare un parere più razionale possibile, penso che nessuno scriverebbe un tale libro per ottenere il controllo, anzi nel seguirla si otterrebbe l’effetto contrario.
Il controllo invece è l’intento dalla chiesa e infatti ne ha dovuto stravolgere, nel senso dell’interpretazione, gran parte dei contenuti per ottenerlo.
Credo che nessuno che non si fermi alla superficie possa seguire la chiesa cattolica e la Bibbia contemporaneamente, ma i cattolici in genere non hanno di questi problemi, non la leggono. 🙂

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 16:06

E aggiungerei che la Bibbia e le sue innumerevoli interpretazioni nei secoli non sono legge, non è realtà, non è profezia, è ed è sempre stata strumento di controllo, per cui lascia anche pure che ci sia scritto, tanto cambia nulla.

danone
danone
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 16:17

Per me il marchio della bastia ha sicuramente a che fare con la menzogna.
Nessuno è obbligato davvero a mentire, anche sotto tortura si può scegliere la morte, come Socrate e Giordano Bruno insegnano. Chi mente, cosciente o no di farlo, sta accettando le conseguenze di una scelta di compromesso, spiritualmente sempre al ribasso. Quelli che non accettano la menzogna, declinata in tutte le sue forme esteriori, propaganda-censura-post-democrazia-mainstream-terrorismo emergenziale costante, o interiori, mentire a se stessi-identificazione all’ego psico-fisico mortale, sono già “anime” perseguitate, quì e ora. Sebbene si possa o debba portare la verità spirituale sul piano fisico terrestre, la vera liberazione è sempre oltre la dimensione fisica.

R66
R66
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 16:44

Però da quel che si può leggere, comprometterà “il poter vendere e comprare”, per cui non può avere solo consistenza spirituale, ma anche un riscontro tangibile e fisico.
Dato che il marchio è posteriore all’istaurazione di un sistema in antitesi con Dio, chi lo accetterà avrà già preso per buono il sistema menzognero e considererà il marchio un vantaggio dello stesso.
Lo so che sembra calzare a pennello con il vaccino, tatuaggio quantico, patentino, NWO, Great Reset e roba simile, on-line si sprecano le congetture sulla sua natura, ma sempre dalla fonte si legge che tutto sarà celato fino a poco prima dello scaturire degli eventi, quindi, credenti o meno, qui ne stiamo soltanto facendo una in più e se non la smettiamo arriverà WP e ci marchierà lui. 🙂

R66
R66
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 16:44

Però da quel che si può leggere, comprometterà “il poter vendere e comprare”, per cui non può avere solo consistenza spirituale, ma anche un riscontro tangibile e fisico.
Dato che il marchio è posteriore all’istaurazione di un sistema in antitesi con Dio, chi lo accetterà avrà già preso per buono il sistema menzognero e considererà il marchio un vantaggio dello stesso.
Lo so che sembra calzare a pennello con il vaccino, tatuaggio quantico, patentino, NWO, Great Reset e roba simile, on-line si sprecano le congetture sulla sua natura, ma sempre dalla fonte si legge che tutto sarà celato fino a poco prima dello scaturire degli eventi, quindi, credenti o meno, qui ne stiamo soltanto facendo una in più e se non la smettiamo arriverà WP e ci marchierà lui. 🙂

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 17:47

La menzogna è collegata all’amputazione della verità..
Simbolicamente il sei rappresenta le sei direzioni dello spazio private del centro che è la prima da cui tutto deduce..
Il numero tre rappresenta le tre forze che ci vogliono per realizzare ogni fenomeno e anche stabilità..
Ripetere tre volte il sei significa stabilizzare un corpo privo di centro..cosa impossibile..quindi illusoria..
La Bestia si muoverà senza verità..ma all’apparenza sembrerà averla perché superficialmente avrà potere..
Potere che però non si basa sul Principio..ma solo su una manifestazione acefala di forze slegate all’Unità..e quindi di breve durata..

