Home / ComeDonChisciotte / FINE DEL MONDO: ASCOLTA LA PROFEZIA DEL 2012…DIRETTAMENTE DALLE FONTI DEI SACERDOTI

FINE DEL MONDO: ASCOLTA LA PROFEZIA DEL 2012…DIRETTAMENTE DALLE FONTI DEI SACERDOTI

FONTE WASHINGTONSBLOG.COM

Ignora le informazioni di seconda mano… Ascolta la profezia reale

Mentre gli adulti colti ovviamente non credono alla profezia del 2012, molti bambini sono terrorizzati e la NASA riporta che alcuni stanno prendendo in considerazione il suicidio.(1) Quindi per favore diffondete ciò come una pubblicità progresso.

Molte persone stanno parlando della profezia dei Maya sul 2012.

Ma pochi conoscono cosa dissero effettivamente i sacerdoti Maya riguardo al 2012. In realtà, gli anziani Maya dissero qualcosa molto diverso da ciò che avreste potuto sentire.
Per esempio, Wakatel Utiw — leader del National Council of Elders Mayas, Xinca and Garifuna (gli Xinca e Garifuna sono tribù non-Maya dell’America Centrale), colui che conta i giorni del calendario maya, e leader spirituale della tredicesima generazione dei Quiche Maya — sostiene che la fine del calendario maya non ha niente a che fare con la fine del mondo. (2)

Egli spiega anche che il 21 Dicembre 2012 potrebbe addirittura non essere la fine di questo ciclo del calendario (3)

Contrariamente alla credenza popolare gli antenati viventi dei Maya non concordano che il 21 dicembre 2012 sia la fine del loro calendario. Un nuovo “sole” rappresenta l’inizio di un ciclo del Lungo Computo nel sistema del calendario di approssimativamente 5200 anni, che essi dicono che non possa avvenire per molti anni.

E guardate qui. (4)

(un nuovissimo film chiamato “shift of the ages” (5) spiega nel dettaglio le credenze dei Maya… e presenta i loro veri avvertimenti).

Similmente, l’anziano dei maya Tz’utujil Tata Pedro Cruz sostiene che il mondo non finirà nel 2012:

VIDEO – 2012 The Real Maya Prophecy – The world will not end

L’anziano e sacerdote Maya Carlos Barrios — che ha ampiamente studiato i calendari Maya- sostiene: (6)

”Gli antropologi visitano i siti del tempio e leggono le iscrizioni e inventano storie sui Maya, ma non leggono i segni correttamente. È solo la loro immaginazione. Altre persone scrivono riguardo la profezia nel nome dei Maya. Loro dicono che il mondo finirà nel dicembre 2012. Gli antenati Maya sono irritati da ciò. Il mondo non finirà. Verrà trasformato”.

Leonzo Barreno – un nativo guatemalteco che è stato istruito dagli anziani Maya a leggere gli antichi calendari (7) – sostiene (8) che il concetto di “apocalisse” è un’interpretazione errata del calendario di Lungo Computo, che gli anziani Maya gli hanno insegnato che il 21 dicembre di questo anno semplicemente marca l’inizio di un nuovo calendario:

“Ci sono due lati della storia”, ha detto alla CBC. “quello che conosciamo è il significato apocalittico che è stato dato al Lungo Computo.
L’altro lato della storia è il lato Maya, che voi vedete raramente negli articoli dei media, perchè loro non intervistano mai la mia gente.
Per loro è un evento gioioso, non apocalittico. Ciò che arriva è la fine di un calendario e l’inizio di uno nuovo”.

Ricardo Cajas — presidente del Collective of Native Organizations of Colectivo de Organizaciones Indigenas de Guatemala – disse (9) che la data NON rappresentò la fine dell’umanità o il compimento di profezie catastrofiche, ma che il nuovo ciclo “suppone cambi nelle coscienze umane” (traduzione).

Pedro Celestino Yac Noj — un saggio maya che vive a Cuba — sostiene: (10)

Il 21 è per ringraziare e dare riconoscenza e il 22 dà il benvenuto a un nuovo ciclo, a una nuova alba.

