Home / Notizie dall’Italia (pagina 10)

Notizie dall’Italia

Questo pomodoro ti spiegherà come funziona il capitalismo

DI DARIO DE MARCO minimaetmoralia.it Ci voleva una strage, dodici braccianti africani morti in un incidente stradale in Puglia, per richiamare l’attenzione su condizioni di lavoro, e vita, che non sono tanto differenti dalla schiavitù: mancano solo le catene di ferro in senso materiale (e non sempre). Ci vuole sempre una strage, e uno è persino tentato di dire ben venga, il sacrificio di vite umane (basta che si tratti di vite che non sono la mia), se serve a far capire qualcosa, …

Leggi tutto »

A quando il prossimo disastro?

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com L’Italia importa, ogni anno, circa 60 milioni di tonnellate di petrolio greggio, senza conteggiare la produzione interna né l’apporto di gas metano: è un mare di petrolio, l’equivalente di 150 enormi petroliere da 400.000 tonnellate l’una. Una ogni due-tre giorni attracca ai terminal delle grandi raffinerie e, da lì, il greggio riparte tramite oleodotti per altre destinazioni, oppure viene raffinato. Quando pensiamo “petrolio” la mente corre al distributore di carburanti, ma il 5% del greggio prende …

Leggi tutto »

la Marcinelle di Foggia, il depistaggio sui caporali e l’impunità degli imprenditori schiavisti

DI GIORGIO CREMASCHI facebook.com Dopo la strage di sedici di loro, domani 8 agosto i braccianti scioperano con la USB e manifestano dal ghetto di Rignano a Foggia. Per una terribile coincidenza di date, domani è anche l’anniversario della strage di Marcinelle, in Belgio. L’8 agosto 1956 136 migranti italiani morirono assieme a tanti altri minatori belgi e di tutta Europa, nell’incendio di una miniera. Fu contemporaneamente una tragedia del lavoro e della emigrazione, a cui tanti italiani erano costretti …

Leggi tutto »

“La bestia”, ovvero del come funziona la propaganda di Salvini

DI STEVEN FORTI rollingstone.it Intervista a Alessandro Orlowski, ex hacker e spin doctor digitale, che ci parla della strategia comunicativa della Lega, dell’affaire Cambridge Analytica, del business dei falsi profili twitter, del Gdpr, Facebook e molto altro Alessandro Orlowski è seduto a un tavolino di un bar di Barcellona. Nato a Parma nel 1967, vive in Spagna da 20 anni. Ex regista di spot e videoclip negli anni ’90 e grande appassionato di informatica, è stato uno dei primi e …

Leggi tutto »

Generazioni scomparse (vanishing Italians)

DI ALCESTE alcesteilblog.blogspot.com L’opulenza digitale reca l’estinzione. Il digitale è un progresso o no? A tirar le somme pare un netto regresso. Serve il digitale? Certo, a dominare meglio le pecore. Le fotografie di famiglia. Nonni, mamma, papà, figli, nipoti, amici. In bianco e nero oppure esornate dai primi timidi colori. Le foto di famiglia costituivano una bella responsabilità. Anzitutto c’era l’apparecchio vero e proprio, che aveva un costo suo, e occorreva custodire con cautela, in appositi foderi di pelle …

Leggi tutto »

Quell’uovo del PD

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Quelli che si erano dati alla vita monastico francescana, che si appellavano ai buoni sentimenti di carità cristiana, seguendo le orme del Poverello di Assisi, e che sono finiti per parlare solo ai cardellini (70% di consenso al governo Conte), ora si sono messi a tirare anche le uova. Infatti ci hanno provato in tutti i modi, allarme razzismo, magliette rosse, sconcerto per un possibile ritorno del fascismo, manifestazioni contro l’intolleranza razziale, ed ora anche tiro …

Leggi tutto »

