Home / Notizie dall’Italia (pagina 5)

Notizie dall’Italia

La paura del Dragone

  DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Sinceramente, volevo parlare di lingue: non quelle bollite, in bagnèt verde, salmistrate o con capperi ed acciughe bensì quelle che ci servono per comunicare. Poi…Il dibattito sull’accordo italo-cinese ha raggiunto tali livelli che ho rimpianto il vecchio bar Sport all’angolo, dove almeno se si nominava Gigi Riva tutti tacevano ed assentivano, pensosi, e così ho pensato di dare una mano. Non per spingere qualcuno giù nel dirupo, ma per aiutare a non finire tutti nella …

Leggi tutto »

Ombre cinesi, in svendita l’Italia del Marchese del Grillo

FONTE: LIBREIDEE.ORG L’imperatore Xi Jinping è venuto in Italia a dare un’occhiata ai suoi nuovi possedimenti, e tutta la politica nostrana sullo sfondo è apparsa tristemente per quel patetico agitarsi di moschini della merda che è sempre stata. L’Italia è una colonia (colonialista) che passa periodicamente da un padrone all’altro a seconda della convenienza, vera o presunta. I suoi governanti di facciata non sono che passacarte, pataccari, squallidi traffichini interessati solo a concimare il loro orticello di voti, privilegi, tangenti …

Leggi tutto »

Polmoni neri, diritti minati, balle, e la fregatura finale. cosa può accadere a Trieste e Genova sulla Via della Seta

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Trieste, ma anche Genova, abbracciano entusiaste l’espansione portuale in collaborazione col colosso cinese China Communications Construction Co. (CCCC), parte degli accordi fra Italia e Cina di questi giorni. Il tutto significa, fra l’altro, un enorme volume di navi cargo in progressivo aumento nei due porti. Ecco i rischi di cui pochissimo si parla, meno che meno da parte del governo. Qui riassunti, poi l’approfondimento: 1) Trieste e Genova possono trasformarsi in cloache d’inquinanti cinesi, avvelenando i …

Leggi tutto »

Porto del Pireo chiama CGIL Triste Genova: antipasto cinese sulla Via della Seta

DI PAOLO BARNARD twitter.com Porto del Pireo chiama CGIL Triste Genova: antipasto cinese sulla Via della Seta. Nel 2014 il porto del Pireo che è gestito interamente dal colosso cinese Cosco, uno dei protagonisti della Via della Seta… Porto del Pireo chiama CGIL Triste Genova: antipasto cinese sulla Via della Seta. pic.twitter.com/hJHFVatSv7 — Paolo Barnard (@Barnard2018) March 24, 2019 Paolo Barnard Fonte: https://twitter.com Link: https://twitter.com/Barnard2018/status/1109816994172407809 24.03.2019  

Leggi tutto »

Occhio alla Scuola (ed all’Autonomia delle Regioni): Appello al Movimento 5 Stelle

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org La Riforma del Titolo V della Costituzione attuata nel 2001 dal Governo D’Alema, con Giuliano Amato Ministro per le Riforme, aprì una autostrada verso l’attribuzione di poteri legislativi dallo Stato alle Regioni e verso l’attribuzione di funzioni amministrative ulteriori ai Comuni: in altre parole per conferire alle Regioni richiedenti maggiore Autonomia. Con diverse “tinte”, al momento, si sono fatte avanti in modo convinto Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna poggiando sull’Articolo 116 della Costituzione. Prima di addentrarmi …

Leggi tutto »

Di Maio ha preteso l’esclusione di questa ‘mina in pancia’ micidiale negli accordi con la Cina?

DI PAOLO BARNARD twitter.com Di Maio ha preteso l’esclusione di questa ‘mina in pancia’ micidiale negli accordi con la Cina? Faccio una domanda su come l’Italia già da anni si sta svendendo alla Cina. Qualcuno vi ha mai citato la risoluzione delle controversie tra investitore e  Stato ? Di Maio ha preteso l’esclusione di questa ‘mina in pancia’ micidiale negli accordi con la Cina? pic.twitter.com/uKnd0KmThB — Paolo Barnard (@Barnard2018) March 23, 2019 SUL VIDEO SOTTO: guardate le due foto. E' …

Leggi tutto »

La Via della Seta è lastricata di denari sonanti

DI ANTONIO DE MARTINI italiaeilmondo.com Da giovane ho percorso , via terra, la via della seta fino a Kabul. Si tratta di un percorso sul quale Marco Polo ha fatto il suo tirocinio commerciale e che iniziava in Cina per approdare a Aleppo, dove le merci davano diritto a anticipazioni finanziarie sulle future vendite in Europa. Chi pensasse a un itinerario unico percorso da una carovana, è in errore. Si è sempre trattato di una miriade di commercianti e prodotti …

