SCMP: la Cina salverà l’economia dell’Ucraina?

FONTE: FONDSK.RU

Pechino concede prestiti senza condizioni, a differenza del Fondo Monetario Internazionale

“Il nuovo Presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskij, può mantenere a galla l’economia morente del suo Paese,rivolgendosi per assistenza alla Cina. E l’economia ucraina è davvero in uno stato deplorevole – oggigiorno, questo Paese rimane uno delle nazioni più povere d’Europa e ha un disperato bisogno di investimenti”, scrive il quotidiano cinese South China Morning Post.

La pubblicazione rileva che il PIL pro capite in Ucraina è inferiore a quello in Iraq e in Venezuela – solo 2.963 dollari nel 2018. La Cina sta diventando il principale partner commerciale dell’Ucraina, dopo il 2014 c’è stato un aumento vertiginoso del commercio bilaterale e, oggi, i volumi commerciali dell’Ucraina e della Cina sono due volte più alti di quelli tra Ucraina e Stati Uniti. E anche se l’Ucraina tende all’Occidente, tuttavia, i legami economici di questo Paese stanno virando sempre più verso l’Oriente.

“L’Ucraina non può ignorare le realtà economiche del XXI secolo. Anche se politicamente possiamo andare ad ovest, non possiamo ignorare il fatto che la Cina sarà il nostro partner commerciale più importante”, la pubblicazione citala professoressa Tat’jana Šal’ della Kharkiv National University of Economics, Semёn Kuznets.

In questo caso, sottolinea il South China Morning Post, anche ciò è molto importante, Pechino concede prestiti senza alcuna condizione, a differenza dell’FMI, che richiede alcune riforme nel Paese.

“L’imprenditore ucraino Igor’ Kolomojskij, un potente oligarca il cui canale televisivo ha trasmesso la serie in cui Zelenskij ha recitato prima di diventare Presidente, richiede all’Occidente di cancellare debiti per miliardi”, si afferma nell’articolo.

“Questo è il vostro gioco, la vostra geopolitica. Non preoccupatevi di noi, volete danneggiare la Russia, e l’Ucraina è solo uno strumento”, ha affermato di recente Kolomojskij in un’intervista a un quotidiano occidentale.

SCMP ricorda che Kiev una tra le prime, nel 2013, ad aver dichiarato il sostegno per l’iniziativa “One Belt, One Road” di Pechino. L’economista ucraino Aleksej Kušč è sicuro che sia giunto il momento di cambiare la cooperazione con Washington, con una cooperazione con la Cina, perché è proprio l’apertura verso Est che può trasformare l’Ucraina da “Somalia dell’Europa orientale” in “Islanda dell’Europa orientale”.

E sullo sfondo degli umori anti-cinesi negli Stati Uniti, anche Pechino dovrebbe prestare attenzione all’Ucraina, in cui alla Cina viene riservato un trattamento molto favorevole. Affinché l’atteggiamento di Kiev nei confronti della Cina migliori ancora di più, Pechino ha regalato all’Ucraina 50 nuove ambulanze e 137 milioni di dollari per attrezzature mediche all’avanguardia agli ospedali, che in Ucraina sono in pessime condizioni. Inoltre, Kiev ha assunto prestiti cinesi per costruire un nuovo ponte sul Dnepr (340 milioni di dollari) e la Banca Statale Cinese ha investito 2 miliardi di dollari nella costruzione della metropolitana. E l’anno scorso, il Primo Ministro dell’Ucraina, Vladimir Grojsman, ha definito la Cina un partner strategico dell’Ucraina.

Tutto ciò causa insoddisfazione da parte di un altro “partner strategico” dell’Ucraina – gli Stati Uniti. Un portavoce del Pentagono ha persino ammonito, in un’intervista con i media ucraini, che “l’investimento della Cina potrebbe trasformarsi in un’arma a doppio taglio”.

