Home / ComeDonChisciotte / LA LETTERA DEL SUICIDA TEXANO AVEVA REALI CAUSE POPULISTE

LA LETTERA DEL SUICIDA TEXANO AVEVA REALI CAUSE POPULISTE

DI RICH BENJAMIN
alternet.org

Il 18 febbraio scorso Joseph Stack ha intenzionalmente pilotato un aeroplano contro un edificio degli uffici della IRS [ndr. l’agenzia federale delle imposte] ad Austin, nel Texas, per manifestare i suoi rancori politici che aveva esposto in un manifesto d’addio perfettamente sensato.

I liberali stanno accantonando l’invettiva di Joseph Stack come un brutale grido di battaglia contro il governo — un “tea party sotto steroidi”. I conservatori lo stanno mettendo da parte come la petulante lagnanza di una “vittima” che non è riuscita ad intaccare il capitalismo.

Il ‘Tortured Manifesto’ non può essere credibilmente etichettato come di destra o di sinistra. È piuttosto una diatriba imparziale contro i problemi che fanno arrabbiare la Repubblica — e la testa di Stack — da anni. Un’economia a pezzi dominata dai potentati politici e corporativi. Un sistema e una campagna elettorale rovinati dagli interessi e dai soldi speciali. Leggi fiscali bizantine che confondono i proprietari delle piccole aziende e gli individui.

Nella foto: l’edificio dell’IRS di Austin dopo l’attacco suicida di Joe Stack

A seguito, “Prendetevi un chilo della mia carne e dormite sonni tranquilli” Il memoriale d’addio di Joe Stack (sollevazione blog); “Terrorismo: la parola più insensata e manipolata” (saigon2k.altervista);La storia perseguita il crimine e la diatriba di Stack. Il suo crimine copia deliberatamente quello del 9/11. E la sua lettera di suicidio richiama la Grande Depressione.

“Mi ricordo di aver letto del crollo del mercato azionario prima della ‘grande’ depressione e di come ci fossero facoltosi banchieri e uomini di affari che saltavano giù dalle finestre”, ha scritto Stack. “Non è ironico quanto siamo andati avanti in questo paese in 60 anni, adesso sanno come aggiustare quel piccolo problema economico; rubano semplicemente dalla classe media (che non ha voce in capitolo, le elezioni sono una barzelletta) per pararsi il culo ed è ‘tutto come prima’. Adesso quando i ricchi fanno i casini, sono i poveri che muoiono per gli errori”.

Il manifesto di Stack lascia poi posto all’angoscia per una recessione più recente. “Ritorniamo all’inizio degli anni ’80, ed eccomi al terrificante inizio [di carriera] come un ingegnere del software a contratto alle prime armi,” ha ricordato Stack. “E due anni dopo, grazie al bello sforzo segreto notturno da parte dei sordidi dirigenti della Arthur Andersen (per l’appunto la stessa gente che in seguito ci ha portato la Enron ed altre simili calamità) e di un altrettanto sordido senatore di New York (Patrick Moynihan), abbiamo visto il passaggio del tax reform act del 1986 con la sua sezione 1706 …”

La legge in questione, Sezione 1706 del Tax Reform Act 1986, “ha reso estremamente difficile per gli esperti del software di lavorare come liberi professionisti, costringendone la gran parte a diventare dipendenti di aziende”, secondo il New York Times.

Come molta furia politica di oggi, l’invettiva di Stack è uno sdolcinato bacio al populismo: confonde e fonde insieme la rabbia per Washington con la rabbia per Wall Street. Se queste due forze chiaramente vanno a braccetto — per la precisione, hanno in comune lo stesso trogolo — i loro problemi e i loro errori non sono gli stessi.
Quelli che confondono la rabbia primale per Washington con la rabbia primale per l’America corporativa oscurano la natura stessa di ciò che gli arreca danno e le soluzioni praticabili. Sì, la pizza potrà aggravare i problemi cardiaci di un anziano, ma bandirla dalla sua dieta non eliminerà né il suo bruciore di stomaco, né i suoi disturbi cardiaci. Esiste una differenza tra un problema, i fattori che lo esacerbano meramente, le sue cause, i sintomi e i suoi effetti.

La diffusa rabbia viscerale per Washington e Wall Street spesso confonde tutte queste dinamiche.

Il disprezzo per il governo, nutrito non solo da Stack, è suppurato a causa della sua condizione economica. Si è lamentato di “[aver dovuto] vivere una volta di burro di arachidi e pane (o di Ritz quando mi potevo permettere di scialacquare) per mesi”.

È un deja vu: Stack ripete quello che scrisse un soldato in congedo che ha fatto saltare in aria l’Alfred P. Murray Federal Building a Oklahoma City, uccidendo 168 persone. Nel quotidiano della sua città natale di Lockport, New York, Timothy McVeigh ha deplorato nell’inverno del 1992: “il sogno americano della classe media è tutt’altro che scomparso, [è stato] sostituito da persone che fanno fatica a comprare da mangiare per la settimana successiva”.

E Stack si è inoltre lamentato di essere senza una voce.

Il Tax Reform Act del 1986 “ha rovinato la vita a molte persone, danneggiato l’industria della tecnologia e scoraggiato la creazione di piccole aziende indipendenti importantissime per un’economia nazionale florida”, spiega Harvey J. Shulman, avvocato, al New York Times. “Il fatto che la legge esista ancora — persino dopo che i suoi iniziali sostenitori ne abbiano chiesto l’abrogazione e che studi indipendenti abbiano provato che prende ingiustamente di mira un’industria che paga le tasse — mostra quanto disfunzionali e insensibili sono stati i Congressi democratici e repubblicani e il nostro sistema politico, persino su questioni relativamente semplici”.

Più generalmente, il nostro rifiuto collettivo — popolare, governativo, corporativo e mediatico — delle difficoltà economiche e il nostro sarcasmo antisociale sono tragici. Aggiungiamo all’ansia economica di McVeigh o Stack una punta di nativismo, una feroce critica al governo e un (opportuno) risentimento per i salvataggi di Wall Street, ed avremo la ricetta di ancor più violenza.

