Home / ComeDonChisciotte / E ORA, CHI PAGA ?

E ORA, CHI PAGA ?

DI FELICE CAPRETTA
informazionescorretta.blogspot.com

Euforiche le borse mentre scriviamo rimbalzano tutte in area positiva.
Il comportamento ricorda il paziente maniaco-depressivo, probabilmente non a caso.

Le borse stanno rimbalzando perchè ieri, nel cuore della notte e dopo 14 ore di riunione, l’Ecofin ha partorito le misure di salvataggio della zona euro.

Si tratta di poco più che una grida manzoniana.

Il programma di salvataggio vale 720 MLD EUR, praticamente un trilione di dollari.

Anche se…guardando nel dettaglio la decisione dell’Ecofin, ci ricorda improvvisamente di qualcosa di già visto su due fronti: da una parte, ricorda molto da vicino il TARP di Hank Paulson, ex Goldman Sachs, all’indomani del crollo di Lehman Brothers. Dall’altra, ci ricorda il salvataggio in extremis delle sponde greche fatto dall’Unione Europea.

Si tratta in pratica dell’impegno da parte degli stati a sborsare 440 MLD EUR, più 220 MLD EUR da parte del FMI, più qualcosina dalla Commissione Europea. Più, l’impegno della BCE ad acquistare titoli di stato dei paesi in difficoltà.

Tre cose:

1) Gli accordi sono da definire, come per la Grecia, su base bilaterale.

Vale a dire che, se il Portogallo affonda, ci saranno Italia e Germania e Francia etc che presteranno soldi al Portogallo. Non c’e’ una istituzione o un fondo unico che si occupa dell’erogazione degli aiuti.

Fortunatamente non ci sarà, dunque, un altro capobastone con un enorme potere che esercita con i soldi dei cittadini europei.

Questo, per contro, è foriero di una generalizzata lentezza di erogazione dei salvataggi in caso di necessità (mettete daccordo 8 stati, se ci riuscite). Se credete nell’euro, questa lentezza di risposta è uno svantaggio. Se non credete nell’euro, è un vantaggio.

2) E ora, chi paga?

Il più grosso dubbio che ci attanaglia è il solito: visto che nessuno ha spiegato da dove spunteranno questi 440 e passa mila miliardi di euro, dobbiamo presumere che arriveranno da altro debito. La qual cosa, come ormai sappiamo, consiste nel scavare una buca più grande per coprire una buca più piccola.

Prima o poi tutti i nodi vengono al pettine.

3) E ora, chi stampa?

La BCE, contravvenendo al principio del Trattato che sancisce la proibizione di prestiti dalla BCE agli Stati Membri, si impegna ad acquistare titoli di stato e obbligazioni dagli stati e dalle aziende a rischio dell’eurozona.

Il che ci riconduce all’affermazione precedente: e ora, chi paga?

La BCE percorre la folle strada già percorsa dalla Fed di Bernanke: stampare denaro, tanto denaro. Che tanto, finchè l’economia rallenta e va in deflazione e le banche non prestano, non c’e’ il rischio di avere immediatamente iperinflazione.

E’ così, è la solita ricetta già vista.

Un’economia affossata dal debito, in crisi di debito, a cui viene addossato altro debito. Solo un modo per rimandare in là di qualche ora cio’ che è inevitabile, e peggiorare ed ingigantire il botto finale o la lunga discesa senza freni.

I mercati festeggiano l’Unione che rimette nel congelatore la cena già decotta, congelata nel 2008, scongelata più volte passando per Dubai, e poi ricongelata, infine scongelata settimana scorsa con un odore di marcio che non si sa.

Mai ricongelare una cosa scongelata, lo diceva sempre la mamma.
Perchè nel frattempo continua a marcire, e quando si scongela è da buttare.
Certo, mentre è lì nel freezer sembra normale.

Fino a quando non si scongela di nuovo
Fino a quando la corrente non salta.
Fino a quando…
Fino a quando…

Finchè dura.

