Et tu, Meloni?

La Meloni ha rivelato che si accontenta di prendere ordini dall'alto, senza curarsi delle persone poco importanti che stanno sotto.

The European Conservative è la principale pubblicazione conservatrice europea in lingua inglese di filosofia, politica, arte e affari. Questo il loro giudizio definitivo su Giorgia Meloni, un tempo, una di loro.

Di Mario Laghos

Il pericolo più urgente e immediato per l’Europa è l’immigrazione. Il transito di massa di popolazioni del Terzo Mondo nei Paesi europei è stato finora la catastrofe del nostro secolo. Nell’ultimo anno, la Svezia – è difficile crederlo – ha subito 134 attentati e 289 sparatorie sul suo territorio. Fino al 2017, l’atto criminale del “danneggiamento tramite esplosione” non era nemmeno registrato in Svezia, ora potrebbe essere descritto come tipico. In tutto il Regno Unito, decine di migliaia di ragazze inglesi sono state torturate e violentate da bande, composte in gran parte da uomini pakistani. Nella sola città di Rotherham, si stima che circa 2.000 ragazze, per lo più di età compresa tra gli 11 e i 16 anni, siano state vittime di crudeltà disumane. I membri di una banda hanno gridato Allah Akbar dopo essere stati condannati per aver stuprato e ingravidato una bambina di 12 anni. In Francia è stato permesso a una quinta colonna di metastatizzarsi, alla sua periferia di trasformarsi in un punto d’appoggio per gli assalti dei terroristi che compiono atti di barbarie contro un popolo civilizzato.

È per questo motivo – e solo per questo motivo – che la cosiddetta “estrema destra” è in marcia in tutta Europa. I Democratici di Svezia, l’AfD, il National Rally e altri devono le loro fortune politiche in ascesa non alla pacchianeria delle questioni legate al woke o alle lamentele sulle auto elettriche, ma a questo tema e a nessun altro. A loro volta, è solo su questa base che dovrebbero essere giudicati.

L’elezione di Giorgia Meloni a primo ministro italiano è stata un’impresa straordinaria. Il suo partito, Fratelli d’Italia (FdI), aveva ottenuto un misero 2% alle elezioni politiche del 2013. FdI era allora indistinguibile tra una serie di partiti politici italiani minori la cui funzione principale era quella di tenere sulle spine gli editor di Wikipedia. FdI era nato dal vecchio dal Movimento Sociale Italiano, ampiamente considerato neofascista e l’accusa di essere un’amante di Mussolini è rimasta un peso al collo della Meloni fino a tutta la campagna elettorale. Nonostante tutto questo bagaglio, nel 2014 aveva preso le redini di FdI e in soli otto anni l’aveva portata a una storica vittoria, a capo di una coalizione di destra. La coalizione di centro-sinistra italiana era stata sconfitta, con appena il 25% di voti tra quattro partiti. La Meloni aveva ammesso l’improbabilità di un tale trionfo, dicendo al Parlamento italiano nel suo discorso inaugurale:

Sono quello che gli inglesi chiamerebbero un “outsider”, per così dire, l’“underdog”, colui che, per avere successo, deve sconvolgere tutti i pronostici. È quello che intendo fare di nuovo, sconvolgere i pronostici.

Questa improbabile vittoria rappresentava un’opportunità cruciale per risollevare le sorti dell’Italia e accendere un faro da cui il resto dell’Europa potesse trarre coraggio. Armata di una solida maggioranza, sostenuta da un mandato clamoroso e seduta al posto di comando, la Meloni aveva tutte le possibilità di adempiere ai suoi obblighi nei confronti del popolo. Tali obblighi includevano impegni comuni alla destra “populista” europea, tra cui lo scetticismo nei confronti della risposta dell’Occidente alla COVID-19 e l’opposizione all’ideologia woke. Appena insediata, la Meloni si era subito mossa per abolire i certificati COVID dell’UE, che obbligavano gli italiani a mostrare i loro documenti come prerequisito per impegnarsi con gran parte della società civile. In seguito aveva bloccato le autorità locali che registravano i nomi di genitori non biologici sui certificati di nascita, come stava accadendo nel caso di alcune relazioni gay.

E aveva adottato una linea dura sulla questione dell’Ucraina. Molti dei compagni di viaggio della Meloni nella destra europea sono russofili – lei stessa potrebbe esserlo – ma dopo l’invasione dell’Ucraina, il primo ministro si era dichiarato pienamente a favore dell’Unione Europea e della NATO. Aveva dimostrato la sua ferrea determinazione su questo tema mettendo in riga i suoi stessi partner di coalizione, ovvero Matteo Salvini e il defunto Silvio Berlusconi, che avrebbero preferito adottare una linea più morbida nei confronti della Russia.

