NOI SIAMO RESPONSABILI DELLO SHOAH ?

DI 3NDIRUX

corriere.it

“Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente con l’intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l’informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l’ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti.“ – Primo Levi

Noi siamo responsabili della Shoah? No.

I nostri padri lo sono? No.

I nostri nonni? Forse, ma i miei no di sicuro.

Sono passate tre-quattro generazioni e ancora le comunità ebraiche giocano a farci sentire responsabili per i fatti del nazismo, quando proprio sui loro testi sacri c’è scritto che i figli non possono essere ritenuti responsabili delle colpe dei loro genitori. Figuriamoci per le colpe dei nonni o, 70 anni dopo, dei bisnonni.


Al diavolo il politicamente corretto, particolarmente, poi, quando è a senso unico.

3ndirux

Fonte: www.corriere.it

Link: http://www.corriere.it/politica/14_aprile_15/grillo-aboliamo-equitalia-8ee1ebfe-c4a5-11e3-9713-8cc973aa686e.shtml#

15.04.2014

40 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
glab
glab
16 Aprile 2014 9:25

parole sacrosante!
 

Notturno
Notturno
16 Aprile 2014 9:42

Beh… i nostri nonni sono stati sicuramente responsabili.

Alcuni solo per aver permesso il fascismo, altri (la maggioranza) per avervi preso parte  attivamente.
che vi piaccia o no.
che poi sulla immensa tragedia della shoah qualcuno ci abbia fatto "la cresta", può anche essere, ma non fatevi fregare dai neo fascisti di turno.
leggi razziali, deportazioni di massa e campi di concentramento sono vergogne che non possono essere difese in alcun  modo.
pierodeola
pierodeola
16 Aprile 2014 10:35

p { margin-bottom: 0.25cm; line-height: 120%; }a:link { }Prima si devono stabilire le colpe senza menzogne e ricatti.
Poi magari stabilire i colpevoli che potrebbero essere i diffusori delle menzogne.

castigo
castigo
16 Aprile 2014 11:23

Notturno:

     Beh… i nostri nonni sono stati sicuramente responsabili.


     Alcuni solo per aver permesso il fascismo, altri (la maggioranza) per avervi preso parte  attivamente.

     che vi piaccia o no.
quindi dovrei nutrire un sano senso di colpa per cose alle quali non ho attivamente partecipato, sì??
scordatelo.
soprattutto quando questi eventi sono serviti e servono come comodo paravento per le porcare che certi "signori" continuano a compiete in Palestina…..

     che
poi sulla immensa tragedia della shoah qualcuno ci abbia fatto "la
cresta", può anche essere, ma non fatevi fregare dai neo fascisti di
turno.

può anche essere?? mamma mia come sei generoso…..
e non si tratta di farsi fregare dai neo fascisti di
turno
, ma solo di riconoscere i fatti quando ce li troviamo davanti.

     leggi razziali, deportazioni di massa e campi di concentramento sono vergogne che non possono essere difese in alcun  modo.
non mi risulta che in questa sede qualcuno lo abbia fatto, ma magari mi son perso qualcosa.
vorresti essere così gentile da indicarmi dove e in che termini sarebbe accaduto??
iVi
iVi
16 Aprile 2014 11:36

Fu il b’n’b a dichiarare guerra alla germania di hitler e ai suoi alleati o non la conosci questa pagina della storia? E nessuna organizzazione ebraica italiana, o europea, prese le distanze da quella dichiarazione di guerra rilanciata da tutti i giornali del tempo. Quindi le comunità ebraiche, esattamente come quelle pedo-cazzoliche, sono masse inermi che subiscono, subivano e subiranno, le scelte dei loro, schifosissimi, leader. Lo dico sempre ebrei, cristiani, mussulmani e massoni= stesso dio, suino, stessi metodi, stessa demenza di base. Pensa che bello se fossero organizzazioni ebraiche a dire, a coloro che ancora non l hanno capito, che fondamentalmente da qualche secolo le peggio guerre scoppiano perchè ci sono bankieri ebr!i che le finanziano. Se lo dico io sono un nazi-razzi-fascista, se lo dicessero loro nessuno li potrebbe accusare. E poi oggi abbiamo l esercito NATO che non hanno nulla da invidiare all esercito di hitler, ma a quanto pare nessuno se ne preoccupa, ora. L esercito NATO ę un esercito cristiano e sappiamo bene che i cristiani chiedono scusa dopo secoli, per pulirsi la coscienza, ma adesso, col silenzio assenso, i cristiani benedicono le guerre del petrolio e i parolisi che le combattono…….oggi abbiamo leggi razziali… Leggi tutto »