Saluti felici

Felice Capretta
Fonte: http://informazionescorretta.blogspot.com
Link: http://informazionescorretta.blogspot.com/2010/05/euforiche-le-borse-mentre-scriviamo.html
10.05.2010

Titolo originale: “Ecofin, i risultati “

Pubblicato da Davide

  • ascanio

    Sono riusciti a instaurare un fondo di 720 miliardi di Euro!
    Le banche ringraziano vivamente il generoso e gentile popolo benefattore che permetterà loro così di ripagare le grosse masse di scadenze ai loro “fedeli investitori” per i loro spericolati, ma necessari, “piani di lancio” delle economie ( le loro tasche) sparse per il mondo…
    Lo stesso sciagurato, privo di valore ed efficacia, movimento che ha avvallato Mr president Scipione ( l’africano o afro-americano) appena ha iniziato il mandato dalla precedente amministrazione dell’altro demente venduto.
    Non ha però risolto a quanto pare il problema della crisi se siamo giunti a ciò. A quanto parrebbe.
    I posti di lavoro non sono aumentati. Se immettono strategicamente contratti a tempo determinato (che durano qualche mese) temporaneamente per alzare i tassi di percentuale per le agenzie di statistica che rassicurano il popolo e lo mettono tranquillo che “tutto va bene”, se falsano i dati dei bilanci delle grosse società, se manomettono e manipolano i mercati azionari con dei sofisticati software ( inventati in origine per combattere il problema che invece stanno creando), non significa che il tanto agognato fondo sia riuscito a rilanciare l’economia….
    Mi sono scordato: se controllano i media e pure il clima…..
    Tutto sommato, per essere morbidi, non ha prodotto nessuno risultato positivo. Almeno per il popolo fiducioso s’intende. Il popolo che con la mano nel cuore, senza il benché minimo segno di esitazione, ha acconsentito di pagare più tasse, di ridurre drasticamente il suo tenore di vita, di dovere subire penurie a tutti i livelli nei servizi pubblici e sanitari, “dando” il suo si incondizionato nella creazione del fondo di salvataggio…
    Ma perché, mi chiedo, insistono tanto in questi piani di salvataggio per salvare le banche???
    Non è che desiderino portare via fino all’ultimo centesimo e impoverire tutto e tutti per poter stabilire un organismo di controllo centralizzato e dominare tutto il pianeta, previo chiaramente dopo l’averlo un po’ alleggerito così il petrolio ritorna ad essere ancora per un po’ sostenibile?
    Ma poi c’è sempre l’Iran (mi scordavo di nuovo) che ne possiede molto e anche tanto gas e che non vede l’ora di accogliere le truppe anglo-sion-americane che vengono a “contrattarlo” con delle “penne a sfera” speciali e dei bei mezzi di “rappresentanza” aziendali che “colpiscono” proprio l’occhio anche quello distratto e anche pure quello di un sordo girato dalla parte opposta! (se si trova nelle vicinanze)
    Bisogna ammettere che lo “sfarzo” abbonda proprio nelle loro culture!
    Il morto sanguinante ormai entrato in coma si concede delle grosse quantità di morfino-simili per “viaggiare” meglio verso l’aldilà…
    Maleledetti banditi!
    L’iperinflazione disintegrerà irreversibilmente il sistema!
    Ben fatto!
    Grazie signori banchieri!
    Vedo questo fondi di salvataggio come un’immensa scialuppa di salvataggio che accoglie tutti i passeggeri della nave-sistema che affonda e li salva da una morte imminente….ma la scialuppa è colma di serpenti e scorpioni velenosissimi…..
    La scelta è ovvia…

  • idea3online

    Apprezziamo la volontà, certamente non critichiamo ogni scelta dei Governi, però siamo consapevoli che i bond in giro per l’occidente sono 130.000 miliardi come leggiamo in (http://informazionescorretta.blogspot.com/2010/05/ecofin-ancora-in-corso.html). I derivati sono circa 750.000 miliardi. Perciò potete capire che anche se apprezziamo le buone intenzioni della BCE purtroppo 700 miliardi non possono sanare i 130.000 miliardi o peggio ancora i 750.000 miliardi.

    Solo una IPERINFLAZIONE potrà fare tornare il PIANETA dalle Stelle alle Stalle!

  • IVANOE

    E’ solo e soltanto propaganda. In realtà non faranno nulla, non stamperanno, nno costituiranno nessun fondo.In realtà manderanno a fondo piano piano tutti i cosidetti PIIGS senza pietà.
    E’ tutto pianificato per costruire la famosa europa a doppia velocità.
    Il gruppo principale dei benestanti : germania, francia, olanda, belgio, lussemburgo ( e i paesi scandinavi che parteciperanno alla nuova unione ).Il secondo gruppo dei poveracci tutti gli altri più chiaramente noi.
    Il salvataggio ed il benessere assoluto sarà lasciato solo alle attuali caste sociali che in uno scenario di messicanizzazione della fase due della UE vivranno blindati nelle loro oasi di ferro e cemento.
    Per il popolo di seconda,terza e quarta classe europea solo lacrime sangue, fame e manganellate.
    Lo scopo della UE è questo.Il razzismo sociale è decuplicato perchè un’europa fondata sui privileggi che chi ce lì ha li manterrà con l’egoismo e la forza non può dare frutti democratici e solidali a tutti gli altri.In sostanza chi stà bene non pensa a chi stà male… lo vedremo con le prossime modifiche del trattato di Maastricht…. ossia la divisione economica dei paesi europei…