danone
danone
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 18:18

Come ho scritto, è una mia interpretazione, il simbolo della bestia 666 rappresenta l’ego fisico, l’uomo falso, il senz’anima, perchè l’ha “venduta” all’anti-cristo, il mentitore, il Demiurgo, il principio che rende la materia una sostanza con inerzia, in cambio della soddisfazione sensibile terrena (accettazione della falsa realtà sensibile, una realtà transitoria-“olografica”, percepita dai sensi del veicolo corpo-mente come la verità prima e ultima), in antitesi al Cristo 777, l’uomo centrato-integro-realizzato, che può connettersi-aprirsi all’energia infinita impersonale di ciò che è-verità, entrando in modo cosciente sui piani superiori, essendosi ormai accorto dell’inganno sensibile, si è disidentificato-disincarnato dalla sua storia-energia personale egoica di omino-corpo fisico terrestre, per abbracciare la “sua” esperienza animica di verità spirituale.

danone
danone
Risposta al commento di  uparishutrachoal
15 Aprile 2021 18:18

Come ho scritto, è una mia interpretazione, il simbolo della bestia 666 rappresenta l’ego fisico, l’uomo falso, il senz’anima, perchè l’ha “venduta” all’anti-cristo, il mentitore, il Demiurgo, il principio che rende la materia una sostanza con inerzia, in cambio della soddisfazione sensibile terrena (accettazione della falsa realtà sensibile, una realtà transitoria-“olografica”, percepita dai sensi del veicolo corpo-mente come la verità prima e ultima), in antitesi al Cristo 777, l’uomo centrato-integro-realizzato, che può connettersi-aprirsi all’energia infinita impersonale di ciò che è-verità, entrando in modo cosciente sui piani superiori, essendosi ormai accorto dell’inganno sensibile, si è disidentificato-disincarnato dalla sua storia-energia personale egoica di omino-corpo fisico terrestre, per abbracciare la “sua” esperienza animica di verità spirituale.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 20:08

Morire per i propri ideali e per i valori no non serve a niente.

danone
danone
Risposta al commento di  Violetto
15 Aprile 2021 20:15

E chi lo sostiene?
O si muore per la verità o è come non essere mai vissuti.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  danone
15 Aprile 2021 20:49

Quale verità

danone
danone
Risposta al commento di  Violetto
15 Aprile 2021 21:23

Quella non contenuta nelle menzogne di cui ti accorgi.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  danone
16 Aprile 2021 1:29

Tu moriresti come Giordano Bruno?
Io no.
Codardo? Forse.
Ma non mi farei bruciare per orgoglio, mentirei.
Nessuno potrà mai costringermi a non riconoscere quella verità.

danone
danone
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 8:15

Non ho le palle di Giordano Bruno.
La menzogna non vederla come una cosa da non fare se no sei un bimbo cattivo, non centra la morale.
E’ un contratto esistenziale con le forze che ci fanno essere, puoi mentire, ma ne paghi le conseguenze sempre, anche se eri inconsapevole di mentire. La verità è uno stato superiore, bisogna saperlo reggere per restarci.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  danone
16 Aprile 2021 10:25

Invece se ti bruciano sul rogo non stai pagando le conseguenze?

danone
danone
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 14:09

Dal punto di vista fisico si, ma dal punto di vista spirituale può essere una liberazione e una crescita evolutiva importante. Chi accetta la menzogna, spiritualmente quasi sempre si sta allontanando dall’obiettivo spirituale della conoscenza della verità, nutrimento necessario per crescere e maturare animicamente. Il problema quindi è la concezione di se stessi e della vita-universo, chi la vede ancora come una vita solo fisica-materiale, non capisce il danno che si provoca accettando la menzogna, sebbene eviti il fuoco.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  danone
16 Aprile 2021 14:18

in realtà quando “vedi” la verità sai che non puoi allontanartene e che non ne sei mai stato lontano un secondo.

La paura di “agire” male e quindi di subire conseguenze spirituali perche si rinnega la “verità” agli altri è dovuta a ignoranza (spirituale).