Servus
Servus
16 Aprile 2014 11:51

"Euro macht frei", anche il professor Becchi "rivisita" la Shoah

haward
haward
16 Aprile 2014 12:03

La memoria della Shoah è diventata una religione con i suoi dogmi, i suoi riti, la sua liturgia, il suo clero ed i suoi libri sacri. Chi osa non dico eccepire ma soltanto citare ("non pronunciare il nome di Dio invano!") un epigono della Shoah, come ha fatto Grillo (con scarsa efficacia), od un evento relativo all’Olocausto fuori dal contesto sacro è considerato un bestemmiatore sacrilego.

La Shoah, nelle intenzioni dei suoi custodi, dovrà/ sta già diventando il nuovo peccato originale dell’umanità (non kosher)
haward
haward
16 Aprile 2014 12:07

Per quanto riguarda le leggi razziali ti riferisci a quelle in vigore negli USA fino agli anni 60′ o a quelle vigenti in Israele attualmente?

zeppelin
zeppelin
16 Aprile 2014 12:17
Aloisio
Aloisio
16 Aprile 2014 12:34

lasciamo parlare un ebreo che ne sa più di tutti noi sull’argomento….Norman Finkelstein

http://it.wikipedia.org/wiki/L%27industria_dell%27Olocausto

zeppelin
zeppelin
16 Aprile 2014 12:35
lucamartinelli
lucamartinelli
16 Aprile 2014 12:38

"l’Industria dell’Olocausto", di Norman G. Finkelstein.

GioCo
GioCo
16 Aprile 2014 14:07

Secondo me, se parliamo della shoa come evento che riguarda gli ebrei, cioè in quanto fatto storico che ha comportanto una catastrofe per gruppi di individui che si riconoscono nel professare una certa fede monoteista, ma che non individua però ne un entia, ne una razza, ne una civiltà, ne un popolo e nemmeno un unica fede (come d’altronde non lo sono le altre monoteiste) è corretto che ne parlino i testimoni storici e coloro che si riconoscono come ebrei, perchè sono i diretti interessati. Tuttavia se parliamo della shoa come evento umano, non ha senso saperla come appropriazione (debita o indebita) di qualcuno per qualcosa, ma proprio e solo come ciò che riguarda tutti (se ci si riconosce nell’essere Umani) oggi, adesso e che ci mette in guardia sulle fragilità umane che non hanno luogo o tempo, razza o religione, ma solo la possibilità di essere, di avvenire, di accadere di nuovo in quanto già accadute, magari sotto diverse spoglie. Non si tratta di semplice prevaricazione, ma della possibilità che certi Uomini passino confini etici e morali che giustificano la fabbrica (intesa come organizzazione produttiva, sistema organizzato che consente un processo) che produce morte al fine e allo scopo… Leggi tutto »

Gil_Grissom
Gil_Grissom
16 Aprile 2014 14:17

Certo che noi non siamo responsabili della Shoah, ma lo saremmo della sua negazione o della sua minimizzazione

Gil_Grissom
Gil_Grissom
16 Aprile 2014 14:29

Hai perfettamente ragione anche se non e’ molto politically correct affermarlo.

Giancarlo54
Giancarlo54
16 Aprile 2014 14:56

Quindi mi devo ritenere responsabile anche della guerra giudaica del 70 dc? Oppure della distruzione di Cartagine? Oppure i massacri e gli sterminii hanno una data di scadenza oltre la quale non hanno più effetti sulle generazioni successive?

haward
haward
16 Aprile 2014 15:01

Esiste una versione ufficiale, certificata ed immodificabile della Shoah di carattere omnicomprensivo? Vale a dire esiste una Verità assoluta e non modificabile in nessun dettaglio ad esempio per il numero definitivo delle vittime o sul funzionamento, dettagliato, dei singoli campi o sulla quantità e qualità dei trasporti ferroviari verso i lager? Il prof. Franciszek Piper, già sovraintendente del museo di Stato di Auschwitz e prestigioso autore di autorevolissime pubblicazioni sul tema olocaustico, è da considerare corresponsabile per aver affermato che il numero delle vittime ebree ad Auschwitz è di circa 950.000 e non 4.000.000? Ha, quindi, minimizzato? 

mendi
mendi
16 Aprile 2014 16:16

Non ne posso proprio più di shoah, nazi, campi di concentramento, ecc.. Non sono responsabile di niente di quanto accaduto agli ebrei, né lo è la mia famiglia. Gli ebrei invece sono resposnsabili di rompermi continuamente le scatole sui giornali, in tv, al cinema, dappertutto, sempre con la solita solfa.

