Home / Attualità / Piccoli Frankenstein: tutto quello che non sapete sulla transizione di genere

Piccoli Frankenstein: tutto quello che non sapete sulla transizione di genere

 

ROBERT BRIDGE

strategic-culture.org

Farmaci che bloccano la pubertà, mastectomie, chirurgia vaginale e finti peni, il tutto senza alcuna possibilità di ripristino, sono solo alcuni dei drastici metodi sperimentali utilizzati sui bambini. Questa follia deve finire.

Immaginate di essere il genitore di un bambino di cinque anni che un giorno, innocentemente, vi dice di essere una ragazza. Ovviamente, la reazione naturale sarebbe quella di sorridere, non di telefonare alla più vicina clinica per la transizione di genere. Non avete idea di come il vostro bambino sia arrivato a credere a una cosa del genere, forse era stato qualcosa che aveva sentito a scuola, o forse un programma visto in televisione. In ogni caso, [il vostro bambino] continua a dire che si “identifica” come una femmina.

Alla fine, magari con l’incoraggiamento  degli insegnanti, lo fate visitare da un dottore. Sperate che questo medico sia in grado di fornire a voi e al vostro bambino qualche saggio consiglio che chiarisca la vostra confusione. Preparatevi ad una delusione. Il vostro medico sarà costretto, secondo le indicazioni dello stato e dei dettami medici, a seguire le linee guida professionali note come “assistenza affermativa“. Sembra bello e innocuo, vero? In realtà, l’aggettivo migliore per descrivere il programma sarebbe ‘diabolico.’

I danni medici degli interventi ormonali e chirurgici sui bambini con disforia di genere

In base all’approccio della “terapia affermativa”, il medico è tenuto a prestare fede alle richieste del bambino e non viceversa, dal momento che, in questo caso particolare, molte persone credono che così la relazione medico-paziente possa funzionare meglio. In altre parole, se il bambino dice al dottore che crede di essere una ragazza, il medico deve conformarsi a quella “realtà,” a prescindere dallo stato biologico del soggetto. Ma questo è solo l’inizio della follia.

Come genitori del bambino, sarete incoraggiati ad iniziare a riferirvi a vosto figlio come a vostra “figlia” e persino a permettergli di scegliere un nome femminile, e anche vestiti che si abbinino. Agli insegnanti verrà comunicato di permettere che vostro figlio usi il bagno delle ragazze quando è a scuola. Il problema della stigmatizzazione sociale associata ad un simile cambiamento dello stile di vita, bullismo compreso, viene raramente preso in considerazione. I terapisti, di solito, non discutono con i genitori le implicazioni sociali di un simile cambiamento fisico e mentale; anzi, molti insisteranno a dire che le modifiche, se un giorno il bambino dovesse mutare idea, sono “reversibili.”  Se solo le cose fossero così facili.

Fermiamoci per un momento e chiediamoci quali dovrebbero essere le domande più ovvie, specialmente tra i professionisti del settore medico: “Non è maledettamente ingenuo sostenere la fugace convinzione di un bambino, che crede ancora a Babbo Natale, di appartenere al sesso opposto ? Non c’è una possibilità molto alta che il bambino sia solo confuso e che questa convinzione, col tempo, passerà? Inoltre, perché non avevamo mai sentito parlare di simili episodi anche solo 10 anni fa, mentre oggi cercano di farci credere che sia in corso una specie di epidemia? “  Invece di iniziare a trattare il bambino e la sua nuova identità con un approccio così ovvio, nella maggior parte dei casi  casi, al bambino sarà assegnata la corsia preferenziale per la transizione di genere. È qui che inizia il racconto dell’orrore.

Un genitore, “Elaine”, membro del gruppo di sensibilizzazione Kelsey Coalition, la cui figlia aveva subito “interventi medici sconvolgenti,” è arrivata a comprendere come la transizione sia estremamente dannosa per la salute e il benessere futuro della sua bambina.

“Una volta iniziata l’adolescenza, la cura affermativa comporta la somministrane ai giovani soggetti di ormoni del sesso opposto [cross-sex hormone therapy]”, aveva detto Elaine durante una tavola rotonda organizzata dalla Heritage Foundation. “A bambine di appena dodici anni viene prescritto testosterone, che andrà poi somministreato per tutta la vita, mentre ai ragazzi vengono dati gli estrogeni.  Si tratta di trattamenti ormonali pesanti, che hanno influenza sullo sviluppo del cervello, sull’apparato cardiovascolare e possono aumentare il rischio di cancro .”

Questo ci porta al tavolo operatorio, dove gli adolescenti, privi della maturità mentale necessaria per compiere una tale, enorme scelta che cambierà la loro vita, subiscono un’alterazione chirurgica irreversibile. Doppie mastectomie sulle ragazze, per esempio, così come la creazione di falsi peni realizzati con tessuti presi in prestito da altre parti del corpo, sono solo alcune delle inaudite procedure attualmente disponibili.