“Scelgo di non continuare a guardarmi con ansia alle spalle mentre ‘il grande fratello’ spoglia la mia carcassa”, conclude la lettera di addio di Stack. “Beh signor Grande Fratello uomo dell’IRS, proviamo a fare qualcos’altro; prenditi un chilo della mia carne e dormi tranquillo”.

Stack cita espressamente la storia nel suo pensiero, nelle sue parole e nei fatti: la Grande Depressione, il Tax Reform Act del 1986, la crisi delle banche di risparmio degli anni ’80 e il “salvataggio”, i bombardamenti di Oklahoma City, l’esplosione delle “dot-com”, il 9/11, ed il recente salvataggio del 2008. Tutti noi dovremmo dare ascolto: l’America soffre di amnesia. Ignoriamo le lezioni storiche, ma ricorrenti, che renderebbero la vita di milioni di persone più sicura economicamente, emotivamente e fisicamente.

Per quanto possa essere condannato, Stack è tutt’altro che una “casuale mela marcia”. La sua azione potrà essere inconsueta, ma il suo confuso populismo non lo è. Il suo crimine non è in alcun modo scusabile, ma mette in evidenza un problema più grande che sia le elite politiche che quelle corporative si dilettano a caricaturizzare o a scansare: la rabbia viscerale populista.

Stack potrà aver sofferto di un disturbo psichiatrico, ma è anche un grave sintomo delle ferite trascurate di questa nazione.

L’incendio stavolta ha provocato solo due morti (Stack compreso) e ferite a 13 vittime. L’incendio la prossima volta potrebbe essere più traumatico.

Trascuriamo la sua diatriba, il suo suicidio e il suo gesto criminale come “follia” a nostro rischio.

Rich Benjami (autore di Searching for Whitopia: An Improbabile Journey to the Heart of White America.
È un anziano membro del think tank politicamente non schierato Demos e fa parte del consiglio della Roosevelt Institution. Il suo articolo è stato trasmesso dalla NPR [radio pubblica nazionale] e su Fox Radio, ed è stato pubblicato sui quotidiani in tutto il mondo)

Fonte: www.alternet.org
Link: http://www.alternet.org/story/145745/
20.02.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MICAELA MARRI

“PRENDETEVI UN CHILO DELLA MIA CARNE E DORMITE TRANQUILLI”


DI A.J.STACK

Il memoriale d’addio di A.J. Stack

«Quando leggerete questa mia lettera vi chiederete se tutto questo doveva succedere…
La verità è che tutto è complicato e con il passare del tempo tutto ciò si costruisce.

Questa lettera ho incominciato a scriverla da mesi doveva servirmi come Terapia a causa della situazione reale che diventava con il passare del tempo sempre più minacciosa, dato che nel mondo non esiste una Terapia che può riparare quello che ormai è guasto, è inutile ricordare che la presente verbosità potrebbe riempire volumi di esempi di cui io vorrei parlarne, trovo questo mio scritto frustrante … schiacciante e senza valore, soprattutto considerando che non trovo una luce in questa tempesta alla quale io possa avere un punto di riferimento, la rabbia che circola nella mia testa è molto alta e articolata… io non sono sicuro cosa sia Terapia, ma senza speranza, e messo da parte, ne traggo le conseguenze radicali.
Da Bambini ci hanno insegnato che in una Società senza regole e leggi … tutto diventa Anarchia, è triste pensare che in questa Nazione già nella tenera Età si è sottoposti al lavaggio di cervello per credere a quello che ci viene insegnato al fine di rimanere vittima della Stato e servirlo con il motto ”Giustizia per tutti”, per questo ci viene insegnato che in questo luogo esiste la Libertà e che dobbiamo essere fieri e sempre pronti a sacrificarci per i Padroni, Capitalisti e Creditori e che siamo difesi da colui che fondò la Costituzione. Vi ricordate cosa disse il Fondatore della Costituzione?..non pagare Tasse se non hai nessuno che difende i tuoi interessi (ciò vuol dire che chi paga le tasse ha diritto di avere una difesa pagata con le tasse versate dallo stesso contribuente).

Negli anni passati ha sempre cercato di dimenticare quello che mi hanno insegnato in un paio di anni della mia giovinezza, oggigiorno chi cerca di vivere con questo principio di libertà viene diffamato, dichiarato traditore/terrorista o qualcosa di peggio. Mentre solo pochi lavoratori direbbero di aver versato una buona parte del loro guadagno in Tasse, (cosa che anche io direi), posso ben dire che nella mia vita non ho mai visto un solo Politico che abbia fatto gli interessi miei o dei cittadini, neanche a quello che io ho ha avuto da dire hanno preso in considerazione.

Come può essere che un pugno di Ladri e criminali abbiano potuto permettersi di fare tutti questi crimini, ”special modo il Capo della GM e per decenni”, penso sia arrivato il tempo che a causa della sua non misurabile stupidità e insaziabile fame di denaro ..possa crollargli tutto addosso per dare al potere dello Stato la possibilità di correre in suo aiuto nel più breve tempo possibile? Poi la barzelletta di quello che chiamano “Sistema Sanitario Americano” che associati all’Industria farmaceutica e al Sistema Assicurativo hanno contribuito ad ammazzare decine di migliaia di persone (esseri umani) e di aver provocato migliaia di Invalidi per tutta la vita, per questo Governo non altro da aiutare al di fuori di questi ricchi e senza valore sociale ..quando si trovano nei guai? Con tutto ciò i Politici che dovrebbero rappresentarci (Ladri e Bugiardi) si prendono molto tempo ..anno dopo anno ..per poter sistemare il problema della Sanità ..invece se né stanno seduti a dondolarsi negli uffici, è chiaro che per loro la crisi non esiste… fino a quando i cadaveri nei sacchi non stanno tra i loro piedi come impedimento.

Giustizia?

Volete forse prendermi per il culo?

Come si può spiegare ad un individuo che pensa razionale, l’assurdità assoluta del nostro controllo e completo sistema Giuridico?

Come si fa a far capire anche a un Maestro il nostro complicato sistema se anche coloro che devono farlo rispettare non lo capiscono?