EurasianMan
EurasianMan
16 Aprile 2014 16:19

che ne penserebbero di tutto questo, tutti quei tedeschi ebrei che avevano combattuto per la Germania durante la prima guerra mondiale; oppure ai compatrioti italiani deceduti durante le guerre di indipendenza.. e che ne pensa di questo ora! chi vuole una secessione, piuttosto che confederare la Repubblica italiana.?
vai dire quello a quest’altro eccetera..
la colpa non è di certo vostra che scrivete, contemporaneamente non è colpa di nessuno; non sta giocando nessuno e nessuno da colpe, sono solo balle.

La colpa è dell’ignoranza, chi non vuole sapere, perché anche gli è stato insegnato cosi’, quindi dei responsabili ci sono sempre. c’è una costante alterazione della realtà. ci sono confini sbagliati, stati allo sbaraglio sotto torchio dei giochi di potere.

EurasianMan
EurasianMan
16 Aprile 2014 16:39

Cioè!??.. c’è alto antisemitismo in un certo paese ad est, Ungheria. dicono fonti certe.. se lo dice la TV è vero! usualmente si dice! Mi domando una ragazza come possa fomentare una secessione, visto che troviamo sull’esempio Crimea tante altre.. più valide motivazioni nel formare una confederazione, aperta.?. si limita in Italia al servilismo in genere, al Dandy oppure al classico Campione e lo sfigato, che si contendono le redini della situazione. redini.. lo sfigato che sta come uno a dieci per intenderci…
Dei miei nonni di certo non è colpa.. E mia nel volere vedere, forse..?

luiginox
luiginox
16 Aprile 2014 17:04

creare un senso di colpa è funzionale al controllo sociale.dal peccato originale,attraverso i protomartiri cristiani e poi quelli di altre fedi ecc ecc fino ai giorni nostri con la storia insegnata alle nuove generazioni.

EurasianMan
EurasianMan
16 Aprile 2014 17:08

tanto sono le classi medio bassa ebree ad essere state colpite, quelle medio bassa italiane, francesi o tedesche, tutte! durante il grande olocausto come chiamano usualmente  cristiani e ortodossi la WWII, shoa la chiamano gli ebrei.
tutto qui.

sono scritture, o documenti e sono d’esempio.
facilus est camelum per foramen acus transire quam divitem intrare in
regnum

caelorum
Matteo nel suo vangelo cita le parole di Gesù nel capitolo XIX v.24 .

Gil_Grissom
Gil_Grissom
16 Aprile 2014 18:45

Intendevo ovviamente minimizzare nella portata e nella rilevanza storica, non nelle cifre : se invece di sei milioni di ebrei ne fossero stati sterminati tre non sarebbe comunque un crimine? E se invece che sterminarli con le camere a gas fossero stati fatti morire di stenti, a bastonate o fucilati, non sarebbe comunque un crimine?Questo intendevo.

Matt-e-Tatty
Matt-e-Tatty
16 Aprile 2014 19:20

Io sono d’accordo e rincaro, i crimini del passato non possono decadere e devono andare a carico dei figli dei nipoti e dei pronipoti, la "giustizia" arriva quando arriva, anche dopo secoli, quando chi ha subito non è più vivo per goderne i frutti e non è giusto. Inoltre ci deve essere una giusta pena, una giusta libbra di sangue, non che finisce a tarallucci e vino. Pertanto, ritengo giusto che tutti gli israeliani vengano internati in strutture protette e messi in condizioni di non nuocere per i loro crimini (anche dei loro antenati) nei confronti dei palestinesi, parlo di quelli che lo hanno permesso, e vengano giustiziati mediante decapitazione quelli che vi hanno partecipato. Ritengo giusto che figli, nipoti e pronipoti di Guido Segrè (imprenditore fascista di religione ebraica e pezzo da 90 del regime fascista) vengano espropriati di tutti i loro beni, incarcerati A VITA e messi ai lavori forzati per i crimini e i furti del loro antenato. Ritengo inoltre sacrosanto che giornalisti, scrittori, politici e  tutti coloro che hanno collaborato alla perpetuazione del culto dell’olocausto per fini politici e strategici, a danno di popoli inermi, siano considerati complici nell’omicidio di decine di migliaia di persone e complici nelle efferatezze e nelle sofferenze… Leggi tutto »

glab
glab
16 Aprile 2014 19:22

generare un senso di colpa è caratteristico del parassita:
http://www.youtube.com/watch?v=evWvTAb1BIU

despair
despair
16 Aprile 2014 19:32

Da quando c’è la Giornata della Memoria sto diventando antisemita, o per meglio dire antisionista. Invece di condannare il genocidio palestinese in atto, preferiamo ricordare i morti di 70 anni fa. Ricordare il passato per dimenticare il presente, o anche per giustificarlo. Un’operazione ignobile e scandalosa, che offende le vittime della Shoah.

