Il 4 marzo a Roma maxi-denuncia al governo Draghi

Il gruppo Libra presenterà a piazzale Clodio, ore 9, tre denunce per reati non passibili di immunità parlamentare

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Riceviamo e pubblichiamo questa precisazione congiunta del Dott. Bellavite e del Dott. Donzelli in merito al comunicato dell’Associazione LIBRA riportato all’interno del presente articolo.

                                                                                     La Redazione  24.02.2022

Siamo venuti a sapere del comunicato di “Libra”, qui ripreso, che parla di tre denunce per gravi reati, e della terza dice: “supportata dagli studi dei Prof. Bellavite e Donzelli”. Non afferma, è vero, che i sottoscritti abbiano parte nella denuncia, ma preghiamo di precisare che non vogliamo che i nostri nomi compaiano in comunicati di questo genere, né che siano esplicitati in denunce che si volessero presentare. Quanto emerge da studi che pubblichiamo a ns firma si può usare, purché nei termini lì riportati e in cui ci siamo espressi, evitando l’uso dei nostri nomi fuori dal contesto di ns pubblicazioni o presentazioni pubbliche e senza preventivo assenso.

Dott. Paolo Bellavite e Alberto Donzelli

 

Tre denunce saranno presentate il 4 marzo in tutte le procure d’Italia contro il governo dei non-eletti e la loro nefanda gestione della “pandemia” che ha messo in ginocchio la nostra nazione sovrana. Stavolta, diversamente dalla maggior parte degli esposti presentati finora – una vera e propria slavina contro Draghi e i suoi sgherri, ma che non ha prodotto tangibili risultati – le denunce formulate dal gruppo tecnico-popolare e i gruppi d’azione di Libra (realtà già attiva nel 2014, quando avviò un maxi-procedimento contro tutti i politici degli ultimi vent’anni) si basano su reati per i quali non è prevista l’immunità parlamentare. Il governo “dei migliori” dunque, e i loro magistrati conniventi, dovranno escogitare qualcosa di più della semplice archiviazione, anche perché le tre denunce di libra saranno presentate in tutte le procure d’Italia.

Il 4 marzo alle 9 a piazzale Clodio, ove è la sede della procura di Roma, si terrà anche una manifestazione, e il gruppo Libra invita chi voglia organizzare anche nella propria città ad entrare in contatto con loro.

Segue comunicato stampa:

Covid: il 4 marzo denunceremo Draghi e tutti i politici al potere per gravissimi reati 

Un’iniziativa di Libra che coinvolgerà i cittadini a Piazzale Clodio, Roma e presso tutte le Procure d’Italia

Piovono denunce contro il Governo Draghi, eppure il Gruppo Tecnico-Popolare Libra – un gruppo di lavoro di tecnici e cittadini, che lottano per il ripristino della democrazia e della Costituzione – è l’unico ad aver già aperto nel 2014 un maxi-procedimento penale contro tutti i politici per Usurpazione di potere politico ed Attentati ai diritti politici dei cittadini, arrivando alla prima udienza preliminare. “Anche se la sentenza di archiviazione del 2015 era ricorribile sotto diversi profili, decidemmo di non proseguire.” spiega la Referente legale del Gruppo Libra, Anna Galdo “I cittadini non erano pronti a sostenere l’operato dei magistrati per liberare l’Italia. Dopo otto anni ci riproviamo, perché sembra che la pandemia ed il giro di vite conseguente abbia risvegliato coscienze ed animi”. Il 4 marzo l’appuntamento è a Roma, Piazzale Clodio, dalle ore 9.00 alle 14.00, ma Libra con i suoi GAT – Gruppi d’Azione Territoriali sta organizzando anche in altre Procure italiane (Napoli, Milano, Monza, Trieste, Reggio Emilia, Pescara, Lecce, Reggio Calabria, …). “Ci sarà un deposito collettivo delle tre denunce che intendiamo sporgere – spiega Luca Rossi, Referente Comunicazione ed Attivismo – Con noi ci saranno anche tanti operatori delle forze dell’ordine, di sicurezza e di soccorso sospesi per non aver voluto sottostare al ricatto dell’obbligo vaccinale, nonché medici, infermieri, insegnanti, lavoratori over 50 e tutti le famiglie e gli studenti colpiti dai decreti di Draghi. L’appello più sentito, però, va a coloro che hanno dovuto o hanno scelto di vaccinarsi, ma che non sopportano soprusi e ricatti e pretendono il rispetto dei diritti e delle libertà personali di ognuno”.

Tre denunce per gravi reati per i quali non è prevista immunità 

Il 4 Marzo 2022 saranno presentate tre denunce contro:

  • l’usurpazione della democrazia tramite le leggi elettorali gravemente incostituzionali, l’abuso della decretazione d’urgenza e del voto di fiducia, i decreti legge e i DPCM illegittimi, nonché lo stato d’emergenza contra legem

  • Il sovvertimento dei diritti costituzionali tramite il Green pass ed il Green pass rafforzato

  • Lo sterminio perpetrato tramite l’ostinata mancanza di cure adeguate al Covid e la forzata campagna vaccinale. Quest’ultima denuncia sarà supportata dagli studi del Dr. Barone, della Dr.ssa Bolgan, dei Prof. Bellavite e Donzelli, del Dr. Coppolino ed altri, oltre quelli di Terapie domiciliari Covid 19.Verrà assicurata un’ampia copertura mediatica dell’iniziativa grazie ad un costante Ufficio stampa europeo, che coinvolgerà anche Russia ed Ucraina.I reati che saranno contestati sono gravissimi e comportano eccezione alle immunità politiche (art. 68, co. 2 Cost. e 380 c.p.p.) e pene fino all’ergastolo, nonché l’obbligo di denuncia anche del semplice cittadino.“A prescindere dagli strumenti legislativi prescelti di per sé discutibili, abbiamo una cospicua documentazione sul rapporto rischi-benefici dei vaccini, nonché sulla proporzionalità al rischio pandemico” dichiara il Gruppo Libra “E’ un momento drammatico per l’intero Paese: è sotto attacco la democrazia, presupposto del benessere di ognuno di noi. Chiediamo a tutte le formazioni sociali, culturali e politiche, nonché ai giornalisti, tecnici e scienziati in buona fede e, per primi, ai singoli cittadini di aderire alla nostra iniziativa fattivamente, collaborando alla raccolta di prove, diffondendone la notizia e mobilitandosi sotto le Procure d’Italia la mattina del 4 marzo, per dare sostegno ai magistrati che vorranno aprire le indagini. Non mancherà il collegamento con realtà europee ed internazionali solidali con questa lotta per la libertà di tutti”. “Le altre denunce sono solo parziali e per reati comuni. Noi invece lavoriamo coordinati per far punire tutti i responsabili, al fine di ristabilire democrazia e Costituzione” concludono.

MDM 17/02/2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x