Home / ComeDonChisciotte / ELEZIONI 2013, IL PIANO ANTIDEMOCRATICO SVELATO DA RUTELLI

ELEZIONI 2013, IL PIANO ANTIDEMOCRATICO SVELATO DA RUTELLI

«Bisogna evitare che Grillo prenda il premio di maggioranza». Rutelli ha confessato che c’è un piano antidemocratico per le elezioni 2013. Lo ha fatto con una faccia tosta che lascia sgomenti. L’ex ambientalista, ex margheritino, ex democratico, oggi capo di Alleanza per l’Italia (Api), rivela che i capi di Pdl (Berlusconi), Lega (Maroni), Udc (Casini) e i pochi parlamentari di Mpa, lo hanno convinto a votare il blitz che innalza al 42,5% la soglia del premio di maggioranza. Obiettivo: “evitare” che i milioni di cittadini, schifati dalla politica ladrona e dai tesorieri predoni come Lusi (che gestiva i fondi del partito di Rutelli) possono eleggere i loro rappresentanti in Parlamento. Cioè gli stessi cittadini.

Rutelli e i suoi compari non hanno l’onestà di ammettere che – quando dicono “evitare che Grillo…” – in realtà dichiarano “evitare che milioni di cittadini” prendano possesso delle istituzioni. Democraticamente. Partecipare a libere elezioni significa scegliere, come ricordava Marco Travaglio nell’ultima puntata di Servizio Pubblico. Quindi la banda politica che ha orchestrato l’ennesima porcata, compie un attentato alla Costituzione (cioè un reato), impedendo a un movimento politico – dato al 20% nei sondaggi – di vincere le elezioni. Siamo ancora in democrazia? Questo parlamento agisce ancora democraticamente o si è messo fuori dai pricipi costituzionali basilari?

A mio avviso di democratico non c’è più nulla…

Tratto da: Enzo di Frenna “Elezioni 2013, il piano antidemocratico svelato da Rutelli”

Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
Link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/11/07/elezioni-2013-piano-antidemocratico-svelato-da-rutelli/405541/
7.11.2012

Pubblicato da Davide

  • iltedioso

    C’era gia’ un articolo domenica scorsa su Repubblica a pagina 7 di Lopapa che diceva la stessa cosa

  • Mondart

    Sarebbe un autogol clamoroso che probabilmente darebbe atto ad una rivolta colorata. E’ ovvio che ormai non si possa prescindere dal M5S, diventato l’ elefante in salotto troppo ingombrante per poter essere ancora ingnorato.

    Come è ovvio che un’ unica mente stia materialmente predisponendo la possibilità di poter percorrere entrambe le strade: la “svolta” è una NECESSITA’ SISTEMICA, ancor prima che dei bistrattati. Quindi ripeto: meglio Grillo di una rivolta colorata, meglio col consenso che con la forza.

  • Arcadia

    la magistratura e la corte costituzionale dove sono?
    latitano?

  • haward

    No, aspettano gli ordini al telefono. A parte le serate dedicate alle riunioni conviviali con i politici, i giornalisti, gli ecclesiastici ed i mafiosi.

  • haward

    Meno male che c’è il Fatto Quotidiano a difendere la democrazia e la costituzione, naturalmente insieme a Grillo, Di Pietro, Ingroia ed il procuratore Grasso.

  • Arcadia

    una “guerra persa” prima che si inizi a combattere allora?
    Se l’elite è in correità al sistema , chi puo “salvarci” haward?

  • stimiato

    SE? Che ottimista sei…

  • Mondart

    Ma come Arcadia, “tu quoque” ?? L’ “uroburo” ( scritto giusto stavolta ? ) stesso ci “salverà”, ossia la solita dinamica problema > soluzione SISTEMICA. Il che ripeto, e me ne convinco sempre più, non è poi detto che sia la soluzione peggiore.

    Ma l’ opzione “pacifica” è lungamente preferibile, sia nell’ iter che nel fieri, ad una cruenta, e francamente spero che questa riportata nell’ articolo non sia che la “boutade mediatica” atta a portare ulteriore acqua al mulino di Grillo.

