Home / Attualità / La migrazione del pesce morto

La migrazione del pesce morto

DI MIGUEL MARTINEZ

kelebeklerblog.com

Come saprete, il governo americano inizia a mettere dazi sulle importazioni di alcuni prodotti provenienti dall’estero, cosa che suscita l’indignazione di tutti gli appassionati del Grande Flusso.

Panorama ad esempio titola:

Il protezionismo di Trump può portare una nuova “grande depressione”

Mille economisti, fra i quali 14 premi Nobel, hanno cercato di spiegare al Presidente perché la sua linea commerciale rischia di distruggere il benessere degli Stati Uniti

Non essendo un economista, non entro in merito ai “rischi” o meno delle misure di Trump; piuttosto, mi pongo una domanda da non economista su cosa significhi quella parolina “benessere”.

Infatti, qualche giorno fa, il governo degli Stati Uniti ha rimosso i filetti di merluzzo dalla lista dei prodotti cinesi a cui applicare un dazio del 10% all’importazione.

Proprio ieri, hanno rimosso dalla stessa lista anche il salmone del Pacifico.

Il motivo di questo gesto di generosità verso i cinesi, ce lo spiega un articolo su The Scottish Daily Mail, di circa un anno fa.

Il salmone, si sa, è un animale migratore, ma non migra certo spontaneamente in Cina.

I merluzzi e i salmoni vengono pescati, infatti, in Alaska, che notoriamente fa parte degli Stati Uniti.

Poi i pesci vengono surgelati, messi su una nave che attraversa la famosa Isola di Plastica e arriva in Cina.

Lì vengono scongelati e i cinesi li disossano a mano.

Poi si congela tutto di nuovo e si rispedisce negli Stati Uniti.

Una volta si faceva il lavoro in Alaska, ma la concorrenza delle manine cinesi ha fatto fallire le fabbriche locali. E adesso, invece di approfittare dei dazi per ricostruire le fabbriche locali, la lobby della pesca minaccia di togliere i voti a Trump se li mette.

L’articolo è uscito, non a caso, su un quotidiano scozzese: infatti, le acque scozzesi pullulano di salmoni, mentre nei supermercati scozzesi – come nei nostri – troverete soprattutto “salmone di Alaska” proveniente dalla Cina.

Anzi, anche i merluzzi pescati nei mari scozzesi vengono spediti in Cina per venire disossati e poi tornano, come autentico merluzzo scozzese, in patria.

Visto dalla Scozia, la migrazione del salmone morto – 35.000 chilometri in diciotto mesi –  assume questa forma:

 

Buon pranzo!

Miguel Martinez

Fonte: http://kelebeklerblog.com

Link: http://kelebeklerblog.com/2018/10/02/la-migrazione-del-pesce-morto/

2.10.2018

Pubblicato da Davide