Notturno
Notturno
16 Aprile 2014 20:13

   quindi dovrei nutrire un sano senso di colpa per cose alle quali non ho    attivamente partecipato, sì??    scordatelo. Boh… non dico che devi amputarti o fare seppuku. Ma devi sapere che i tuoi nonni hanno commesso porcate. Sano senso di colpa? E chi può dirlo. Alcuni hanno la sensibilità per averne, altri no.    soprattutto quando questi eventi sono serviti e servono come comodo    paravento per le porcare che certi "signori" continuano a compiete in    Palestina….. Beh, ma mi sembrava di averlo detto. Ci sono persone che ci marciano. Che facciamo, cancelliamo i fatti per colpa loro? Secondo te è una scelta onesta? Ci sono sionisti stronzi, che meriterebbero la forca, ok. Che cacchio c’entra? Secondo me abbandonare la logica è la via maestra che porta a rifare le stesse porcate: leggi razziali, deportazioni di massa…. ecc Combattiamo quei fascisti ignobili che governano con gli orrori. Ci sto. Ma quello che è successo con la Shoah non va cancellato. E’ ignobile pensarlo. Quale che sia la scusa.      e non si tratta di farsi fregare dai neo fascisti di turno, ma solo di      riconoscere i fatti quando ce li troviamo davanti. Lo dico meglio:… Leggi tutto »

Notturno
Notturno
16 Aprile 2014 20:14

Siete fonte di orrore e di spavento.

glab
glab
16 Aprile 2014 21:08

minchiamminchia, meno male che ci sei tu!

haward
haward
16 Aprile 2014 23:24

Chiediti, allora, come mai, sempre per restare alle cifre, l’assurdo numero di sei milioni sia divenuto un dogma, una verità di fede, nonostante la ristretta cerchia degli accademici "ortodossi" parli di alcune centinaia di migliaia di vittime globali con una proporzione di 1 a 15 o 1 a 20 rispetto al mantra dei sei milioni. Poi, chiediti, sempre in ambito ufficiale, se trovino o meno posto le storie del sapone fatto con il grasso o i paralumi fatti con la pelle o il concime fatto con le ossa. Oppure di un milione di persone uccise con il gas di scarico di un motore diesel o di bambini gettati vivi all’interno di fosse ardenti in un terreno con una falda freatica ad un metro sotto terra. O di 400.000 ebrei ungheresi uccisi in tre mesi. O di presunte camere a gas di 20-30 metri quadrati dove venivano uccise 200-300 persone alla volta.  

makkia
makkia
16 Aprile 2014 23:26

I nostri nonni? Oramai è ora di parlare di BIS-nonni, cazzarola! Mettiamo in prospettiva le cose: forse cominciamo ad essere nei tempi per un giudizio *storico*… oppure continuiamo con le istanze *emotive* alla Schindler’s list? Poi non è questione di non farsi fregare dai neofascisti. E’ questione di non farsi fregare, punto. Sull’11/9 invece di rispondere alle del tutto fondate domande che solleva la faccenda si risponde con un "ad hominem": sei un complottista, quindi uno schizofrenico.Sulla questione ebraico-israeliana si risponde alla del tutto genuina curiosità (sollevata proprio dal martellante battage mediatico) con un altro ad hominem: sei negazionista/neonazista/minimizzatore/antisemita… quindi cuccati la versione ufficiale del combinato Comunità Ebraica+Dipartimento di Stato USA+Politica Israeliana e zittino lì.Hai capito o no che hai contro il peggio del peggio dei guerrafondai capitalisti economisti moderni schierati a falange macedone per un’azione di propaganda che non vuole impicci sulla sua strada? Certo che non si può negare l’olocausto.Si può però negare che gli altri CINQUE MILIONI di morti (cifre ufficiali) siano irrilevanti rispetto agli ebrei. Si può chiedersi come sono morti 3,5 milioni di polacchi non ebrei, svariati milioni di russi, metà della popolazione sinti, centinaia di migliaia di comunisti, disabili e omosessuali… e chiedersi come… Leggi tutto »