  • AlbertoConti

    130.000 sono i miliardi di debito aggregato di Stati Uniti, area Euro, Gran Bretagna, Giappone e Canada (pubblico e privato), pari al doppio del PIL mondiale, dice Capretta. 750.000 miliardi è il valore dei derivati circolanti nella borse, dice qualcun altro. Ma già qui non si capisce tanto bene se comprendono anche i titoli scambiati OTC, con quanto effetto leva siano stati comprati, che grado di convertibilità abbiano, ecc. Ma alla fine quanti soldi ci sono in giro per il mondo, denominati nelle varie valute? Di preciso non lo sa nessuno, ma è certo che questi “soldi” potrebbero comprarsi il mondo intero più volte, un abominio incompatibile col motivo originario della loro invenzione creativa. E che sono molto mal distribuiti. E che i pochi che ne hanno la maggior parte sono dei fottutissimi ladri, i maiali della finanza e della moneta, appunto. E allora che problema c’è? Mettiamo tutta questa montagna di credito fuori legge e facciamola finita, si ricomincia da zero!
    Altro che fine dell’euro, vogliamo subito la fine di tutta la moneta-debito privata, nata privatamente e rubata continuamente dai migliori nell’arte del delinquere senza infrangere leggi (o quasi, un quasi facilmente acquistabile con le briciole del malloppo). Pare ovvio che gli stessi soggetti associati nel delinquere abbiano già acquistato beni immobili e strumentali dell’economia fisica, popolata da miliardi di schiavi alle loro dipendenze. Che non basti azzerare i debiti e rifondare la moneta?

  • daveross

    1) Gli accordi sono da definire, come per la Grecia, su base bilaterale.

    Non é vero. Basta leggere il comunicato ECOFIN http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/en/ecofin/114324.pdf

    2) E ora, chi paga?

    Noi dell’area Euro. Stando alle cifre circa €1.555 a testa.

    3) E ora, chi stampa?

    Neesuno, perché la BCE acquisterá dagli Stati Membri i titoli e allo stesso tempo rivenderá suoi titoli sul mercato secodario (detto dalla BCE:’To adopt a fixed-rate tender procedure with full allotment in the regular 3-month longer-term refinancing operations (LTROs) to be allotted on 26 May and on 30 June 2010′)

    In pratica si trasferirá il costo del salvataggio di uno stato dal livello nazionale a livello Europeo. La cosa su cui bisogna essere chiari qui é che non si stá salvando Lehman Brothers, ma la Grecia e la sua gente.

    Vorrei vedere in questo sito piú contro-informazione che disinformazione.

  • brumbrum

    bisognerebbe cambiare l’uomo, altro rifondare monete o azzerare i debiti

  • AlbertoConti

    C’è chi nasce con la camicia e chi nasce coi debiti. E tu salveresti il secondo comprando il suo debito? Anzi no, facendolo comprare da altri indebitati? Brillante, non c’è che dire, vero “socialismo” nell’isola degli schiavi. Qui si sta salvando il sistema BCE, anzi lo si sta aggravando, condannandolo ad una morte ritardata ma ben peggiore, tal quale gli USA dei maestri bancarottieri. Almeno quelli, forse, mostrano i primi segnali di reazione, ad incazzarsi con Obama, almeno si spera, perchè dalla nostra parte dormono ancora tutti, tranne i greci.