Tuttavia si ritiene ogni sua vittima responsabile e soggetto alle Leggi ..anche se gli esperti non ne capiscono il significato. La legge prevede una Firma in fondo a ogni accertamento fiscale anche se nessuno può seriamente affermare che capisce quello che ha firmato, se questo non è arbitrario… allora cosa è? Questi sono metodi di un Regime totalitario..nient’altro.

Come sono arrivato a questa conclusione.

Il mio inizio del vero e proprio incubo Americano è iniziato nei primi anni 80, disgraziatamente dopo 16 anni di scuola e di aver imparato a leggere e scrivere l’Inglese, ebbi un’idea, un paio di amici miei mi fecero conoscere un gruppo di persone che a loro dire sapevano leggere ed interpretare il Codice Fiscale ..cioè questo gruppo cercava nel sistema fiscale alcune parole chiavi che usava la corrotta e insapore Chiesa Cattolica per poter pagare meno Tasse possibili.. dato che è cosi ricca, abbiamo Studiato con intelligenza la Legge con l’aiuto di ben pagati ragionieri e avvocati del settore Tasse, imitando quello che fanno i nostri “Grandi Fratelli” (da dire che non abbiamo rubato nulla a Dio e nemmeno al Governo anche se il guadagno era discreto), abbiamo fatto di tutto come la legge prescrive, ci siamo attenuti alle regole e fatto presente tutti guadagni.

Quello che abbiamo fatto serviva a far introdurre un Nuovo regolamento, dato che i Mostri della Religione lo consentono..cioè ..prendere per i fondelli le persone, quello che ho imparato in questa nuova avventura e che per ogni Legge ci sono due Interpretazioni..una per i ricchi e l’atra per il resto della Popolazione… i Mostri sono proprio coloro che fanno le Leggi e le approvano..l’inquisizione esiste ancora.. anche in questa Nazione.

Questa piccola lezione per amore del Patriottismo mi è costata 40.000… cioè 10 anni della mia vita e le mie risorse erano a ZERO, per la prima volta nella mia vita ho potuto constatare che io vivo in una terra dove l’Ideologia è basata sulla BUGIA, solo cosi ho potuto imparare non solo come ero Naiv ma anche come il Popolo americano è tanto stupido, dato che giornalmente viene preso per i fondelli sotto i propri occhi e continua a credere di vivere il Libertà e giustizia.

Prima di riprendermi da questa batosta dolorosa e capire veramente in quale Libertà vivo in questa Nazione (questo successe nel 1984 dopo aver conseguito a lieto fine gli Studi di Ingegnere e ancora 5 anni di debiti da pagare) ebbi la sensazione di avere una Chance per poter coronare il mio sogno e di mettermi per proprio conto come ingegnere, su questo tema ..Sogni e Libertà in proprio lo appresi da mio padre e anche nel risolvere i problemi nella mia giovine età.

Il lavoro da libero Professionista era il mio sogno: importante fu il periodo in Collegio quando avevo 18/19 anni, come studente vivevo in Harrisburg/Pennsylvania da solo in un appartamento, la mia vicina di casa era una donna anziana in pensione (tutto quello che era sopra gli 80 anni credevo che fosse preistoria) ed era la vedova di uno che aveva lavorato una vita intera nelle Acciaierie della Pennsylvania centrale,il marito era stato attirato in quel lavoro con le promesse che dopo 30 anni di lavoro sarebbe andato in pensione ed avrebbe usufruito l’assistenza sanitaria e la somma di denaro pattuita per godersi la vecchiaia…invece il poveretto fu uno dei tanti che non ricevettero nulla dopo i 30 anni di lavoro, grazie all’incompetenza e alla corruzione che circolava nelle file dei Sindacati (per non parlare del Governo) che aumentavano i loro stipendi e alla fine non rimaneva nulla per i lavoratori ..dopo 30 anni di duro lavoro, il marito mori senza mai ricevere la pensione e visse di Caritas e aiuti sociali privati.

Quando penso che in tutto quel periodo campavo di Pane e Burro di noci, a volte anche di Ritz–Keksen, ascoltando questa persona mi rattristai come se fosse la mia miseria, durante le nostre discussioni rimasi scioccato nel sentire che per vivere in buona Salute come lei, era meglio mangiare scatolame di cibo per Gatti invece di Pane e Burro di noci, certamente non riuscì a convincermi, ma mi lasciò perplesso e pensieroso in un tale modo che giurai di non fidarmi di nessuna grande Ditta e che il mio futuro lo avrei gestito da me stesso.

Ritorniamo agli anni 80, ero stato appena coronato a Ingegnere fresco fresco e avevo avuto un contratto da Ingegnere di Software e ebbi una partenza terrificante e dove noi due anni dopo ..grazie a un assistente menefreghista di Arthur Anderson (esattamente le persone che fecero la sorpresa alla Enron e altre mandandole alla Catastrofe che seguì) e lo stesso menefreghista e zoccolaio del Senatore New Yorkese (Patrick Moynihan) che fece approvare la riforma Finanziaria con la sua Sezione 1706.

Per chi non conosce questa Sezione, il testo si trova nella Basic-Text della IRS (Traduzione della Finanza Americana) Sezione 1706, che consiste come trattare i lavoratori che hanno un contratto di Ingegnere e quale tasse devono pagare, bisogna visitare il Sito:

http://www.synergistech.com/1706.shtml#ConferenceCommitteeReport

che specifica nella Sezione 1706 come trattare la categoria “ingegnere” e la parte rilevante nella Sezione 530, per informazioni sul Servizio Tecnico e come applicare le leggi, leggere le discussioni nel Sito:

http://www.synergistech.com/ic-taxlaw.shtml

Sezione 1706: Trattamento per alcune classi di Personale Tecnico:

Sezione 530 del reddito – Legge fiscale del 1978 è rettificato con l’aggiunta, alla fine il seguente nuovo sub-sezione:
(d) eccezione. – Questa sezione non si applica ad un individuo che si avvale, in base ad un accordo tra il contribuente e un’altra persona, l’altra persona si rivela essere un tecnico del servizio, designer, scrittore, programmatore, analista di sistemi simili o dei lavoratori in materia di occupazione simili.

