L’FDA è implicata nel traffico di feti abortiti

Edie Eipel
thefederalist.com

Anche se non è apparsa in prima pagina sui media nazionali, la scoperta del coinvolgimento del governo degli Stati Uniti nel traffico di feti abortiti è oggi ancora più interessante, dopo l’annuncio di venerdì scorso della Casa Bianca. Su indicazione del presidente Biden, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha ribaltato la politica dell’Amministrazione Trump che proteggeva i non-nati americani dal prelievo di organi e dall’ulteriore profanazione dei loro corpi in nome di una ricerca mascherata da “scienza.”

Questa discutibile decisione dà ora la possibilità ai nostri “migliori e più brillanti” ricercatori e alle agenzie governative, quelle incaricate di guidare il paese verso le scoperte mediche e il progresso scientifico, di usare cute, cervello e bulbi oculari fetali per una ricerca che riguarda tutti noi e che è finanziata con i nostri soldi. Proprio per questo motivo, dobbiamo arrivare fino in fondo a conoscere come le agenzie federali trafficano in organi e parti corporee di feti abortiti.

Questi 10 scioccanti esempi provengono da indagini recenti e dalle ultime email rese pubbliche da una richiesta fondata sul Freedom of Information Act (FOIA) da parte di Judicial Watch.

1. L’FDA ha pagato 2,000 dollari a feto

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha pagato circa 2.000 dollari per ogni singolo feto, a volte fino a 12.000 dollari per ogni contenitore di organi raccolti.

I registri delle e-mail confermano che la FDA aveva accettato di anticipare ad Advanced Bioscience Resources (ABR), probabilmente la più grande azienda del Paese che commercia in tessuto fetale, circa 2.000 dollari per ogni feto abortito, arrivando a pagare fino a 12.000 dollari, in media, per ogni contenitore di organi, insieme alle spese di imballaggio e spedizione.

2. La FDA ha comprato organi di feti smembrati

La FDA ha comprato organi come fegati, cervelli e bulbi oculari di feti smembrati per centinaia di dollari l’uno, grazie alla collusione di ABR con le Planned Parenthoods locali.

I piani tariffari di ABR e i prezziari ottenuti durante un’inchiesta della Commissione Giudiziaria del Senato degli Stati Uniti ci permettono di valutare quanto valgono le varie parti del corpo di un feto, come se si trasttasse di un animale macellato da vendersi a taglio.

3. ABR ha venduto la cute di un feto di 21 settimane con sindrome di Down

Gli acquisti della FDA venivano calcolati secondo l’attuale “Fees for Services Schedule” di ABR, che manteneva gli stessi prezzi per tutti i clienti. Un registro degli acquisti riporta la vendita di un feto di 21 settimane con sindrome di Down. Gli arti, gli organi e la cute di questo feto erano stati venduti per centinaia di dollari a campione. In totale, ABR aveva guadagnato 2.600 dollari dalla vendita di questo feto.

Indipendentemente dal fatto che l’FDA abbia acquistato o meno uno di questi tessuti, il solo aver stipulato un contratto con un’azienda che fa soldi vendendo parti corporee di feti con sindrome di Down è più che disumano.

Vale la pena studiare attentamente questa tabella per vedere il livello di disumanizzazione inflitto a questo feto. Ad ogni feto (“esemplare“) viene dato un numero (“No. xxx602”) e le singole parti del corpo vengono vendute a diversi clienti. Un feto di 21 settimane, che avrebbe potuto sopravvivere fuori dal grembo materno, diventa solo una serie di cifre.

4. La FDA voleva feti ‘freschi’

La FDA pretendeva che il tessuto fosse in condizioni perfette. Le condizioni iniziali specificavano che il tessuto doveva essere “fresco, mai congelato” e raccolto da feti di 16-24 settimane “senza anomalie cromosomiche note.”