Secondo SCMP fino ad ora, tuttavia, quest’arma a doppio taglio era l’aiuto dell’Occidente. L’FMI ha proposto alcune condizioni all’Ucraina, di cui praticamente nulla è stato adempiuto. E non è chiaro come Vladimir Zelenskij collaborerà con il Fondo Monetario Internazionale in futuro e, in generale, se lo farà.

Inoltre, l’oligarca Igor’ Kolomojskij ha suggerito una via d’uscita completamente diversa per il Paese – dichiarare default, citando come esempio la Grecia. Allo stesso tempo, gli economisti occidentali hanno criticato il suo suggerimento, spaventando l’Ucraina per il fatto che nessun altro l’avrebbe più aiutata. Ma in Occidente [o] sono ovviamente ingenui o dimenticano davvero che c’è ancora anche l’Oriente.

“Mentre nel frattempo il 2019 in Ucraina è già stato dichiarato”Anno della Cina”, e questo è un buon segno per Pechino”, constata SCMP.

 

Fonte: https://www.fondsk.ru/

Link: https://www.fondsk.ru/news/2019/06/07/scmp-spasat-ekonomiku-ukrainy-budet-kitaj-48343.html

 07.06.2019

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da NICKAL88

 

 

Pubblicato da Rosanna

"Suave, mari magno turbantibus aequora ventis, e terra magnum alterius spectare laborem; non quia vexari quemquamst iucunda voluptas, sed quibus ipse malis careas quia cernere suave est." Tito Lucrezio Caro, De Rerum Natura, Libro II
Precedente La crisi climatica è colpa nostra
Prossimo Giustizia ad orologeria?

6 Commenti

  1. Good News:
    La Cina usa dollari per far crescere l’Ucraina mentre il FMI usa dollari per seppellire l’Ucraina, solo un ingenuo continuerebbe a fidarsi della delinquenza armata del FMI.
    Guardiamo alla Grecia come è stata ridotta dal FMI.
    Ma la NEWS più importante è che la Cina si espande armata di prestiti che aiutano le economie dei paesi interessati a crescere e non ad essere cannibalizzati.
    Il lato ridicolo è che usano dollari americani per espandersi sapendo che chi li ha emessi non potrebbe mai riprenderseli indietro a causa della mastodontica voragine del debito pubblico su cui siedono gli USA.

  2. Articolo interessante.

    Mi sono chiesto perché si parli di Cina, Stati Uniti e FMI ma non di UE, di cui l’Ucraina è membro. Poi ho realizzato che è inutile rammentarla dato che la UE è solo un pupazzo del FMI…

  3. Di tutto il mondo occidentale salverei solo Putin e Trump. Che spero se la cavino, personalmente. I Russi, alla fin fine, amano solo i jens e le calze di nylon (escluso Putin, Lavorv e forse qulacun altro) , gli Americani nemmeno sanno di essere al mondo (sempre escluso Trump e forse altri quattro gatti). Quello cinese, invece, è un Popolo che ha molto sofferto, è stato forgiato, come dice IGNORANS, nella fame, nel freddo e nella disperazione. Comunismo e Capitalismo sono categorie, fasulle, nostrane. Mi piace questo loro averle, di fatto, superate. Gente col cervello, mica platonici!

  4. Beh, diciamo che, la Cina con 3.000 miliardi di dollari in cassa, che potrebbero dall’oggi al domani divenire letame, preferiscono prestare/alleggerirsi, anche senza interessi.
    Secondo me se ne chiediamo un pò anche noi ce li darebbe anche a tasso negativo.

    • Sarà, comunque i cinesi quei soldi se li sono guadagnati. Non è la carta straccia colorata di verde. L’Ucraina è un paese marcio di corruzione ed è molto probabile che gli asiatici qualche precauzione l’abbiano presa e qualche vantaggio ne trarranno, anche non direttamente monetario.

  5. Solo in occidente non si rendono conto che fmi è lo strozzino mondiale dei banchieri.Anche in Africa oltre all’Ucraina l’hanno capito e infatti i Cinesi si stanno sostituendo negli investimenti agli ameriCANI.