Gli Stati Uniti tradiscono la loro eredità minacciando la terza guerra mondiale contro Russia e Cina

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Anton Chaitkin, pressenza.com

Gli americani che amano il retaggio del nostro Paese sono inorriditi dalla nostra corsa a capofitto verso la guerra. L’America al suo meglio è stata il vero motore del progresso mondiale, standard di vita più elevati e pace.

Questa è la nostra vera identità nazionale. Tradiamo “i migliori angeli della nostra natura” facendo minacce militari contro coloro che sono delle potenze mondiali in divenire, come eravamo noi una volta. Ci suicidiamo quando disonoriamo gli accordi storici che tengono il mondo al sicuro dall’annientamento nucleare.

Quando l’Unione Sovietica è crollata nel 1991, gli Stati Uniti hanno promesso ai leader russi che l’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti e nota come NATO non sarebbe stata estesa a est verso la Russia. La fazione bellica transatlantica globalista ha infranto questa promessa. La NATO si è spostata verso est con otto nuovi membri, pesantemente armati e ostili alla Russia. Gli Stati Uniti hanno installato un regime anti-russo di estrema destra in Ucraina, al confine con la Russia, e lo ha armato per il conflitto.

Allo stesso modo, la Cina è stata circondata da minacciose flotte e basi militari statunitensi.

Russia e Cina hanno chiarito che lo trovano intollerabile e non possono permettere [a Washington] di andare oltre.

Il mondo sta precipitando verso l’orrore inimmaginabile della guerra nucleare.

Dobbiamo guardare con sobrietà e in profondità nella Storia degli Stati Uniti per vedere come la nostra nazione è cambiata da forza per la pace a provocatrice aggressiva.

Siamo stati industrializzati da patrioti progressisti. Essi hanno vinto contro i proprietari schiavisti del sud e i finanzieri imperiali che hanno bloccato il progresso americano. Gli Stati Uniti al meglio hanno spinto altre nazioni all’abilità tecnologica.

Abraham Lincoln e i suoi alleati organizzarono i più grandi progressi mai fatti nella tecnologia e nel tenore di vita e una lunga era di pace con il mondo. Franklin Roosevelt e John Kennedy cercarono una partnership con la Russia per portare pace e un’esistenza umana a tutta l’umanità.

L’America ha cambiato rotta dopo l’omicidio di Kennedy. Abbiamo rinunciato alle nostre industrie e abbiamo perso le nostre competenze. Abbiamo dato potere a finanzieri globalisti irresponsabili. Le loro speculazioni e deindustrializzazioni hanno mandato in bancarotta il mondo occidentale. Ora stanno sorgendo altre potenze che non seguiranno le regole globaliste verso la povertà e il suicidio nazionale.

Il pericolo più grave viene ora dall’America che abbandona la propria missione storica, che è quella di elevare l’uomo comune. Coloro che conoscono la Storia sono particolarmente sfidati ad agire ora, a parlare, in modo che possiamo proteggere la civiltà che l’America al meglio ha fatto così tanto per far avanzare.

Nell’ultimo mezzo secolo dalla morte di Kennedy, gli Stati Uniti, guidati da una fazione transatlantica bellicosa, hanno lanciato una guerra dopo l’altra, senza vincere nulla e portando caos e sofferenza a milioni di persone.

I nostri più grandi leader del passato ci hanno avvertito che una guerra aggressiva avrebbe distrutto il nostro Paese.

George Washington ha guidato la nostra Rivoluzione contro gli eserciti invasori dell’Impero Britannico. Ma, come presidente, Washington ha cercato la pace con il mondo. Egli ci mise in guardia così:

“La nazione che asseconda verso un’altra un odio abituale… è schiava della sua animosità… che… la porta fuori strada dal suo dovere e dal suo interesse. [Questo odio] dispone ogni [Paese] più prontamente a offrire insulti e offese… e ad essere altezzoso e intrattabile quando si verificano occasioni accidentali o insignificanti di controversia. Il governo… rende l’animosità della nazione sottomessa a progetti di ostilità istigati dall’orgoglio, ambizione e altri motivi sinistri e perniciosi. La pace spesso, a volte forse la libertà, delle nazioni ne è stata vittima.”

(Washington, Discorso d’addio, 19 Settembre 1796)

Abraham Lincoln, come membro del Congresso, ha esposto le bugie che il presidente James Polk ha usato per giustificare la guerra aggressiva contro il Messico. (“Spot Resolutions” di Lincoln, 22 dicembre 1847). E poco prima di candidarsi alla presidenza, Lincoln denunciò i guerrafondai come barbari:

“Dalla prima apparizione dell’uomo sulla terra… le parole “straniero” e “nemico” erano… quasi sinonimi. Molto tempo dopo che le nazioni civilizzate avevano definito rapina e omicidio come alti crimini e avevano imposto loro severe punizioni, quando praticate… sul loro stesso popolo… era ritenuto non un’offesa, ma anche meritorio, derubare, assassinare e rendere schiavi gli estranei, sia come nazioni che come individui… Correggere i mali… che scaturiscono dalla mancanza di simpatia… tra estranei… è uno dei più alte funzioni della civiltà”.

(Lincoln, Discorso alla fiera agricola del Wisconsin, 30 settembre 1859)

In qualità di presidente, guidando la difesa dell’Unione contro l’attacco dei proprietari di schiavi, Lincoln ha sollecitato la pace con il mondo:

“Con malizia verso nessuno; con carità verso tutti… facciamo…  tutto ciò che può conseguire e amare una pace giusta e duratura, tra noi e con tutte le nazioni.”

