I cigni neri e il panico planetario

Pepe Escobar
asiatimes.com

Sembrerebbe proprio che il mondo sia sotto l’incantesimo di una coppia di cigni neri: un crollo di Wall Street dovuto ad una presunta guerra petrolifera tra la Russia e Casa Saud, a cui si aggiunge la diffusione incontrollata del Covid-19, una combinazione che potrebbe causare un completo “cross-asset pandemonium,” come preconizzato da Nomura.

Oppure, come suggerisce l’analista tedesco Peter Spengler, qualunque cosa fossimo riusciti ad evitare riducendo le tensioni nello Stretto di Hormuz, “ora potrebbe arrivarci addosso attraverso le forze di mercato.”

Cominciamo con ciò che è realmente successo venerdì scorso a Vienna, dopo cinque ore di discussioni relativamente tranquille. Quello che, di fatto, si è trasformato in un crollo dell’OPEC+ è stato il colpo di scena che ha cambiato le carte in tavola.

L’OPEC+ include Russia, Kazakistan e Azerbaigian. In sostanza, dopo aver subito per lunghi e duri anni i prezzi voluti dall’OPEC, il risultato di una continua pressione degli Stati Uniti sull’Arabia Saudita, Mosca, dopo aver pazientemente ricostruito le proprie riserve di valuta estera, ha visto la perfetta finestra di opportunità per reagire e colpire l’industria americana dello scisto.

Le azioni di alcuni di questi produttori statunitensi sono precipitate anche del 50% nel “lunedi nero.” Il fatto è che [questi produttori] non possono sopravvivere con un prezzo al barile intorno ai 30 dollari, ed è qui che andrà a finire. Dopodichè, tutte queste aziende affogheranno nel debito.

Il barile di greggio a 30 dollari dovrebbe essere considerato un prezioso pacchetto regalo ed uno stimolo per un’economia globale in subbuglio, soprattutto dal punto di vista degli importatori e dei consumatori di petrolio. Questo è ciò che la Russia ha reso possibile.

E lo stimolo può durare per un bel po’. Il Fondo Sovrano russo ha chiarito che ha abbastanza riserve (per oltre 150 miliardi di dollari) per coprire un deficit di bilancio per sei/dieci anni, anche con il petrolio a 25 dollari al barile. Goldman Sachs ha già messo in preventivo la possibilità del Brent a 20 dollari al barile.

Come sottolineano i trader del Golfo Persico, la chiave di quella che negli Stati Uniti viene percepita come una “guerra del petrolio” tra Mosca e Riyad riguarda soprattutto i derivati. In sostanza, le banche non saranno in grado di pagare gli speculatori che hanno stipulato assicurazioni in derivati a copertura di un grosso calo del prezzo del petrolio. Un ulteriore stress deriva dal fatto che i trader si sono fatti prendere dal panico per il Covid-19, che si sta diffondendo in tutta una serie di nazioni palesemente impreparate a gestirlo.

Guardiamo al gioco dei Russi

Mosca deve aver già anticipato che le azioni russe scambiate a Londra, come Gazprom, Rosneft, Novatek e Gazprom Neft, sarebbero crollate. Secondo il comproprietario di Lukoil, Leonid Fedun, la Russia potrebbe perdere, da ora in poi, fino a 150 milioni di dollari al giorno. La domanda è per quanto tempo una simile perdita sarà considerata accettabile.

Tuttavia, sin dagli inizi, la posizione di Rosneft è sempre stata che, per la Russia,  il vecchio accordo con l’OPEC+ era “insignificante” e stava solo “spianando la strada” per il petrolio da scisto americano.

L’opinione comune tra i giganti russi dell’energia era che, con l’attuale configurazione del mercato, una enorme “domanda di petrolio negativa,” uno “shock di approvvigionamento” positivo e nessuna variabilità di produzione avrebbero inevitabilmente fatto crollare il prezzo del petrolio. Erano alla finestra, impotenti, mentre gli Stati Uniti vendevano già il loro greggio ad un prezzo inferiore rispetto a quello dell’OPEC.

La mossa di Mosca contro l’industria americana del fracking è la rivincita per le interferenze dell’amministrazione Trump nei confronti del Nord Stream 2. L’inevitabile, rapida svalutazione del rublo è stata messa in preventivo.

Tuttavia, ciò che è accaduto dopo Vienna ha, essenzialmente, poco a che fare con una guerra commerciale tra Russia e Arabia Saudita. Il ministero dell’energia russo è stato flemmatico: circolare, qui non c’è niente da vedere. Riyadh, in modo significativo, ha fatto capire che un accordo all’interno OPEC+ potrebbe essere ridiscusso in un prossimo futuro. Uno scenario plausibile è che questo tipo di terapia d’urto andrà avanti fino al 2022, quando la Russia e l’OPEC ritorneranno al tavolo delle trattative per elaborare un nuovo accordo.

