Home / ComeDonChisciotte / GELO CON WASHINGTON: ITALIA E ENI SONO TROPPO AMICHE DELLA RUSSIA

GELO CON WASHINGTON: ITALIA E ENI SONO TROPPO AMICHE DELLA RUSSIA

DI MAURIZIO MOLINARI
lastampa.it

La partnership per il gasdotto
South Stream non piace agli
Usa: Roma deve diversificare

Le scelte di politica energetica di Silvio Berlusconi e dell’Eni preoccupano l’amministrazione Obama. Al Dipartimento di Stato i resoconti sul blitz del premier italiano in Turchia per suggellare il patto fra Erdogan e Putin sul gasdotto South Stream hanno sollevato malumori. «L’interesse italiano dovrebbe essere diversificare le fonti di approvvigionamento mentre in questa maniera si aumenta la dipendenza da Mosca» afferma un diplomatico ben a conoscenza del dossier. Poco lontano dal Dipartimento, in uno dei pochi caffè attorno a Foggy Bottom, un altro diplomatico usa toni più aspri chiedendo l’anonimato: «Non comprendiamo perché l’Eni si comporti da lobbista di Gazprom in Europa promuovendo con South Stream un oleodotto destinato a trasformare l’Italia nella nuova Ucraina d’Europa, totalmente dipendente dal gas di Mosca».
Il linguaggio poco paludato svela un’irritazione americana che nel mondo petrolifero è di pubblico dominio. Al 14° piano del grattacielo al numero 475 della Quinta Strada, l’Eurasia Group di Ian Bremmer produce resoconti periodici sulla rivalità fra il South Stream, con il quale la Russia vuole creare una nuova linea di trasporto del proprio gas verso l’Europa Occidentale, e il Nabucco, sostenuto da Washington e da un folto gruppo di Paesi europei, accomunati dal desiderio di importare gas non russo per scongiurare la dipendenza energetica dal Cremlino. «La competizione è sulla fonte a cui attingere per il gas – spiega John Levy, specialista di Eurasia Group per il Caucaso – perché South Stream è sostenuto da italiani, francesi e tedeschi, che da tempo fanno importanti affari con Gazprom, mentre Nabucco è voluto da chi cerca nuovi partner per gli approvvigionamenti».

Poco più giù sulla Quinta Strada, al numero 500, ha sede la società Louis Capital Markets il cui direttore esecutivo Edward Morse ha la fama di essere il maggior esperto mondiale di energia. Camicia celeste senza cravatta e gelato «Ben & Jerry» sul tavolo, Morse ritiene che la partita sia ancora più ampia: «Mosca vuole il South Stream per non dover più far passare il proprio gas destinato all’Europa Occidentale attraverso l’Ucraina, con cui è ai ferri corti, e al tempo stesso per essere lei a distribuire in Occidente il gas dei ricchi giacimenti kazaki e turkmeni», mentre Washington «ha interesse a non veder l’Europa dipendente dalla forniture russe», identificando fonti alternative di gas nelle «disponibilità potenziali di due Stati alleati come l’Azerbaigian e l’Iraq». Sono partite strategiche opposte perché gli Stati Uniti puntano a sfruttare il gas per integrare l’Europa con le repubbliche indipendenti del Caucaso e con l’Iraq, mentre Mosca sta tentando di creare un legame energetico con l’Europa Occidentale talmente consistente da indebolire i rapporti transatlantici, ovvero la solidità della Nato.

«Ciò che colpisce di questa partita è che al momento tanto South Stream che Nabucco sono progetti teorici, perché la Russia non ha gas a sufficienza per il primo e l’Azerbaigian non mette ancora a disposizione il gas per il secondo» aggiunge Morse, secondo il quale «siamo ancora nella fase della trattativa fra i due fronti» e per questo colpisce che «l’Italia, attraverso l’Eni, sta giocando con i russi a poche settimane di distanza dagli abbracci dell’Aquila fra Obama e Berlusconi». Agli specialisti del settore non è sfuggito che lo scorso 5 giugno a San Pietroburgo il vicepremier russo Igor Sechin – ex agente del Kgb, regista della politica energetica del Cremlino e fedelissimo di Putin – nel suo discorso sulle priorità di politica energetica della Federazione russa abbia nominato un unico personaggio straniero: l’amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni, plaudendo alla sua idea di «creare un’agenzia globale del greggio». Nella bozza del testo preparata dagli speechwriter di Sechin il nome di Scaroni non c’era, è stato Sechin ad aggiungerlo di proprio pugno. Ma gli americani non si fidano di Sechin, presidente della compagnia petrolifera Rosneft che ha ingoiato le proprietà della Yukos di Mikhail Khodorkovsky, l’oligarca leader dell’opposizione che Putin fece arrestare per evasione fiscale nel 2004 e sta scontando una condanna a otto anni di carcere.