(b) DECORRENZA – Il primo Emendamento presentato da questa sezione è quello di essere rimborsati rinumerazione e purificato servizio richiesto dopo il 31 Dicembre 1986.

Certo è necessario leggere il contratto per capirne il significato ..ma non è complicato, essenzialmente dovevano scrivere il mio nome nella Sezione (d), inoltre era meglio che venivano da me e mi dicessero semplicemente che sono un criminale e non un comune schiavo come come tutti gli altri cittadini. Dopo 20 anni di lavoro non potevo credere ai miei occhi e alle mie orecchie.

Nel 1987 ho speso 5.000 Dollari e sacrificato 1.000 per scrivere a Senatori/Parlamentari del Congresso e Politici che avrebbero potuto ascoltare, nessuno di loro si degnò di rispondere come se le mie parole non avessero nessun significato e solo perdita di tempo, ho trascorso ore infinite per la strade di L.A. associandomi a gruppi di Professionisti che cercavano di attirare l’attenzione contro le angherie della Finanza, il tutto per constatare che i Vermi della Borsa incominciavano a trafficare con la loro “Libertà” di fare quello che volevano con i soldi della gente… e non da dimenticare che per tutto il tempo che rimasi in L.A. persi tutte le mie entrate dato che non potevo nemmeno mettere in conto ai miei clienti, alla fine il tutto si dimostrò solamente una sconfitta eclatante dopo aver sentito un parlamentare della IRS e constatare che la campagna era stata una truffa organizzata al fine di smantellare le associazioni di Professionisti.

Ancora una volta vidi i miei risparmi per la vecchiaia scomparire e mi ritrovai a zero, se lo avessi saputo avrei abbandonato l’idea di diventare Ingegnere senza guardare indietro.

Costretto alla quasi miseria mi misi a lavorare 100 ore alla settimana, dopo arrivò la depressione degli anni 90, il nostro Fùhrer decise che tutte le Basi della Air Force nel Sud della California non servivano e quindi venivano chiuse… cosi… come se non fossero mai esistite, il risultato fu un disastro Economico per tutta la regione causando pure la fine della S&L, dato che le competenze erano solamente del Governo non interessava a nessuno intervenire per scongiurare tutto ciò, migliaia di giovani famiglie si trovarono come d’incanto in mezzo alla strada dato che non poteva più pagare i debiti, le case furono “Inchiodate” e alla fine comprate da sciacalli che ricevettero le sovvenzioni della Stato con la scusa della perdita del raccolto… ancora una volta vedevo sfumare la mia pensione per la vecchiaia.

Anni dopo, superati i problemi con il divorzio e costantemente a sgobbare nella mia Ditta fondata da poco, mi trovavo già un pò in condizioni migliori di prima, ma sembra che il destino si accanisse contro di me, arrivò il Crash della Bolla speculativa.COM e l’incubo del 9/11, il nostro Fùhrer aveva deciso che nessun Aereo doveva decollare e il tutto si prolungava snervando ancor di più le persone…tutto sembrava non avere fine a San Francisco si diceva che c’erano delle strutture a rischio, ciò comportava lunghi mesi di allarme e i miei movimenti nel viaggiare erano stati più che dimezzati, non mi consentivano di raggiungere i clienti e se li raggiungevo le spese erano più del guadagno..ma per amor di non perdere la clientela sopportavo…ironia della sorte..il Governo sovvenzionava le compagnie Aeree che a loro dire avevano subito perdite e lasciava morire le piccole aziende danneggiate dalle compagnie Aeree che negavano ogni comprensione..il tutto con i soldi dei Contribuenti ..io compreso, mentre i ricconi diventavano ancora più ricchi alla faccia di chi soffre, dopo questo “colpo” subito a causa delle idiozie del Governo, dovetti chiudere la Ditta..altre piccole disgrazie subentrarono dopo.

Pensai di cambiare zona per poter ricominciare di nuovo a costruirmi una vita e decisi di andare ad Austin per vedere se in quella zona avrei potuto combinare qualcosa e magari aprire una Ditta, non fu possibile ..ma trovai un lavoro, la paga era un terzo di quello che guadavano prima del fallimento …dato che la paga è stata accordata dalle quattro più grandi Aziende che si trovano in questa zona per tenere il salario sempre più basso possibile, questo succede perché il Ministero della Giustizia se ne frega altamente dei cittadini pensando solo ai loro compagni di merenda ricconi.

Per sopravvivere feci ricorso ai miei risparmi e chiesi un sussidio allo stato dato che passò un anno prima che qualche dollaro entrasse nelle mie tasche, alla Finanza non feci nessuna dichiarazione dato che non avevo nessun entrata, ma il Governo decise altro.
Mi tolsero il sussidio e senza mandare alcun avviso con la quale avrei potuto fare domanda di appello, cercai di protestare in un Tribunale ..ma niente..anzi colui che doveva aiutarmi mi costò 10.000 Dollari e non concluse nulla…bene adesso andiamo verso la parte finale dopo aver fatto l’esperienza con il CPA/Certified _Public_Accountant, a causa del fallimento della mia Ditta, decisi di non andare mai più da qualche Ragioniere ..ma adesso stò qui di nuovo sposato e una montagna di documentazione da presentare alla Finanza..per non parlare dei nuovi mobili che ho comprato per aprire la nuova ditta, un Pianoforte che non capisco cosa ci faccia qui..dato che no so neanche usarlo, dopo averci ripensato un pò decisi Patriotticamente di fare le cose come la legge comanda e decisi di affidarmi a un Ragioniere..fù un grande sbaglio.

Comunque andammo avanti semprte con l’arco tirato al massimo, portai tutta la documentazione a Bill Ross (ragioniere) e tornò con i risultati che avevo previsto, ma..non mi comunicò che non aveva messo le entrate di mia Moglie dal valore di 12.700 Dollari, la cosa più brutta è che Ross sapeva di tutto ciò e non mi aveva detto nulla e quindi lo portai a parlare fino a quando nella più brutale maniera si fece male lui stesso consapevole di aver fatto i suoi interessi e non i miei, tutto ciò mi lasciò in una situazione disastrosa, trovai pagamenti che non avevano nulla a che fare con le Tasse, meno male che i pagamenti per le Tasse erano stati tutti documentati, fatture per cose che io non ne ho mai saputo e che a mia Moglie non avrebbero mai interessato e altro…il risultato lo vedete.