  • Kerkyreo

    Sono nato per mia forutna in una buona famiglia dove i valori venivano prima di ogni altra cosa. Sono cresciuto nel rispetto delle persone ma soprattutto nel rispetto del prossimo. I miei genitori hanno fatto molti sacrifici per concedermi la possibilita’ di studiare e di avverare i miei sogni. Non ho mai rubato o fatto compromessi oppure partecipato a concorsi pubblici truccati o copiato ad un esame!! Ho sempre cercato di ottenere cio’ che volevo con le mie forze ma soprattutto rispettando il prossimo e cercando di mantenere una pulizia morale interiore che mi potesse fare da guida nella vita( questo e’ veramente importante). Non ho mai messo i piedi in testa o vissuto sulle spalle di altri.
    Quindi ora mi chiedo perche’ IO devo pagare i debiti di una nazione fatti da coloro che governano e che gestiscono la fitta rete mafiosa che attanaglia gli stati? Perche’ devo pagare IO per le cagate fatte dalle banche e dai loro azionisti? La banca e’ un’azienda privata e con cio dovrebbero prima requisire tutti i beni degli azionisti e poi venire a bussare alla mia porta!!!! Perche’ devo accollarmi IO il fardello di un sistema marcio che premia i corrotti e i ladri? Debito pubblico non significa che e’ di tutti perche io e la maggior parte della gente non ne siamo responsabili! Io non voglio pagare i LORO debiti e sono gia’ sceso in piazza a Corfu(Grecia) a protestare! La gente non ce la fa piu! Basta pagare per sti stronzi(tao mandami il msg per il linguaggio volgare). Quindi qui non si tratta di salvare il popolo greco piuttosto di quello italiano, qui si parla di parare il culo ai signori che ci hanno schiavizzato economicamente e che vivono sulle nostre spalle!!! Possono dire quello che vogliono ma a me questo sistema non va bene! E a Voi? Sietem favorevoli a pagare i loro debiti? Io no!

  • A_M_Z

    perchè sei uno schiavo tale e quale a tutti noi 🙂

  • A_M_Z

    Tra l’altro è proprio per rimborsare gli azionisti o investitori che nasce il problema.

    Se io faccio un mutuo e non riesco a pagarlo mi sbattono fuori di casa se uno Stato si fa prestare denaro da cittadini e investitori poi OPS!! si accorge che gli sono serviti per aumentare a dismisura la spesa pubblica a fondo perduto (per far lavorare parenti cugini e mafiosi – costruire ospedali funzionanti mai!) e non può restituirli allora eeeeeeeeeee aaaaaaaaa

    non li abbiamo! attaccatevi al cazzo. Se falliamo va tutto in merda quindi zitti plebei, schiavi, sudici animali!

  • daveross

    A me non pare che la Grecia sia ‘nata con i debiti’. Piuttosto la situazione in cui versa adesso è il risultato di una falsificazione del bilancio e di una sfrontata politica economica interna. Insomma, è colpa del governo greco l’aver fatto quello che gli veniva suggerito dai suoi ‘consulenti finanziari’ d’oltre oceano.

    Poi, per salvare la Grecia ci sono due soluzioni. La prima sta nel dire: “ragazzi, siamo in default e non paghiamo i debiti”–> Argentina.
    La seconda nel ristrutturare il debito e passarlo in sede centrale europea. Non è vero che il debito verrebbe comprato da altri indebitati ma verrebbe assorbito da tutti i soggetti dell’area euro (vale a dire NOI). Personalmente non ci vedo nulla di male nel fatto che il problema venga risolto a livello centrale. Il problema è individuare CHI è questo ente centrale. Questo non è ben chiaro, tranne il fatto che sarà un’istituzione non democratica (BCE, Commissione con l’apporto del Consiglio).

    Infine volevo rimettere in evidenza il succo del mio commento sopra. Criticavo il fatto che l’articolo dava delle informazioni sbagliate e che gli editori di CDC dovrebbero essere più attenti.

  • AlbertoConti

    “Non è vero che il debito verrebbe comprato da altri indebitati ma verrebbe assorbito da tutti i soggetti dell’area euro (vale a dire NOI)” Già, NOI abbiamo “solo” 1.800 miliardi di nostro debito, in percentuale sul PIL più o meno come i greci. Ma trovamene uno dell’area euro che non sia indebitato come Stato, per non parlare degli USA e del UK! E’ il sistema in default, per pilotato e ritardato che sia. Questi 720 miliardi sono un altro passo avanti nello schema di Ponzi della moneta. Più va avanti e più il default si fa incombente.

  • AlbertoConti

    Purtroppo in democrazia siamo tutti responsabili dello Stato, anche quando è condotto male, da rappresentanti votati da un branco di pecoroni rimbesuiti dalle TV del “premier”. Dobbiamo incazzarci tra di noi! Questa è la beffa dopo il danno. Ogni paese UE ha i governanti che si merita, e non se ne salva uno!