Ciò che accomuna i diplomatici di Washington e gli analisti di petrolio di New York è l’impressione che l’Italia si sia schierata con la Russia nel grande gioco per gli equilibri energetici del XXI secolo, tanto più che il South Stream dovrebbe vedere la luce nel 2015, appena tre anni dopo il North Stream grazie al quale Mosca potrà esportare direttamente gas alla Germania senza dover più attraversare i territori delle confinanti e irrequiete Bielorussia e Polonia. E’ uno scenario che porta a prevedere che la Russia fornirà alla Germania ben il 60% delle importazioni di gas ed all’Italia almeno il 20%, consentendo a Gazprom di controllare nel 2015 il 33% del mercato europeo rispetto all’attuale 28. Il sospetto che circola a Washington è che «Berlusconi possa avere interessi particolari nell’aumentare i legami energetici con la Russia» ma nelle sue frequenti missioni negli Stati Uniti Scaroni ha spiegato che c’è continuità fra le scelte dei governi Berlusconi e Prodi perché sono frutto della situazione energetica in cui versa l’Europa.

Con la Germania che programma la chiusura totale delle centrali nucleari e la Spagna che fa altrettanto con quelle a carbone, la dipendenza dell’Ue dal gas è destinata ad aumentare. Se a ciò si aggiunge che la produzione europea di gas – Norvegia esclusa – è destinata nei prossimi anni a scendere da 250 a 150 miliardi di metri cubi annui per far fronte a un fabbisogno di 550 miliardi significa dover programmare un aumento delle importazioni, che al momento sono di 300 miliardi di metri cubi. E i maggiori fornitori rimangono Russia e Norvegia, seguiti da Algeria e Libia, con sullo sfondo lo scenario del gas liquido Lng presente nell’Africa meridionale. E’ questa la cornice che spinge l’Italia verso il South Stream, un progetto da 12 miliardi di dollari – per importare 63 miliardi di metri cubi annui – che Gazprom si è già impegnata a finanziare per la metà. Tantopiù che il Nabucco, secondo gli studi dell’Eni, è un progetto indebolito dalla mancanza di impegno degli azeri nel fornire gas e dall’impossibilità di portare quello turkmeno e kazako attraverso il Mar Caspio perché, trattandosi di un lago, far transitare un tubo richiederebbe l’avallo da parte di tutti i Paesi rivieraschi e la Russia, che è fra questi, si oppone.

Ciò che distingue il monopoli dell’energia è però l’incertezza delle alleanze perché trattandosi di geopolitica tutto può cambiare rapidamente, rimettendo in discussione gli attuali equilibri: un rasserenamento dei rapporti fra Mosca e Kiev taglierebbe le gambe al South Stream mentre se Teheran dovesse aprire a sorpresa all’America, l’Occidente avrebbe gas a sufficienza per far decollare il Nabucco. L’amministrazione Obama guarda invece in altra direzione: per garantire all’Europa l’energia di cui avrà bisogno nei prossimi 20 anni pensa a una ricetta composta da nucleare, energie rinnovabili, risparmi nei consumi e carbone pulito. Si spiega così quanto dice Morse sulla «novità europea più interessante del momento» ovvero il «boom di arrivi di carbone nei porti di Amsterdam, Rotterdam e Anversa». Le tensioni fra Italia e Stati Uniti sui temi energici sembrano destinate a segnare l’imminente debutto dei due ambasciatori Giulio Terzi a Washington e David Thorne a Roma.

Maurizio Molinari
Fonte: www.lastampa.it
Link: http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/economia/200908articoli/46455girata.asp
17.08.2009

VEDI ANCHE: GIOVANNI PETROSILLO – ANCORA SU SOUTHSTREAM E NABUCCO

Pubblicato da Davide

  • LonanHista

    viene voglia di bestemmiare nel leggere simili sconcezze……GLI USA CHE SI PREOCCUPANO DELL’ENERGUA DELL’EUROPA?…….e south stream e north stream che possono garantire il gas russo all’europa occidentale sarebbero progetti negativi? SOLO PERCHé BYPASSANDO I PAESI DELL’EST NON SI PUò PAGARE LORO LA TANGENTE PROMESSA DAGLI AMERICANI….cioè diventate nostri alleati e vi diamo il gas…CHE PERò è PAGATO DAI CITTADINI EUROPEI…visto che quando l’ucraina chiude i rubinetti a pagare siamo sempre noi…………………..MA LA VERA RAGIONE DI TUTTO(già scritta e riscritta) è il gas iraniano….cioè prima non si mensiona l’iran…..ma si menziona addirittura l’iraq….INFIME IL PENNIVENDOLO SCRIVE CHE GLI IRANIANI POTREBBERO DARE IL LORO GAS PER IL PROGETTO NABUCCO….(vera ragione dei casini elettorali fomentati in iran e cioè che con un cambio di regime i riformsti avrebbero dato petrolio e gas agli aamericani…MA VINCENDO AHMANINEJEAD…E CON IL SOUTH STREAM..IL GAS IRANIANO ARRIVERà IN EUROPA TRAMITE RUSSIA E SI SPERA TRAMITE ITALIA….mentre l’austria ha un accordo da 30 miliardi di dollari per il gas iraniano……….QUESTA è LA VERA RAGIONE DELLE SOMMOSSE IN IRAN,,,DELLO SPUTTANAMENTO DI BERLUSCONI…..e cioè che il soth stream serve a convogliare in europa, via italia e turchia il gas iraniano……sfuggendo alla tangente imposta dagli americani….E IL BELLO è CHE L’UNITà, IL GIORNALE DEL FU PCI HA SCRITTO UN ARTICOLO POCHI GIORNI FA…CONTRO IL SOUTH STREAM E LA RUSSIA E CONTRO BERLUSCONI…..e a favore degli americani…….ci si rende conto l’UNITà…CHE SCRIVE UN ARTICOLO PRO INTERESSI AMERICANI E A SCAPITO DEGLI INTERESSI ITALIANI ED EUROPEI…esaltando il progetto nabucco voluto dagli americani perché è un modo per fornire a gratis di gas(A NOSTRE SPESE) i paesi dell’est alleati degli usa…quelli dele rivoluzioni arancioni………………………………………MA SE QUESTO BRANCO DI PECORE CHE è IL POPOLO ITALIANO NON SI SVEGLIA è TUTTO INUTILE E FANNO BENE I PADRONI A SCORTICARE A SANGUE LE PECORE………………………SVEJJJAAAAAAAAAAAAA PECORONI!!!

