Home / ComeDonChisciotte / GI AMERICANI NO, LORO NELLA SICILIA CI VEDONO SOLO UN DESERTO

GI AMERICANI NO, LORO NELLA SICILIA CI VEDONO SOLO UN DESERTO

DI PIETRANGELO BUTTAFUOCO
ilfoglio.it

Breve ma veridica storia del Muos. Il Mobile User Objective System è un potentissimo sistema di comunicazione militare di ultima generazione messo a punto dal dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Una centrale Muos è in costruzione proprio nella riserva naturale “Sugherata” di Niscemi in provincia di Caltanissetta. In Sicilia, dunque. L’impianto sarebbe costituito da torri radio e antenne dal diametro di 18,4 metri e dall’altezza di 149 e servirà a gestire centri d’intelligence, radar, velivoli senza pilota, missili da crociera, cacciabombardieri e altri strumenti di guerra non guerreggiata. Proprietà degli Stati Uniti naturalmente.

A seguito, “IL MUOS DI NISCEMI: CARATTERISTIHE ED EFFETTI” (Gian Carlo Caprino, clarissa.it);

Il Muos nasce da un patto bilaterale tra Italia e Usa del 2001 con il governo Berlusconi, ratificato nel 2006 dal governo Prodi che ha dato mandato alla regione siciliana di occuparsi dei nulla-osta necessari a un’area in cui vige l’assoluto divieto di edificazione.

Il Muos è una mostruosità; è pericoloso per l’ambiente ed è pericoloso per la salute dell’uomo. Ma, soprattutto, completa la colonizzazione militare americana della Sicilia, sarà lo strumento con cui si condurranno le future operazioni di guerra, quelle che avranno come protagonisti gli aerei senza pilota e i missili telecomandati a distanza, che partiranno in buona parte dalla grande base aerea siciliana di Sigonella.

Il 6 ottobre scorso nel pieno delle proteste dei cittadini di Niscemi, la procura di Caltagirone aveva ordinato il sequestro dei cantieri dei lavori del Muos per violazione delle norme ambientali. Però, giusto qualche giorno fa, il tribunale della Libertà di Catania ha annullato il decreto e ha dato di nuovo il via ai lavori.

Il progettino innocente degli Usa comprende quattro impianti Muos in tutto il mondo. Uno in Australia, uno in Virginia, uno nelle isole Hawaii e uno in Sicilia, appunto. A parte Niscemi, le altre tre basi sono dislocate in zone desertiche.

Dalla Sicilia sono passati in tanti e tutti dovranno passarci. I greci vi hanno inventato la dialettica, i latini vi hanno ambientato il mito, gli arabi i colori e la conversazione, i Normanni la grandezza. Gli americani no, loro nella Sicilia ci vedono solo un deserto. Unici a non ascoltare e capire la ninfa Aretusa: “Sicaniam peregrina colo, sed gratior omni haec mihi terra solo est”. La Sicilia la abito da straniera, ma mi è più cara di qualunque altra terra. Detto ciò, non c’è giornale in Italia che racconti la storia del Muos.

Pietrangelo Buttafuoco
Fonte: www.ilfoglio.it
3.11.2012

IL MUOS DI NISCEMI: CARATTERISTIHE ED EFFETTI

Questo scritto ha lo scopo di illustrare per sommi capi cosa sia il MUOS e le ricadute ambientali che esso provoca.

In questi giorni sta assumendo nuova attualità la realizzazione del sito per il sistema MUOS (Mobile Users Objective System), presso la già esistente base USA denominata NRTF (Naval Radio Transmitter Facility) nel Comune di Niscemi, presso Caltagirone. Una risoluzione della quarta Commissione Difesa della Camera ha in questi giorni chiesto al governo di fermare i lavori, facendo propria la decisione della Procura di Caltagirone, del 6 ottobre scorso, di sequestrare l’area della Sughereta di Niscemi, dove dovrebbero sorgere le antenne ed i sistemi di terra del MUOS, perché area protetta destinata a riserva naturale.