Non ci sono dati definitivi, ma il mercato petrolifero rappresenta meno del 10% del PIL russo (era il 16% nel 2012). Le esportazioni di petrolio dell’Iran, nel 2019, sono precipitate di un enorme 70% e, nonostante questo, Teheran è riuscita a sopravvivere. In ogni caso, il petrolio rappresenta oltre il 50% del PIL saudita. Riyad ha bisogno di vendere petrolio a non meno di 85 dollari al barile per pagare le bollette. Il bilancio saudita per il 2020, con un prezzo del greggio di 62-63 dollari al barile, ha ancora un deficit di 50 miliardi di dollari.

Aramco afferma che, a partire dal 1° aprile, immetterà sul mercato non meno di 300.000 barili di petrolio al giorno oltre la sua “massima capacità sostenibile.” Dice che sarà in grado di produrre ben 12,3 milioni di barili al giorno.

I trader del Golfo Persico affermano apertamente che ciò non è sostenibile. Ma lo è. Casa Saud, disperata, attingerà alle proprie riserve strategiche per scaricare il prima possibile quanto più petrolio possibile e continuare la guerra dei prezzi. La (grassa) ironia è che la vittima di guerra più importante è un settore industriale del suo protettore americano.

L’Arabia occupata dai Sauditi è un disastro. Il re Salman è in coma. Ogni granello di sabbia nel deserto del Nefud sa che MBS, l’amico di Whatsapp di Jared d’Arabia Kushner, ha, di fatto, regnato negli ultimi cinque anni, ma la tempistica di questa sua nuova purga a Riyad la dice lunga. I principi Mohammed bin Nayef, nipote del re, e Ahmed bin Abdulaziz, suo fratello minore, ora sono veramente in stato di detenzione.

La CIA è furibonda: Nayef era e rimane la risorsa principale di Langley. Quando la propaganda del regime saudita aveva denunciato alcuni “Americani” come complici di un possibile colpo di stato contro MBS, quella parola avrebbe dovuto essere letta come “CIA.” È solo una questione di tempo prima che il Deep State degli Stati Uniti, insieme a qualche elemento insoddisfatto della Guardia Nazionale, faccia fuori MBS, anche se lui continua a dire che assumerà il controllo totale del potere prima del G-20 di Riyadh, il prossimo novembre.

Black Hawk down?

Quindi, che cosa succederà dopo? In uno tsunami di scenari, da New York alle più remote località dell’Asia, i più ottimisti affermano che la Cina sta per vincere la “guerra popolare” contro il Covid-19 e gli ultimi dati lo confermerebbero. In questo caso, la domanda globale di petrolio potrebbe aumentare di almeno 480.000 barili al giorno.

Beh, è molto più complicato.

La situazione in atto ora indica la confluenza di una serie di fattori: Wall Street in preda al panico, l’isteria di massa per il Covid-19, le persistenti ed innumerevoli scosse di assestamento del disordine commerciale globale causato da Trump, il circo elettorale americano, la totale instabilità politica in Europa. Tutte queste crisi interconnesse fanno capire che è in arrivo la Tempesta Perfetta. In ogni caso, il punto di vista del mercato è facilmente spiegabile: potrebbe essere l’inizio della fine di una Wall Street gonfiata artificialmente da decine di trilioni di dollari USA pompati dalla Fed con il quantitative easing e i pronti contro termine, fin dal 2008. Chiamatela pure la scoperta del bluff dei banchieri centrali.

Si può ragionevolmente sostenere che l’attuale panico finanziario diminuirà solo quando l’ultimo cigno nero, il Covid-19, sarà stato messo sotto controllo. Prendendo in prestito il famoso adagio di Hollywood, “nessuno sa niente,” tutte le scommesse sono chiuse. In mezzo ad una fitta nebbia e dando per scontata una normale dose di disinformazione, un analista di Rabobank, tra gli altri, ha ipotizzato quattro plausibili scenari per il Covid-19. Secondo lui, stiamo passando al “brutto” e il quarto scenario, l’“impensabile,” non è più tanto inverosimile.

Questo comporterebbe una crisi economica globale di un ordine di grandezza, ovviamente, impensabile.

Dipenderà in gran parte da quanto velocemente la Cina, l’inevitabile ed essenziale anello di congiunzione della catena di approvvigionamento globale just-in-time, ritornerà ad una nuova normalità, ponendo fine ad interminabili settimane di chiusure totali.

Disprezzata, discriminata, demonizzata 24 ore su 24, 7 giorni su 7 dai “leader del sistema,” la Cina è passata al nichilismo, dimostrando che quello che non uccide rende più forti, quando si tratta di una “guerra popolare” contro il Covid-19. Sul fronte americano, c’è una debole speranza che il luccicante Black Hawk dell’”helicopter money” possa schiantarsi una volta per tutte. Il cigno nero avrà l’ultima parola.

Pepe Escobar

Fonte: asiatimes.com
Link: https://asiatimes.com/2020/03/how-black-swans-are-shaping-planet-panic/
11.03.2020

Pubblicato da Markus

Un biologo, appassionato di montagna e di fotografia, che cerca, come può, di combattere contro i mulini a vento.
Precedente Coronavirus, Italia, Europa: peripheral strategy
Prossimo Signori si chiude ?!