  • mikaela

    Il commento sopra dice tutto.
    Pero’ per una volta e una sola,
    Paolo Barnard aveveva ragione ,o no ? quando scrisse al Times per chiedere spiegazioni degli insulti che scrivevano su Papi.Aveva ragione, o no? quando diceva che la sinistra e’ andata ad unirsi alla destra.Per una volta e una sola tutti quelli che lo stanno denigrando solo perche’ supporter di quell USionista di Travaglio, ditelo che Barnard aveva ragione. Ma cominciate ha capire chi tiene il guinzaglio di Travaglio ,o no?

  • maumau

    si, certi articoli sono infami…
    quando dice ”Iraq alleato USA” c’è da vergognarsi…e svela anche i veri motivi della conquista americana dell’Iraq,col oltre 1 milione di morti lo schiavo senza vergogna,lo definisce alletato….
    ossia il dominio energetico dell’Europa…e quando una nazione(gli USA) dominano energeticamente e militarmente(basi nato)un’altra regione(l’Europa)la dipendenza è totale.

    Come disse qualcuno il fine ultimo di ogni intento USA e Israeliano sono l’Europa,il nuovo ratto e nuova violenza carnale fatta dal toro padrone(zeus)
    ma cosi’ come nel raccontare il mito di Europa si nasconde che il Zeus prima si tamutò in toro e poi non bastando di nuovo in aquila(quindi doppio infingimento)alla fine violentò Europa,cosi’ USA ed Israele (o meglio le lobbie mondialiste che hanno base in USA Israele e anche in Europa ma che ovviamente non la difendono,ma la sfruttano) vogliono ricattarla e violentarne la popolazione..

    Come scrive il prezzolato giornalista sembra che ciò che avvantaggia gli USA sia bene per l’Italia ma non spiega il perchè ,lo dà per assunto…
    non è superpartes ma di parte ,non fa analisi economiche ,solo ha operato una scelta a monte ,di tipo ideologico,senza spiegare però quale sia l’ideologia..
    Cinicamente aggiunge che se l’Iran(dopo l’Iraq)divenisse alleato USA(e questo essendo fallito il golpe politico non potrebbe avvenire che con una guerra) come avvenuto per l’Iraq,allora il Nabucco avrebbe il petrolio
    e gli USA potrebbero pensare all’Europa..

    Ridicolo poi presentare gli USA come chi si preoccupa del bene dell’Europa.

    Ma quel giornale è il giornale degli Agnelli ,la cui proprietà è passata agli Elkann ,banchieri alsaziani(e non dico altro..il cognome parla da solo!)
    quando tutti sappiamo che la FIAT doveva andare agli iraniani e solo una serie di numerosi e sospette morti in un brevissimo lasso di tempo lo ha impedito .
    Soprattutto quella del nipote Edoardo Agnelli che non voleva rinunciare ai suoi diritti sulla Fiat e che contrario alle acquisizioni da parte degli Elkann e si era convertito all’Islam iraniano
    la morte sospettissima http://www.forum.rai.it/index.php?showtopic=239608 come fa capire anche l’introduzione del giudice Imposimato,le ridicole indagini che fanno acqua da tutte le parti
    ,una persona caduta da un viadotto altissimo che non ha fratture agli arti ed altro..,perchè in vero li ci era stato portato!
    E poi cosi’ come la regina Diana non poteva avere un figlio musulmano essendo la principessa di Inghilterra cosi’ la FIAT simbolo dei rapporti italo-americani,non dimentichiamo l’amicizia di Agnelli con Kissinger,ex capo CIA e ministro esteri americano, non poteva andare ad un musulmano http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/11_Novembre/03/battistini.shtml ovviamente il corriere nel suo stile riporta la notizia ma poi cerca di minarla..ma appunto si tratta del corriere..
    nella foto si vede Edoardo in religiosa attesa dell’incontro con Khatami il film culto in Iran sulla storia di Edoardo Agnelli è ovviamente censurato in Italia http://www.edoardo.ws )

    ciao

  • maumau

    sa sinistra è d’accordo con Berlusconi(ricordate i pizzini di La Torre passati ad un esponente del Pdl in diretta tv,perchè messo in difficoltà da un dipietrista..?)per quanto riguarda difesa degli interessi dell banche (italiane) che ripianano i debiti sia di destra che dell’ex DS ,delle lobbie italiane(ad esempio quella del nucleare!)dei privilegi delle caste..
    quando è che va in disaccordo?
    Quando lo ordinano i capi della finanza internazionale che comandano le banche centrali e operano una attacco alla figura personale di un premier che per quanto detestabile,rappresenta cmq l’Italia..agendo vigliaccamente tramite giornali..