Invece di essere la fine del mondo, il sacerdote maya Jose Manrique Esquive crede che il 2012 possa portare alla transizione verso un periodo migliore per l’umanità.
E AP (11) ha osservato nel 2009:

Apolinario Chile Pixtun è stanco di essere bombardato dalle domande agitate riguardo il supposto “termine” del calendario Maya il 21 dicembre 2012. Dopotutto, non è la fine del mondo.

Definitivamente no, insistono gli anziani indiani Maya

Chile Pixtun, un guatemalteco, afferma che le teorie catastrofiche nascono dalle idee occidentali, non Maya.

E se non credete a ciò che dicono gli attuali leader Maya, per favore ricordate che gli archeologi hanno recentemente trovato un deposito di antichi calendari Maya che va oltre il 2012 di migliaia di anni (12). E guardate qui. (13)

Nota: gli anziani Maya fanno avvertimenti profetici, ma non ha niente a che fare con il 2012.
Specificamente, loro avvertono che dobbiamo mettere un freno alla guerra o all’inquinamento altrimenti ci distruggeremo.

Considerato che le numerose profezie sulla fine del mondo, sono andate e venute senza accadimenti, e che il Papa ha dichiarato che -a causa di un errore di calcolo- siamo al momento nell anno 2016 D.C e non 2012 — è intelligente prendere le predizioni di una data specifica con una dose di cinismo.

Fonte: www.washingtonsblog.com
Link: http://www.washingtonsblog.com/2012/12/hear-the-2012-prophecy-direct-from-the-mouths-of-the-mayan-priests.html
9.12.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ILARIA GROPPI

NOTE:

1) http://www.dailymail.co.uk/news/article-2240718/2012-Mayan-apocalypse-rumors-pose-threat-frightened-children-suicidal-teenagers-says-NASA.html
2) http://www.ibtimes.com/2012-not-end-world-say-maya-elders-285191
3) http://www.shiftoftheages.com/maya-message-2012
4) http://www.youtube.com/embed/UJfJqct5AGI
5) http://www.shiftoftheages.com/
6) http://www.indigenous.youth-leader.org/?p=3712
7) http://www.cbc.ca/news/offbeat/story/2011/12/29/sk-mayan-calendar-1229.html
8) http://www.dailymail.co.uk/news/article-2080941/Mayan-calendar-December-21-2012-wont-end-world-says-Leonzo-Barreno.html
9) http://prensalibre.com/noticias/controversia-detras-profecia_0_191380911.html
10) http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/northamerica/usa/9730618/Mayan-apocalypse-panic-spreads-as-December-21-nears.html
11) http://www.cbsnews.com/stories/2009/10/12/ap/strange/main5378465.shtml
12) http://www.washingtonsblog.com/2012/05/archeologists-discover-mayan-hieroglyphs-showing-the-world-continuing-for-thousands-of-years-past-2012.html
13) http://www.washingtonsblog.com/2012/01/no-mayan-apocalypse-in-2012-but-theres-alot-of-other-amazing-stuff-happening.html

Pubblicato da Davide

  • Tonguessy

    loro avvertono che dobbiamo mettere un freno alla guerra o all’inquinamento altrimenti ci distruggeremo

    Curioso come i Maya che addirittura non avevano manco inventato la ruota (il vero peccato originale) si preoccupassero dell’inquinamento già ai loro tempi. Chiaramente chiaroveggenti…

    molti bambini sono terrorizzati e la NASA riporta che alcuni stanno prendendo in considerazione il suicidio.
    L’alternativa sarebbe la TV mentre si mangia l’hamburger. Non saprei quale punizione sia peggio. Forse è meglio farla finita prima?

  • Santos-Dumont

    Ma alla NASA non dovrebbero occuparsi di esplorazione spaziale? Di questo passo l’ APA [www.apa.org] inizierà a mettere in orbita satelliti…

  • Tonguessy

    E chi ci dice che la NASA, dato il pesante taglio al budget, non riceva finanziamenti da McDonald e CNN?