I martiri sono martiri per se stessi per paura di tradire se stessi e la verità.
io non ho affatto questa paura.

danone
danone
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 14:38

Il concetto di paura lo stai mettendo tu. Io sto sottolineando la scelta consapevole. Chi sceglie consapevolmente una verità, che gli farà un danno fisico o di libertà fisica, sta scegliendo di crescere spiritualmente, capendo che la scelta opposta, pur garantendogli salva la vita o la libertà del corpo, lo ucciderebbe animicamente-spiritualmente, perchè il compromesso con la menzogna sarebbe intollerabile. Solo chi fa questa scelta può sapere in che situazione è, per potersi responsabilizzare in un senso o in un altro, da fuori non possiamo dirlo. A volte sono d’accordo con te che fare il martire soddisfa solo delle istanze egoiche di personalità e non animiche, ma solo il diretto interessato lo sa e ne pagherà cmq le conseguenze.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  danone
16 Aprile 2021 22:49

Si
É certamente una questione strettamente personale.
Su questo possiamo trovare un punto d accordo.

danone
danone
Risposta al commento di  R66
15 Aprile 2021 16:17

Per me il marchio della bastia ha sicuramente a che fare con la menzogna.
Nessuno è obbligato davvero a mentire, anche sotto tortura si può scegliere la morte, come Socrate e Giordano Bruno insegnano. Chi mente, cosciente o no di farlo, sta accettando le conseguenze di una scelta di compromesso, spiritualmente sempre al ribasso. Quelli che non accettano la menzogna, declinata in tutte le sue forme esteriori, propaganda-censura-post-democrazia-mainstream-terrorismo emergenziale costante, o interiori, mentire a se stessi-identificazione all’ego psico-fisico mortale, sono già “anime” perseguitate, quì e ora. Sebbene si possa o debba portare la verità spirituale sul piano fisico terrestre, la vera liberazione è sempre oltre la dimensione fisica.

Vlad
Vlad
15 Aprile 2021 19:58

Alla faccia…..ancora con Ario ce l’avete….e sì che di tempo ne è passato. Io sono solo che contento di un “vostro” ritorno in grande stile, chissà se ne intuisci il perché.

Endor
Endor
Risposta al commento di  Vlad
15 Aprile 2021 21:12

ti sbagli. Non ce ne siamo mai andati. I veri Cristiani sono eterni come la anima. Si, molto pochi è vero, quelli veri che non stanno con la falsa chiesa di imbroglio, ma eterni perché NS GESU CRISTO lo ha promesso. Anche te, come gli altri pagani, subirai il giudizio di DIO ed essendo italiano, sarà più duro (credo) perché “a chi più ha ricevuto più sarà chiesto”.
Potete anche far finta di non credere al Soprannaturale, malgrado la stessa scienza umana è costretta ad ammettere i suoi limiti,
ma i segni, DIO PADRE, li ha sempre dati.
Oggi é ad esempio l’anniversario della morte della Santa Bernadette Soubirous:
si inventó tutto quella bambina analfabeta a Lourdes ?
Anche se subiva la persecuzione della polizia massonica francese?
E delle più di 100 guarigioni ufficiali (impossibili per la scienza) confermate dai medici (ma sono molto di più quelle ufficiose) facciamo finta di niente ? Le hanno fatte marx e hegel ?

Cruciverba
Cruciverba
Risposta al commento di  Vlad
16 Aprile 2021 3:34

L’orgoglio che ti fa ergere al di sopra di un tuo fratello ti condanna già in principio .
Il Giudizio ci sarà per tutti per “veri” cristiani e finti cristiani .
Anche se credo in Gesu’ mi tengo ben alla larga dai cristiani , finti o veri che essi siano .
Hanno tutti il grave difetto di sentirsi superiori agli altri e ritenere Gesu’ , un Dio solo per le spettacolarità soprannaturali a lui legate mentre io lo amo per le opere , l’insegnamento e la sua vita da umano .