La guerra del linguaggio rovesciato di chi ha perso potere, ragione e analisi – RAZZISTA (D)A CHI ? – Cosa c’è dietro la mitopoiesi dei migranti

DI FULVIO GRIMALDI fulviogrimaldi.blogspot.com L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Scusate la citazione d’esordio, bassamente sovranista, al limite del nazionalismo, certamente populista, con impliciti accenti di razzismo. Parola d’ordine: daje al razzista! Va bene, mettiamo le mani avanti, prima che mi si rovesci addosso una parte dello tsunami  di livore-rancore-odio-fake news con cui la componente criminale dell’attuale classe dirigente uccidentale e il mercenariato …

Leggi tutto »

Ecco l’uscita dall’euro (le sorprendenti affermazioni di Giavazzi e Alesina)

DI MORENO PASQUINELLI sollevazione.blogspot.com Giavazzi e Alesina sono due vecchie conoscenze per chi si sia occupato, soprattutto dopo l’arrivo della grande crisi, di economia e di politiche di austerità. Il Giavazzi (nella foto) è un liberista a tutto tondo, seguace di Milton Friedmann. Sostenne quindi a spada tratta l’abolizione dell’Art. 18, poiché “avrebbe fornito una spinta sia all’occupazione che alla produttività” (sic!). Non stupisce che abbia sostenuto il Partito radicale e che sia stato chiamato da Mario Monti, nell’annus horribilis …

Leggi tutto »

Ritorno al passato

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Sarà solo un governo in fase “balneare” ma, se il buon giorno si vede dal mattino, i temporali stanno per scoppiare in concomitanza con le prime tempeste autunnali, che – di norma – avvengono a cavallo dell’equinozio. I due partiti di maggioranza stanno benissimo: rappresentano – secondo i sondaggi – il 60% dei votanti: segno che il gradimento c’è, però è un consenso sofferto da entrambe le formazioni e, in più, sofferto poiché limitati da ministri …

Leggi tutto »

Antirazzismo in assenza di razzismo. L’ultima arma di distrazione di massa

DI DIEGO FUSARO ilfattoquotidiano.it Il razzismo è una aberrazione della mente umana. Metafisicamente, il suo fuorviamento sta nel negare l’unità della razza umana. Nel negarla, per di più, in nome di un gretto biologismo materialistico privo di pensiero. Contro il razzismo, valgano le parole dello Hegel: pensare di far dipendere le qualità dello spirito dalla mera esteriorità del colore della pelle sarebbe come dire che “lo spirito è un osso”. Ora, contrariamente alla retorica egemonica in questi giorni, non v’è …

Leggi tutto »

Marcello Foa, wikipedia e fake news: come si distrugge la reputazione di un giornalista scomodo

DI ENRICA PERUCCHIETTI unoeditori.com/blog Wikipedia: e Foa diventa un complottista È così che si distrugge la reputazione di un giornalista scomodo: il 28 luglio alle 16:37 (cioè soltanto sabato, “casualmente” nel pieno della discussione per la sua nomina alla presidenza RAI!) è stata modificata la pagina wikipedia di Marcello Foa aggiungendo la sezione “Controversie” (prima inesistente, basta controllare la cronologia che riporto qui sotto) in cui viene denigrato come un “complottista” per aver sostenuto l’esistenza di false flag e per aver parlato della …

Leggi tutto »

Il doppio gioco di Forza Italia sulla testa di Foa

DI MAURO BOTTARELLI sussidiario.net Conosco Marcello Foa soltanto via mail o via Twitter. È capitato, tempo fa, che mi scrivesse per dirmi che aveva apprezzato un mio articolo e, da allora, di tanto in tanto coltiviamo questo rapporto di amicizia epistolare. Non posso quindi definirmi un suo amico o uno che lo conosce bene. A differenza di un esercito di ipocriti saltati fuori come funghi nel sottobosco dopo un temporale, non appena le agenzie di stampa hanno battuto la notizia …

Leggi tutto »

Voce grossa sugli spiccioli di Airforce Renzi. bravi! Fatela anche sui nostri miliardi gettati al M.E.S. (o vi vanno bene?)