1) Descrizione del sistema

Il MUOS è un sistema di telecomunicazioni, a copertura mondiale, che dovrà consentire il collegamento tra qualsiasi unità mobile dell’esercito USA, sia che si tratti di unità operanti in zone di pace o di guerra vera e propria (vedi Afghanistan), con altre unità mobili e con i centri di comando e controllo militari statunitensi sparsi nel mondo. Il “prime contractor” del sistema è la statunitense Lockeed – Martin, colosso mondiale degli armamenti e costruttore, tra l’altro, dei famosi caccia bombardieri F35, dei quali il governo italiano si è impegnato a comprare circa 100 unità

La tecnologia di trasmissione, per la voce e video, è quella dei telefoni cellulari 3G (cioè di terza generazione), mentre nei collegamenti dati è usato il protocollo internet di ultima generazione IP/4.

Il funzionamento dei terminali MUOS a terra o in mare non si discosta, insomma, dalle prestazioni dei normali “smartphones” ormai entrati nell’uso comune di milioni di persone; il problema sta nel fatto che gli smartphones operano soltanto nei Paesi evoluti, che siano cioè dotati di reti terrestri in grado di supportare le complesse funzioni richieste, mentre i terminali MUOS debbono conservare tali funzioni anche nei deserti dell’Asia o dell’Africa, piuttosto che sulle catene montuose più impervie e inaccessibili o nella immensità degli oceani.

Oltre a quanto detto il MUOS, essendo un sistema militare, deve poter applicare tecniche di criptazione e di protezione del segnale dai disturbi generati in loco da eventuali “nemici”, in modo tale che il segnale scambiato non venga corrotto o intercettato e decrittato; tutto ciò viene realizzato usando sofisticati algoritmi matematici di mascheramento e con l’uso di portanti del segnale che saltano di frequenza in modo imprevedibile, per un ascoltatore non autorizzato (tecniche di “frequency hopping).

Per realizzare tali stringenti requisiti, l’architettura del sistema si basa sulla messa in orbita di 4 satelliti geostazionari, orbitanti sul piano equatoriale a più di 36000 Km dalla Terra, che hanno la caratteristica di mantenere la loro posizione nel cielo (purché siano visibili) costante in qualsiasi momento nell’arco delle 24 ore.

I satelliti sono posizionati alle seguenti longitudini: 177° Ovest (incrociando il meridiano che passe per le isole Fiji); 100° Ovest (su un meridiano che passa circa a metà degli USA); 15,5° Ovest (su un meridiano che passa per le isole Canarie) e 72° Est (su un meridiano che passa per le Maldive e l’India). Ogni satellite è a sua volta collegato a stazioni di terra dotate di gruppi di grandi antenne paraboliche (ben 18 metri di apertura) i cui siti sono: le Hawaii (per il satellite a 177°O), la Virginia (100°O), la Sicilia (Niscemi) (15,5°O) e l’Australia sud-occidentale (72°E).

Esiste poi una complessa rete in fibra ottica che collega questi siti con un numero imprecisato di centri di comando e controllo delle forze USA in tutto il mondo; a loro volta i satelliti, ognuno dei quali vede due suoi compagni nel cielo, possono fare funzione di “relaying”, fungendo cioè da ponte per tutte quelle informazioni che siano dirette a stazioni di terra non direttamente connesse al satellite stesso.

2) Impatto ambientale del MUOS di Niscemi

Per quanto riguarda l’analisi dettagliata dei rischi per la salute derivanti dalle radiazioni emesse dal sistema MUOS, che verrà costruito come ampliamento della preesistente base statunitense NRTF di Niscemi, si rimanda all’esaustiva relazione stilata il 4 novembre 2011 dal professor Massimo Zucchetti, ordinario della cattedra di “Protezione dalle Radiazioni” presso il Politecnico di Torino e ricercatore associato presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston. Tale relazione, fruibile da chi abbia conoscenze di grandezze elettromagnetiche, è facilmente reperibile, tramite motore di ricerca, sul sito personale del professor Zucchetti.

