Disordini in Iran: un altro tentativo di colpo di stato della CIA?

Con una lettera di uno studente iraniano a Stephen Zunes

 

Kevin Barrett – substack.com – 11 ottobre 2022

 

Il professor Stephen Zunes, una voce di relativa ragionevolezza e moderazione su alcune questioni mediorientali, ultimamente sta funzionando come propagandista de facto della CIA, twittando immagini made-in-Langley che descrivono l’attuale sforzo di destabilizzazione degli Stati Uniti in Iran come una protesta interna di povere donne oppresse che odiano il codice di abbigliamento della loro cultura. In realtà, le controproteste dei sostenitori della Guida Suprema, della Repubblica islamica e del suo codice di abbigliamento non occidentale, sancito dalla religione, hanno portato per le strade folle molto più numerose – folle piene di donne musulmane orgogliose di indossare l’hijab – di tutte le proteste e le sommosse provocate dagli Stati Uniti a favore dell’Occidente. Ma le grandi manifestazioni pro-Islam sono ignorate dai media occidentali, mentre quelle anti-Islam, molto più piccole e finanziate dalla CIA, ottengono tutta la copertura.

 

 

Stephen Zunes presumibilmente non solo vuole abolire i codici di abbigliamento islamici, insieme a gran parte del resto della religione dell’Islam, il che lo rende partecipe di un genocidio culturale, ma probabilmente appoggia anche i maniaci che stanno facendo il lavaggio del cervello ai bambini americani per indurli a dubitare del loro sesso di appartenenza, in modo che possano essere sottoposti a mutilazioni sessuali, il tutto in nome della “tolleranza” e della “diversità”. L’Ayatollah Khomeini e ora Vladimir Putin hanno ragione: l’Occidente è posseduto da Satana e anche la maggior parte delle sue persone relativamente ragionevoli sono possedute dal demonio nel loro odio fanatico per la religione tradizionale e i valori della famiglia.

Di seguito una breve lettera a Stephen Zunes da parte di uno studente dell’Università di Teheran.

 

Una breve e spontanea lettera al professor Stephen Zunes

Da Hamed Ghashghavi, Università di Teheran

Il problema degli Stati Uniti sono questi accademici che da anni pretendono di lavorare e scrivere sull’Iran e tuttavia non hanno alcuna comprensione di come funziona la società e le sue varie e complesse classi. Vivo a Teheran dal 2013 e so che non è affatto facile analizzare la nazione nel suo complesso, eppure alcune persone come voi usano la parola “popolo/popolare” senza avere alcun contatto con la realtà sul campo, ma subendo solo il lavaggio del cervello da parte dei media. Sono uno studente dell’Università di Teheran e ho assistito da vicino a ciò che voi pretendete di ottenere da filmati dubbi e selezionati (dalla CIA ecc.). Sono uscito la settimana scorsa (domenica) con mio fratello minore (scuola superiore). Un’enorme manifestazione a Teheran. La gente è scesa in strada per sostenere lo Stato, eppure voi chiamate alcuni rivoltosi “il popolo” perché avete visto clip di propaganda prefabbricate sui social media LOL. Perché? Perché i raduni a favore della Repubblica islamica, molto più grandi degli altri, non sono coperti dai media tradizionali dove vivete.

Perché tutti questi tentativi di cambio di regime non hanno mai funzionato?

Mi riferisco allo spionaggio dall’ex ambasciata statunitense (ci sono andato con l’ex funzionario della NSA Wayne Madsen, che è rimasto sorpreso dalla modernità del sistema di spionaggio utilizzato nell’ambasciata e ha detto “questo era l’apparato di spionaggio più sofisticato all’epoca conosciuto negli Stati Uniti”). Poi 8 anni di armi chimiche a Saddam, sanzioni, assassinio di scienziati nucleari iraniani, spesa di miliardi per sponsorizzare il MEK e altri mercenari come Masih Alinejad, ecc.

Dite ai vostri amici della CIA che il motivo per cui tutto ciò che hanno fatto all’Iran sin dal rovesciamento del governo nel 1953 non ha funzionato è che non capiscono la complessità della società iraniana.

Mettendo da parte le guardie rivoluzionarie, l’esercito e il Basij, immaginiamo, nel peggiore dei casi, che solo il 10% degli iraniani sostenga la Repubblica islamica e sia pronto a difendere lo Stato e la Guida fino all’ultimo minuto della propria vita. Ciò significa che gli agenti pagati dalla CIA non hanno altra scelta che massacrare almeno 8 milioni di iraniani. Si noti che le persone che sono scese in strada per dimostrare la loro solidarietà con la Guida non erano membri dell’IRGC, né dell’esercito o del Basij, ma persone molto comuni (la classe media, come la chiamate negli Stati Uniti). Non è facile liberarsi di loro, caro Steve.

Non solo per l’Iran, ma per tutto il Medio Oriente, credo che la ragione principale del fallimento delle trame dei funzionari statunitensi nel corso degli anni sia che sociologicamente e psicologicamente non capiscono come funzionano le diverse parti di queste società. Persino io, come iraniano, se non seguo l’Iraq nei dettagli non potrò mai avere una chiara comprensione della sua società. Nel frattempo alcune persone a Washington, Parigi o Londra, che non hanno legami realistici con i cittadini che vivono lì, scrivono libri e articoli. Buona fortuna.

D’altra parte, sono assolutamente d’accordo sul fatto che la costituzione iraniana preveda che la gente possa manifestare pacificamente. Ma i mercenari pagati dal vostro governo impediscono agli iraniani di esercitare questo diritto, intervenendo invariabilmente e non lasciando che questi movimenti sociali siano completamente indipendenti. Quindi, il sostegno del Presidente della Repubblica, dei leader occidentali e dei servizi segreti ad alcuni movimenti sociali, e la loro militarizzazione, ci priva dei diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione. Quindi, se volete aiutare l’Iran e gli iraniani, fate un passo indietro, non sostenete nessuno, non intervenite e lasciate che i nostri movimenti siano naturali e locali. Se la trasformate in una questione internazionale, l’Iran difenderà la sua sovranità e i suoi interessi di sicurezza nazionale.

 

k_barret Kevin James Barrett (nato il 4 febbraio 1959) è un ex docente universitario americano, convertito alla religione musulmana. È membro dello Scientific Panel for the Investigation of 9/11 (SPINE) e membro fondatore della Muslim-Jewish-Christian Alliance (MUJCA), fondata il 30 ottobre 2004 con l’obiettivo dichiarato di migliorare “il dialogo interreligioso, la coesistenza e la comprensione” alla luce degli eventi dell’11 settembre.

 

Link: https://kevinbarrett.substack.com/p/riots-in-iran-another-cia-coup-attempt

 

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
28 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
28
0
È il momento di condividere le tue opinionix