  • svenassel

    Rimango sempre della stessa idea: chi ha la “poltrona, corona, soldi e potere” non cederà mai democraticamente ad un popolo libero. Due le soluzioni che vedo, la prima una “bella” rivoluzione colorata sponsorizzata da soros e amici, la seconda, quella che preferirei è un bel periodo di lavoro straordinario per garrota, ghigliottina e plotone, con un bel po di ceste piene di teste di comando, con un bel fuggi fuggi generale dei corpi proprietari delle teste nelle ceste, e con saccheggiconfisca da parte dei perenni derubati, su tutto il territorio nazionale stile invasore barbaro.
    Allora si che sarei contento caro rutto.

  • Tao

    Scusate se non parlo di America, ma a costo di passare per provinciale vorrei che i miei tanti amici elettori e iscritti al Pd – bersaniani, renziani o altro, è lo stesso – questa mattina invece di alzare la bandiera di Obama riflettessero sul super pacco che gli hanno tirato ieri quelli che avevano scelto come futuri alleati, le famose forze del «centro liberale ed europeista» (!) con cui avevano deciso di governare.

    In parole povere: quel bel tomo di Rutelli – insieme appunto all’Udc – ha messo a punto un sistema di voto che portando al 42,5 per cento il premio di maggioranza seppellisce il bipolarismo e vorrebbe imporre di fatto un’alleanza Pd-Pdl-Udc anche al prossimo giro.

    Un Monti-bis, scrivono i giornali, ma non è detto che il professore sia disposto a imbarcarsi con la compagnia dei vecchi partitocrati famelici e arroccati, quindi forse un Passera-Casini, vedete voi: comunque una schifezza che piace ai sedicenti centristi (perché ne sarebbero il potente ago della bilancia) e soprattutto piace a Berlusconi – i cui voti sarebbero ancora indispensabili a tenere in piedi il governo – perché garantirebbe i suoi affari e le sue aziende, nonostante il crollo di consensi.

    Se il Pd avesse un orgoglio e soprattutto un’identità, dopo questo super pacco rovescerebbe il tavolo: mandando al diavolo quei tristi furbacchioni di Rutelli e Casini – avrebbe dovuto farlo già da molto tempo – e aprendo a una coalizione di contenuti anziché di sigle: diritti civili, diritti sociali, ambiente, precariato, riduzione della forbice sociale, legalità, guerra alla finanza selvaggia e all’evasione, welfare nordeuropeo, scuola pubblica, sanità pubblica, tagli alle spese militari, tasse sui ricchi secondo il modello Hollande.

    Probabilmente, in cinque mesi, scoprirebbe come per miracolo che più del 42,5 per cento degli italiani sarebbe d’accordo.

    Pazzesco, no?

    Alessandro Gilioli
    Fonte: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/
    Link: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/11/07/hanno-fatto-la-festa-a-bersani/
    7.11.2012

  • robotcoppola

    A dimostrazione, per quelli che continuano a percorrere le deliranti teorie complottistiche su grillo/casaleggio, che il M5S è il pericolo numero 1 per la casta e i poteri forti!

    Gli attacchi si stanno moltiplicando ogni giorno di più. Qualsiasi cretinata sul movimento diventa un problema di dimensioni spropositate.

    Ogni testata giornalistica di regime scrive quasi ogni giorno un articolo diffamatorio verso il movimento e così fanno le trasmissioni televisive mandando servizi di propaganda a favore dei partiti e contro il M5S.

    Non ci sono altre strade per cambiare il sistema , abbiamo solo questa a parte la rivoluzione, la quale non sarà mai una soluzione ma al massimo la sostituzione di questa elite con un’altra…

  • hobie

    Quindi, secondo te, le Rivoluzioni Usa, Francese, Russa e Cubana, per dirne solo alcune, non hanno prodotto cambiamenti locali e globali?
    Dovresti tornare a scuola.
    Nulla quanto le RIVOLUZIONI, ha mai fato avanzare il genere umano e mai come oggi ce n’è bisogno.
    Seolo che per fare le Rivoluzioni bisogna avere le palle, rischiare, sporcarsi le mani, mentre chi fa politica dalla tastiera o dal salotto non capisce nemmeno certe cose.
    Che pena vedere che, mentre il mondo cambia con la Primavera Araba e con Occupy, in questo Paese di merda (Luttazzi dixit) c’è chi resta ancorato a vecchi modi di pensare e ha paura dell’azione. sic.
    In questo Paese non cambierà mai niente. Ci serve sempre un capo al quale delegare e andare dietro…. prima il duce, poi lo psiconano mafioso, ora grillo. E domani?….