5. La FDA aveva richiesto organi da feti a termine

La coscienza di molti Americani storicamente favorevoli all’aborto  è sempre stata confortata dall’assicurazione che la maggior parte degli aborti avviene quando l’embrione o il feto non è “vitale,” non in grado vivere al di fuori del grembo materno, e che non vengono praticate barbare procedure di smembramento. Ma le e-mail dimostrano che la FDA aveva comprato numerose parti corporee di feti fino a 24 settimane, una data in cui molti prematuri sopravvivono al parto e sono in grado di vivere una vita normale.

6. La FDA aveva comprato crani di feti al secondo trimestre di gestazione

Le ricevute confermano che la FDA aveva comprato “calotte craniche intatte” di feti di 8-24 settimane di gestazione da usarsi in esperimenti. Quale sia stato l’esatto utilizzo di queste calotte craniche non è chiaro.

7. Le cliniche abortiste più frequentate producevano “campioni orribili

La FDAaveva espresso la richiesta per maggiori quantitativi di tessuto “fresco,” ma ABR aveva risposto che le cliniche della California che lavoravano di più producevano campioni “orribili,” troppo maciullati per poter essere usati. Il notevole numero di aborti praticato in queste cliniche avrebbe reso difficile per gli operatori garantire la perfetta conservazione dei campioni.

8. La FDA aveva richiesto organi fetali per la creazione di topi umanizzati

La FDA era arrivata al punto di richiedere organi fetali da utilizzarsi in operazioni “molto importanti e … impegnative” per la creazione di topi umanizzati. ABR aveva risposto che avrebbero fatto del loro meglio, ma che non potevano fare promesse a causa della “natura delle procedure di terminazione,” che smembravano il corpo del feto fino a renderlo irriconoscibile

9. L’ FDA e gli impiegati di ABR definivano “stupefacenti” i feti abortititi

E-mail su e-mail rivelano la disumanità a cui erano assuefatti i ricercatori della FDA e gli impiegati di ABR, quando, come se nulla fosse, si riferivano agli organi di feti morti definendoli “sorprendenti” e “bellissimi,” come fossero gioielli da ammirare.

10. I contribuenti hanno pagato la partecipazione dell’FDA ad un “Workshop sui topi umanizzati” in Europa

Come se la “ricerca” non fosse abbastanza, leggendo queste e-mail si è scoperto che alcuni funzionari della FDA avevano partecipato, insieme a dipendenti di ABR, ad un “Workshop sui topi umanizzati” organizzato a Zurigo nel gennaio 2016.

Se siete riusciti a leggere fino alla fine di questo elenco, avrete capito il motivo del perchè il governo federale aveva tenuto segreti questi documenti per così tanto tempo. Ma forse vi starete chiedendo come mai questa storia non è in prima pagina a livello nazionale e perché i giornalisti, molti dei quali sostengono di voler scoprire gli abusi umanitari, scelgono ancora di ignorarla.

Ci può essere il silenzio dei media mainstream e la minimizzazione da parte degli esperti medici, che ci dicono che qui non c’è niente da vedere, ma il popolo americano non è così stupido. Non possiamo più passare sotto silenzio l’assoluta depravazione della partnership del nostro governo federale con le multinazionali dell’aborto e il loro nascondersi sotto la maschera della scienza. La verità è dalla parte di chi si batte.

Edie Heipel
Fonte: thefederalist.com
Link: https://thefederalist.com/2021/04/26/top-10-sickening-details-about-how-federal-employees-trafficked-baby-body-parts/
26.04.2021
Tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
nicolass
nicolass
1 Maggio 2021 14:23