  • nautilus55

    Perché le Borse festeggiano? Perché hanno la certezza che l’hanno fatta franca per l’ennesima volta, schiaffando nel didietro a noi tutti quei soldi.

  • Kerkyreo

    Solitamente sono d’accordo con quello che scrivi , ma ora no! I rappresentanti che abbiamo sono quelli che vogliono loro, i papponi del sistema, i reali, i banchieri o chiunque altro.Sto parlando di coloro che controllano, manipolano e gestiscono l’economia, e lo sappiamo tutti che le elezioni sono finte e che la nostra liberta’ di scelta e’ solo fittizia. Se creo un movimento che si oppone a costoro o che perlomeno gli intralcia la via allora mi fanno fuori. Questo perche’ loro sono la mafia. Punto. Daltronde tutti sappiamo come vanno le cose, tutti sappiamo che la mafia e’ ovunque, in qualsiasi settore o segmento del mercato, in qualsiasi istituzione e se ricordi bene qualcuno provo ad opporsi ma fu annichilito e ammazzato! Ecco perche’ abbiamo i debiti, non certo per una maldestra gestione dello stato! La mafia nelle sue molteplici facce e’ ovunque, in tutti gli stati ed io mi voglio opporre a questo!Qui in Grecia le cose non vanno male perche’ i greci non vogliono lavorare, qui le cose vanno male per le stesse ragioni che ci sono in Italia, Spagna , Francia eccetera eccetera!!! Forse non cambiera’ niente, ma perlomeno mi guardo allo specchio e so di essere vivo! .Ciao

  • Zret

    Ciclotimia? No! Un piano ideato ed attuato verso…

  • LAZZARETTI

    Filantropi…. ah..ah..ah..
    Semplicemente ricattatori.
    25 mld o 1000 mld per Italia non cambiano
    nulla, il problema e’ chi li gestira’.
    E poi che cambiera?
    Nulla, allunghera’ solo l’agonia.
    La soluzione migliore: niente soldi, basta espellere
    certi abusivi italiani , tagliare certi cordoni ombelicali
    e rimboccarsi le maniche.
    L’unico cosa di cui abbiamo bisogno e’ tranquillita’.
    E siamo qui a commentare l’ennesima porcata.
    che dio ce la mandi buona.

  • Zret

    In realtà è CREDITO, non DEBITO.

  • Zret

    Hai in gran parte inquadrato il problema.

  • ascanio

    bene kerkyreo, hai l’idea chiara delle cose. Mi trovo completamente. Peccato che siano pochi….
    Io ho azzardato 3 mesi di vita da ora al sistema.
    Forse durerà di più.
    Ma quello che mi fa pensare proviene dai dati dei mercati: oggi, il nostro solo indice ha fatto oltre l’11% di positivo si intende. Unicredit + 21,06%, altri istituti bancari e assicurativi tra il +17 al 19%. Questo significa che i guadagni con sistemi di trading con le leve alte sono impressionanti!! Quel credito complessivo deciso per il salvataggio degli stati in difficoltà d’Europa pari a 720 miliardi di euro, è una briciola in confronto ai guadagni di questo solo giorno!! Capisci che intendo??
    Siamo nella cacca…..
    Ciao

  • cirano60

    Sembra di vivere in un delirio nel quale si è perso il senso del reale , si sparano delle cifre iperboliche 2 milioni di miliardi delle vecchie lire e nessuno sente un pò di pudore nel dire tali spropositi. Questi non sono soldi veri perchè non esistono dal punto di vista fisico e allora sono solo voci di scrittura contabile messe lì per registrare un credito fasullo, infatti come si fà ad essere creditori e debitori di se stessi? .

  • Tonguessy

    “Perche’ devo pagare IO per le cagate fatte dalle banche e dai loro azionisti?”
    Perchè siamo in democrazia, e hai avuto la possibilità di votare e quindi eleggere chi meglio ti poteva rappresentare. Se viceversa non hai avuto la forza di eleggere i tuoi rappresentanti o, peggio, non hai manco votato, non puoi pretendere nulla. Il gioco è proprio questo. Prendere o lasciare. Se prendi devi accettare di pagare, se invece lasci sei costretto a pagare. Scegli tu…

  • Tonguessy

    La prossima volta che cago guardo bene nel cesso cos’è uscito fuori. Sai mai…

  • bstrnt

    Quale democrazia? Cosa si intende oggi per democrazia?
    La democrazia dovrebbe avere delle fodamenta imprescindibili: la dignità, la cultura, l’informazione.
    C’è qualche Diogene che col lanternino è riuscito a trovarle in questa Italia?
    Comunque se ci può consolare sia reggenti i Savoia che sotto il fascismo a pagare sono stati sempre i poveracci, anche senza votare!