  • Tao

    Il marketing dei Maya e il galateo del perfetto apocalittico deciso a ripopolare il globo terracqueo

    Una catena di alberghi, Suite Novotel, ha preparato questa vantaggiosa offerta: due notti, il ventuno e il ventidue dicembre, a un prezzo speciale, kit di sopravvivenza omaggio, un cocktail di “fine del mondo” al bar dell’hotel e, in caso di errore nelle previsioni Maya, o di non morte, una splendida colazione “nuovo mondo”. Bisogna però pagare in anticipo: l’intero importo sarà addebitato al momento della prenotazione, per evitare che la distruzione della terra lasci i conti in sospeso. Un istituto di credito francese offre invece prestiti, da stipulare tra il tre e il ventun dicembre, il cui debito verrà automaticamente estinto in caso di fine del mondo. Così si può morire in pace, senza pensare ai soldi non ancora pagati mentre gli alberi vengono risucchiati al centro della terra, poiché si sa che i creditori trovano sempre il modo di sopravvivere, magari con una maschera anti gas, e ripresentarsi fra le macerie a esigere cifre gonfiate dalla catastrofe. Il marketing dei Maya esiste, esistono tute di sopravvivenza in vendita su eBay, calendari Maya in bassorilievo, incontri erotici stabiliti per il ventun dicembre, in modo da conservare un buon ricordo della vita prima dell’Apocalisse; oppure, per gli ottimisti, gli incrollabilmente convinti che l’universo abbia grandi progetti per loro, ci sono due paesini che secondo le profezie verranno risparmiati dal gigantesco blackout: uno è Bugarach, sui Pirenei, e già le stanze d’albergo sono prenotate da mesi, ma il sindaco, poco desideroso di salvare l’umanità, ha imposto il divieto di sorvolo e chiuderà tutte le strade d’accesso; l’altro è in Italia, in provincia di Forlì, e poiché è da lì che ripartirà il mondo, basterà organizzarsi con qualche torcia e il cibo in scatola (in ogni fine del mondo ci sono montagne di scatole di mais).

    Molti siti internet stanno facendo il conto alla rovescia, come quello di Times Square a Capodanno, e forniscono preziosi consigli di sopravvivenza. Primo: se non hai una fidanzata, trovatene una, accertati che sia sexy anche con la maschera antigas, pensa alla possibilità di ripopolare il mondo con lei. Nel caso in cui non ti piaccia abbastanza, potresti sempre decidere di usarla come esca in caso di pericolo (piovra gigante, mostro a più gambe, invasione di piante carnivore), o come nutrimento, quando sarai stanco di scatole di mais e insetti. Secondo: rivaluta per sempre il cibo spazzatura. Nel caso di fine del mondo è consigliabile fare scorta di cioccolato, merendine, patatine in sacchetto, tutto ciò che non sia fresco e contaminabile da virus letali, e sperare che rimanga in piedi qualche McDonald’s. Terzo: un’esplosione nucleare, un blackout mondiale, un gigantesco buco nell’ozono, una caduta di meteorite o, come nel bel romanzo di Karen Thompson Walker, “L’età dei miracoli” (Mondadori, ottima lettura propedeutica), il rallentamento del giro della terra intorno al sole, nessuna causa di fine mondo può essere considerata un buon motivo per lasciarsi andare. Si dovrà sempre cercare di essere il sopravvissuto più elegante della terra devastata (moltiplicherà le possibilità di ripopolazione del globo), magari attraverso il rilancio degli abiti di pelliccia, utili a contrastare i raggi del sole e gli improvvisi sbalzi di temperatura. Se poi, impellicciati e disinvolti, si riesce a ottenere un invito sull’arca di Noè costruita da un cinese molto apocalittico, ci sono buone probabilità di superare la fine del mondo cantando e ballando come se ci fosse ancora un domani.

    Annalena Benini
    Fonte: http://www.ilfoglio.it

    12.11.2012

  • yakoviev

    Fra l’ altro proprio loro che in fatto di guerra e di saccheggio di risorse non è che si facessero mancare nulla…

  • sandrez

    la cosa peggiore che possa capitare è che tutto rimanga come ora

  • sandrez

    comunque nel caso…

  • MM

    Il 21 Dicembre 2012 sarà una delusione per molti.

  • Allarmerosso

    e un venerdì di festa come gli altri per tanti !

  • MM

    Buon per loro.

  • nigel

    : – ))

  • Senzapretese

    Bravo Sandrez. E’ proprio così. Il mondo finirà perchè niente cambierà.

  • simonlester

    Vengo in albergo e pago dopo la data della fine del mondo.
    Se non finisce prendete i soldi, altrimenti…….