  • robotcoppola

    Sono cambiate le elite e quindi i PADRONI, sono invece rimasti gran parte dei problemi sulla popolazione di SCHIAVI, quella di cui tu, con la tua ridicola risposta, ne fai ORGOGLIOSAMENTE parte;)

  • oriundo2006

    4+2+5= 11 !

  • oriundo2006

    Certo. Ne fanno fede i ‘suggeritori’ ( ma più propriamente i ‘superiori’ ) dei ‘volti nuovi’ nell’agone politico: Grillo e Renzi, entrambi ben aiutati e sponsorizzati da chi secondo me vuole precostituirsi un ‘buen retiro’ al di là del Mediterraneo per ogni evenienza…

  • nigel

    Scusami: HUAHUAHUAHUA!!!!!!

  • nigel

    Il piano potra’ anche evitare che Grillo prenda i punti qualità , sara’ pero’ divertente vedere come si faranno passare i provvedimenti in parlamento. In ogni caso “il podesta’ straniero” e i suoi maggiordomi sanno bene che siamo molto, molto stanchi ( e non così fessi come sembriamo)

  • AssMazz

    Il PD è daccordo, fa solo il suo gioco di ruolo. A questo benedetto 42,5% nessuno può aspirare realmente, quindi farebbe comodo anche al PD che non ha alcuna certezza di essere il primo partito in italia. L’unico partito a poter superare tale soglia è solo il M5S, ammesso che gli italiani ci si mettano d’impegno…

  • ilsanto

    ma come si raggiunge il 42,5 % (pdl + lega + udc ) ? mi sembra strano !
    che grillo vada col pdl ? ancora peggio e allora forse PD + grillo ?
    Mi sembra che per fare il 42,5 ci voglia PDL + PD cioè tutti contro grillo pur di tenere la poltrona ? alla faccia dello sputtanamento ! potrebbe essere l’ultima elezione in Italia.

  • eresiarca

    Ah che bella una “rivoluzione colorata” guidata dalla Russia!

  • eresiarca

    magari!

  • massi

    L’unico obiettivo è quello di rendere il paese ingovernabile e convincere sempre di più l’opinione pubblica che non c’è alternativa a Monti.

  • rebel69

    Parlatene bene o parlatane male,purché se ne parli.
    Alla fine del tuo commento anche tu ci arrivi a capirlo che comunque io te e tanti altri domani continueremo ad essere sempre plebaglia.

  • rebel69

    Non ho molta intenzione di impegnarmi se scegliere uno nodo scorsoio o una gassa d’amante.

  • rebel69

    Noooo,ma va.I CEO delle più grosse banche d’affari e banche centrali del mondo,fondi d’investimento,i lobbisti che pullulano dentro la commissione europea,multinazionali che gestiscono da quello che mangiamo alle medicine che prendiamo alla musica che ascoltiamo ai programmi TV che guardiamo libri che leggiamo,che comandano le coalizioni di eserciti e servizi segreti che lavorano alacremente per esportare democrazia,costoro tremano perché di corsa e un po’ nuotando sta arrivando Grillo che svelerà la verità hai popoli oppressi e gli oppressori rischiano i lavori socialmente utili,forse la galera.È qua che Rutelli su precisi ordini dall’alto,così in alto che forse si tratta addirittura di marziani rettiliani,ha ricevuto l’ordine di mettere mano al porcellum per tamponare la volontà degli elettori,si perché gl’italiani stanno capendo,sono furbi e a primavera faranno finire il mondo per come lo conosciamo.Altro che Obama Romney.

  • rebel69

    Rutelli vede Grillo come un impiegato statale vedeva Brunetta.

  • yakoviev

    Si, ma Grillo o non Grillo, il premio di maggioranza era ed è una stronzata. Non è perche se ora c’è Grillo allora va bene. E poi la moda dei governi “tecnici” o gestiti da tecnocrati è venuta fuori a partire dagli anni 90, eppure prima c’era il proporzionale quasi puro, senza alcun premio, ma i governi erano pienamente politici. I governi di “larghe intese”, “tecnici” etc sono sempre stati, a dispetto del nome, frutto di una scelta politica, e in questa fase il governo Monti è frutto di un commissariamento da parte dei potentati economici-finanziari, non una necessità dovuta a determinati meccanismi elettorali sbagliati. Altrimenti si prendono per buone le balle che ci raccontano i commentatori di regime.