    …come quella che fa capo a Goldamm sachs al cui capo c’è un certo Draghi che ha regalato i gioielli italiani alla finanza internazionale con le privatizzazioni
    dopo le speculazioni sulla lira di Soros(come quelle sul rublo che lo svalutò del 30% che costrinse grazie ad Eltsin,la Russia a privatizzare i suoi gioielli alla finanza anglo americana a due soldi,come Yukos,che poi però Putin si è ripreso cacciando anche la British Petroleum,sostituita dall’ENI, e tutti gli oligarchi corrotti e mandandolo in carcere,Abramovich non può tornare in Russia e non per caso è riparato in UK)

    Draghi dal 1984 al 1990 è stato direttore esecutivo della Banca Mondiale. Dal 2002 al 2005 è stato partner e membro del management Committee Worldwide della Goldman Sachs(la voce su Wikipedia è stata cambiata solo alcuni giorni fa e riportava correttamente ‘vicepresidente con incarichi esecutivi per l’Europa’ ).

    In un incredibile conflitto di interesse Goldamm sachs con le privatizzazioni di Draghi(che durarono 10governi ,iniziate da Amato,Ciampi,Prodi) acquisisce,tramite un suo fondo,Whitehall, tutti i beni immobili di ENI (anche questo è stato tolto da Wikipedia e come riporta correttamente il sole24ore
    http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/articolo-71358/eni-immobili-whitehall-goldman/ e come riporta anche repubblica http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2000/12/02/whitehall-conquista-gli-immobili-dell-eni.html )

    ecco come i banchieri mondiali riescono a controllare anche wikipedia..
    e sarà sempre peggio!

  • maumau

    ah
    che è stato vicepresidente di Goldmann sachs è scritto anche sul suo profilo
    http://www.bancaditalia.it/bancaditalia/direttorio/governatore

    ma l’hanno fatto togliere da wikipedia.

    il che la dice lunga..

  • mikaela

    ” Yukos”
    l’analisi di valutazione della Yukos addirittura e’ stata fatta dalla UOP azienda di Chicago con sede a Londra e in medio-oriente quindi hanno decisi gli Usionisti il valore e di conseguenza il prezzo da pagare.Putin ha fatto benissimo a riprendersi le raffinerie

  • sidellaccio

    Da molto tempo credo sia impossibile conoscere la Verità, Se stessi, Dio, l’Amore e tutte quelle cose lì… Ma continuo a provarci!
    Sia l’articolo che il primo commento, assolutamente contraddittori, sembrano avere senso ed essere stati scritti da persone intelligenti e (fino a prova contraria) in buona fede (questo succede spesso…)
    e se Barnard aveva ragione in proposito, ne sono felice per lui, ma perché dici che quindi dovremmo capire chi tiene il giunzaglio di Travaglio che è USionista?
    Perdonami, questo non l’ho capito…
    Per favore, me lo puoi spiegare meglio.
    Grazie!
    Silvio Dell’Accio
    http://www.nautica.it/freelife
    http://digilander.libero.it/silviodellaccio

  • sidellaccio

    Ho già chiesto a Barnard perché ce l’ha tanto con Travaglio che a me sembra fare un lavoro utile, ma non mi ha risposto.
    Forse tu mi puoi aiutare a capirlo?
    Grazie!
    Silvio Dell’Accio
    http://www.nautica.it/freelife
    http://digilander.libero.it/silviodellaccio

  • RobertoG

    Ostinarsi a voler vedere un collegamento tra i recenti attacchi della stampa internazionale al nostro premier con le scelte di politica energetica mi sembra davvero ingenuo. Questo per almeno tre ragioni.

    1) Affari di questo livello sono gestiti direttamente dai potentati economici e il potere politico generalmente si limita ad avallare tali scelte, le quali peraltro comportano giri di tangenti da capogiro. Fu così con Prodi e lo è adesso con Berlusconi.

    2) I russi stanno facendo accordi un po’ con tutti. Con la Turchia, la Germania, l’Ungheria, la Serbia, la Bulgaria, la stessa Francia del filo usa Sarkozy, non si capisce per quale motivo gli americani dovrebbero avercela soltanto con noi ed in particolare solo con Berlusconi.

    3) Stiamo parlando di gente che per inseguire le proprie finalità non ha esitato, per dirne una, a demolire 3-grattacieli-3 nel centro di Manhattan due dei quali con tanto di impiegati dentro. Gente responsabile di guerre, colpi di stato, rivoluzioni, attentati politici.

