Il Governo Usa ha permesso all’Ucraina di uccidere il giornalista Gonzalo Lira

Aveva criticato il 'dittatore' Zelensky.

 

Di Tarik Cyril Amar, Rt.com

In un mondo di vigliaccheri e bugie, dire la verità dove – e quando – è davvero importante: richiede coraggio. E può costarti la vita.

Quindi, Gonzalo Lira è morto. Come aveva avvertito nel suo ultimo videomessaggio prima di essere fatto sparire (questa volta, come si è scoperto, per sempre) dal regime ucraino, il suo giornalismo politico gli è costato la vita.

Commentatore di successo sui social media e cittadino americano, Lira è morto mentre era incarcerato dall’apparato di repressione dell’Ucraina per le sue critiche alla posizione occidentale e ucraina sulla guerra contro la Russia. I suoi termini erano spesso diretti, persino duri e polemici.

Ma non era una spia o una sorta di agente di influenza sovversiva. Era trasparente e aperto, con il suo nome e la sua vita, per tutto ciò che diceva. Era un prigioniero politico (sì, su questo sono d’accordo con Tucker Carlson); le accuse ufficiali dell’Ucraina contro di lui sono una vergogna ridicola.

La causa immediata della sua morte è praticamente certa che sia stata una grave, prolungata e sistematica negligenza, che ha portato alla sua uccisione indiretta – del tutto intenzionale o meno – a causa di una condizione (polmonite e complicazioni) che è perfettamente curabile. In termini legali, questo si qualifica come, almeno, omicidio colposo o addirittura omicidio, commesso da ufficiali ucraini della ‘legge’ e da coloro che emettono i loro ordini.

Secondo quanto dichiarato da Lira quando era ancora in grado di comunicare, è stato anche torturato in modo più pratico, al fine di derubare il suo patrimonio personale. Se si conosce il funzionamento della politica e delle autorità ucraine, non c’è alcun motivo per non credergli.

Nonostante i lodevoli sforzi di cittadini americani di spicco come Tucker Carlson ed Elon Musk per aiutare Lira, il Governo degli Stati Uniti si è reso complice di fatto della sua uccisione, rifiutandosi di assistere un suo cittadino che era, ovviamente, in estremo pericolo.

Lira, tra l’altro, ci ha detto di aver sentito da persone informate che la stessa Victoria Nuland era a conoscenza del suo caso e “lo odiava a morte“.

In un momento in cui l’Occidente sta accelerando la sua abituale diffusione della guerra e persino del genocidio, può sembrare quasi strano dedicare un testo a una singola vita uccisa. Tutte le vite umane hanno esattamente lo stesso valore assoluto, una verità che ogni persona rispettabile accetta e, cosa più importante, pratica, che sia religiosa o meno.

Eppure, a causa del modo in cui il potere funziona nel nostro mondo completamente decaduto, ha senso parlare di Lira.

Prima di tutto, per porgere i nostri omaggi. È vero che Gonzalo Lira non era un santo (come tutti noi, del resto). Nel suo curriculum c’erano cose (ad esempio, l’attività di ‘dating coach’) di cui lui, come tutti, avrebbe dovuto avere una vita piena per pentirsi. Aveva anche opinioni politiche che io, per esempio, non condivido affatto, come il suo marchio di libertarismo ed un atteggiamento apologetico nei confronti dell’abissale dittatura cilena di Pinochet.

E allora? Ha avuto un coraggio fuori dal comune che, alla fine, gli è costato la vita. E ha avuto la straordinaria onestà non solo di capire quanto fosse sbagliata la guerra per procura tra Stati Uniti e NATO in Ucraina e attraverso l’Ucraina, ma di dirlo a voce alta e pubblicamente. Mentre si trovava in Ucraina. (E, ancora una volta, ho avuto l’onore e il piacere di essere invitato al suo programma su YouTube, dove è stato un ospite intelligente e cortese con un senso dell’umorismo irriverente).

In un mondo di vile subalternità carrieristica (vedendovi Olaf Scholz, Robert Habeck, Annalena Baerbock, per esempio…) e di abituale e grossolana menzogna (ora tocca a voi: Benjamin Netanyahu, Joe Biden, Antony Blinken e, sì, Vladimir Zelensky), Gonzalo ha gridato la verità dove era importante e ci voleva coraggio.

Ecco perché Stella Assange, la moglie del prigioniero politico più importante al mondo, Julian Assange, ha twittato sulla morte di Lira, sottolineando correttamente la responsabilità delle autorità statunitensi.

Il padre di Gonzalo Lira dovrebbe avere l’ultima parola. Ecco cosa ha detto a Grayzone:

“Non posso accettare il modo in cui mio figlio è morto. È stato torturato, estorto, incontattabile per 8 mesi e 11 giorni e l’Ambasciata degli Stati Uniti non ha fatto nulla per aiutare mio figlio… La responsabilità di questa tragedia è [del] dittatore Zelensky con il consenso di un presidente americano rimbambito, Joe Biden… Il mio dolore è insopportabile. Il mondo deve sapere cosa sta succedendo in Ucraina con quel dittatore disumano di Zelensky”.

Possiamo sinceramente comprendere, anche se non possiamo letteralmente sentire la profondità del suo dolore. Ma per tutti noi, l’uccisione prolungata, assolutamente ingiusta e del tutto evitabile di Gonzalo Lira è l’ennesimo segno brutale che coloro che governano l’Occidente non hanno più limiti.

Di Tarik Cyril Amar, Rt.com

13.01.2024

Tarik Cyril Amar, storico tedesco dell’Università Koç di Istanbul: si occupa di Russia, Ucraina ed Europa orientale, della storia della Seconda Guerra Mondiale, della Guerra Fredda culturale e della politica della memoria.

Fonte:

https://www.rt.com/russia/590587-gonzalo-lira-death-ukraine-zelensky/

Tradotto dalla Redazione di ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
73 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
73
0
È il momento di condividere le tue opinionix