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info La sputtanata allo schifoso Matteo Renzi che Di Maio e Toninelli gli hanno rifilato qui ci sta da Dio, nulla da dire, è normale propaganda elettorale. Ma che questo annuncio del risparmio di circa 100 milioni di euro – assommato ai risparmi da vitalizi e pensioni d’oro e ad altri microinterventi di taglietti di qui e di là contro sprechi e Casta e lavoretti – sia spacciato da Di Maio come un flusso di capitali per …

Leggi tutto »

LIBERIAMOCI DALL’EUROGENDFOR prima che la Troika ce la mandi in Italia

DI MARCO DELLA LUNA marcodellaluna.info Salvini e Di Maio dovrebbero approfittare del periodo di favore di cui godono ancora presso l’opinione pubblica per uscire dal Trattato di Velsen e togliere agli interessi bancari europei mandare le truppe di normalizzazione, ossia l’Eurogendfor, in Italia, in caso di caduta di questo governo. L’autunno e l’inverno presentano insidie per il governo: il pil cala, lo spread sale, diversi miliardi fuggono all’estero, l’” Europa” esige una manovra da 5 miliardi, la flat tax e …

Leggi tutto »

Marcello Foa nominato presidente della Rai

DI MARCELLO FOA facebook.com Sono orgoglioso ed emozionato per la nomina a presidente della Rai, che è giunta inaspettata nell’arco di pochissime ore. Ringrazio di cuore il primo ministro Giuseppe Conte, i vice premier Matteo Salvini e Luigi di Maio, il sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti, il ministro dell’economia Giovanni Tria per la fiducia accordatami. Mi impegno sin d’ora per riformare la Rai nel segno della meritocrazia e di un servizio pubblico davvero vicino agli interessi e ai bisogni dei …

Leggi tutto »

Il piano ‘A’ di Savona è una catastrofe di sottomissione all’Europa. E lui vi mente

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info L’esecutivo giallo-verde ha un solo pregio: ci ha messo due mesi per far capire agli euroscettici italiani chi davvero sono, almeno hanno fatto alla svelta. E sono dei dilettanti, degli arraffa Poltrone e dei bugiardi. La bordata che affonda questo losco teatro nelle speranze di milioni d’italiani la cui vita, lavoro, futuro dei figli sono stati ammorbati dal progetto Neoliberale e Neomercantile franco-tedesco chiamato Moneta Unica, è il Piano ‘A’ del Ministro Savona, che vado a …

Leggi tutto »

Marchionne, Romiti, Valletta e la famiglia Agnelli

DI GIORGIO CREMASCHI facebook.com Sergio Marchionne è stato un funzionario del capitale ed in particolare della famiglia Agnelli, in assoluta continuità con la storia dell’azienda e della sua proprietà. Così vanno giudicati la sua opera e gli effetti di essa, oltre il rispetto che sempre si deve di fronte alla morte dolorosa e prematura di una persona. Nel dopoguerra il gruppo Fiat e la famiglia Agnelli hanno usufruito di tre manager che hanno fatto la storia dell’azienda e segnato quella …

Leggi tutto »

La dis-integrazione

FONTE: ROSSLAND (BLOG) 1. Non esiste paese al mondo, Italia a parte, che conceda la cittadinanza a uno straniero che non conosce la lingua almeno quel tanto che serve per capire una domanda e articolare autonomamente una risposta di senso compiuto 2. Non esiste paese al mondo, Italia a parte, che consenta a uno straniero che non conosce bene la lingua ufficiale di candidarsi a consigliere in una propria amministrazione cittadina 3. Non esiste paese al mondo, Italia a parte, …

Leggi tutto »