Vlad
Vlad
Risposta al commento di  Vlad
16 Aprile 2021 8:13

Eheheh…mi fai scompisciare! Dei tuoi anatemi, detta fra noi, me ne faccio ben poco. Purtroppo lo so bene che non ve ne siete mai andati…anzi, tornate alla ribalta nei periodi bui, di miseria e carestia, come è sempre stato, sono le vostre fonti di forza. Ma il vostro essere profondamente retrogradi è e sarà sempre il vostro limite, limite che segnerà la vostra fine definitiva. Già che pare tu non l’abbia compreso, ti dico il perché sono contento del ritorno di voi integralisti: se tutto il teatrino che avete escogitato si riduce ad inscenare il colpo di stato, dove Imbroglio (come lo chiami tu) ha rubato il posto all’altro, beh, siete messi male. Già sono anni che non vi si fila più nessuno e che le chiese sono vuote, se tutta la vostra strategia si limita a far vedere la chiesa “commerciale” come cattiva e dunque avete la bella idea di riproporre la chiesa integralista, beh, potrò dire di aver avuto il piacere di vedere crollare definitivamente un’associazione criminale millenaria. Ciao ciao….e non scordarti il cilicio!

Vlad
Vlad
Risposta al commento di  Vlad
16 Aprile 2021 9:10

Hai ragione ed oltre che aver ragione hai al contempo ammesso il vostro grave limite: voi sono 2000 anni che non cambiate mai idea, nemmeno di fronte a mille evidenze. Come si possano definire persone così vedi tu. Ti sei dato la zappa sui piedi anche nella frase successiva: ” di fatti si vede il declino dell’occidente, forgiato su valori cristiani”. Ecco, appunto. La Storia è lì, a raccontare le vostre malefatte, non sarà certo un raffazzonato teatrino a salvarvi. Ciao ciao

Violetto
Violetto
15 Aprile 2021 20:05

Questa DeMari è una fondamentalista cattolica che sostiene tra l altro l esigenza di tornare alla messa in latino.
Penso possa bastare…….per farsi una idea.

danone
danone
Risposta al commento di  Violetto
15 Aprile 2021 20:14

Il limite più grande della de Mari è il suo integralismo cattolico, quindi concordo col tuo giudizio, ma nota la sfumatura.
Tieni presente il fatto che si è convertita in età avanzata, oltre i 50 anni, fatto che ho imparato anch’io adesso leggendo l’articolo. Se il dato è attendibile, fa pensare che il soggetto sia in movimento, quindi è certo che nello sviluppo prossimo venturo, cambierà ancora. Nella situazione di spinta standardizzazione odierna della omologazione delle coscienze, non è un dato da trascurare.

AlbertoConti
AlbertoConti
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 10:40

A me basta per non cambiare idea. L’ottima impressione resta inalterata, e non sono un cattolico fondamentalista o milanista.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  AlbertoConti
16 Aprile 2021 11:19

sapere che la sua (di lei) concezione di mondo è un mondo medievale non ti tocca.
Capisco.

Invece da qui si capiscono molte cose…..
Una persona che ha un ideale di mondo medievale non ragiona bene.

AlbertoConti
AlbertoConti
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 14:17

Ma che ne sai del mondo medievale? E che ne sai di questo nostro mondo, mi chiedo, per poter fare un confronto così tranchant.
In ogni caso giudicare i contenuti dal pedigree della persona che li enuncia mi sembra un metodo euristico assai poco valido, per usare un eufemismo.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  AlbertoConti
16 Aprile 2021 14:23

e qui c’è il blocco.
niente, non si va avanti.

Questa tizia si auspica un mondo in cui la morale si quella cattolica del medioevo.
FINE
se ti sta bene buon viaggio.