Ricordo il periodo della grande depressione, del crollo della Borsa, di persone che si buttavano dalle finestre dopo essere venuti a conoscenza di aver perso tutto ..non è ironia, vorrei vedere tra 60 anni in che situazione si trova questa Nazione dove quando arriva una crisi quelli che dovono pagare sono sempre la classe Media per poter salvare i “Ricconi” e salvare le loro ceneri dal vento, questa si che è furbizia e una soluzione pulita. So bene che non sarò il primo a prendere questa decisione dopo aver vissuto l’inferno sulla terra, credendo di vivere in Libertà e giustizia, facendo credere che in questa terra non si muore mai… e ciò non ha nulla a che vedere con la popolazione di colore e con i poveri immigranti, so bene che ci sono stati molti prima di mè e altri ne verranno dopo di mè, so bene che se non lo faccio io non ci saranno altri che lo faranno per far si che cambi qualcosa, io decido di non guardarmi sulle spalle e andare sul “Big Brother” mentre si mangia il mio avere, io decido di non ignorare quello che succede intorno a mè, io decido di fare cosi come se non fosse successo nulla…io ne ho abbastanza.

Posso solo sperare che la cifra delle persone che mi seguiranno diventi molto grande affinchè gli Zombie Americani si sveglino e fanno una Rivolta, io spero che il colpo vada direttamente nel sistema nervoso del Governo in continuazione affinche capiscono che cosi facendo si facilita la vita a quei Politici Criminali e i loro servi senza cervello.

E’ veramente penoso e straziante pensare che ho trascorso tutta la mia vita nel credere che si arrivi a questo punto ..ma la violenza non è solo la risposta..la violenza è l’unica risposta, la barzelletta più grande è che chi è al comando ha sempre saputo e ha deriso i cittadini consapevolmente di averli sfruttati..come me.

Una volta ho letto che la definizione della Pazzia è un processo che ritorna sempre ed è da aspettarselo, con la sostanza che cambia spesso manifestandosi in un altro modo, io sono pronto a fermare questa Pazzia ..quindi Mr/s Big Brother e impiegati della IRS questa volta facciamo ben altro… prendetevi un chilo della mia carne e dormite tranquilli.

Il Credo Comunista: Da ciascuno secondo la sua capacità, a ciascuno secondo la sua necessità.

Il Credo Capitalista: Da ciascuno la sua ingenuità, a ciascuno secondo la sua avidità».

Fonte: http://sollevazione.blogspot.com
Link: http://sollevazione.blogspot.com/2010/03/usa-un-altro-11-settembre.html#more
3.03.2010

TERRORISMO: LA PAROLA PIU’ INSENSATA E MANIPOLATA

Ieri Joseph Stack (nella foto con la figlia) ha intenzionalmente pilotato un aeroplano contro un edificio degli uffici della IRS [ndr. l’agenzia federale delle imposte] ad Austin, nel Texas, per manifestare i suoi rancori politici che aveva esposto in un manifesto d’addio perfettamente sensato.
La visione del mondo di Stack conteneva elementi della rabbia anti-governativa del Tea’s Party, assieme a delle concrete proteste populiste generalmente associate con “la Sinistra” (rabbia per le operazioni di salvataggio finanziario, la sofferenza dei poveri degli USA, e il furto ai danni della classe media da parte di un’elite economica corrotta assieme ai loro servi del governo). Tutto ciò è stato accompagnato dall’argomentazione sul perchè la violenza è giustificata (e anche necessaria) per protestare contro queste ingiustizie:

“Ricordo di quando leggevo del fallimento della borsa valori prima della “grande” depressione e di come c’erano ricchi banchieri e uomini d’affari che si lanciavano dalle finestre quando capivano di aver fallito e perso tutto quanto. E’ ironico vedere a dove siamo arrivati dopo 60 anni in questo paese che adesso sanno come risolvere quel piccolo problema economico; semplicemente rubano dalla classe media (che non ha alcun potere, le elezioni sono una barzelletta) per coprirsi il culo e questi sono “i soliti affari” … Tristemente, anche se ho speso la mia intera vita cercando di credere che non era così, ma la violenza non solo è una risposta, ma la sola risposta possibile.”

Nonostante tutto ciò, Brian Stelter del New York Times documenta la profonda riluttanza da parte dei chiaccheroni dei telegiornali e degli ufficiali governativi a definire l’incidente come un atto di “terrorismo”, anche se — come ben spiegato da Dave Neiwert — rientra perfettamente nella definizione del termine, infatti è un classico esempio di qualsiasi definizione ufficiale di quel termine. La questione non è se i reclami di Stack siano reali o se la sua reazione sia giusta; è che il suo atto è indiscutibilmente in linea con la definizione ufficiale di terrorismo. Ma come detto da Pete Williams, della NBC, sull’insistenza ufficiale sul perchè questo non era un atto di Terrorismo: ci sono “un paio di ragioni per affermare ciò … Una è che Stack è un cittadino Americano.” Megan Kelley di Fox News ha chiesto a Catherine Herridge riguardo a queste negazioni: “Mi sembra di capire che intendono il terrorismo nel suo senso più ampio, quello a cui tutti noi siamo abituati ?”, al quale Herridge ha risposto: “loro intendono il terrorismo con la T maiuscola.”
Tutto ciò mette in evidenza, ancora una volta, che Terrorismo è al tempo stesso la singola parola più insensata e più manipolata del lessico politico Statunitense. Il termine adesso non ha più niente a che fare con l’atto in sè, e ha tutto a che fare con l’identità della persona che lo commette, e in particolare la sua identità religiosa. Il termine ha assunto il significato di: “un Musulmano che combatte contro o esprime ostilità nei confronti degli Stati Uniti, Israele e i suoi alleati.” Ecco perchè tutta questa confusione e questi dubbi sono sorti ieri se sia il caso di definire Terrorista una persona che ha fatto un classico atto di Terrorismo; non è un Musulmano e non sta agendo per via delle tipiche rimostranze Musulmane contro gli USA o Israele, e quindi non è in linea con la “definizione”. Uno potrebbe ammettere che forse c’è qualche significato tecnico nel quale il termine potrebbe venir applicato a Stack, ma come enfatizzato dalla rete Fox News: non è “terrorismo nel suo senso più ampio, quello a cui tutti noi siamo abituati … terrorismo con la T maiuscola.” Sappiamo tutti chi è che commette il terrorismo “con la T maiuscola”, e non è gente chiamata Joseph Stack.