    Ebbene personcine così di fronte ad un cabarettista col vizio della gnocca essendo convinta che questi gli intralcia interessi seri come quelli legati all’energia non troverebbe di meglio, per levarselo dai piedi, che tentare di sputtanarlo con qualche scandalo sessuale, senza peraltro neanche riuscirci. E questo in un paese servo come l’Italia dove chi in passato ha dato davvero fastidio sappiamo che fine ha fatto.
    Come si può quindi credere a una scemenza del genere?

    E’ chiaro che il guitto sta bene dove sta per tutti. Tant’è che anche gli ex sinistri noti per essere oggi i più osservanti filo Usa, nonostante le apparenze, hanno sempre remato in suo favore..

    Perchè dunque lo attaccano? A me pare di tutta evidenza che si tratta di guerra psicologica. Essi stanno parlando a nuora perchè suocera intenda. Sembra che attacchino lui ma in realtà ce l’hanno col popolo italiano. Ci stanno colpevolizzando perchè ci ostiniamo a farci rappresentare da un giullare, uno che dice una cosa oggi per smentirla domani. E siccome ogni nazione ha i governanti che si merita, noi popolo italico così poco seri non meritiamo l’indipendenza ma andiamo messi sotto tutela.

    In quest’ottica va letta questa campagna di stampa che comunque rappresenta un segnale assai inquietante. Quando il guitto avrà completato l’opera di sputtanamento e gli italiani saranno opportunamente colpevolizzati e quindi psicologicamente pronti per espiare allora lo sostituiranno con qualcuno più “serio”. Obiettivo? Con ogni probabilità un altro giro di privatizzazioni in stile di quelli degli anni ’90. Magari stavolta a finire negli artigli degli avvoltoi potrebbe essere, per colmo di ironia, proprio quell’ENI, tutt’oggi in maggioranza pubblica, che a detta di qualcuno starebbe mettendo gli americani in difficoltà.

  • federasta

    gli italiani (“i” minuscola d’obbligo!) che si svegliano?!….un sogno! devo purtroppo ammettere che il detto: “non toccateci il calcio e i vari reality alla tv”, non è un luogo comune ma la realtà dei fatti! aspetto solo il giorno in cui i miei “cari ” colleghi di lavoro mi diranno: “ca..o, avevi ragione quando ci parlavi di finanza, governo, ambiente,….!”

  • loco

    TI STRAQUOTO E TI BACIO PURE PER LE PAROLE SACROSANTE CHE HAI SCRITTO!! Il manifesto?!? Ma ancora tra le menti affrancate c’è chi crede che esiste una sinistra antiamericana?
    Io li ho sempre considerati i servi dei servi, I peggiori!
    Come ha scritto la Grassa in uno dei suoi grandiosi e rivaletori articoli, la parte peggiore e + pericolosa della politica italiana, è rappresentata dalla sinistra, cani da guardia della Finanza Anglo-Americana e degli interessi antinazionali ed europei. Chi non è viziato da pregiudizi ideologici, ma guarda le cose con occhio asettico e pragmatico, sa che il mondo politico ed economico, da Nord a Sud, da Est ad Ovest, si regge sugli interessi rappresentati dalle risorse energetiche. E proprio seguendo queste mere ragioni vitali, si arriva alla veritiera lettura degli scenari. In altri termini, gli interessei di Eni-Gazprom, e l’operato di Berlusconi, irritano la Diplomazia a stelle e strisce, tanto da mobilitare le principali testate internazionali e a farle scivolare sullo scandalistico e sul pecoreccio, pur di screditare il nano che sembra dare troppi segni di insubordinazione.
    La diversione data sullle porcherie sessuli del premier, la miseria ed il ridicolo al quale è sceso e abboccato il dibattito pubblico, ha davvero del miserevole… Ma in particolare, la miseria più grande sta proprio nel ravvisare una ostilità e un odio di fazione che non riesce a farsi da parte nemmeno quando, stavolta davvero, c’è in gioco l’indipendeza energetica, non solo del nostro paese, ma dell’intero continente.

  • marcello1950

    La risposta giusta a queste obiezioni anzi a queste minacce e`quella di capovolgere l`accusa