Elaine aveva anche ricordato la vicenda di un certo Jazz Jennings, a cui era stata diagnosticata una “disforia di genere” e che era stato cresciuto come una bambina da quando aveva cinque anni. All’età di undici anni era stato trattato con ormoni e, a diciassette, Jazz era stato sottoposto ad un intervento chirurgico per la rimozione del pene e la creazione di una finta vagina utilizzando un pezzo di parete gastrica.

Dopo l’intervento chirurgico, le ferite di Jazz avevano iniziato ad aprirsi e si era formata una raccolta ematica. Era stato eseguito un intervento chirurgico d’urgenza. Secondo il medico di Jazz, “Mentre lo stavo coricando sul letto, ho sentito qualcosa fare ‘pop’. Quando ho guardato, ho visto che si era riaperto tutto.”

Elaine aveva definito il caso di Jazz un “esperimento medico su un bambino che è stato trasmesso in televisione per tutti gli ultimi 12 anni.” Va notato che una storia del genere, altamente drammatica, aveva già affascinato la nazione quando c’era stata la, super-pubblicizzata e studiata per la tv, transizione sessuale di Caitlyn Jenner, nata Bruce Jenner, ex medaglia d’oro olimpica e, probabilmente, il più grande atleta americano di tutti i tempi.

La domanda ovvia è “quanti bambini impressionabili, molti dei quali stavano andando incontro ai loro stessi cambiamenti corporei durante pubertà, sono stati persuasi a decidere a favore di una transizione di genere dopo aver visto questi personaggi famosi? (Perchè è qualcosa che un bambino potrebbe aver appreso solo da media o da fonti esterne, a meno che i suoi genitori non avessero parlato a tavola di argomenti così insoliti).” Ormai, poche persone dubitano della grande influenza che le celebrità televisive hanno sulle persone, specialmente sugli adolescenti. In effetti, questo è il concetto che sta dietro all’idea di un “esempio positivo da seguire.” Non sono sicuro che Caitlyn Jenner si possa qualificare per un ruolo del genere.

Secondo Michael Laidlaw, dottore in medicina, questi bambini, che sarebbero affetti da quella che la comunità medica chiama “disforia di genere”, finirebbero con il superare questa condizione in modo naturale o con l’assistenza di un terapeuta. Nel frattempo, secondo Laidlaw, che cita numerosi studi, molte delle ragazze e dei ragazzi che mostrano questi sintomi soffrono di patologie neuro-psichiatriche e di autismo. “I social media e YouTube, cose del genere, guardare su YouTube i video di persone che hanno subito la transizione, sembrano avere un ruolo … quasi come fosse un contagio, nel diffondere l’idea tra le masse.”

Il movimento si basa sull’idea liberale moderna di “identità di genere,” che è stata definita come “la sensazione interiore di una persona del suo proprio genere,” indipendentemente da ciò che dimostrano i dati biologici.

La miglior argomentazione del Dr. Laidlaw contro quei genitori (e figli) che si autoconvingono affrettatamente che i loro bambini hanno bisogno di farmaci che bloccano la pubertà, per esempio, o di dosi elevate di ormoni, è quando dice che cosa succede quando ad una persona viene diagnosticato il cancro.

“Se un bambino o qualcuno di tua conoscenza avesse un cancro, vorresti i dati istologici, vorresti almeno una radiografia che attesti l’esistenza della patologia, prima di somministrare farmaci chemioterapici dannosi,” ha detto. Tuttavia, stiamo permettendo che bambini ed adolescenti vengano sottoposti a trattamenti chimici e chirurgici irreversibili, senza alcuna prova che dimostri la presenza di un “sesso opposto” nel paziente.

In altre parole, la comunità medica si sta comportando in modo irresponsabile non solo con madre natura, ma con la vita stessa dei bambini, con esperimenti radicali ed irreversibili che non hanno dimostrato di favorire la felicità e la salute dei beneficiari (o delle vittime).

“Stiamo somministrando terapie assai dannose senza nessuna diagnosi oggettiva,” ha detto il Dr. Laidlaw.
Laidlaw è stato costretto a ripetere ciò che è ampiamente conosciuto da millenni.

“Ci sono solo due sessi,” ha detto. “Il sesso è dererminato alla nascita, nessuno lo assegna. I medici non dicono arbitrariamente che questa persona deve essere un ragazzo e quest’altra una ragazza. Sappiamo tutti come identificare il sesso.”

“Mi verrebe da dire ‘chiedete alle vostre nonne, che non leggono le riviste scientifiche, e loro vi spiegheranno dettagliatamente come distinguere i ragazzi dalle ragazze.'”

Robert Bridge

Fonte: strategic-culture.org
Link: https://www.strategic-culture.org/news/2019/04/14/frankenstein-designer-kids-what-you-dont-know-about-gender-transitioning-will-blow-your-mind.html
14.04.2019
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Pubblicato da Markus

Un biologo, appassionato di montagna e di fotografia, che cerca, come può, di combattere contro i mulini a vento.