Codacons denuncia Bassetti, Burioni e Pregliasco

«MANIPOLAZIONE mediatica del diritto alla salute», il Codacons Reggio Calabria denuncia alla locale Procura della Repubblica l’infettivologo Matteo Bassetti, il microbiologo Roberto Burioni e il virologo Fabrizio Pregliasco.

«MANIPOLAZIONE mediatica del diritto alla salute», il Codacons Reggio Calabria denuncia alla locale Procura della Repubblica l’infettivologo Matteo Bassetti, il microbiologo Roberto Burioni e il virologo Fabrizio Pregliasco. Pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico; propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa; istigazione all’odio tra le classi sociali; boicottaggio.

Questi i reati ravvisabili in svariate dichiarazioni pubbliche rese dai tre medici nelle scorse settimane a proposito della campagna vaccinale anticoronavirus e messi nero su bianco nella querela presentata dalle avvocatesse Antonia Condemi e Serena Denise Albano, vertici dell’associazione dei consumatori reggini. «Dichiarazioni di una gravità inaudita» che presentano «svariati profili di illeceità penale» per le due legali di Reggio Calabria, testualmente riportate nell’atto depositato in Procura per conto di alcuni cittadini.

Denuncia per i virologi star, le motivazioni

«Esponenti della comunità scientifica onnipresenti in Tv, anziché nei reparti ospedalieri» vengono definiti i tre esperti di fama nell’esposto del Codacons, che nell’invitare tutti i cittadini a denunciare «qualunque atto discriminatorio lesivo dei propri diritti fondamentali» preannunciano di essere già al lavoro per «depositare ri-corsi in caso di licenziamento dei lavoratori che scelgono legittimamente di non sottoporsi al farmaco» e garantire assistenza legale a «tutte le attività commerciali che altrettanto legittimamente decideranno di non richiedere il green-pass».

Quello che al Codacons proprio non va giù è l’imposizione di qualunque forma, esplicita o mascherata, di obbligo vaccinale e relative limitazioni alle libertà individuali per chi sceglie di non sottoporsi a inoculazione. Una discriminazione che violerebbe principi giuridici costituzionali e comunitari.

Condemi e Albano, «dopo un anno e mezzo di bavagli, restrizioni, distanziamento sociale,e martellamento mediatico fondato su un unico ed universale crisma scientifico» non hanno potuto fare a meno di chiedersi «per quale ragione i mezzi di comunicazione di massa, dalla carta stampata alle televisioni nazionali abbiano volutamente escluso il dibattito su temi di rilevanza fondamentale per la stessa vita umana: qual è il diritto alla salute del singolo».

Le avvocatesse stigmatizzano «l’enorme anomalia di tale sistema comunicativo e di informazione che si accanisce immotivatamente, ma con uno scopo ben preciso, contro tutti coloro che, dotati di piena capacità di intendere e di volere e di raziocinio, hanno avuto l’ardire di porre domande e che per questo sono stati tacciati, etichettati, scherniti ed addirittura ghettizzati. Queste “categorie” di persone che non aderiscono sic et simpliciter a ciò che gli viene imposto (con atti amministrativi, illegittimi perché incostituzionali)in quanto non ne comprendono il senso e talora finanche la logica, diventano “negazionisti”, “complottisti”, “no vax”, “dissidenti”, insomma: gente da tenere alla larga. Queste persone, untori della collettività, devono essere “controllate”e “punite”».

Per il Codacons «il diktat è il seguente: coloro che non si sottopongono al siero sperimentale (perché di questo si tratta e non di vaccino) pur in assenza di un obbligo di legge che lo imponga, non possono avere gli stessi diritti di coloro che invece hanno deciso di farsi inoculare il farmaco senza peraltro essere correttamente informati con conseguente vizio del consenso prestato all’atto della sottoscrizione del “modulo”».

Ma c’è di più. «Questa discriminazione – spiegano le giuriste – è intrinseca all’obbligo di green pass che prevede una serie di restrizioni dei diritti fondamentali dei cittadini in spregio della Costituzione Italiana ma anche di norme sovranazionali quali il regolamento Ue 2021/953 che testualmente recita “È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il vaccino anti Covid-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate ma anche verso chi per scelta non è vaccinato”.

Per uno “strano caso” si erano dimenticati di tradurre in italiano dal testo inglese l’ultimo inciso “ma anche verso chi per scelta non è vaccinato”: strana quanto significativa dimenticanza posto che tale inciso tutela la libertà di scelta».

E ancora: «La discriminazione tra i cittadini arriva dal Governo stesso nel famoso decreto legge sul green pass – attaccano Condemi e Albano – E’ evidente che ciò legittima condotte di incitazione all’odio talora poste in essere da alcuni esponenti della comunità scientifica onnipresenti in Tv, anziché nei reparti ospedalieri».

Da qui la querela ai tre virologi ospiti fissi dei talk da inizio pandemia. «Abbiamo ritenuto di dover portare a conoscenza dell’autorità giudiziaria il ricatto mediatico che i cittadini sono costretti a subire, terrorizzati dalla paura di non poter più lavorare, studiare o semplicemente mangiare una pizza se non sottoposti alla sperimentazione». Anche i vertici del Codacons reggino dichiarano guerra al covid-mainstream.

Fonte Il Quotidiano del Sud via Codacons

Notifica di
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
andymennella
Utente CDC
11 Agosto 2021 19:03

Si tratta di una azione legale meritoria da parte del Codacons, ma che, a mio avviso dovrebbe indurre ad “alzare il tiro”. Una semplice considerazione logica. Il green pass ostacola l’entrata in determinati contesti al cittadino che non è vaccinato, non ha fatto un tampone o non è guarito da Covid, mentre da il via libera a questi. Se vogliamo considerare che, in linea di principio, solo chi si è sottoposto a tampone nelle 48 ore è sicuramente esente dalla infezione (dando per scontata l’infallibilità dei tamponi), mentre chi è guarito e chi è vaccinato non è detto sia coperto dal sistema immunitario, ne deriva che il green pass consente l’assembramento a soggetti potenzialmente infettivi. Da cui ne consegue che il green pass può essere visto come una induzione al contagio e di conseguenza al protrarsi della epidemia e potenzialmente della perdita della vita di persone. Come tale, chi è responsabile della legge sulla istituzione del green pass è potenzialmente responsabile di strage. Magari chi ha più dimestichezza del sottoscritto in termini di diritto penale, potrebbe formulare in maniera più corretta l’accusa.

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  andymennella
12 Agosto 2021 11:03

In realta’, chi e’ guarito ha il vaccino migliore. Quello naturale.

clausneghe
Utente CDC
12 Agosto 2021 9:30

Bene, anzi benissimo.
Ci voleva qualcuno che riuscisse a metterla a loro, gli “scienziati del tubo catodico” un poco di paura mista alla visione di sbarre future, dove si spera verranno messi in sicurezza..
Queste caccole umane vanno spiaccicate prima che possano fare ulteriori danni. Brave le Calabrinette in toga..

Divoll
Utente CDC
12 Agosto 2021 11:04

Il trio dell’apocalisse.

4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x