    1. Gli Stati Uniti con al loro politica di dipendenza ed acquiescenza alle loro societa` finanziarie che hanno distrutto il sistema finanziario internazionale e con la politica di dipendenza nei confronti della CINA, MINACCIANO DI DISTRUGERE TUTTO L`OCCIDENTE
    politica di dipendenza:
    a. dai prodotti cinesi
    b. dai finanziamenti da parte dello stato Cinese
    c. concessioni in materia di repressione delle liberta individuali, dei diritti delle etnie, di mancanza di stampa libera e concessione di repressione informazione in internet
    d. con la concessione che Hong Kong sia un paradiso fiscale nel quale far rifugiare i capitali sottraendoli ai paesi occidentali che in questo momento ne hanno bisogno piu` dell`aria
    e. permettendo che la Cina infranga tutti i trattati di correttezza commerciale e permettendo sfacciati dumping il cui atto finale e` la sottoscrizione di trattati privilegiati con America latina e Africa dando manufatti contro materie prime in un regime di monopoloio stracciando di fatto i trattati di libero commercio e
    ciliegina finale sulla torta permettendo che tali comemrci avvengano in Yuan cioe` pagando le materie prime con emissioni monetarie cioe` a costo zero come base di imbattibilita` commerciale futura per le sue industrie
    Ci dicano questi disgraziati ed incompetenti funzionari Obaniani chi sta svendendo l`Ocidente
    Stanno svendendo senza nessuna contropartita non solo l`America ma tutto l`Occidente alla Cina
    Se abbandonassimo anche la Russia con una polita ostile nelle braccia della CINA allora sarebbe persa anche l`unica possibilita` di resistere agli assalti cinesi alla conquista anche territoriale dell`Europa
    l`Italia co la politica dell`ENI sta solo fornendo all`OCCIDENTE quindi anche all`America l`UNICA STRADA PER DIFENDERSI dall`Annientamento a chi verra` portatO dalla politica di potenza dello stato CINESE politica di potenza che gli USA stanno penosamente e colpevolmente promuovendo non vedendo che sono le prime vittime della loro stupidita`.
  • LonanHista

    non sapete quanto mi fanno piacere le vostre considerazioni!!!!……….mi fate sentire meno solo, e che c’è qualcuno che ha afferrato i veri nodi della questione, ……………………già il giorno dopo le elezioni iraniane, nel mio blog mi chiedevo quali erano i reali interessi in gioco…..e subito mi resi conto che riguardavano le forniture di gas iraniano(NON TANTO IL PETROLIO, MA è IL GAS IRANIANO AD ESSERE AL CENTRO DELL’INTERESSE PERCHé INSIEME ALLA RUSSIA COSTITUISCE OLTRE LA METà DELLE RISERVE MONDIALI…..E KHAMENEI, E QUINDI AHMADINEJEAD è STATO IL PROMOTORE INSIEME A PUTIN DELL’OPEC DEL GAS)……………………..e difatti qualche settimana dopo si firma l’accordo south stream….cioè se in iran avessero prevalso i filo americani l’accordo sarebbe di certo saltato, perché LA VERA RAGIONE DEL SOUTHSTREAM è QUELLA DI CONVOGLIARE IL GAS IRANIANO IN EUROPA VIA TURCHIA(tra l’altro l’austria, la sua comagnia di stato ha firmato con l’iran un accordo da 30 miliardi di dollari per il gas….LIQUEFATTO E RIGASSIFICATO..MA L’AUSTRIA NON DISPONE DI SBOCCHI SUL MARE E ALLORA LA STRADA SICURA è SOLO IL SOUTHSTREAM…..e se questo succederà , CIOè IL PROGETTO DIVERRà OPERATIVO è UNA BELLA SCOPPOLA PER GLI USA ED I LORO ALLEATI…..e una gran vittoria per l’indipendenza energetica dell’Italia e dei paesi dell’europa dell’ovest(OLTRE CHE UN GROSSO GUADAGNO PER L’ENI)………………………bisogna però aspettarsi dei colpi di coda degli usa magari tramite i loro lacché come la sx in Italia……..AUSPICO, SPERO CHE AI LIVELLI PIù ALTI SI SIA CONSIDERATO OGNI POSSIBILE ASPETTO E SCENARIO CONCEPITO PER FAR SALTARE L’ACCORDO………e non escludo neppure che alqaeda ci prenda di mira.(nel 92-93 quando il paese veniva saccheggiato delle sue ricchezze, iri soprattutto, ci pensò la “mafia” a fare il lavoro sporco a distogliere l’attenzione del pecorume già comunque indirizzata sulla farsa mani pulite) o che succeda qualcosaltro di grave….oltre a mettere i bastoni tra le ruote a berlusconi, anche a livello privato dove stanno facendo del tutto per mettere l’uno contro l’altro i figli!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!………………….SPERO CHE COMUNQUE CI SIANO I CERVELLI ADATTI A PREVENIRE OGNI MOSSA….A DIFENDERE QUESTA SCELTA DEL NOSTRO PAESE, CHE PER UNA VOLTA HA CERCATO DI ESSERE INDIPENDENTE COME AI TEMPI DI MATTEI………..speriamo che come allora non succeda l’irreparabilee che i cervelli migliori si adoperino PER GLI INTERESSI DEL PAESE……………………………….ad essere sincero…ho paura che facciano succedere qualcosa!!!!(MENTRE IL PECORUME PERò AI PRIMI DI SETTEMBRE FARà LO SCIOPERO DEL TIFO!!!!sic!!!!!!)………………….e l’articolo sopra è la rirpova di come funziona la stampa in generale in Italia……PRESTANDOSI ADDIRITTURA A MINACCIOSI MESSAGGI TRASVERSALI……………..e dimostrando che obama è solo un pezzo di merda di negro=ai bianchi!