AlbertoConti
AlbertoConti
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 14:35

Con la sua “visione medievale” o peggio la De Mari dice cose sacrosante, condivisibilissime, che infondono grinta e volontà di liberazione. Altri, in particolare i “politicamente corretti” e, come dice Fusaro “moralmente corrotti”, son pronti a incatenarti per una falsa visione del problema, e forse anche a linciarti se le cose dovessero radicalizzarsi ulteriormente, come sì è già visto in tempi passati.
Quando sento uno Speranza mi vien da vomitare, mentre sentire la De Mari ti riaccende la speranza. Speranza in un mondo migliore, libero dai coglioni politicamente corretti che ti opprimono e ti schiavizzano con le loro idiozie. Sulla parola FINE a questo confronto probabilmente sterile sono d’accordo con te. Ricambio anche gli auguri.

Pierrot Lenolese
Pierrot Lenolese
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 11:58

Basta e avanza per farsi una idea e che si fermi lì la questione, non facciamo il loro gioco! Per quanto mi riguarda non faccio alcuna differenza sostanziale tra i vari fondamentalismi passati, presenti (vedi chi si attiene alle regole Virali come una religione) e futuri. Il fondamentalismo più nocivo nell’immediato è quello celebrato dal NWO ogni santo giorno. Al momento l’importante è che la De Mari ha capito l’andazzo, è già tanto. Non è utile ad una auspicato NOI (Nuovo Ordine Italiano) stare a puntualizzare sulle tradizioni religiose classiche. Tuttalpiù è un discernimento utile ai fini dell’organizzazione civile, sociale e culturale, e dovrebbe essere parte di un programma politico. La Costituzione a priori non discrimina alcun culto.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  Pierrot Lenolese
16 Aprile 2021 12:54

non credo di capire cosa intendi. Io non sto discutendo tanto su che tipo di fondamentalismo segua la De Mari ma sto sottolineando il fatto che la sua è una visione “medievale”. Cosa significa? Significa che non è una persona intelligente. tranquillo, è una cosa comune. Ε’ prassi di chi non riesce a ragionare bene, cioè in maniera compiuta e razionale, “decidere” quale sia il periodo storico (e la situazione sociale/politica) ad essa relativa e dichiaralo “giusto” rispetto agli altri. La De Mari critica l’evoluzione della chiesa, Bergoglio, etc (non sto a dilungarmi) e la critica fino a….. Fino a dove a lei piace: la messa in latino (e ciò che ne consegue). Dunque stabilisce arbitrariamente e in maniera miope che fino a quel momento la chiesa era “bene” e da quel momento in poi è stata “inquinata”. Questa gente è dunque contro le aperture che, per esempio, la chiesa sta facendo nei confronti delle coppie omosessuali. La chiesa dovrebbe restare….restare dove? A un periodo deciso arbitrariamente, secondo il proprio miope “gusto” quando la chiesa discriminava e inquisiva. Dovremmo tornare, secondo questa gente, a un mondo in cui la chiesa “medievale” e “inquisitoria” decide la morale e affanculo 1500 di… Leggi tutto »

lurisia
lurisia
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 13:53

Sinceramente una persona che rischia la salute per andare a visitare i malati a casa, che rinuncia alla carriera, si mette in discussione con il proprio ordine professionale, che viene perculata dal mainstream, ecc. ecc. merita tutto il mio rispetto, poi può anche dire che quelli del Toro (di cui sono grande tifoso) sono mafiosi, ladri e sfruttatori, ma avrà sempre il mio rispetto, c’è una scala di valori da rispettare e di sicuro quando uno giudica l’intelligenza di un altro ha già sbagliato in partenza.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  lurisia
16 Aprile 2021 14:03

ma certo!
Perchè criticare una che ‘ contro i gay, propaganda l’omofobia, è contraria all’aborto.
Una che quindi ha il cervello quanto un nocciolo d’olivo….mica si puo dire però….

Una pronta a togliere libertà individuali in nome dell’intolleranza religiosa.
Ma si…
Ma qui non si era contro tali “pratiche” e tali “ideologie ” oscurantiste?

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  Violetto
16 Aprile 2021 17:56

Se un antropofago condividesse, in questo momento, le mie posizioni sulla situazione che stiamo vivendo, lo accoglierei al mio fianco.