Il silenzio dei media

Una buona cartina di tornasole per capire se coloro che comandano veramente, chiunque essi siano, approvano una determinata cosa è notare l’ampiezza dei servizi che quella particolare cosa si guadagna sulla stampa di lingua inglese. Se le masse hanno bisogno di essere spinte ad un nuovo fervore bellico, o in uno stato d’animo tale da renderle inclini a celebrare un nuovo colpo di stato, inizierete a sentirne parlare alla CNN. Se l’opinione pubblica deve essere mobilitata contro una minaccia al regime, la BBC lo renderà noto.

Quando gli Stati Uniti volevano impadronirsi del petrolio venezuelano in un momento di crisi, siamo stati inondati da notizie sui servizi di sicurezza di Maduro che usavano autoblindo per schiacciare i sostenitori del “vero presidente”, Juan Guaidó. Quando questo tentativo di cambio di regime era fallito e i prezzi del petrolio erano saliti alle stelle, gli Stati Uniti avevano improvvisamente cambiato idea. A Guaidó era stata ritirata la carica di presidente, avevano detto gli Stati Uniti e da allora non si è più sentito parlare di Maduro, che uccideva bambini, si nutriva di cuori e odiava la democrazia.

Un altro esempio era stato l’improvviso e insolito interesse dei media per l’Ungheria quando, nel 2015, Viktor Orbán aveva osato esercitare il controllo sui propri confini e nel 2011, quando Gheddafi stava per “genocidare” Bengasi – pochi mesi dopo che il dittatore aveva tentato di estorcere miliardi di euro all’UE.

Ma, per quanto riguarda la Meloni, dopo la sua vittoria elettorale la stampa anglofona non ha avuto quasi mai un sussulto di costernazione. Si tratta di una classe mediatica, si badi bene, che ha salutato il suo trionfo con un’esplosione di istrionismo, descrivendo il premier italiano come “l’erede di Mussolini” e il leader italiano più di estrema destra dalla Seconda Guerra Mondiale. Se la Meloni si è guadagnata una menzione, è stato come destinataria di elogi da parte dei media internazionali più pro-globalisti e pro-migrazione di massa. Il Times aveva lodato il suo “nous”, facendo notare che la Meloni aveva “sorpreso i critici”. L’Economist aveva tessuto le lodi della Meloni per essersi piegata all’UE sulla migrazione in cambio di un compenso di 200 milioni di euro:

I mercati non si sono fatti scalfire dall’avvento di un governo guidato da un partito che trae le sue origini dal neofascismo e che un tempo era apertamente euroscettico… Il governo aveva inizialmente cercato di bloccare le navi che portavano i migranti salvati nei porti italiani. Ma, quando la Francia ha fatto notare che la mossa contravveniva agli impegni assunti dall’Italia con i trattati, il governo ha fatto marcia indietro.

La risposta dei media, e delle istituzioni a cui sono asserviti, è la prova definitiva che il potere reale non si sta agitando per la Meloni. Il suo primo anno è stato un esercizio di continuità, ovvero di continuo declino. Lo smantellamento delle restrizioni COVID sarebbe stato attuato da qualsiasi altro leader. Il gingillarsi sulle questioni LGBT è, in ultima analisi, irrilevante: le posizioni della Meloni sui matrimoni gay non sono diverse da quelle di un campione della reazione come il Tony Blair degli anni Duemila, anch’esse favorevoli alle unioni civili. A prescindere dai dettagli, queste questioni si collocano allo stesso livello delle guerre culturali sui fornelli a gas, inutili in ultima analisi.

Mantenere l’Italia italiana

Giorgia Meloni è stata eletta per una e una sola ragione: mantenere l’Italia italiana. Il crollo della natalità tra gli autoctoni e l’afflusso migratorio dall’Africa e dal Medio Oriente minacciano di rendere gli italiani una minoranza nel loro stesso Paese. Questo destino significherebbe lasciare in eredità un’antica civiltà a chi non può né capirla né amarla. Un destino terribile. Scrivendo in anticipo sulla vittoria elettorale della Meloni, aveva detto che avrebbe schierato la marina italiana per bloccare le coste nordafricane e avrebbe lavorato per rivitalizzare i tassi di natalità, in modo che fosse possibile fare a meno del lavoro dei migranti. Non si trattava di una congettura, ma di un’affermazione che veniva direttamente dal manifesto di FdI e dalla bocca della stessa Meloni. Avevo fatto notare che questo tipo di azione unilaterale non sarebbe stata facile, ma avevo intravisto nella Meloni la determinazione a sfidare gli Stati Uniti e a portarla a termine. Dopotutto, si tratta di una persona la cui Volontà di Potenza l’ha vista ascendere da una nota a margine di Wikipedia a leader mondiale in tempi record.

Gli impegni della Meloni su questo punto potrebbero essere stati i più fermi ed espliciti della politica europea. In un discorso del 2018 al Parlamento italiano, Meloni aveva commentato così una proposta delle Nazioni Unite sulla migrazione, nota come Migration Compact:

Il Migration Compact è esattamente ciò che serve a chi negli ultimi decenni ha usato l’immigrazione clandestina per completare il grande piano della speculazione finanziaria per privare nazioni e persone della loro identità. Perché senza radici si è schiavi, e, quando si è schiavi si servono gli interessi di [George] Soros… Ricordo al [mio] collega Scalfarotto, quando dice che gli italiani sono un popolo di migranti, che quando siamo emigrati nessuno ci manteneva con 37 euro al giorno.