  • LonanHista

    la correlazione degli attacchi della stampa internazionale a berlusconi non sarebbe logica e non riguarderebbe la questione south stream?………questi attacchi miravano a far cadere berlusconi…..E LA POSIZIONE DELLA SX, SULLA QUESTIONE SOUTHSTREAM è ABBASTANZA CHIARA…O NO!!!!………………….comunque bisognerebbe conoscere tutti i risvolti e la cronaca degli ultimi 10 anni per raccapezzarsi……………………l’OPEC DEL GAS….LA GUERRA IN AFGANISTAN(e il corridoio dal caucaso al pakistan con tanto di progettato oleodotto)…….LA SPINTA AL CAMBIARE REGIME IN IRAN……..è praticamente un enciclopedia tra l’altro difficile da riassumere in poche righe e comunque:1—GLI ATTACCHI A BERLUSCONI NON FINIRANNO FINO A QUANDO NON SI FARà DA PARTE(addirittura certa stampa-repubblica in testa-spinge per FINI–sic!!!quello con la kippà in testa………….e da parte mia comunque inviterei gli ebrei a non fidarsi, perch* gente del genere fa presto A METTERE LA KEFIA)….per troppe ragioni..(oggi berlusconi è in algeria….anche lì c’è gas….l’Italia è un hun naturale per ogni genere di cose…..MA DA FASTIDIO A TROPPI, IN PRIMIS GLI AMERICANI CHE NON CI VOGLIONO INDIPENDENTI…remenber Mattei? e Moro?)…………….2-i russi hanno accordi anche con compagnie americane……………………PERò BISOGNA VEDERE CHE GENERE DI ACCORDI SONO……..SOUTH STREAM RAPPRESENTA NON SOLO UN GRANDE PASSO PER L’INDIPENDENZA ENERGETICA DELL’ITALIA(o comunque un contratto vantaggioso senza dover pagare tangenti o seguire direttive di altri)…SOTH STREAM è IL PRIMO PASSO DELL ‘OPEC DEL GAS….DI CUI IRAN E RUSSIA SONO I PROMOTORI E SOPRATTUTTO DETENGONO INSIEME PIù DELLA METà DELLE RISERVE GLOBALI DI GAS…………………….opec del gas=contro interessi anglo usa……south stream=primo passo OPEC DEL GAS……………………e gli attacchi(ancora no finiti)a berlusconi non dipenderebbero da questo? E CIOè AVER AIUTATO L’OPEC DEL GAS A FARE IL PRIMO PASSO?…………………………..ps.consiglio ai più curiosi, comunque di ripassare gli ultmi 10 anni di storia del centro europa-caucaso-heartland e medio oriente……………………………..LEGGENDO(ma non roba italiana…o anglousa.per carità)le varie fonti(russe cinesi svizzere francesi pakistane indiane etc)LE VARIE COSE….IL PUZZLE DIVENTERà AUTOMATICAMENTE CHIARO!!!!! ………dimenticavo:la borsa del gas-e petrolio di san pietrouburgo….e la borsa del petrolio iraniana…mai decollata anche se avallata da più di 2 anni….

  • Mara79

    ma a dire il vero Travaglio ha iniziato a sputtanare da moolto prima che saltasse fuori questo can can della stampa internazionale; con validissimi motivi tra l’altro. Continui pure a farlo, che fa bene. Oppure adesso bisogna cancellare tutti i danni che il Berlusca ha fatto e farà a questo paese per diventare tutti suoi elettori perchè, poverino, è vittima del complotto che non c’è?

  • Mara79

    quoto ogni singola parola.

  • mikaela

    Salve Silvio
    Le mando un paio di Link cosi’ potra’ capirlo da solo attraverso gli scritti di Barnard.
    Oppure attraverso i video …………………………………………………http://www.paolobarnard.info/info_travaglio_lettera1.php……………………………http://www.youtube.com/watch?v=8uGtn7tSCCA……………..
    Ps.
    Barnard ha scritto che non rispondera’ piu’ alle e-mail che riceve. quindi non se la prenda se non risponde,in linea ci sono tutte le risposte alle nostre domande, basta cercarle

  • Mara79

    Peccato che il gas iraniano dovrebbe transitare anche e soprattutto attraverso il Nabucco. Dico dovrebbe perchè si sa che l’Iran no è visto di buon occhio da molti ultimamente.

  • mikaela

    Travaglio &C. sputtana Berlusconi senza mai toccare quelli che hanno manovrato Berlusconi sino ad oggi,(e che continuano a manovrarlo sia ben chiaro)altrimenti avrebbe dovuto sputtanare anche il governo Usionista siccome lui ci sta’ bene su quella poltrona in prima fila che gli porta tanti introiti dice solo quello che puo’ dire distraendo gli italiani dai problemi veri (che non e’ Papi) Barnard e’ l’unico dissidente italiano per questo motivo e’ stato abbandonato da tutti i giornali e tutte le televisioni.
    Non c’e’ un giornale o una televisione nazionale che non sia venduto agli USionisti(e questo articolo ne e’ la prova).La gente non ha tempo quindi crede a quello che dice Travaglio & C. e pensano di sapere come gira il mondo senza fare niente tanto c’e’ Travaglio che pensa per loro.