La minaccia non viene dall’integralismo della dott. De Mari ma dal fatto che se gli integralisti occupano il Vaticano sono guai per tutti, quindi il problema è il Vaticano e il potere che ne deriva, non l’integralismo della dott. De Mari o di Viganó che devono essere liberi di pensare ciò che vogliono, come tutti.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  Primadellesabbie
16 Aprile 2021 22:47

Io invece rabbrividisco quando al modello orwelliano/huxleyano di società che le élite perseguono, nella contro informazione è pieno di destrorsi e fondamentalisti di ogni tipo che portano avanti idee di modelli di società terrificanti altrettanto quanto quella orwelliana/huxleyana. Mi chiedo e ho già chiesto qui : che modello portano avanti. Che modello avete voi “gente” in mente da contrapporre alle élite? Attenzione perché è così che le Elite portano avanti le loro agende: facendole veicolare da “anti” che poi entrano nel sistema. Che visione avevano i 5stelle? Chi ha riconosciuto gli abomini e chi li riconosce ancora ora? Il vincolo di mandato La democrazia rappresentativa Una politica non “professionale” Etc. Come ho già detto su alcuni canali si veicolano ideali cattolici oscurantisti, intolleranti, anti progressisti, anti progresso, medievali. Video che si intitolano: siamo contro la digitalizzazione, contro il 5G, contro la robotizzazione… Etc Ci sono due aspetti da considerare: il primo è la totale infattibilità (per fortuna) di molte idee veicolate, cosa che riduce il tutto a puro “pour parler”. L altro è che quando queste idee vengono impacchettate in movimenti come Ancora Italia ex Vox Italia, si inizia il processo visto con i 5 stelle e ci si deve… Leggi tutto »

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  Violetto
17 Aprile 2021 2:30

Per seguire il tuo discorso, ci sono situazioni in cui allearsi con il diavolo è la scelta.

Qui può accadere che ci ritroviamo tutti prigionieri per sempre e senza alcuna possibilità di uscirne: ti pare il momento di metterti a raccontare perché tu sei meglio?

Non mi meraviglio perché credo di conoscere abbastanza il mondo, ma questa smania di distinguersi, in alcuni frangenti, deve essere dominata (cosa che non significa rinunciare alle proprie idee).

Più concreto è il discorso del cavallo di Troia che pare tornato di moda.

Questo BBC di oggi lo metto nel forum:

Più di 1.200 ministri della chiesa nel Regno Unito hanno esortato il premier Boris Johnson a non introdurre certificati di vaccinazione contro il coronavirus, affermando che sono una “forma di coercizione non etica”.

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  Primadellesabbie
17 Aprile 2021 2:56

ma cosa significa “smania” di distinguersi?
io dico quello che penso.

vedo gente, troppa gente, con il ragionamento corto.
e siccome il ragionamento corto è ciò che rende schiavi (perchè è il motivo per cui si accettano tesi, ideologie, politiche etc sconvenienti e ci si ferma alle apparenze) io lo faccio notare.

da fastidio lo so
ma non me ne importa nulla

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  Violetto
17 Aprile 2021 3:02

Adesso, qui, il problema é costituito dall’incombente possibilità dell’obbligo di farsi inoculare un intruglio.

Pierrot Lenolese
Pierrot Lenolese
Risposta al commento di  Violetto
17 Aprile 2021 11:03

Ma, ti chiedo: hai provato nella vita reale a discutere con uno che crede che i Vaccini servono per proteggersi dal Virus? Credo di no, altrimenti non saresti qui a scrivere. Se ti poni in questo modo rischi solo lo scontro fisico. Io con uno su dieci sono riuscito a scambiare qualche mezza opinione, non si va oltre, sono di ghiaccio. Capisco la sua rabbia, ed è calzante il parallelismo politico che fai. Infatti non mi è mai piaciuto entrare in contesa neanche con soggetti fanatici schierati politicamente. Sta cambiando il mondo, ma loro (i fondamentalisti del virus) non se ne accorgono, non annusano il pericolo, anzi, ti dirò di più, è colpa tua che non la pensi come loro e se non possono continuare a fare la vita di merda che facevano prima. Per loro sei tu il pericolo. Pertanto cosa vuoi discutere, cosa vuoi far notare? Gli dai solo fastidio, come giustamente dici. E considera poi che dietro le loro spalle ci sono eserciti armati fino ai denti con a disposizione una tecnologia che a malapena riusciamo a concepire, alle tue di spalle cosa hai? Siamo quattro gatti con un martello e qualche accetta spaccata. La De Mari,… Leggi tutto »