Leggi tutto »

LA SOCIETA’ DELL’OPINIONE

DI PIERLUIGI FAGAN facebook.com Prima di farvi una opinione su i rapporti tra noi ed i cinesi sarebbe il caso conosciate alcuni fatti. Una volta il giornalismo aveva questa missione, dare i fatti (e scegliere quali fatti è già una opinione) ed accanto esprimere un punto di vista. Ora mettono solo i punti di vista e menomale che siamo la società dell’ informazione, sarebbe più corretto dirci “società dell’opinione”. I fatti dei rapporti che i cinesi stanno tessendo con varie …

Leggi tutto »

Lorenzo Orsetti e Luca Casarini: due eroi del tempo non nostro

DI FULVIO GRIMALDI Mondocane Di Lorenzo Orsetti, in qualche misura, mi sento compagno per avere anch’io, quasi cinquant’anni fa, combattuto insieme a un popolo in armi. L’analogia, però, è del tutto fuorviante. Lui, con chi fa a pezzi un paese, io, con chi il suo paese se l’era visto fare a pezzi. Lorenzo viene glorificato da media e politica, mentre io dovetti, e dovrei tuttora, guardarmi dalle rappresaglie dei nemici di allora (qui niente prescrizione) e dagli anatemi di chi …

Leggi tutto »

Il Dilemma Europeo: Come trattare con la Cina

  DI PEPE ESCOBAR AsiaTimes.com Poco a poco Pechino sta allargando la sua influenza non solo nella Unione europea ma anche nello spazio NATO. Di fronte all’irresistibile avanzata della Cina su tutta la scacchiera, e sotto la pressione implacabile degli Stati Uniti, i capi – non proprio democratici –  della UE stanno sottoponendosi ad uno sforzo  massacrante per trovare una posizione che li mantenga in bilico tra le scelte di geopolitica-geoeconomia da un lato e il vuoto dall’altro. La prossima …

Leggi tutto »

Il mondo – e il 5G – nascosto dai ragazzini…15 MARZO: kolossal della mistificazione, deresponsabilizzazione, distrazione

DI FULVIO GRIMALDI Mondocane Greta: bimba di distrazione di massa Ciò che gli editocrati di schermo ed edicola ci hanno propinato nelle 72 ore, impestate di retorica e ipocrisia climatiche, tra il 14 e il 16 marzo, su ordine di servizio dei mandanti nella Cupola, non suscita solo il sospetto che merita ogni campagna politico-mediatica dell’establishment e dei media incorporati. Merita l’accusa di ipocrisia, mistificazione, occultamento della realtà. E’ uno dei più cinici assalti alla nostra integrità intellettuale e morale …

Leggi tutto »

Cara Greta…

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Finalmente milioni di persone in Italia, che dico io, in tutti gli angoli del mondo, guidati da Greta hanno manifestato, coerentemente cantando Bella Ciao, per più diritti sociali per i lavoratori e contro le morti bianche, per un reddito minimo garantito identico (relativamente) su scala mondiale che dia dignità ad ogni essere umano, per un salario orario garantito ragionevole per tutte le categorie unito alle contrattazioni collettive, per un’istruzione di livello che fornisca competenze e nutra …

Leggi tutto »

Greta Thunberg e i grandi affari dietro gli scioperi sul clima

DI MAURO BOTTARELLI ilsussidiario.net Oggi esordisce in grande stile l’ultima pagliacciata politically correct che il sistema si è inventato per rendere non solo accettabile ma anche socialmente apprezzato il proseguire di default nella politica di spesa pubblica indiscriminata e deficit come unica religione laica: la lotta ai cambiamenti climatici. Vi ho già parlato di questa nuova campagna globale, quando ho messo tutti in guardia dalla profilo da rock-star che la stampa globale sta riservando ad Alexandria Ocasio-Cortez, la giovane deputata …

Leggi tutto »

Gli USA al momento del conto – La via della seta (di come il secolo americano sta diventando il secolo cinese)

FONTE: KEINPFUSCH.NET Le tantissime discussioni sulla Via della Seta, su Huawei e tanti altri temi che vertono sulla Cina non vengono affrontate da una stampa che viene dagli anni ‘80, e specialmente non viene affrontata da tutti quelli che dovrebbero dire il vero sull’economia statunitense, e non hanno il coraggio di scrivere i dati per come stanno. E cosi’ l’annuncio dell’ Italia di aderire alla “via della seta” cinese ha destato sorpresa, e molti la stanno guardando come se fosse …

Leggi tutto »