Paragoniamo l’esitazione collettiva nel chiamare Stack un Terrorista con le circostanze estremamente dubbie in cui quel termine viene applicato in modo automatico ai Musulmani. Se un Musulmano attacca una base militare che si sta preparando a schierare le truppe in zona di guerra, quella persona è un Terrorista. Se un Musulmano Americano sostiene che la violenza contro gli USA (in particolar modo quando diretta contro obiettivi militare) è giustificata per via della Violenza degli USA contro il mondo Musulmano, allora quella persona è un Terrorista che merita di essere assassinato. E se l’esercito USA invade un paese Musulmano, i Musulmani che vivono nel paese invaso e occupato e che resistono contro l’esercito invasore Statunitense — attaccando nient’altro che obiettivi militari — sono anche loro Terroristi. Infatti, un gran numero di detenuti di Guantanamo sono accusati di essere Terroristi per nessun altro motivo che non sia quello di aver attaccato membri di un esercito straniero che aveva invaso il loro paese, com’è il caso del quattordicenne Mohamed Jawad, che ha speso molti anni a Guantanamo, accusato (quasi sicuramente falsamente) di aver lanciato una granata contro due soldati Statunitensi in Afghanistan che facevano parte dell’esercito invasore di quel paese. Ovviamente, i piani per attaccare e uccidere dei civili — gli attacchi dell’11 Settembre e i tentativi di far saltare in aria aerei civili — sono terrorismo puro, ma una gran porzione degli atti commessi dai Musulmani che ricevono quell’etichetta non lo sono.

In sostanza: i Musulmani che attaccano obiettivi militari, sia in zone di guerra o anche nei loro stessi paesi invasi da un esercito straniero, sono Terroristi. Un non-Musulmano che fa schiantare un aeroplano contro un edificio governativo per mettere in pratica un’agenda politica non lo è, o almeno non è un Vero Terrorista con la T maiuscola — non il tipo di terrorista che dovrebbe venir torturato e buttato in una cella senza alcuna accusa oppure assassinato senza un giusto processo. Non lo sono nemmeno i Cristiani che si appostano fuori dalle cliniche abortiste e uccidono i dottori e i medici della clinica. Non sono terrorismo nemmeno gli atti compiuti da noi o dai nostri alleati preferiti che hanno lo scopo di uccidere una grande quantità di civili o che sprezzantemente causano simili uccisioni come metodo per terrorizzare la popolazione affinchè assuma un comportamento da noi gradito — la gloriosa campagna militare del Colpisci e Terrorizza e la distruzione di Gaza. Tranne che nel caso per demonizzare i Musulmani, il termine terrorismo viene usato in modo talmente incoerente e manipolatorio che ormai ha perso qualsiasi significato.

Tutto questo sarebbe una questione semantica interessante ma non troppo importante se non fosse che il termine Terrorismo gioca ora un ruolo centrale nei nostri dibattiti politici. E’ il termine che giustifica tutto per qualsiasi azione del Governo USA. Invasioni, torture, detenzioni senza processo, commissioni militari, attacchi con i droni, sorveglianze senza mandato, segretezza ossessiva, e anche l’assassinio di cittadini Statunitensi son tutte cose giustificate solo dall’asserzione che stanno venendo fatte ai “Terroristi”, che, per definizione, non hanno diritti. E anche peggio, uno diventa un “Terrorista” non attraverso una sentenza giudiziaria o dopo qualche processo formale, ma solamente per via dell’accusa non-provata e non-controllata del Potere Esecutivo. Il Presidente dice che qualcuno è un Terrorista e qui finisce tutto: i seguaci privi di senso critico di entrambi i partiti politici giustificano immediatamente qualsiasi cosa fatta a quella persona sulle basi che è un Terrorista (e con questo vogliono intendere: è stato accusato di essere un Terrorista, anche se questa distinzione — fra l’accusa presidenziale e la prova — non è una cosa che riconoscono).

Se davvero vogliamo dare poteri virtualmente illimitati al Governo permettendogli di fare qualsiasi cosa alle persone che chiamano “Terroristi”, dobbiamo almeno avere una comprensione comune di quel che significa quel termine. Ma non ce ne sono. E’ diventato un termine malleabile e che giustifica tutto per dare al Governo USA carta bianca per fare tutto quello che vuole ai Musulmani che non gradisce o che non gradiscono (cioè I Terroristi). E’ diventato davvero più un mantra ipnotico che una parola vera e propria: la sua sola pronuncia rende la nazione cieca e acclamante per qualsiasi cosa che viene fatta ai Musulmani che vengono etichettati in quel modo.

AGGIORNAMENTO: Voglio aggiungere un’ultima cosa: la reazione immediata ufficiale e dei media è stata quella di evitare, e persino di negare, il termine “terrorista” perchè l’esecutore della violenza non era Musulmano. Ma se il manifesto di Stack inizia a ricevere molta attenzione, io penso che è probabile che il termine Terrorista verrà applicato in modo deciso nel tentativo di screditare quello che ha scritto. Il suo messaggio è un reclamo decisamente anti-establishment e populista del tipo che va oltre le divisioni ideologiche e partitiche — le lamentele espresse in modo appassionato da Stack si trovano come argomenti comuni nel movimento del Tea Party e fra cittadini sia di Sinistra che di Destra — e quindi tende ad essere del tipo che l’establishment (che trae vantaggio da alti livelli di distrazioni e divisioni partitiche) reputa il più pericoloso e che quindi va demonizzato. Niente è più efficace nel demonizzare qualcosa che appiccicarci sopra l’etichetta di Terrorista.

