Home / Economia / SCMP: la Cina salverà l’economia dell’Ucraina?

SCMP: la Cina salverà l’economia dell’Ucraina?

FONTE: FONDSK.RU

Pechino concede prestiti senza condizioni, a differenza del Fondo Monetario Internazionale

“Il nuovo Presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskij, può mantenere a galla l’economia morente del suo Paese,rivolgendosi per assistenza alla Cina. E l’economia ucraina è davvero in uno stato deplorevole – oggigiorno, questo Paese rimane uno delle nazioni più povere d’Europa e ha un disperato bisogno di investimenti”, scrive il quotidiano cinese South China Morning Post.

La pubblicazione rileva che il PIL pro capite in Ucraina è inferiore a quello in Iraq e in Venezuela – solo 2.963 dollari nel 2018. La Cina sta diventando il principale partner commerciale dell’Ucraina, dopo il 2014 c’è stato un aumento vertiginoso del commercio bilaterale e, oggi, i volumi commerciali dell’Ucraina e della Cina sono due volte più alti di quelli tra Ucraina e Stati Uniti. E anche se l’Ucraina tende all’Occidente, tuttavia, i legami economici di questo Paese stanno virando sempre più verso l’Oriente.

“L’Ucraina non può ignorare le realtà economiche del XXI secolo. Anche se politicamente possiamo andare ad ovest, non possiamo ignorare il fatto che la Cina sarà il nostro partner commerciale più importante”, la pubblicazione citala professoressa Tat’jana Šal’ della Kharkiv National University of Economics, Semёn Kuznets.

In questo caso, sottolinea il South China Morning Post, anche ciò è molto importante, Pechino concede prestiti senza alcuna condizione, a differenza dell’FMI, che richiede alcune riforme nel Paese.

“L’imprenditore ucraino Igor’ Kolomojskij, un potente oligarca il cui canale televisivo ha trasmesso la serie in cui Zelenskij ha recitato prima di diventare Presidente, richiede all’Occidente di cancellare debiti per miliardi”, si afferma nell’articolo.

“Questo è il vostro gioco, la vostra geopolitica. Non preoccupatevi di noi, volete danneggiare la Russia, e l’Ucraina è solo uno strumento”, ha affermato di recente Kolomojskij in un’intervista a un quotidiano occidentale.

SCMP ricorda che Kiev una tra le prime, nel 2013, ad aver dichiarato il sostegno per l’iniziativa “One Belt, One Road” di Pechino. L’economista ucraino Aleksej Kušč è sicuro che sia giunto il momento di cambiare la cooperazione con Washington, con una cooperazione con la Cina, perché è proprio l’apertura verso Est che può trasformare l’Ucraina da “Somalia dell’Europa orientale” in “Islanda dell’Europa orientale”.

E sullo sfondo degli umori anti-cinesi negli Stati Uniti, anche Pechino dovrebbe prestare attenzione all’Ucraina, in cui alla Cina viene riservato un trattamento molto favorevole. Affinché l’atteggiamento di Kiev nei confronti della Cina migliori ancora di più, Pechino ha regalato all’Ucraina 50 nuove ambulanze e 137 milioni di dollari per attrezzature mediche all’avanguardia agli ospedali, che in Ucraina sono in pessime condizioni. Inoltre, Kiev ha assunto prestiti cinesi per costruire un nuovo ponte sul Dnepr (340 milioni di dollari) e la Banca Statale Cinese ha investito 2 miliardi di dollari nella costruzione della metropolitana. E l’anno scorso, il Primo Ministro dell’Ucraina, Vladimir Grojsman, ha definito la Cina un partner strategico dell’Ucraina.

Tutto ciò causa insoddisfazione da parte di un altro “partner strategico” dell’Ucraina – gli Stati Uniti. Un portavoce del Pentagono ha persino ammonito, in un’intervista con i media ucraini, che “l’investimento della Cina potrebbe trasformarsi in un’arma a doppio taglio”.

Secondo SCMP fino ad ora, tuttavia, quest’arma a doppio taglio era l’aiuto dell’Occidente. L’FMI ha proposto alcune condizioni all’Ucraina, di cui praticamente nulla è stato adempiuto. E non è chiaro come Vladimir Zelenskij collaborerà con il Fondo Monetario Internazionale in futuro e, in generale, se lo farà.

Inoltre, l’oligarca Igor’ Kolomojskij ha suggerito una via d’uscita completamente diversa per il Paese – dichiarare default, citando come esempio la Grecia. Allo stesso tempo, gli economisti occidentali hanno criticato il suo suggerimento, spaventando l’Ucraina per il fatto che nessun altro l’avrebbe più aiutata. Ma in Occidente [o] sono ovviamente ingenui o dimenticano davvero che c’è ancora anche l’Oriente.

“Mentre nel frattempo il 2019 in Ucraina è già stato dichiarato”Anno della Cina”, e questo è un buon segno per Pechino”, constata SCMP.

 

Fonte: https://www.fondsk.ru/

Link: https://www.fondsk.ru/news/2019/06/07/scmp-spasat-ekonomiku-ukrainy-budet-kitaj-48343.html

 07.06.2019

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da NICKAL88

 

 

Pubblicato da Rosanna

La mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale. Allergica al pelo di capra e alle fake news.

Lascia un commento