Sciopero per il clima

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Venerdì nelle scuole ci sarà uno sciopero per il clima. Dico subito che a livello estetico, queste cose mi piacciono poco. Se volete convincere uno come me a inquinare e magari riprendere pure la patente, presentatemi la foto di una sedicenne con 250.000 follower su Twitter, che presumo non ci capisca molto di più di climatologia di me. Metteteci il neo-eletto capo del PD che la elogia e aggiungeteci uno sciopero che consiste nel non andare …

Leggi tutto »

No Tav: la grande illusione

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Meglio di David Copperfield il premier Conte ha fatto sparire i bandi per il Tav sotto gli occhi di tutti, nemmeno fossero stati la statua della Libertà o un Learjet di 7 tonnellate. Una sua lettera arrivata per tempo dice infatti di aver ricevuto la conferma da parte di Telt del consenso a ridiscutere l’opera e a congelare i bandi. Un modo per rinviare il problema a dopo le elezioni europee. Ma non una soluzione definitiva. In …

Leggi tutto »

Mio video censurato su Prodi e quelli come lui

DI PAOLO BARNARD twitter.com Mio video censurato su Prodi e quelli come lui. Domanda: ci hanno lasciato un’altra giustizia? (se censurano questo, io qui non torno più, perché i Social stanno sterilizzando la libertà e John Stuart Mill è vissuto per nulla). pic.twitter.com/FISMJYe4E7 — Paolo Barnard (@Barnard2018) March 8, 2019 Fonte: Link: https://twitter.com/Barnard2018/status/1104006664183865344 8.03.2019

Leggi tutto »

La recessione interiore

DI GIOVANNI IOZZOLI carmillaonline.com Avete presente i vecchi film di indiani in cui improbabili Apaches si mettevano a culo in aria, con un orecchio ben piantato per terra, onde avvertire in lontananza l’arrivo del treno o lo scalpiccio dei cavalli? Ecco, quella è la postura assunta da imprenditori ed economisti italiani negli ultimi cinque mesi – più o meno dall’ultimo trimestre del 2018. Solo che i pellerossa in fase di ascolto erano intrepidi e impassibili, mentre le nostre sedicenti classi …

Leggi tutto »

Così era scritto

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Errare humanum est, perseverare diabolicum La disfida che va in scena in questi giorni non è la mera vicenda di fare o non fare un tracciato ferroviario: è un discrimine, apparentemente troppo “caricato” di nodi politici che sono venuti al pettine. Ma, osservando con più attenzione gli eventi, si può affermare che non poteva non accadere, e non per mera convenienza di questo o di quel partito: sono in gioco i valori fondanti di un partito …

Leggi tutto »

Euro: chi sono gli italiani che si sono arricchiti con l’austerity

DI PAOLO BECCHI E GIOVANNI ZIBORDI liberoquotidiano.it Negli ultimi dieci anni il Pil dell’ Italia è aumentato di 100 miliardi. Poco, molto poco, parliamo del Pil “nominale”, vale a dire del valore in euro del prodotto annuale, che include anche l’ effetto dell’ inflazione. La ricchezza finanziaria (soldi, conti, titoli, polizze) è invece aumentata di 1,100 miliardi, dieci volte tanto. Prima dell’ introduzione dell’ euro, grazie anche all’ inflazione, il Pil nominale spesso aumentava anche del 7 o 8% l’ …

Leggi tutto »

Bunga Bamba: Test della cocaina per i Parlamentari

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Proprio oggi si è appreso che Matteo Salvini, sempre più sceriffo, ha aperto un nuovo fronte con(tro) l’alleato pentastellato: la droga, nella fattispecie la questione consumatore-spacciatore. Salvini ha dichiarato di non voler punire il consumo ma di essere mosso da un intento lodevole e cioè il togliere dalle strade gli spacciatori, a prescindere se costoro siano in possesso o meno di “modiche quantità”: dato che il 5s è a favore della legalizzazione della Cannabis, parlare di …

Leggi tutto »

La nuttata è passata (non si interrompino i sogni)

DI ALCESTE alcesteilblog.blogspot.com La nuttata del PD è passata? In così poco tempo? Perché no. Nicola Zingaretti è il nuovo segretario del PD. Lo si sapeva da circa due anni almeno, eppure ci sono stati 1.800.000 esserini che si sono recati a votare alle primarie di tale partito per farlo vincere. Come se il destino avverso incombesse sulla ridanciana pelata del Nostro. 1.800.000 italiani convinti che, recando circa 3.600.000 euri al partito del tradimento strutturale della Patria, potessero decidere le …

Leggi tutto »

Quasi 2 milioni di italiani col Pd, rimasto all’Età della Pietra

FONTE: LIBREIDEE.ORG Favoloso Pd: dopo Renzi e l’avatar Martina, ecco Zingaretti (il nulla), vittorioso su Giachetti (altro nulla) e sullo stesso Martina (idem). Il nulla è il contenuto politico dei tre alfieri delle primarie 2019, che avrebbero mobilitato 1,7 milioni di italiani: impegnatissimi a discettare, appunto, sul vuoto cosmico che il partito ha prodotto, dopo la bruciante sconfitta dello scorso anno. Non una parola sulle cause della disfatta, che ha inevitabilmente portato a Palazzo Chigi i velleitari gialloverdi, cioè gli …

Leggi tutto »

Governo di Imbecilli ?