Non si era trattato di un’osservazione fine a sé stessa, La Meloni aveva pubblicato la clip sul proprio canale YouTube e l’aveva sottotitolata in inglese. Era un segnale di intenti, una promessa agli elettori italiani. Ma, se facciamo un bilancio della realtà migratoria sotto il governo Meloni, non c’è dubbio che questa promessa sia stata disattesa e che i suoi elettori siano stati traditi. A ottobre 2023, più di 140.000 migranti illegali erano sbarcati sulle coste italiane – il doppio di quelli arrivati nel 2022 sotto il governo di Mario Draghi. La crisi è diventata oltremodo intollerabile quando, a settembre, oltre 7.000 migranti clandestini tunisini sono arrivati sull’isola di Lampedusa in un solo giorno, superando la popolazione autoctona dell’isola di circa 6.000 residenti. Il blocco navale non si era concretizzato: se non ora, quando?

Rifuggendo da un’azione unilaterale, la Meloni ha invece invitato il commissario europeo Ursula von der Leyen sull’isola, dove hanno tenuto una conferenza stampa congiunta. Lì si è vista la Meloni fare la sua migliore imitazione di Mussolini: vestita con una camicia nera, le braccia conserte e la faccia corrucciata – un cosplay piuttosto appropriato (presumibilmente inconsapevole), dato che la sua controparte tedesca aveva assunto il ruolo di leader nella relazione. La Von der Leyen aveva colto l’occasione per elogiare gli italiani per la loro accoglienza dei clandestini, esprimere le solite condanne ai trafficanti di esseri umani e per impegnarsi ad aprire più vie legali per i migranti africani. Lo spettacolo assomigliava in modo deprimente a un partito sconfitto che appone la propria firma su un documento di resa incondizionata.

Per quanto riguarda la migrazione legale, la situazione non è meno disastrosa. A luglio, la Meloni ha annunciato che, nei prossimi due anni, il suo governo avrebbe rilasciato quasi mezzo milione di nuovi visti di lavoro a cittadini stranieri. Prima della Meloni, ogni anno in Italia venivano concessi permessi di lavoro a circa 30.000 lavoratori extracomunitari; con la Meloni, questo numero è destinato a quintuplicarsi, fino a raggiungere i 165.000 nel 2025. Si dice che le misure siano mirate ad affrontare le carenze in aree specifiche del mercato del lavoro, come l’edilizia. Datemi pure del cinico, ma non credo che persone che avevano iniziato a lavorare al Colosseo prima della nascita di Cristo abbiano bisogno di specialisti provenienti dall’Africa per costruire abitazioni moderne e prefabbricate, necessarie solo per ospitare i migranti, dato che la popolazione italiana è in declino.

Suono e furia

Tutte le spacconate della Meloni sono state finora suoni e furori senza significato, inutili come un tweet di Trump. Ha assunto il suo posto al potere e si è imbarcata in un programma per accelerare tutto ciò che aveva promesso di bloccare. Il suo sarà uno dei tanti tradimenti dei politici europei, da Alexis Tsipras in Grecia a Boris Johnson nel Regno Unito. La Meloni ha rivelato che si accontenta di prendere ordini dall’alto, senza curarsi delle persone poco importanti che stanno in basso.

Qualcuno potrebbe sperare che la Meloni stia semplicemente consolidando la sua posizione, guadagnando tempo. Ma queste teorie degli scacchi 4D, come quelle tirate fuori per far fronte all’assoluta inutilità di Trump, Bolsonaro e tutti gli altri, non vengono mai confermate. L’Italia appare ora più che mai come un satrapia dell’Unione Europea, legata non solo ai suoi dettami fiscali, ma anche al suo abbraccio distruttivo e suicida dell’immigrazione di massa. Non è chiaro cosa faranno gli elettori di questo fiasco: non vale la pena di preoccuparsi del ritorno al potere della sinistra, che nella Meloni ha già un rappresentante capace. Le conseguenze potrebbero andare ben oltre la banale questione della politica di partito. Mentre la popolazione africana aumenta e il Medio Oriente è scosso da nuove guerre, la minaccia di nuove tempestose ondate migratorie non potrà che aumentare. Non è un eufemismo dire che, se non riusciamo a chiudere le nostre frontiere ora, il nostro destino è quello di diventare un Brasile continentale, con le favelas che, in futuro, si estenderanno in tutta Europa. Questo significa nessuna identità, nessuna radice, significa, per citare la Meloni, schiavitù.

Di Mario Laghos,  europeanconservative.com

Mario Laghos è analista politico, autore e redattore di Just Debate.

17.11.2023

Fonte: https://europeanconservative.com/articles/commentary/et-tu-meloni/

Traduzione di Costantino Ceoldo

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
172 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
172
0
È il momento di condividere le tue opinionix