Sarà la primavera ma io sento che sta cambiando qualcosa nella narrazione ufficiale, per ora è solo una sensazione ma ho come l’impressione che qualcosa stia mutando in seno al progetto così come era stato impostato. Intendiamoci per ora sono solo scricchioli nel meccanismo di ingranaggio infernale per cui nulla ancora degno veramente di nota tale da autorizzare a nutrire grandi speranze per il futuro, ma sicuramente di rifiatare sì . Certamente la campagna di vaccinazione di massa andrà avanti a spron battuto e anche il progetto del Great Reset non verrà accantonato anzi, ma probabilmente il rullino di marcia che avevano previsto subirà un graduale rallentamento. Da cosa nasce questa mia considerazione??… dal fatto che la cabala e i neocons americani non siano riusciti a normalizzare la Russia. Quello che è successo recentemente in Ucraina mi sembra significativo con la Russia che accalcando le sue truppe e il suo arsenale a ridosso del confine ha dato un messaggio inequivocabile a chi di dovere. L’indomita Russia è un ostacolo insormontabile al NWO così come lo è la Cina e tutto il fronte della resistenza rappresento tra gli altri dall’Iran, dalla Corea del Nord, dal Venezuela, dalla Siria etc…. cresce infatti… Leggi tutto »

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  nicolass
1 Maggio 2021 15:15

Ormai hanno spremuto il virus e i vaccini procedono da soli..
Tra poco inizierà la fase economica del reset..e non possono mettere troppa carne al fuoco..tanto il popolo ha assaggiato la frusta ed ha imparato la lezione..
La guerra contro Cina e Russia è appena cominciata..e sarà il prossimo traguardo ..adesso devono spingere i media per la loro criminalizzazione e il virus non serve più..

nicolass
nicolass
Risposta al commento di  uparishutrachoal
1 Maggio 2021 15:38

Gli USA hanno bisogno di creare una frattura tra Russia e Cina perché insieme sono un osso troppo duro da affrontare… se Trump aveva preso di mira la Cina… Biden ha dichiarato guerra alla Russia… ma non è detto che gli americani riescano nel loro intento, infatti è cresciuta nei russi e nei cinesi la consapevolezza di avere un nemico comune e questa consapevolezza li rende più forti.

Simsim
Simsim
Risposta al commento di  nicolass
1 Maggio 2021 20:03

Resta una mia opinione, ma non sono così convinto che la Russia, ma soprattutto la Cina, siano del tutto fuori dall’operazione. Sulla Cina bisognerebbe aprire un capitolo a parte che qui ed ora sorvolo. Sulla Russia, Putin fra le varie cose che ha affermato ultimamente, di cui molte in contrapposizione netta con l’élite americana, ha fatto un passaggio sul cambiamento di stile di vita ed ha esortato (ma solo a parole) la gente a vaccinarsi. Per carità, su tante cose sta mettendo più di un bastone tra le ruote ai piani, e la Russia è tornata più o meno ad una vita normale. Ma starei attento a ritenere che, aldilà della contrapposizione politico-militare in scena, non ci sia di fondo una volontà comune di qualche tipo tra i blocchi.

nicolass
nicolass
Risposta al commento di  Simsim
2 Maggio 2021 2:45

Sul vaccino russo che si è dimostrato innocuo rispetto a quelli occidentali perché Putin non dovrebbe proporlo ai suoi cittadini come al resto del mondo? in fondo è un modo come un altro di far arrivare soldi nelle casse dello Stato battendo la concorrenza con le sue stesse armi. È comunque non c’è nessun obbligo o coercizione tipo pass vaccinale e altre amenità. Per il resto c’è uno scontro di civiltà in atto.. da una parte il liberismo sfrenato, l’immigrazione di massa come metodo per riplasmare la società, la cultura gender, il transumanesimo e il culto di Satana… dall’altra la strenua difesa dei valori nazionali, della cultura e delle tradizioni, la difesa della sacralità della vita e della religione come valori fondanti della società

Simsim
Simsim
Risposta al commento di  nicolass
2 Maggio 2021 7:09

Tutto giusto, la differenza di posizioni tra Putin e l’occidente è evidente, così come è agli atti che la sua Russia è uscita di netto dalla narrazione dominante. Resto dell’idea che l’elemento vaccino e il fatto di aver comunque anche lui menzionato un cambiamento necessario nello stile di vita siano campanelli di allarme. Mi limito a dire questo, perché a ciò non ha fatto seguito un’argomentazione sul cosa intenda. Dico solo, occhio a farne un paladino incontrastato senza ascoltare tutto quello che dice, e tralasciando il fatto che anche lui, nel suo piccolo, possa avere dei punti critici nel suo pensiero.

