Per Bassetti finanziamenti e viaggi da Big Pharma, tra cui Astrazeneca e Pfizer

Lo segnala PubMed, un portale di medicina dove l'infettivologo pubblicò uno studio randomizzato sui farmaci compassionevoli fuori dai protocolli. Nel nutrito elenco ci sono le maggiori case farmaceutiche, tra cui i due colossi ormai noti a tutti per i vaccini anti-covid

secondopianonews.it

di SPN

Il professor Matteo Bassetti, l’infettivologo del policlinico San Martino di Genova, ormai noto al grande pubblico per le sue quotidiane comparsate in tv dove dispensa consigli, raccomandazioni e moniti pro-vaccinazione, sarebbe stato finanziato dalle case farmaceutiche, tra cui i colossi AstraZeneca e Pfizer.

E’ quanto emerge dalla Dichiarazione di conflitto di interessi apparsa su “PubMed”, un database di letteratura biomedica che contiene milioni di estratti di studi sulla medicina, gestito dal National Center for Biotechnology Information (NCBI).

A Maggio 2020, Bassetti insieme ad altri esperti, pubblicarono su Pubmed “Una breve nota sugli studi randomizzati e controllati e sull’uso compassionevole di farmaci/off-label (non previsti dai protocolli) nelle prime fasi della pandemia di Covid-19″.

Proprio in basso all’estratto dello studio si legge la seguente Dichiarazione di conflitto di interessi:

“Divulgazione e potenziali conflitti di interesse: Al di fuori del lavoro presentato (la nota degli studi randomizzati, ndr), M. Bassetti ha ricevuto finanziamenti per comitati consultivi scientifici, viaggi e onorari da relatore da Angelini, Astellas, AstraZeneca, Basilea, Bayer, BioMèrieux, Cidara, Correvio, Cubist, Menarini, Molteni, MSD, Nabriva, Paratek, Pfizer, Roche, Shionogi, Tetraphase, Thermo Fisher e The Medicine Company. Al di fuori del lavoro presentato, DR Giacobbe (Daniele Roberto Giacobbe, cofirmatario dello studio con Bassetti e altri, ndr) riporta gli onorari di Stepstone Pharma GmbH e le sovvenzioni di MSD Italia e Correvio Italia. Non sono stati segnalati altri conflitti di interesse”.

“Gli studi randomizzati controllati (RCT) – recitava la nota di Bassetti prima che le agenzie del farmaco bloccassero le terapie efficaci contro il covid – sono il modo migliore per trovare trattamenti sicuri efficaci e accettabili per il COVID-19 e qualsiasi possibile epidemia futura. Tuttavia, è necessaria cautela nel confrontare il numero di partecipanti agli RCT con quello dei pazienti con COVID-19 trattati con farmaci compassionevoli e/o off-label per supportare l’ipotesi che questi ultimi siano preferiti dai medici come alternativa ai primi”, si legge nella pagina (archiviata).

I dettagli dei conflitti di interessi sono presenti nel modulo pubblicato sul sito dell’INTERNATIONAL COMMITTEE of MEDICAL JOURNAL EDITORS (ICMJE) 12

Conflitto-interessi-Bassetti Pagina-PubMed

Fonte: https://www.secondopianonews.it/news/salute/2021/07/06/per-bassetti-finanziamenti-e-viaggi-da-big-pharma-tra-cui-astrazeneca-e-pfizer.html

Pubblicato il 06.07.2021

Notifica di
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Maurizio
Utente CDC
9 Luglio 2021 13:32

La scoperta dell’acqua calda

Holodoc
9 Luglio 2021 13:52

La mia parente informatrice del farmaco mi ha raccontato che un suo collega che lavorava per una multinazionale lo conosceva bene persona. A parte il fatto che ora ricopre esattamente lo stesso ruolo di suo padre (il ché la dice lunga) pare sia risaputo che faccia spesso uso delle sue narici non solo per fare uscire sostanze…

emilyever
Utente CDC
9 Luglio 2021 15:56

Ma in quello studio Bassetti e socio quale farmaco avevano provato? perchè qualche mese fa su un quotidiano ligure era comparso il suo annuncio che al San Martino di Genova stavano provando un tipo di monoclonale e poi non se ne è saputo più niente.

Ultimo aggiornamento 21 giorni fa effettuato da emilyever
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x