Pierrot Lenolese
Pierrot Lenolese
Risposta al commento di  Violetto
17 Aprile 2021 11:03

Ma, ti chiedo: hai provato nella vita reale a discutere con uno che crede che i Vaccini servono per proteggersi dal Virus? Credo di no, altrimenti non saresti qui a scrivere. Se ti poni in questo modo rischi solo lo scontro fisico. Io con uno su dieci sono riuscito a scambiare qualche mezza opinione, non si va oltre, sono di ghiaccio. Capisco la sua rabbia, ed è calzante il parallelismo politico che fai. Infatti non mi è mai piaciuto entrare in contesa neanche con soggetti fanatici schierati politicamente. Sta cambiando il mondo, ma loro (i fondamentalisti del virus) non se ne accorgono, non annusano il pericolo, anzi, ti dirò di più, è colpa tua che non la pensi come loro e se non possono continuare a fare la vita di merda che facevano prima. Per loro sei tu il pericolo. Pertanto cosa vuoi discutere, cosa vuoi far notare? Gli dai solo fastidio, come giustamente dici. E considera poi che dietro le loro spalle ci sono eserciti armati fino ai denti con a disposizione una tecnologia che a malapena riusciamo a concepire, alle tue di spalle cosa hai? Siamo quattro gatti con un martello e qualche accetta spaccata. La De Mari,… Leggi tutto »

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  Pierrot Lenolese
17 Aprile 2021 11:54

Apprezzo l’intento del commento e il suo stile. Ma non concordo. L’atteggiamento “controproducente” che lei mi attribuisce è, a mio avviso, quello, invece, di sospendere il giudizio. Il rischio insito (storicamente riscontrabile) è quello di finire ne “La Fattoria degli Animali”. Le critiche a questo sistema attuale (pre e post pandemico) arrivano da più fronti e benché si possano condividere le critiche si deve, secondo me, fare attenzione alla provenienza e alla natura, dunque, di tali critiche. Sospendere dunque il giudizio, perché si sente il bisogno di “alleati” e “imbarcare” chiunque, senza valutazione, è profondamente sbagliato e altrettanto pericoloso. Del resto, poi, non lo fa nessuno. Se qui postassi delle frasi di Ernesto Guevara detto “Che” (tanto per fare un esempio) nonostante magari universalmente condivisibili, sarebbe comunque rifiutato dai destrorsi, e viceversa se postassi altrettante frasi di BenitoMussolini altrettanto universalmente condivisibili, sarebbe rifiutato dai sinistrorsi. Nessuno, realmente, accetta le opinioni degli altri, senza vedere da dove vengono. Si accetta ciò che dice la De Mari, oltre la condivisibile critica a ciò che sta succedendo e ad alcuni aspetti della società contemporanea, perché di fondo gli intolleranti vivono tra noi. Non ho nulla contro il medioevo e non ho affatto parlato… Leggi tutto »

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  Pierrot Lenolese
18 Aprile 2021 6:12