In tale relazione il prof. Zucchetti fa notare come la base NRTF già esistente (attiva dal 1991), secondo una campagna di misure svoltasi a cura dell’ARPA Sicilia dal 2008 al 2010, emetta radiazioni che provocano la presenza di livelli di campo elettrico, considerati già ai limiti della sopportabilità, nell’abitato di Niscemi e suo circondario. La base NRTF è composta da 41 antenne verticali (di cui 27 attive) operanti nella banda HF (High Frequency), cioè attorno ai 30 MHz e di una antenna verticale operante a bassissima frequenza (VLF, circa 43KHz) adatta per la comunicazione con i sottomarini in immersione; la potenza emessa da questa antenna è veramente notevole: si va da un minimo di 500KWatt ad un massimo di ben 2000KWatt. Tutte le antenne descritte hanno il lobo principale di radiazione a livello del terreno, quindi impattano direttamente su tutta la popolazione e la fauna.

Per di più, nella campagna di analisi fatta, si è potuto misurare soltanto il contributo delle 27 antenne in HF, poiché, con i mezzi a disposizione dell’ARPA, non è possibile misurare il campo elettrico vicino per l’antenna operante a 43KHz, la quale emette una lunghezza d’onda pari a ben 7 Km! Per tutte queste considerazioni, i livelli di radiazioni nel circondario e nel paese di Niscemi APPAIONO ABBONDANTEMENTE SOTTOSTIMATI.

La nuova base MUOS di Niscemi dovrebbe sorgere come ampliamento della precedente base NRTF e sarà composta, principalmente, di 3 antenne paraboliche a microonde, di cui 2 operative ed una in riserva. Le frequenze operative sono: 30GHz (GigaHertz) in trasmissione e 20GHz in ricezione; il diametro del paraboloide è, come detto, di 18 metri mentre la potenza di trasmissione non è nota; il prof. Zucchetti, peraltro, stima sia molto elevata, per la banda di frequenze in uso: circa 1600 Watts. Fortunatamente le antenne paraboliche emettono un fascio estremamente coerente, come direzione, ed essendo puntate verso un punto fisso del cielo (il satellite geostazionario a 15,5° Ovest), non dovrebbero causare pericolose fughe di microonde sul piano terrestre. Ciò non toglie che possano avere effetti, anche molto gravi, su aeromobili che ne dovessero attraversare accidentalmente il fascio di emissione, tenendo conto che, nelle vicinanze, si trova l’aeroporto di Comiso, ex base militare USA (qualcuno dei lettori ricorderà che vi erano di stanza i famosi missili da crociera puntati verso l’URSS durante la guerra fredda) che sta per divenire un aeroporto civile da usare in alternativa al non lontano aeroporto di Catania.

Come ultima analisi sull’impatto ambientale, anche se meno importante della salute umana, vi è il fatto che il MUOS dovrebbe sorgere, come detto, in un’oasi naturale, vincolata a riserva, denominata “Sughereta di Niscemi”; ciò ha dato il destro alla Procura di Caltagirone per emettere un decreto di sequestro del cantiere per violazione delle leggi ambientali. Speriamo che tale Procura tenga anche conto della relazione del prof. Zucchetti, in modo da rafforzare le argomentazioni contro la base, ovviamente vista come il fumo negli occhi dagli abitanti di quei luoghi. Il risultato che si potrebbe ottenere è la cancellazione del nuovo sito del MUOS e, almeno, il serio monitoraggio e la messa in sicurezza dell’esistente base NRTF ai fini delle emissioni elettromagnetiche.

Tecnicamente parlando poi, sarebbe molto meglio, per motivi che sarebbe lungo spiegare, che la stazione MUOS sorgesse in una delle isole Canarie, le minori delle quali sono oltretutto quasi spopolate (contrariamente alla Sicilia); perché i militari USA ed il governo italiano non si mettono d’accordo, al riguardo, con il governo spagnolo? Non vorrei che, in passato, gli americani ci avessero già provato ed avessero ricevuto, da Zapatero, un fermo e cortese quanto fermo diniego.