Che grand’uomo Marchionne

DI ROBERTO VALLEPIANO facebook.com Che grand’uomo Marchionne. Il beniamino della sinistra padronale. Che grand’uomo Marchionne. Con il suo stipendio ci campano 6400 operai. In un solo giorno guadagna quanto un operaio in 10 anni di duro lavoro. Che grand’uomo Marchionne. Turni massacranti, ritmi di lavoro infernali e niente pause, neppure per andare al bagno. Che grand’uomo Marchionne. Gli operai costretti a urinarsi addosso perché mandarli al bagno è un lusso che l’Azienda non si può permettere. Che grand’uomo Marchionne. Al …

Leggi tutto »

92 centesimi (due giorni da Accattone)

DI ALCESTE alcesteilblog.blogspot.com Meglio e peggio. Si stava meglio quando si stava peggio? Ecco l’ordine di premiazione del concorso Miss Italia 1947: 1. Lucia Borloni alias Lucia Bosè 2. Gianna Maria Canale 3. Luigia “Gina” Lollobrigida 4. Eleonora Rossi Drago Nelle posizioni di rincalzo, tra il pulviscolo delle belle concorrenti, Silvana Mangano. La fine della guerra, l’attesa per il nuovo: l’olivo italiano, reso stento dal buio delle privazioni, riceve nuova luce; le fronde si moltiplicano, vecchie foglie, ingiallite, si staccano, …

Leggi tutto »

PROMETTEVANO IL #governodelcambiamento. ABBIAMO DI NUOVO IL #governodelmegliodiniente. ECCO COME NE ESCONO

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Questo doveva essere il #governodelcambiamento, e già dopo soli due mesi è divenuto il #governodelmegliodiniente. Ora, se questo vada dopotutto sdoganato oppure bocciato senza mezze misure dipende da chi siamo come cittadini italiani. E’ esattamente dal governo Amato del 1992, passando per Prodi, D’Alema, Berlusconi, i ‘tecnici’ e Renzi, che ci fanno vivere i #governidelmegliodiniente, cioè i soliti esecutivi impiccati ad aule parlamentari da mercato-delle-vacche dove gli elettori vincenti si contentano della logica “Ok, ma è …

Leggi tutto »

75 anni: troppi ? pochi ?

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Sembra quasi impossibile, ma sono trascorsi ben 75 anni da quella data, storica per le vicende italiane. La vita di un uomo. Per decenni ne abbiamo sentito parlare da chi c’era, da chi l’ha vissuto, con diversi accenti, differenti opinioni. Che hanno pervaso, nei giorni a venire, la storia italiana. Era, quella data, già indissolubilmente legata a quella dell’8 Settembre? Poteva, Mussolini, cercare altre soluzioni? Se lo aspettava? Era l’unica soluzione, anche per il Duce? La …

Leggi tutto »

La chiesa condanna Salvini, ma con che faccia? (mettere preti, immobili e miliardi dove stanno le preghiere)

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info La Chiesa di Bergoglio si cucia la bocca prima di condannare Salvini, ipocriti. E’ facile sparare su Matteo Salvini il “razzista“, il “sorridente sui cadaveri color scuro“, perché Matteo Salvini è in effetti colpevole di ambiguità umanitaria. Primo, non ha mai preso chiare distanze dal razzismo becero e disumano a cui il suo trionfo ha dato la stura in Italia. Chi non vive sui Social non immagina l’orda di bruti e soprattutto brute fasci-nazi-razzisti che dilaga …

Leggi tutto »

Young Signorino

DI ALCESTE alcesteilblog.blogspot.com Anni Settanta. Squilla il telefono nell’elegante casa di Renato e Cini Boeri. Il domestico solleva la cornetta, la pone con calma all’orecchio; sente gracchiare una voce: dall’altro capo del filo qualcuno reclama il giovane Tito. Il sottoposto di classe non si scompone; ne ha viste tante; solo dichiara: “Il signorino Tito non c’è, è fuori a fare la rivoluzione”. Formidabili quegli anni!, sentenziò, in un suo goffo libro, Mario Capanna, già coordinatore di Democrazia Proletaria. Capanna fu …

