Petrolio: gelo eccezionale taglia le produzioni in Nord America

scenarieconomici.it

di Giuseppina Perlasca

I prezzi regionali del petrolio greggio pompato nel Canada occidentale e nel Nord Dakota sono aumentati questa settimana, dopo che le gelide temperature invernali hanno interrotto i flussi di greggio dalle sabbie bituminose dell’Alberta e dal deposito nel scisto di Bakken negli Stati Uniti.

Sebbene il gelido clima invernale non sia raro in queste parti del Nord America, questa settimana le temperature sono scese ben al di sotto del normale, interrompendo i flussi sull’oleodotto Keystone dal Canada agli Stati Uniti che trasporta quasi 600.000 barili al giorno (bpd) di greggio dall’Alberta verso il Midwest degli Stati Uniti.

Questa settimana le condizioni gelide e tempestose e nevose hanno preso il sopravvento sul Nord Dakota quando forti venti dall’Alberta hanno portato intense tempeste di neve e le temperature reali intorno a Grand Forks, nel Nord Dakota, sono scese a meno 34 gradi C.

Le temperature invernali al di sotto della norma nei principali centri di produzione di petrolio come Alberta e North Dakota hanno portato all’interruzione dei flussi di petrolio, spingendo i prezzi regionali più in alto e contribuendo alle interruzioni dell’offerta a livello generale, con un aumento del prezzo del petrolio di riferimento degli Stati Uniti, che ha superato gli 80 dollari al barile alla fine di questa settimana. Questo è stato il prezzo più alto a cui il greggio WTI è stato scambiato dalla metà di novembre, prima che i timori di Omicron innescassero svendite a novembre e a dicembre.

Il congelamento ha costretto TC Energy a chiudere per diverse ore l’oleodotto Keystone per manutenzione non pianificata, poiché si prevedeva che le temperature nell’area del terminal di Hardisty in Alberta scendessero a meno 35 gradi Celsius. La manutenzione di emergenza su Keystone è iniziata la sera di martedì. La struttura ha ripreso le operazioni mercoledì sera, ha affermato TC Energy, osservando che le sue operazioni sulla costa del Golfo degli Stati Uniti sono rimaste ininterrotte.

Queste interruzioni hanno aumentato i prezzi dei petroli locali, ma soprattutto hanno aumentato i timori sull’offerta globale. La produzione libica è in calo del 30% in questi giorni rispetto a novembre e vi sono preoccupazioni per l’offerta dal Kazakistan, membro del gruppo OPEC+, pari a circa 1,6 milioni di barili al giorno, per le proteste e le repressioni. La società statunitense Chevron, utilizzatrice del più grande giacimento petrolifero del Kazakistan, Tengiz, ha dichiarato giovedì che la produzione di petrolio greggio dal giacimento è stata ridotta per l’interruzione delle linee ferroviarie durante le proteste. Più spazio per le produzioni degli altri paesi OPEC.

Fonte: https://scenarieconomici.it/petrolio-gelo-eccezionale-taglia-le-produzioni-in-nord-america/

Pubblicata il 09.01.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x