Versione originale:

Glenn Greenwald
Fonte: www.salon.com
Link: http://www.salon.com/news/opinion/glenn_greenwald/2010/02/19/terrorism/index.html
19.02.2010

Versione italiana:

Fonte: http://saigon2k.altervista.org
Link: http://saigon2k.altervista.org/?p=950
25.02.2010

Pubblicato da Davide

  • silviu

    forse il vero terrorismo ò questo;

    Written by foreign desk Monday, 01 March 2010 17:28 PDF Print E-mail
    PROROGATO IL PATRIOT ACT
    Il presidente degli Stati uniti, Barack Obama ha firmato la proroga di una atto di diversi provvedimenti contenuti nella legge antiterrorismo, il Patriot Act. Si tratta della legge approvata dopo l’11 settembre 2001 e l’attentato alle Torri Gemelle, che amplia i poteri del governo di monitorare i cittadini americani in nome della sicurezza nazionale. I provvedimenti che sarebbero decaduti senza la firma di Obama, sabato scorso, riguardavano l’autorizzazione di intercettazioni telefoniche su qualunque tipo di utenza telefonica ma anche controllare cittadini stranieri che si pensa possano essere coinvolti in azioni terroristiche anche se non appartengono a nessuna organizzazione estremista.

  • illupodeicieli

    La mia piena solidarietà all’anima di Stack. Capisco e conosco per esperienza personale le difficoltà di chi è messo in un angolo, gli viene di fatto impedito di lavorare, vede la propria azienda divenire marginale. Lui, a differenza di altre persone,come di recente e anche ieri ad esempio nel Veneto, che si sono uccise perchè in serie difficoltà finanziarie e personali, perchè umiliate e senza reale aiuto da parte di altri esseri umani, ha deciso di non uccidersi impiccandosi in un garage, ma di suicidarsi davanti a un simbolo, per lui e altri negativo. Che cosa avrebbe dovuto fare? Ascoltare i soliti soloni che ripetono “cercati un altro lavoro e datti da fare”? Facile per chi ha le spalle coperte e non deve concorrere come altri che ,al massimo, possono fare la gara a chi timbra di più.Facile da dire datti da fare se sei un professionista che, ad oggi, non deve temere la concorrenza di professionisti stranieri. Liquidando il gesto come terroristico o come opera di un pazzo non si approfondisce il problema di fondo, ossia quello di chi viene, anche a causa di leggi e provvedimenti vari, messo in condizioni di non poter lavorare. Questo accade anche da noi, dove ad esempio devi possedere mille certificazioni aziendali per poter restare nel mercato nazionale e globale, subire decine di controlli da parte di autorità, produrre documenti spesso inutili per partecipare a lavori o appalti (cosa difficile in tempi in cui si approvano leggi speciali per poter pilotare gli appalti: vedi le disposizioni di legge approvate il 22 dicembre del 2008 s.e.).

  • Tonguessy

    Stack è un cittadino Americano, quindi al massimo è terrorista , non Terrorista.
    Analisi lucida e impietosa di cosa sia l’imperialismo culturale. Nessun significato viene lasciato solo: c’è sempre un MIB accanto.

  • Tonguessy

    La differenza tra Italia e Grecia è che da noi si impiccano, da loro li impiccano, se possono. Hanno creato delle generazioni di depressi che non vedono le cause dei loro mali, abituati come sono a leccare la mano che li schiaffeggia. E la parcellizzazione relazionale e coscienziale rafforza la loro posizione. Si impiccano perchè si sentono soli. In Grecia si ritrovano a migliaia in piazza e capiscono che non sono soli.

  • maumau1

    se fosse stato un arabo sarebbe stato un terrorista..
    cos’è un kamikaze se non uno che non altre armi per combattere il nemico(se avesse un f15 lo userebbe,ma non ce l’ha!)
    in questo caso il kamikaze era americano e il nemico erano gli USA e i ladri di wall street ,psero ardetemente che altri seguano il suo esempio in USA
    da veri kamikaze portando con se quanti più colpevoli possibile..
    molti degli espisodi di stragi avvenute negli USA possono ascriversi a questa tipologia benchè derubricati a casi psichiatrici dai media controllati dal governo e non come appunto kamikaze contro il nemico interno che è il governo ormai nemico del popolo..
    nessuno ricorda che la costituzione permette al popolo di abolire il govenro con la forza quando questo agisce,come sta facendo adesso,contro il popolo!!
    Quindi una rivoluzione in USA in questo momento sarebbe permessa dalla costituzione stessa!
    ciao

  • xmas

    In merito alla seguente frase del primo articolo …

    – È un deja vu: Stack ripete quello che scrisse un soldato in congedo che ha fatto saltare in aria l’Alfred P. Murray Federal Building a Oklahoma City, uccidendo 168 persone. Nel quotidiano della sua città natale di Lockport, New York, Timothy McVeigh ha deplorato nell’inverno del 1992: “il sogno americano della classe media è tutt’altro che scomparso, [è stato] sostituito da persone che fanno fatica a comprare da mangiare per la settimana successiva”. –

    … vorrei segnalare la seguente, differente, chiave di lettura degli avvenimenti:

    Il 28 marzo 1994 dall’Assemblea dei Rappresentanti dello Stato dell’Oklahoma (il Parlamento Statale dell’Oklahoma) situato in Oklahoma City nell’edificio Murrah Federal Building, redige la risoluzione N.1047:

    * “Resolution Nov. 1047, A Resolution relating to United States military forces and the United Nations; memorializing Congress to cease certain activities concerning the United Nations and directing distribution.

    * WHEREAS, the constitutional role of the United States military is to protect the life, liberty and property of United States citizens and to defend our nation against insurrection or foreign invasion; and

    * WHEREAS, the United States is an independent sovereign nation and not a tributary of the United Nations; and

    * WHEREAS there is no popular support for the establishment of a new world order or world sovereignty of any kind either under the United Nations or under any world body in any form of global government; and

    * WHEREAS, global government would mean the destruction of our Constitution and corruption of the spirit of the Declaration of Independence, our freedom, and our way of life.