  • sidellaccio

    Grazie per i link.
    Li avevo già letti e visti e non mi avevano convinto, ne allora, ne oggi.
    Per me la Libertà è come il Se, Dio, la Verità, l’Amore…
    Possiamo cercarli, ma non trovarli.
    Però la vita del ricercatore è diversa e mi piace di più.
    Quindi mi sembra scontato che Travaglio sia in qualche misura al guinzaglio e secondo me, sbaglia anche clamorosamente sulla questione Palestinese e quindi è anche molto dannoso (per questo e anche in altre cose) ma, sempre secondo me, fa anche cose molto utili e quindi non capisco gli attacchi di Barnard contro di lui.
    Tra l’altro, attaccarlo è il modo peggiore per fargli vedere i suoi limiti ed errori.

  • Boero

    Bravo,finalmente un commento intelligente sul forum

  • mikaela

    Scusi Silvio, nel suo primo post Lei dice “ se Barnard aveva ragione in proposito, ne sono felice per lui,”Nel suo secondo post dice “Li avevo già letti e visti e non mi avevano convinto, ne allora, ne oggi.”Io Le dico che se ha gia’ letto quello che dice Barnard e non l’ha convinto non capisco perche’ continua a chiedere perche’ ho definito Travaglio Usionista.
    Le cose sono due, o non ha capito Travaglio o non ha capito Barnard .Quelle cose molto utili che secondo Lei Travaglio dice ,servono solo a far credere a quelli che lo seguono che facendo cadere Berlusconi avremo risolti i nostri problemi lui e’ il paladino della contro informazione tutti sono contenti e non s’informano sui veri problemi tanto c’e’ Travaglio che tutti i Giovedi’ li aggiorna degli avvenimenti, demandando cosi’ a lui il compito del cambiamento .
    Lei mi chiedi “(chi tiene il giunzaglio di Travaglio che è USionista? )Perdonami, questo non l’ho capito… Per favore, me lo puoi spiegare meglio”
    Le rivolgo io invece una domanda, SI E’ MAI CHIESTO CHI SONO GLI USIONISTI ?PERCHE’ E’ QUELLO CHE SI STA PARLANDO.
    Travaglio adora Gli Usionisti e i Sionisti, faccia qualche ricerca in giro legga anche il piccolo forum ,Le assicuro che ce’ ne’ per tutti.

  • totonno

    Quoto l’ultimo commento di honaista sono daccordo con la sua analisi. Cambierei, se mi è permesso ,solo una cosa e cioè non sono gli Americani a decidere le sorti della vicenda ma i cari amici in Kippà , che del resto tengono per il cappio il loro servo negro, che loro hanno voluto alla presidenza degli USA. Il povero Berlusconzi sta commettendo l’errore che fù di Craxi ….. avvicinarsi troppo ai paesi Islamici , stringere amicizia poi con la Russia è visto come il fumo negli occhi dai nostri pacifici seguaci della Tora. E tanto per farci una ( amara ) risata vi rimando ad una notizia che ho trovato oggi : C’è un simpatico signore ebreo , per la precisione Francoisraeliano , tale Katorza che ha pensato bene di chiedere i danni alla comunita europea in quanto ha dovuto chiudere sua attività , sita a Sderot , a causa dei lanci dei razzi cassam . Ora il buontempone chiede i mancati introiti alla comunità europea in base ad una legge per la quale chi è in possesso di un passaporto Europeo viene salvaguardato anche fuori dal proprio paese. Questo è il link. http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/middleeast/6004593/Israeli-seeks-damages-from-EU-

  • sidellaccio

    A me sembra che il bene e il male non siano nettamente divisi e facilmente distinguibili.
    Certo sarebbe tutto più facile se i buoni e i cattivi fossero ben divisi e facilmente riconoscibili, ma non è così…
    Anzi, secondo me ci vuole una grande attenzione e consapevolezza, per riconoscerli e per fare il massimo bene e il minimo male possibile.
    E spesso ci sbagliamo tutti, NESSUNO ESCLUSO, più o meno consapevolmente e gravemente.
    Quindi a me sembra che sia Travaglio che Barnard dicano e facciano cose buone e cattive e che siano entrambi, abbastanza in buona fede.
    Per questo mi dispiace che si attacchino duramente e avevo provato a capirne il perché, sperando addirittura di poterci fare qualcosa. Sono ancora un ingenuo… Quindi avevo commentato un articolo di Barnard sul documentario Zeitgeist https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6177 per cercare di capire meglio Barnard e lui mi ha pure risposto, condividendo e/o rispettando i miei argomenti.
    Siccome toccavo anche il punto: “Mettere da parte le differenze…” anche da lui scritto in un suo articolo (vedi il mio commento all’articolo del link qui sopra) ho probabilmente sbagliato, toccando troppo presto e malamente, la questione: “Travaglio”.
    Mi vergogno della mia ottusità e ci sono rimasto male e così quando ho visto il tuo commento che citava Barnard, ti ho chiesto aiuto, sperando di capirlo meglio, attraverso la tua visione di lui, che è evidentemente molto positiva.
    Se ti andrà di rispondermi ancora, ti prego di darmi del tu.
    Grazie!

  • adriano_53

    molinari e le mancate ferie.

    l’articolo è il frutto di questo mancato riposo.

    I commenti, pure.