  • vraie

    Grillo : Che Guevara = Monti : Robespierre

  • rebel69

    Hai popoli senza H,somaro

  • Allarmerosso

    “Che pena vedere che, mentre il mondo cambia con la Primavera Araba ”

    Perchè quello cos’è il popolo che s’incazza ? ahahaha ….

    ” c’è chi resta ancorato a vecchi modi di pensare e ha paura dell’azione”

    porti come esempio di rivoluzione del popola la cosiddetta ” primavera araba” … (che sembra na serie TV ) e poi dici così agli altri ..
    scusa è .

  • nuvolenelcielo

    Ma quale piano antidemocratico? ma quale attentato alla costituzione?, cosa c’entra… il premio di maggioranza è una legge del parlamento e lo possono cambiare quando gli pare, ovvio che è una porcata e lo fanno per non far vincere un avversario (Grillo), ma sai che novità… tutte le leggi elettorali sono fatte per favorire sè e sfavorire l’avversario. Il misfatto quotidiano si occupasse dei veri attentati alla costituzione (vedi quello di Napolitano), invece di usare parolone a sproposito.

  • Highlangher

    Aho’, a rute’, senteme bbene: pliz vizit Burundi, ma restace pero’ !

  • haward

    Magari avessi la risposta, meglio ancora una super bacchetta magica. Non so e non credo che esistano un Salvatore o dei Salvatori- Redentori. La “salvezza”, intanto, ognuno se la deve costruire da sè cercando di ottenere informazioni corrette e veritiere su quanto accade nel mondo e sviluppando una propria indipendente capacità critica, smettendo di credere, più o meno fideisticamente, alle tendenziose verità pre confezionate che il sistema ci propina ogni giorno. Senza questo sarà sempre più notte fonda. Bisogna non dare nulla per scontato ed avere il coraggio di mettere(mettersi) sempre in discussione anche quelle che, fino al giorno precedente, sembravano verità acquisite. Questa, per me, è la conditio sine qua non. Tu, ad esempio, citi la magistratura. La magistratura in tutto il mondo, non solo in Italia, è un potere subordinato ed organico agli altri poteri. I Falcone ed i Borsellino, finiti come sai, sono le eccezioni non la regola. La regola sono i Caselli, i Grasso, i Brutti Liberati, le Bocassini. Loro non combatteranno mai il sistema perchè il sistema prevede che loro siano lì, ogni giorno, a difenderlo. Allora, sempre per restare nell’esempio, chi ti dirà che bisogna “fidarsi” della magistratura, di questa magistratura, ti starà ingannando.

  • Tonguessy

    Quoto

  • Giancarlo54

    Per una volta sono d’accordo con quello che ha detto Casini ieri, non è giusto che una coalizione che prende il 30% degli italiani che si recano al voto abbia il 55% dei seggi. Non so se Casini sia stato in buona fede e non mi interessa, ma quello che ha detto è giusto.
    Detto questo, se mi interessasse votare il sarei per il proporzionale puro senza nessun sbaramento e senza premio di maggioranza.

  • robotcoppola

    Continueremo ad essere plebaglia se continueremo a dividerci e fare il gioco di chi vorremmo estirpare, condizione NECESSARIA ma non sufficiente per un VERO cambiamento.

    Nel M5S io vedo una possibilità, non una certezza!

    Al contrario di una banale rivoluzione, dove il popolo tende a distruggere lo status quo SENZA AVERE UNA BENCHÈ MINIMA idea di come ricostruirlo, consegnadosi così in mano di altre correnti elitarie, il M5S ha un semplice programma di base su cui partire, dove gli obiettivi principali sono:

    1. creazione di regole etiche che impediscano la rigenerazione delle caste;

    2. creazione di un sistema pubblico basato sulla trasparenza;

    3. creazione delle basi per un’informazione INDIPENDENTE;

    4. creazione di una democrazia dal basso, dando al popolo il potere di decidere del loro destino;

    5. energie rinnovabili;

    6. interventi che possano sostenere il mercato interno, rendendoci meno dipendenti dall’estero;

    ecc ecc

    Per riuscire in questo IMMENSO RISULTATO dobbiamo lavorare tutti in modo COSTRUTTIVO. Prendendo come esempio persone come salvo mandarà che di sua iniziativa ha creato la TV 5 stelle, senza chiedere il permesso al “capo” … Altri attivisti, dotati di iniziativa, stanno testando delle piattaforme di voto liquid feedback. Lo stesso giancarlo cancelleri ne ha GIÀ utilizzata una per la scelta dei candidati in sicilia.