Apprezzo l’intento del commento e il suo stile. Ma non concordo. L’atteggiamento “controproducente” che lei mi attribuisce è, a mio avviso, quello, invece, di sospendere il giudizio. Il rischio insito (storicamente riscontrabile) è quello di finire ne “La Fattoria degli Animali”. Le critiche a questo sistema attuale (pre e post pandemico) arrivano da più fronti e benché si possano condividere le critiche si deve, secondo me, fare attenzione alla provenienza e alla natura, dunque, di tali critiche. Sospendere dunque il giudizio, perché si sente il bisogno di “alleati” e “imbarcare” chiunque, senza valutazione, è profondamente sbagliato e altrettanto pericoloso. Del resto, poi, non lo fa nessuno. Se qui postassi delle frasi di Ernesto Guevara detto “Che” (tanto per fare un esempio) nonostante magari universalmente condivisibili, sarebbe comunque rifiutato dai destrorsi, e viceversa se postassi altrettante frasi di BenitoMussolini altrettanto universalmente condivisibili, sarebbe rifiutato dai sinistrorsi. Nessuno, realmente, accetta le opinioni degli altri, senza vedere da dove vengono. Si accetta ciò che dice la De Mari, oltre la condivisibile critica a ciò che sta succedendo e ad alcuni aspetti della società contemporanea, perché di fondo gli intolleranti vivono tra noi. Non ho nulla contro il medioevo e non ho affatto parlato… Leggi tutto »

Pierrot Lenolese
Pierrot Lenolese
Risposta al commento di  Violetto
18 Aprile 2021 11:23

Il mio intento non era quello di incentivare una sospensione del giudizio. Ho rintracciato nel suo commento precedente un eccessivo slancio e prepotente foga verso coloro che non ravvedono nella storia virulenta un piano ben tracciato. Costoro non sono tutti uguali, nel senso che non leggono la storia tutti allo stesso modo. C’è chi crede alla scienza di regime, chi segue come una pecora, chi ha paura di morire, chi ha capito, ma ha tutto da perdere, chi è semplicemente un fanatico etc. Ed è per questo che mi sono permesso di metterla in guardia per il semplice motivo che se buttiamo tutto nel calderone finiamo per remare contro le nostre stesse idee che nel nocciolo coincidono. Trovo indicativo il passo del suo commento dove dice: “Non voglio trovarmi sullo stesso carro a sfilare contro la chiesa con chi però ha una idea che reputo oscurantista e miope solo perché mi aiuta a tirare i pomodori!!!” Io credo che sia inevitabile ritrovarsi a sfilare insieme a chi ha idee e interesse diversi anche solamente perché, simbolicamente, aiuta a tirare i pomodori come tu dici. Detto questo riconosco che l’azione feroce e dispotica è verosimilmente l’unica possibilità che ci rimane per… Leggi tutto »

Violetto
Violetto
Risposta al commento di  Pierrot Lenolese
18 Aprile 2021 6:11

Io ho risposto ma non è pubblicato perche riconosciuta come spam

Pierrot Lenolese
Pierrot Lenolese
Risposta al commento di  Violetto
18 Aprile 2021 7:41

Strano, perchè la posso vedere, per altro la trovo interessante. In serata proverò ad articolare una risposta.

WM
Risposta al commento di  Violetto
18 Aprile 2021 8:03

Ce l’ha messo Disqus, adesso è pubblicato.
Lasceremo Disqus entro il 30 aprile.

carlo
carlo
20 Aprile 2021 21:12

Intervista interessantissima che condivido all’ 80% : la parte riguardo al lavaggio del cervello che ci hanno fatto sul Covid è sotto gli occhi di tutti, il marketng fatto sui vaccini è vergognoso come il volerli imporre e bene fa la dottoressa a fare esempi pratici su come combattere davvero il virus. Sono meno d’accorso sul discorso sula validità dell’abdicazione del precedente Papa e sul valore di Benedetto che non era scevro da errori fatti nel suo pontificato(inutile elencarli) e poi alcuni discorsi della dottoressa un po’ troppo da morale cattolica “codina” . Il mio personale No a questi vaccini ci sarà per tutta la mia vita, ma le menti più fragili o chi ha smesso di combattere, sono purtroppo difficili da convincere. Bergoglio parla magari dalla sua ottica sui vaccini, il problema è chi lo considera un ‘autorità anche in campo medico, cosa che Francesco non è: più che con lui me la prenderei con chi lo strumentalizza. Chi però vorrà riaffermare la propria libertà di pensiero ed azione dovrà essere pronto a essere messo ai margini in nome del pensiero unico: ma le scelte sono sempre dolorose.