(Lincoln, Secondo discorso inaugurale, 4 marzo 1865)

Il presidente Franklin Roosevelt ha organizzato le Nazioni Unite e ha proposto che la pace mondiale e la lotta alla povertà debbano essere incentrate sul proseguimento della partnership antifascista di Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna e Cina.

La Carta delle Nazioni Unite inizia dicendo:

“Noi popoli delle Nazioni Unite, determinati a salvare le generazioni successive dal flagello della guerra…”

Questo è il fondamento dei veri diritti umani, non un falso insabbiamento per un cambio di regime.

Il presidente John Kennedy ha allontanato gli Stati Uniti e la Russia dalla catastrofe nucleare con un accordo che rimuoveva i missili statunitensi dalla Turchia in cambio dei missili russi spostati da Cuba. Kennedy ha chiesto agli americani di farlo:

“Riesaminiamo il nostro atteggiamento nei confronti dell’Unione Sovietica … il popolo americano [non dovrebbe] … cadere nella stessa trappola dei sovietici, … vedere solo una visione distorta e disperata dell’altra parte, … [con] la comunicazione come nient’altro che uno scambio di minacce. Nessun governo o sistema sociale è così malvagio che il suo popolo deve essere considerato privo di virtù. Come americani, troviamo il comunismo profondamente ripugnante in quanto negazione della libertà e della dignità personali. Ma possiamo ancora elogiare il popolo russo per i suoi numerosi successi: nella scienza e nello spazio, nella crescita economica e industriale, nella cultura e negli atti di coraggio… I [nostri] due Paesi hanno…  [un] disgusto reciproco per la guerra…  [Noi] non siamo mai stati in guerra l’uno con l’altro. E nessuna nazione… ha mai sofferto più di quanto abbia sofferto l’Unione Sovietica nella… seconda guerra mondiale. Almeno 20 milioni hanno perso la vita… Un terzo del territorio della nazione, inclusi quasi due terzi della sua base industriale, è stato trasformato in una terra desolata… Oggi, se dovesse scoppiare di nuovo una guerra totale… tutto ciò che abbiamo costruito, tutto ciò per cui abbiamo lavorato, verrebbe distrutto nelle prime 24 ore…. Dobbiamo condurre i nostri affari in modo tale che diventi nell’interesse dei comunisti concordare una pace genuina…” 

(Kennedy, Discorso di apertura alla Washington University, 10 giugno 1963)

Un trattato internazionale pionieristico che vietava parzialmente le armi nucleari è stato subito dopo firmato da Stati Uniti, URSS e altre 100 nazioni.

Il presidente Kennedy ha licenziato alti funzionari (Allen Dulles della CIA e il generale Lyman Lemnitzer del Pentagono) che hanno sabotato a tradimento la politica di pace degli Stati Uniti. Kennedy fu assassinato mentre stava lavorando per prevenire una guerra su vasta scala in Vietnam e cercava legami diplomatici con la Cuba di Fidel Castro.

Martin Luther King ha rischiato una crescente oppressione del governo e persino la condanna dei suoi alleati per i diritti civili quando ha assunto la guida del movimento contro la guerra del Vietnam.

Il discorso di King del 1967 a New York ci raggiunge oggi e ci chiama all’azione:

“Parlo come uno che ama l’America, ai leader della nostra stessa nazione: la grande iniziativa in questa guerra è nostra; l’iniziativa per fermarla deve essere nostra… Ogni giorno la guerra va avanti, l’odio cresce nel cuore dei vietnamiti e nel cuore di quelli di istinto umanitario. Gli americani stanno costringendo anche i loro amici a diventare loro nemici… stanno subendo una profonda sconfitta psicologica e politica. L’immagine dell’America non sarà mai più l’immagine della rivoluzione, della libertà e della democrazia, ma l’immagine della violenza e del militarismo… La guerra in Vietnam non è che un sintomo di una malattia molto più profonda all’interno dello spirito americano e se ignoriamo questa realtà che fa riflettere…, ci ritroveremo a organizzare comitati [contro la guerra] per la prossima generazione… [Avremo una guerra] senza fine, a meno che non ci sia un cambiamento significativo e profondo nella vita e nella politica americana… [Le] parole del defunto John F. Kennedy tornano a perseguitarci. Cinque anni fa disse: “Coloro che rendono impossibile la rivoluzione pacifica, renderanno inevitabile la rivoluzione violenta”… [Le] nazioni occidentali che hanno dato inizio così tanto allo spirito rivoluzionario del mondo moderno sono ora diventate gli arci antirivoluzionari…. [Noi] chiediamo una comunione mondiale che sollevi l’interesse per il prossimo oltre la propria tribù, razza, classe e nazione… un amore onnicomprensivo e incondizionato per tutta l’umanità… Abbiamo ancora una scelta oggi: convivenza nonviolenta o co-annientamento violento… Viene il momento in cui il silenzio è tradimento…”

(Martin Luther King, Discorso alla Riverside Church, 4 aprile 1967)

Washington, Lincoln, Roosevelt, Kennedy e King, che hanno ispirato l’America e il mondo, ci esortano a non rimanere in silenzio quando l’esistenza dell’umanità è minacciata.

Di Anton Chaitkin, pressenza.com

NOTE

link fonte originale: https://www.pressenza.com/2022/01/the-u-s-betrays-its-heritage-by-threatening-world-war-iii-against-russia-and-china/

Traduzione di Costantino Ceoldo

24.01.2022

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
27 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
27
0
È il momento di condividere le tue opinionix