Home / Attualità / Godetevi le ultime settimane di relativa normalità

Godetevi le ultime settimane di relativa normalità

 

DI JAMES HOWARD KUNSTLER

kunstler.com

Personalmente, credo che il laborioso ed implacabile Robert Mueller, il cavaliere bianco del Deep State, farà sparire il Golden Golem of Greatness, probabilmente con una sorta di accusa di riciclaggio di denaro che nulla ha a che fare con “l’ingerenza russa”. Anderson Cooper avrà un orgasmo multiplo. Rachel Maddow indosserà un elmetto giallo e taglierà con una motosega un modellino in scala della villa di Mar-a-Lago, per la gioia dei suoi adoratori. La #Resistenza farà festa. Ma poi cosa?

Dubito che Trump se ne andrà facilmente. Anzi combatterà, anche a costo di fomentare una crisi costituzionale. Sfiderà Mueller a virare su questioni estranee a presunti scherzi russi sulle elezioni del 2016. Potrebbe anche tentare la mossa autoritaria. Avrà un sacco di supporto tra i Deplorables. Ma, ad un certo punto, mi aspetto un consenso bipartisan al Congresso per cacciare il ragazzo. Sta mettendo troppi ostacoli alle pratiche di corruzione e collusione su cui Washington si basa. Nessuno viene più pagato – o perlomeno non con i bonus di una volta.

Il 25° emendamento è ancora lo strumento migliore per compiere il lavoro. A differenza dell’impeachment, non richiede molto per quanto riguarda gli standard di prova o le sottigliezze del giusto processo. Non ci vogliono mesi e mesi di fastidioso ping-pong legale, niente commissioni o rapporti. Serve solo un piccolo numero di membri del gabinetto e di leader del Congresso per convenire che il Presidente è “non idoneo” – il che può significare qualsiasi cosa, davvero – ed è fuori. Il generale Kelly potrebbe essere arruolato per prendere il presidente e sbatterlo nella prima limousine che lo riporti a casa.

Entrerebbe in scena Mike Pence, una sorta di combinazione tra Millard Fillmore ed Herbert Hoover. Chissà cosa si nasconde dietro la sua blanda facciata. Nella remota possibilità che possa essere un bravo ragazzo di media intelligenza, le sorti hanno però un modo di gettare tali leader nell’ignominia nonostante le loro teoriche virtù. Sicuramente, ai Deplorables degli Stati Flyover non piacerà affatto che il proprio campione sia stato fatto fuori. Starei lontano dagli uffici postali e da altri lotti della proprietà federale per un po’. Se un gruppo decidesse di marciare su D.C., sarà un casino peggio di qualsiasi cosa mai fatta dagli hippie ai tempi, forse la prima battaglia della Seconda Guerra Civile.

I mercati finanziari hanno oscillato e vomitato mercoledì e giovedì di questa settimana, riflettendo finalmente gli enormi stress della nostra politica. Ormai sono anni che sono gonfiati dalle bugie, come i due maggiori partiti. I mercati, dopotutto, non sono l’economia stessa, sono solo indici dei presunti valori di cose, azioni, obbligazioni, oro, soia, ecc., e la Federal Reserve si ingozza di allucinogeni sin dalla crisi del 2008.

Ai mercati non sembra piacere il nuovo presidente della Fed, una nullità di nome Jay Powell. Nella sua prima grande uscita pubblica da quando ha sostituito la Yellen questa settimana, Powell è riuscito a cambiare totalmente idea in 24 ore sul fatto che la sua squadra si atterrà a quattro rialzi dei tassi quest’anno… o forse correrà a salvare i mercati in difficoltà, con i loro vecchi trucchi di abbassare i tassi e “stampare” vagonate di nuovi “soldi” per rianimare gli animi a S&P.

Nulla di quel che la Fed di Powell potrebbe provare funzionerà. In realtà, faranno solo cadere gli indici sempre più in profondità, insieme al valore del dollaro USA. E comunque, i tassi non possono andare più in alto senza far saltare metà degli obblighi cartacei sulla Terra. Le aziende avranno il terrore di effettuare transazioni. Non si può fare molto con un sistema finanziario menomato. Le autorità ed i media la chiameranno “recessione”, ma un pubblico sofferente saprà che è l’inizio di qualcosa di molto peggio.

Come bel contorno a questo banchetto di conseguenze, il partito Democratico sarà privato della sua unica ragione di vita degli ultimi due anni: spingere Trump fuori scena. Ed i Repubblicani verranno incolpati due volte: uno, per non aver difeso Trump, due per averlo seguìto all’inizio. Godetevi le ultime settimane di relativa normalità.

 

James Howard Kunstler

Fonte: http://kunstler.com

Link: http://kunstler.com/clusterfuck-nation/end-times-od-corral/

2.03.2018

Traduzione per www.comedonchisciotte.org  a cura di HMG

Pubblicato da Davide