ITALIA ENSEÑA
ITALIA ENSEÑA
1 Maggio 2021 14:30

Film dell’orrore.

giovanni
giovanni
1 Maggio 2021 15:21

La definizione di “morte cerebrale” serve soltanto ad avere organi che vanno sempre espiantati a cuore battente. Poi se la morte cerebrale, di cui poco conosciamo, sia reale, reversibile o meno non pare sia più un problema. La definizione di morte cerebrale va vista in parallelo alla definizione, adottata negli usa, di aborto al nono mese di gravidanza.
Aggiungo volentieri, per gli intenditori, di come in molti paesi del terzo mondo vengano a volte ritrovati nei cassonetti dei rifiuti bambini privi di alcuni pezzi; d’altronde comprare ricambi auto nelle demolizioni è sempre stato vantaggioso.

giovanni
giovanni
1 Maggio 2021 15:21

La definizione di “morte cerebrale” serve soltanto ad avere organi che vanno sempre espiantati a cuore battente. Poi se la morte cerebrale, di cui poco conosciamo, sia reale, reversibile o meno non pare sia più un problema. La definizione di morte cerebrale va vista in parallelo alla definizione, adottata negli usa, di aborto al nono mese di gravidanza.
Aggiungo volentieri, per gli intenditori, di come in molti paesi del terzo mondo vengano a volte ritrovati nei cassonetti dei rifiuti bambini privi di alcuni pezzi; d’altronde comprare ricambi auto nelle demolizioni è sempre stato vantaggioso.

Simsim
Simsim
1 Maggio 2021 14:00

Io non sono cattolico, dunque non ho bias di tipo moralisti sulla questione. Ma francamente tutto questo mette i brividi solo a pensare quale lurida catena possa esserci dietro.

Tipheus
Tipheus
Risposta al commento di  Simsim
1 Maggio 2021 15:27

Mah, qua si tratta di buon senso più che di fede. Posso capire che durante le primissime settimane si ha un embrione che ha la coscienza di un artropode. Ma presto, molto presto, dentro la pancia della madre c’è un essere umano. Ci può essere una zona grigia, quando le malformazioni sono molto gravi, in cui si può anche fare il sacrificio. Ma dal 3° mese in poi è in pratica un omicidio. Ci sono minuscoli feti che strillano prima di morire, mentre gli viene schiacciata la testa. Per aborrire tutto questo non c’è bisogno di essere cristiani. Anzi, visto che i vaccini fatti con cellule prelevate dai feti, si fanno proprio nelle chiese, coi tempi che corrono forse non bisogna esserlo.

Lorenzo
Lorenzo
Risposta al commento di  Tipheus
1 Maggio 2021 20:01

Con tutto il rispetto ma il buon senso lo aveva già nelle radici la fede cristiana, in tutte le sue parti, ma al grido pari diritti alla donne (che ora tocca anche loro andare in guerra, in una famiglia tocca in due a lavorare per mantenere un figlio) e l’utero è mio e ci faccio quel che voglio io ( con conseguente compravendita di feti abortiti, si è voluto ribaltar ele tradizione che ci aveva salvato dal diventare barbari.
Cosa si credeva del resto, che “lo faccio per i tuoi diritti ed il tuo bene” fosse un idealistico senso di giustizia da parte dei governanti? dietro a tutto c’è sempre il Demone Mammon e Clauneck (il figlio di satana signore del denare e il suo demone preferito , colui cheriduce tutto a merce).

e so anche quale sarà la risposta alla mia affermazione : “Non serviam” perchè tutti vogliono sentirsi Dio di loro stessi… e in questo modo nessuno lo sarà.

Cangrande65
Cangrande65
1 Maggio 2021 15:42

I sacrifici umani, specie di esseri innocenti,
sono i più graditi dal padrone adorato dai veri “organizzatori”.

Annibal61
Annibal61
1 Maggio 2021 18:25

Satanismo.