    Pertanto, smettiamola di seguire strade MASOCHISTICHE, tipo il NON voto, che saranno solo dei GRANDI REGALI al potere delle banche e della finanza in rotta di collisione con tutti gli obiettivi di BUON SENSO elencati sopra.

  • robotcoppola

    Attenzione, la soglia del 42,5% ha un senso dal punto di vista democratico, in quanto giustamente impedisce ad una esigua MINORANZA di governare il paese.

    Il problema però sta nelle MALA FEDE con cui questa gentaglia propone tale vincolo. Dovrebbe essere OVVIO a tutti che a questi personaggi interessa ZERO la democrazia: tale vincolo viene proposto SOLO per difendere le loro poltrone e creare le basi per un monti bis!

    Se tale modifica fosse stata proposta e messa in essere almeno 6 mesi fa, prima della minacciosa crescita del M5S, ora non saremmo qui a discuterne 😉

  • robotcoppola

    Al di là di grillo, se vogliamo ragionare per il bene del paese e non per interessi personali, la legge elettorale dovrebbe avere suppergiù queste caratteristiche:

    – scelta diretta di TUTTI i candidati;

    – PROPORZIONALE ;

    – soglia minima 1%;

    – max 2 candidature. Questo vincolo è importante per abbattere il problema del clientelismo. Bisogna impedire ai politici di fare le radici e quindi di creare reti di potere personalistiche!

    – candidabilità solo per chi non ha subito condanne, anche di primo grado, soprattutto per reati come corruzione/truffa/peculato/abuso d’ufficio ecc. (altri come ingiuria/diffamazione potrebbero essere esclusi dalla lista…)

    – PICCOLO premio di maggioranza al partito o alla coalizione vincente (max 10 deputati e senatori);

    – elezioni valide se e solo se i voti validi sono superiori al 70% degli aventi diritto, in caso contrario nuove elezioni con rinnovo di almeno il 50% dei candidati;

    – ballottaggio nel caso non ci sia una maggioranza del 50%+1 al primo turno.

    – Anche in caso di ballottaggio i voti validi devono essere superiori al 70% degli aventi diritto, altrimenti nuove elezioni.

    – elezioni della camera e del senato ogni 4 anni, intercalati in modo che ci siano prima le elezioni della camera dei deputati e poi dopo 2 anni quella dei senatori. Questo sistema permette ai cittadini di rivedere le proprie scelte e quindi premiare o punire le coalizioni al governo o all’opposizione.

    P.S.: Il vincolo sui voti validi spinge i partiti ed i movimenti a mettere in campo persone CREDIBILI e non pupazzi telecomandati dai poteri forti come accade attualmente.

  • rebel69

    io mi auguro con tutto il cuore di sbagliarmi…

  • RicBo

    ma piantiamola di dare voce a giornali di finto antisistema come IFQ, altro non sono che la voce del regime prossimo venturo.

  • redme

    ..la seconda che hai detto…magari arruoliamo Porta e Fratellino.

  • Kvas

    A bhé, allora si che siamo a cavallo…

  • Kvas

    Appunto.

  • ProjectCivilization

    Il PD e’ il partito di Monti e soci .

  • Giancarlo54

    Ovviamente.

  • Saysana

    Se seguissi un minimo d’informazione vera sul M5S non scriveresti certe cose (“Grillo” con PDL o PD-L, da sganasciarsi).

    Il movimento finora e’ stato coerente con cio’ che ha sempre detto, le alleanze le fanno gli altri.

    E gia’ che ci siamo una domanda ai tanti che, tra supponenza e poca umilta’, parlano del M5S come se fosse un gruppo di rimbecilliti con chissa’ dietro chissa’ quali forze maligne, secondo voi cosa si dovrebbe fare (lasciando perdere rivoluzioni e ammenicoli vari) per ripulire questa latrina maleodorante che sta diventando l’Italia?

    Ho gia’ posto questa domanda parecchie volte ma, chissa’ come mai, non ho mai ricevuto risposta.

  • mincuo

    A me non me ne frega niente, e nemmeno me ne intendo, ma a occhio e croce se c’era uno a cui sarebbe convenuto mantenere e pure aumentare magari il premio di maggioranza quello era il PD, se avesse voluto governare.

  • BaronCorvo

    Infatti. Così rendono impossibile una maggioranza e si va al Monti due.