  • ventosa

    “Non è vero che il debito verrebbe comprato da altri indebitati ma verrebbe assorbito da tutti i soggetti dell’area euro (vale a dire NOI)”.
    Scusami, non sono un esperto di economia. Nel concreto, puoi spiegarmi qual’è la differenza? Se io, indebitato, “assorbo” il parte del tuo debito non essendo nelle condizioni di ripianare il mio, non aumento il mio debito? A casa mia, prima o poi, verrà qualcuno a pignorarmi i mobili, o mi conviene continuare ad impegnare gli anelli di nonna al monte dei pegni?
    Saluti.

  • Tonguessy

    Ma era tutto un discorso ironico il mio! Rileggiti il finale democratico:
    Prendere o lasciare. Se prendi devi accettare di pagare, se invece lasci sei costretto a pagare. Scegli tu…
    Mah, a me pareva chiara l’ironia…..

  • ascanio

    La mia idea si basa sul fatto che, principalmente, la produzione e il picco del petrolio mondiale è stato raggiunto nel 2008. Da lì, tenendo presente che la nostra civiltà è basata e gira essenzialmente su di esso e che l’aumento demografico continua a crescere insieme alla domanda di cibo, acqua e ovviamente energia, il progetto dell’elitè sarebbe quello di ridurre la popolazione mondiale e portarla a meno di 2 miliardi (come sostiene Lyndon LaRouche) rendendo così sostenibile il petrolio rimasto. Vorrei capire come si articola la tua analisi sul fatto di creare un europa a 2 velocità. Mi puoi spiegare meglio? Sostanzialmente pare diciamo la stessa cosa alla fine. Il fatto si spiega dal momento che la penuria che si instaurerà creando la doppia europa porterà a tempi molto duri e quindi si arriverà ad una scremazione obbligatoria per forza di cose.
    Ti ringrazio in anticipo.
    K.

  • AlbertoConti

    La mia era una provocazione, e voi 2 avete risposto. Grazie. Ma il senso della provocazione non è stato colto. Il senso è che sentirsi diversi e impotenti o martiri non serve a niente, se non a isolarsi nell’impotenza, appunto. Il senso è che occorre fare un passo in più, riconoscere il problema di fondo come nostro, anche personale, nel senso che le stesse logiche che combattiamo hanno un fondamento in ognuno di noi, e il campo di battaglia è dentro come fuori noi stessi, anzi prima dentro e poi fuori, fino a quando il “vaffanculo” generalizzato non si trasforma in costruzione alternativa e positiva. Certo la vecchietta sola con la TV accesa dal mattino alla sera sarà difficile da recuperare, ma per il resto c’è un mare di lavoro che ci attende.
    (o seguito Gad Lerner ieri sera e un vaffanculo ci stava proprio bene …. che siamo nella cacca non ci piove)

  • AlbertoConti

    Non di se stessi, il trucco è tutto qui, separare pochi creditori da molti debitori, tutta questa “economia” non ha altro scopo. Chi ha un minimo senso della società dice basta!

  • Kerkyreo

    esatto!

  • AlbertoConti

    Questo è sottinteso, dove per uomo s’intende ogni individuo, a cominciare da noi stessi. Il resto viene di conseguenza. E’ sulle ipotetiche conseguenze di un “risveglio” generale che mi stavo interrogando, a proposito della “proprietà privata”, un concetto mostruoso al quale siamo tenacemente affezzionati come le caramelle per un bambino, confondendo appunto la caramella con le ricchezze da mille e una notte in mano a pochissimi superladri.

  • brumbrum

    Si hai ragione si tratta esattamente di un concetto mostruoso. Veniamo al mondo nudi e lo lasciamo nudi, ma sono in pochi a rendersene conto. Invidio quei popoli che non avevano idea di cosa fosse la proprietà privata, salvo che per qualche oggetto personale. Purtroppo questi li hanno tolti di mezzo tutti o quasi. Sono pessimista non credo in un possibile risveglio, a mio avviso la strada intrapresa dai nostri avi è senza deviazioni e indietro non si può andare……

  • airperri

    uno dei commenti migliori che abbia mai letto o sentito, (internet, libri, caffe’, per strada, ecc.. ) in assoluto.
    In inglese avrei scritto ‘one of the best line ever !