Gil_Grissom
Gil_Grissom
17 Aprile 2014 4:21

Il fatto che siano state dette delle palle non significa che la sostanza non sia vera; i nazisti sterminarono milioni di ebrei, oltre a milioni di prigionieri di altre nazionalita’, tra cui centinaia di migliaia di italiani presi prigionieri dopo l’8 settembre SENZA aver prima dichiarato guerra all’Italia, caso unico nella storia.
A Norimberga sono finiti appesi ad un cappio ed hanno pagato per tutto questo, giustizia e’ fatta. Le ceneri di Eichmann sono sparse nel mar mediterraneo : stabilire con cosa sono stati uccisi e cosa ne e’ stato fatto coi resti e il numero esatto dei morti e’ operazione che francamente non cambia il giudizio sui nazisti che la storia ha ormai bollato come ASSASSINI SCONFITTI.

castigo
castigo
17 Aprile 2014 8:01

Notturno:       Boh… non dico che devi amputarti o fare seppuku. Ma devi sapere che i tuoi nonni hanno commesso porcate. Sano senso di colpa? E chi può dirlo. Alcuni hanno la sensibilità per averne, altri no. a prescindere dal fatto che i miei nonni non hanno commesso alcunché, mi dispiace ma non posso avere sensi di colpa per cose che non ho commesso e non commetterei. considera pure che questo senso di colpa sarebbe funzionale a giustificare determinati comportamenti e limitazioni della mia libertà ed arrivi a capire che un bel vaffanculo ci sta tutto.      Beh, ma mi sembrava di averlo detto. Ci sono persone che ci marciano. Che facciamo, cancelliamo i fatti per colpa loro? Secondo te è una scelta onesta? e dove l’avrei detto, che bisogna cancellare i fatti??      Ci sono sionisti stronzi, che meriterebbero la forca, ok. Che cacchio c’entra? c’entra, quando mezzo mondo si piega alle loro richieste      Secondo me abbandonare la logica è la via maestra che porta a rifare le stesse porcate: leggi razziali, deportazioni di massa…. ecc      Combattiamo quei fascisti ignobili che governano con gli orrori. Ci sto.      Ma quello che è successo con la Shoah non… Leggi tutto »

haward
haward
17 Aprile 2014 8:06

Mi sembri una persona in buona fede e, quindi, meritevole di rispetto. Tronco qui la polemica con un consiglio, vista la mia età: non berti tutto quello che ti viene fatto credere 

Gil_Grissom
Gil_Grissom
17 Aprile 2014 14:30

Grazie per il rispetto, del resto reciproco, le ricordo tuttavia che avere opinioni differenti anche su argomenti importanti non significa fare polemica, ognuno deve essere libero di esprimere il proprio pensiero e io sono tra coloro che , pur ritenendo l’Olocausto una realta’, sono asslutamente contrario alla sua imposizione o dogmatizzazione per legge. La liberta’ di pensiero non puo’ essere un reato mai e in nessun caso.

Dalgorn
Dalgorn
17 Aprile 2014 22:13

Sottoscrivo in pieno.

EurasianMan
EurasianMan
18 Aprile 2014 1:22

sino a questo momento ci sono solo storie brutte. condanne di capi politici assassini di donne, uomini ladri vendette eccetera.
tutti ? chi o cosa seguono seguono? solo status quo.
una luce l’abbiamo sempre, la coscienza.
ognuno
segua la sua luce, ma stiamo attenti. a volte, quelle troppo forti e
accecanti possono essere letali; come nella realtà lo sono per gli
insetti notturni.

EurasianMan
EurasianMan
18 Aprile 2014 1:28

è certamente condivisibile, il suo pensiero, l’ideologia è universalista.

EurasianMan
EurasianMan
18 Aprile 2014 1:41

è un evento di una certa portata, altro non me la sento di dire, ma
sottolineo in questo modo  perché c’è altro e ci sarà intuitivamente
tanto altro… hanno preso in giro i tedeschi, italiani, ucciso popoli e
culture. abbiamo tanto in comune, ma tutti poco di logico in comune.
non le cose buone.
sarà
sempre più giusto dire che l’uomo, o la falsa globalità..nazionalismo
in passato.. in futuro valori occidentali, è pensiero egoista.
SI.
tende sempre più a minimizzare, cancellare e ripartire. lo sviluppo
esponenziale della civiltà umana lascia ampio spazio al nulla.