Leggi tutto »

Perché serve una gita scolastica al Mattatoio

DI CHAS NEWKEY-BURDEN TheGuardian.com Tom Heap, presentatore del programma televisivo della BBC Countryfile, ha ragione a chiedere che vengano fatte delle visite scolastiche ai macelli. È tempo che i bambini imparino a conoscere la verità su come si produce il cibo. Se le pareti dei macelli fossero trasparenti, quanti ancora comprerebbero la carne? Da vegano, appoggio in pieno Countryfile e la richiesta di Tom Heap di portare i bambini delle scuole in visita ai macelli. Perché non farlo? – vogliamo …

Leggi tutto »

La scacchiera animata

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Viene da chiedersi perché il gioco del calcio sia così popolare e sia largamente adottato da nazioni che, prima, erano dedite prevalentemente ad altri sport: la pelota basca, il baseball, il golf, ad esempio. Ovviamente, questi sport sono largamente praticati e condivisi nei loro Paesi, ma non c’è sport che si sia espanso come il calcio, a tutte le latitudini e per tutti i meridiani. Forse perché era il gioco dei colonizzatori? Ci credo poco. Perché, …

Leggi tutto »

Padella, pappagallo e catetere … un bagno di realtà in ospedale

ILPOLISCRIBA Poiché tanto del savio quanto dello stolto non rimane ricordo eterno; giacché, nei giorni a venire, tutto sarà da tempo dimenticato Qoelet In una città del Nord, 8 luglio 2018 Odore di merda, non della propria merda che si sente ogni giorno nel proprio cesso, l’odore di quella degli altri, il fetore di quella dei tuoi vecchi, dei vecchi altrui … flebo, cerotti arrotolati su farfalline idrauliche, tubicini, sponde di letti dove si aggrappano abbandonate braccia d’ossa e pelle …

Leggi tutto »

Propaganda Live

DI MARCO TRAVAGLIO ilfattoquotidiano.it Siccome non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire né peggior cieco di chi non vuol vedere, Diego Bianchi in arte Zoro prende mezza frase dal mio articolo piuttosto lungo di ieri sui migranti per segnalarmi alla corte di rottweiler che popolano il suo profilo Twitter. I quali – senz’aver letto una riga del mio pezzo – colgono l’occasione per riempirmi di insulti e dipingermi come servo di questo o quell’altro. Nessun problema: c’è chi …

Leggi tutto »

SFIDERANNO L’UE? E’ BENE CHE POI SAPPIANO DIFENDERCI. (Salvini, Conte vs Bruxelles, ma le famiglie italiane?)

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Scrivo queste righe per due motivi che ritengo di estrema centralità per la tutela di aziende e famiglie italiane, terra-terra e nei fatti. Primo: ciò che gli elettori italiani hanno per le mani è il peggiore di tutti i casi. Cioè un governo che non ha la più pallida intenzione di portarci fuori dall’Economicidio dell’Eurozona, e che invece ha abbracciato la rovinosa politica del “Dentro l’Europa ma contestiamo l’Europa”. Più sotto spiego con dettagli autorevoli ma …

Leggi tutto »

Governo balneare

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Mattina d’Estate, quartiere periferico: cerco disperatamente un bar aperto, nel chiasso di stridii e rumori di autobus, per trascorrere un’ora e mezza. Niente di speciale: ho portato la macchina dal meccanico. E arriva lei, inaspettatamente, Sooror, da Tehran: la radio nazionale iraniana che, ogni tanto, mi chiama per un’intervista. Mi obbliga ad affrontare una situazione che continuo a rimuovere, quella dello strano connubio fra la forza politica più “vecchia” della repubblica e la più giovane. Fra …

Leggi tutto »