Gian Carlo Caprino
Fonte: www.clarissa.it
Link: http://www.clarissa.it/estero1605/Il-MUOS-di-Niscemi-caratteristiche-ed-effetti
31.10.2012

Pubblicato da Davide

  • aNOnymo

    A breve,quindi, verra’ testata la coerenza ma soprattutto la pasta di Cancelleri e Grillo, entrambi oppositori del MUOS. Uno e’ Presidente della regione Sicilia, l’altro rappresenta il primo partito nella stessa regione.
    A questo punto per coerenza dovrebbero FERMARE tutto o perlomeno opporsi pubblicamente dato che rappresentano il popolo siciliano.
    Ma gli Stati Uniti dopo aver creato tutto questo Network di mondiale antennine si lasceranno intimidire da questi due “carciofi” ?
    Naaaaa!!!!

  • RicardoDenner

    Mi sembra che presidente sia Crocetta…ma posso anche sbagliarmi..di questi tempi è bene andare cauti con i giudizi…

  • rebel69

    Scusate non seguo molto la politica,ma in Italia esiste un partito che partecipa alle elezioni e nel suo programma(programma già fa ridere)denuncia apertamente queste situazioni?Forse non lo fanno perché con tutti i problemi economici che abbiamo andarsi ad incaponire su una antenna è controproducente?È più importante la lotta alla corruzione e alla mancata emissione di scontrini fiscali?Ho forse l’antenna rappresenta uno dei tasselli che il complesso militare industriale americano abbisogna per i loro progetti di controllo e che hai vertici di tale complesso ci siano le stesse persone che con i loro trattati tengono sotto scacco l’intera Europa?Ho forse i nostri politici sanno che si può parlare di tutto ma certi argomenti,politica monetaria e appartenenza alla nato,sono un po’ come i fili dell’alta tensione?

  • Fedeledellacroce

    Ho forse si scrive senza H…..o forse.
    Certo che l’appartenenza all’euro e alla nato non sono frutto di decisioni democratiche e liberarsene non sará una passeggiata 🙂

  • Cataldo

    La questione del MUOS coinvolge aspetti strategici di grande rilevanza, più pesanti di quelli descritti. Basti pensare solo al fatto che con questa decisione l’aera ritorna tra i bersagli strategici di “prima salva” , a livello di una base missilistica ICBM o quasi. E’ quindi un peso per il nostro Paese che va ben al di la della servitù locale sul territorio, che costituisce solo la parte emergente del “costo” complessivo. In poche parole è il classico problema iceberg, del quale purtroppo si parla relativamente a ciò che è visibile, ma il cui peso è tutto sottotraccia.

  • rebel69

    Un errore che non facevo più dalla seconda elementare e ho ripreso a fare da quando hanno costruito un antenna Tim a 5 km da casa mia,e quando parlo sputo.Domani vado all’arpam e faccio casino.
    Grazie

  • Elisenda

    FUCK!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Sì, proprio così.
    Come si fa a controllarsi così.

  • Allarmerosso

    ma sai quanti caproni ignoranti uscirebbero dal loro guscio per protestare contro gli anti americani che non ringraziano nemmeno per averci salvato dai cattivoni… ?! Molta gente ormai è talmente lobotomizzata da decenni di cazzate che anche una presa di posizione a nostro favore quale affermazione di sovranità sul territorio nazionale sarebbe presa dai furbastri di turno come un autopropaganda , come dire non ci sarebbe nemmeno bisogno di agenti esterni per farlifarci passare per terroristi dittatori ci penserebbero loro stessi i furbastri.

  • Highlangher

    Ci manderei Fassino a fare da antenna al muos. Quello che diceva che l’Italia e’ una piattaforma strategico logistica nel mediterraneo. Fuori la nato dall’Italia. Fuori l’Italia dalla nato.

  • minosse

    Appena iniziano avvisagli di malesseri e danni alla popolazione individuare gli amministratori i funzionari i politici che hanno permesso tutto questo agli americano e passare alle vie di fatto: occhio per occhio dente per dente. Con la casta delle capre e dei cinici nessuna delicatezza, sono il cancro dell’umanità.

  • minosse

    Certo che sì……se non ci si riuscisse si dovrà andare a rintracciare chi tra amministratori funzionari e politici hanno permesso tutto questo e vedere come farsi giustizia. E’ tutto molto facile.
    nulla resterà impunito.