    * NOW, THEREFORE, BE IT RESOLVED BY THE HOUSE OF REPRESENTATIVES OF THE 2ND SESSION OF THE 44TH OKLAHOMA LEGISLATURE:

    * THAT the United States Congress is hereby memorialized to:

    1. Cease the appropriation of United States funds for any military activity not authorized by Congress;

    2. Cease engagement in any military activities under the authority of the United Nations or any world body;

    3. Cease the rendering of aid to any activity or engagement under the jurisdiction of the United Nations or any world body; and

    4. Cease any support for the establishment of a “new world order” or to any form of global government.

    * THAT the United States Congress is hereby memorialized to refrain from taking any further steps toward the economic or political merger of the United States into a world body or any form of world government.

    * THAT copies of this resolution be distributed to the Clerk of the United States House of Representatives, the Secretary of the United States Senate, and to each member of the Oklahoma Congressional Delegation.

    * Adopted by the House of Representatives the 28th day of March, 1994.”

    La risoluzione é una dichiarazione di guerra al cosiddetto “Nuovo ordine mondiale” e quindi al progetto sinarchico di Saint-Yves d’Alveidre (1842-1909).

    Al punto 4 infatti si legge: “Cessare qualsiasi supporto dell’establishment al “new world order” o qualsiasi altra forma di governo mondiale.”

    Il 19 Aprile 1995, un anno dopo circa, lo stesso palazzo viene fatto saltare in aria da un ex soldato americano impazzito, Timothy James McVeigh, in un attentato solitario che fece 168 vittime e oltre 800 feriti.

    La cattura di tale personaggio avviene in stile film di Hollywood.
    Il povero disgraziato, poi condannato a morte, era in totale stato confusionario, al pari degli assassini “ufficiali” dei due fratelli Kennedy.

    Per il resto basta usare un poco di fantasia.

  • stefanodandrea

    Rendo onore a Joseph Stack.
    Ogni persona di valore e coraggiosa, disposta a sacrificare la sua vita – i militari che disertano; il giordano (mi sembra) che spara ai commilitoni di Fort hood; il nigeriano che si vuol fa saltare in aria – è giudicato, anche dalla cosaiddetta intellighenzia statunitense come un malato psichiatrico (la lettera che Joseph Stack ha scritto dimostra che era lucidissimo).
    L’autore del primo articolo non ha un millesimo della lucidità di questo soldato che ha lanciato la sua sfida al capitale. E’ vero, questi lucidi e coraggiosi soldati rischiano di uccidere degli innocenti. Ma per condannarli moralmente si dovrebbe prima indicare un’altra strada che possa portare alla vittoria, contro un nemico che di vittime innocenti ne fa a milioni. Diecimila Joseph Stack otterrebbero la vittoria? Le vittime innocenti sarebbero comunque molto inferiori alle vittime innocenti di cui sono responsabili i gestori del capitale finanziario e i politici statunitensi (non c’è alcuno “sdolcinato bacio al populismo” nel collegare “la rabbia per Washington con la rabbia per Wall Street”; l’autore del primo articolo non soltanto non è lucido; non capisce nulla).
    Io non so indicare, per ora, una strada che possa condurre, già soltanto ad un livello teorico e ipotetico, ad una vera sconfitta del capitale, ossia ad una legislazione che valorizzi il lavoro e le persone che lavorano e non il capitale, ossia le cose, materiali e immateriali: la lotta è dell’uomo contro le cose; evitare che gli uomini siano ridotti a cose, come sta accadendo. Per questa ragione non me la sento di condannare moralmente Joseph Stack per aver provocato vittime innocenti. E ne ammiro la lucidità, il coraggio e la vlontà di creare un precedente.

  • sentinella

    si chiama mania di persecuzione la patologia di cui è affetto il signor Stack. Mi dispiace che proprio non lo abbiate capito è solo una forma psichiatrica di una malattia molto diffusa che permette alle persone di autoassolversi perchè proiettano sugli altri e sul mondo circostante i loro conflitti interiori.

  • stefanodandrea

    Anche Pietro Micca aveva una mania di persecuzione? anche coloro che si lasciavono uccidere per non abbandonare la fede, i martiri cristiani, avevano la mania di persecuzione. Anche chi abbandona una carriera accademica e gli agi come Al Zawahiri? Anche tutti gli altri miloni uomini che sono morti per difendere un’idea avevano la mania di persecuzione. Il “consumatore”, questo essere spregievole “storicamente determinato” dalla fase attuale dello svoluppo delle forze produttive ha bisogno di essere psicanalizzato, perché ha geneticamente, per tutta la classe, una mania di persecuzione. Quelli sono uomini. Poi ci sono i consumatori. La necessità di consumare è superiore all’amore per una idea.

  • alvit

    Ottimo ma…la traduzione non mi pare molto fedele all’originale.
    Pare che il traduttore non conosca granche’ l’America 🙂
    Il burro di noci non esiste ma quello di arachidi si 🙂
    “desperate times call for desperate measures io non l’avrei tradotto “,,e messo da parte, ne traggo le conseguenze radicali.”

  • Floh

    Dall’articolo:

    “Il suo crimine non è in alcun modo scusabile”

    La sola cosa che non è scusabile è il politacally correct di quest’articolo, il suo paraculismo.

    Avrebbe dovuto lanciarsi sulla sul parlamento.
    – W Stack –

  • Paxtibi

    È ragionevolmente lecito sospettare un false-flag:

    Austin ‘suicide’ plane crash next to CIA building, bombs suspected, HAZMAT truck across street [killtown.blogspot.com]

  • Paxtibi

    Sempre più puzza di false flag:

    Original Tenant of Building Allegedly Attacked by Joe Stack was Microelectronics and Computer Technology Corporation [cryptogon.com]

    The Chairman and Chief Executive Officer of the Microelectronics and Computer Technology Corporation just happened to be Bobby Ray Inman, former Director of the National Security Agency and former Deputy Director of the Central Intelligence Agency.

  • Kerkyreo

    La vita che ha spezzato questo signore non apparteneva a lui e non aveva nessun diritto di spezzarla!!
    Il resto scivola via!