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Tutti gli organi di informazione descrivono l’azione di Governo come fallimentare, da una parte facendo leva sul discorso spread che nei fatti rappresenta un misuratore non economico ma della speculazione finanziaria sul nostro debito (permessa da una inefficace azione della BCE, ne avete mai sentito parlare ai tempi della Lira?) e dall’altra scaricando lo smottamento industriale sul governo gialloverde che è in carica dai primi di giugno. Quando parlo di smottamento intendo un evidente segnale precedente …

Leggi tutto »

La Banca d’Italia

DI GIOVANNI ZIBORDI cobraf.com “Banca d’Italia e Consob andrebbero azzerati, altro che cambiare una o due persone. Azzerati….” ha detto sabato Matteo Salvini a Vicenza, davanti alla platea di risparmiatori della Popolare Vicenza e Di Maio nella stessa occasione “Chiediamo discontinuità e quindi non possiamo confermare le stesse persone che sono state nel direttorio di Bankitalia…” Sono dichiarazioni bellicose a cui non viene dato seguito, come quelle riguardo alla revoca della concessione ad Autostrade dei 5Stelle dopo il crollo del …

Leggi tutto »

Black Axe: l’orrore che ignoriamo (2)

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Arriva la seconda puntata di “Black Axe: l’orrore che ignoriamo”, per approfondire il diffondersi in Italia di questa nuova mafia, i cui boss non sono nati in Sicilia e non parlano il siciliano, ma vengono da lontano, e la loro organizzazione ha un una storia cresciuta nel continente africano. Dalla Nigeria si sta espandendo da tempo in Italia, c’è la Supreme Eiye  Confraternita, ci sono i Vikings, e poi c’è Black Axe, la più potente tra …

Leggi tutto »

Il “funerale” in Piemonte, poi la scissione: addio 5 Stelle?

FONTE: LIBREIDEE.ORG Dopo l’Abruzzo anche la Sardegna: il crollo dei 5 Stelle sembra inarrestabile. Questa caduta dei consensi è una tendenza che sta toccando tutta l’Italia. Presto si voterà in Basilicata, ci saranno le comunali in Sicilia e le regionali in Piemonte, queste ultime in contemporanea con le europee, e questi appuntamenti elettorali ci confermeranno il sospetto che si tratti ormai di un trend nazionale inevitabile. Di Maio sta cercando disperatamente un rilancio dopo queste sconfitte. Da tempo parla di …

Leggi tutto »

Lettera di un giovane economista ai critici del reddito di cittadinanza

DI GABRIELE GUZZI econopoly.ilsole24ore.com L’autore di questo post è Gabriele Guzzi, laurea con lode in Economia alla Luiss e poi alla Bocconi. Ha lavorato per lavoce.info come fact-checker, è stato presidente di Rethinking Economics Bocconi e attualmente è dottorando presso l’Università Roma Tre –Il Reddito di Cittadinanza varato dal governo italiano sta raccogliendo diverse critiche nel nostro Paese. Da giovane economista di 25 anni, sento la necessità di rispondere a queste obiezioni, non con scopo polemico ma per aprire un dibattito ampio su …

Leggi tutto »

Volete sapere perché Formigoni è finito dietro le sbarre?

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com L’occasione fa l’uomo ladro, recita il proverbio: questo è quel che è capitato a Formigoni, perché le “occasioni” le creano gli im-prenditori del sistema pubblico/privato, a bizzeffe. L’uomo ex Pirellone è stato un ingenuo, si comprende bene da come si è comportato: esaltato dal suo ruolo di “Celeste”, non ha meditato che tutto quel ben di Dio non gli era dato perché – ragionando da Luterani o da Ebrei – era il “prediletto del Signore”, bensì …

Leggi tutto »

Sulla strage di Viareggio non posso tacere

  DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Difficilmente mi occupo di questioni legate alla giustizia ma quando si tratta della Strage di Viareggio non posso tacere essendo io nativo e abitante di quelle terre e data la atrocità oggettiva di quanto accadde in quell’inferno esploso proprio nel centro cittadino. L’esplosione del convoglio avvenne sotto il sovrappasso che unisce via Ponchielli e Burlamacchi, percorso che fino a quel momento era legato ai ricordi delle moltissime persone che come me lo utilizzavano per recarsi …

Leggi tutto »