BMJ: “Obbligo vaccinale Covid-19 per i medici?” Una risposta tra tante

Il 29 marzo scorso il British Medical Journal ha pubblicato un articolo dal titolo “I medici devono fare il vaccino contro la Covid-19?” nel quale rivolgeva la domanda a quattro esperti. Per completare il contesto inserisco alcuni estratti da quelle dichiarazioni per inquadrare il contesto di una, tra le molte risposte contrarie, che abbiamo scelto di pubblicare sotto.

***

Specializzando in salute pubblica:

Allo stato attuale, legalmente, non è obbligatorio farsi vaccinare contro la Covid. Ma dal punto di vista etico, clinico, epidemiologico – in qualunque modo la si esamini – direi che è così. Il caso etico si basa sul dovere professionale degli operatori sanitari di proteggere i propri pazienti: non danneggiarli. Anche se ognuno ha il diritto di decidere se farsi vaccinare o meno, i pazienti (spesso anziani o malati, e quindi vulnerabili alla Covid-19) hanno anche il diritto fondamentale di essere protetti da danni evitabili. Quando questi principi entrano in conflitto, devono essere privilegiate le azioni che salvaguardano i migliori interessi dei pazienti.

Direttore medico del General Medical Council e direttore della formazione e degli standard:

Il nostro consiglio, esposto nella nostra guida sugli standard professionali che ci si aspetta da tutti i medici, dice che i medici dovrebbero essere immunizzati contro le malattie trasmissibili gravi comuni, a meno che ciò non sia controindicato’. Quindi, anche se non c’è un obbligo assoluto di essere vaccinati, è necessario considerare il rischio di diffondere il coronavirus ai pazienti, in particolare a quelli clinicamente vulnerabili. Se esiste una buona ragione per non essere vaccinati, è necessario prendere misure appropriate per ridurre i rischi per i pazienti e dare priorità alla loro sicurezza. E se c’è sicurezza sicuri, richiedere un consiglio clinico appropriato come aiuto per prendere la decisione. Scegliere di farsi vaccinare o no è una scelta personale che dipende dalle circostanze individuali. Ma in un momento in cui i professionisti della salute non sono mai stati così apprezzati, dovremmo dare l’esempio.

Direttore medico presso la Società di Protezione Medica:

Mentre la vaccinazione è raccomandata, non è attualmente obbligatoria e non ci sono obblighi contrattuali, quindi gli operatori sanitari non possono essere costretti a farla. Dovrebbero, tuttavia, essere consapevoli della buona pratica medica del GMC, che afferma che ‘i medici dovrebbero essere immunizzati contro le malattie trasmissibili gravi comuni, a meno che ciò non sia controindicato’. La sua guida covid-19 afferma anche che ‘c’è un rischio potenziale di diffondere inavvertitamente il coronavirus a pazienti vulnerabili. Questo pesa a favore della vaccinazione dei medici, a meno che non ci siano buone ragioni per cui non sia appropriato nelle singole circostanze individuali … Se la riluttanza si riferisce a un problema di salute, costringere un operatore sanitario a ricevere il vaccino potrebbe essere visto come una discriminazione illegale secondo l’Equality Act 2010. Se il rifiuto è dovuto a credenze religiose, anche questo dovrebbe essere rispettato dalle leggi sull’occupazione. Ci aspettiamo che il datore di lavoro intraprenda una valutazione del rischio di un operatore sanitario che non vuole o non può fare la vaccinazione, e consideri come i rischi potrebbero essere mitigati, p.es. con la riassegnazione a un ruolo non rivolto al paziente, o il lavoro a distanza. Il personale medico che rifiuta il vaccino dovrebbe quindi essere pronto a giustificare la propria decisione e, ove possibile, a mitigare qualsiasi rischio.”

Consulente in diabetologia ed endocrinologia, Royal Free London NHS Foundation Trust:

Basandomi sulla premessa che i vaccini sono efficaci nel ridurre la trasmissione della Covid-19, ho considerato [la vaccinazione] come [un mezzo per proteggere] non solo me stesso ma anche la comunità, in particolare quelli ad alto rischio di morbilità e mortalità da Covid-19 e quelli che non possono essere vaccinati. Inoltre, considero il vaccino il nostro strumento più forte per uscire dalla pandemia in modo tempestivo e minimizzare il significativo impatto economico, sociale e psicologico che la pandemia continua ad avere. Mi rendo conto, tuttavia, che sarebbe impegnativo rendere il vaccino obbligatorio per tutti i colleghi del NHS (SSN). La gente dovrebbe essere in grado di prendere la propria decisione; imporre il vaccino a qualcuno che non è sicuro o non vuole potrebbe portare alla sfiducia. C’è un piccolo numero di persone che sono esitanti sul vaccino. Risolvere questo comporta avere discussioni umili, oneste e scomode, oltre ad offrire loro educazione e sostegno. Rendere i vaccini obbligatori inibisce l’opportunità di avere queste discussioni aperte e potrebbe inimicare le persone e suscitare la sfiducia. Prendere la decisione di rendere vaccini per la Covid obbligatori è quindi impegnativo e deve essere fatto con considerazioni reali di entrambi i lati dell’argomento“.

“I medici devono essere vaccinati contro la Covid-19?”

BMJ 2021; 372 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.n810 (Pubblicato il 29 marzo 2021) – Rif.to: BMJ 2021;372:n810

Risposta rapida:

Egregio Redattore,

nella mia vita ho ricevuto più vaccini della maggior parte delle persone e vengo da un luogo di significativa esperienza personale e professionale in relazione a questa pandemia, avendo gestito un servizio durante le prime 2 ondate e tutte le contingenze che vanno con questo.

Ciononostante, ciò con cui sto lottando attualmente è la mancata segnalazione della realtà della morbilità causata dal nostro attuale programma di vaccinazione all’interno del servizio sanitario e del personale. I livelli di malattia dopo la vaccinazione sono senza precedenti e il personale si sta ammalando molto e alcuni anche con sintomi neurologici, il che sta avendo un enorme impatto sul funzionamento del servizio sanitario. Anche i giovani e i sani sono fuori servizio per giorni, alcuni per settimane, e per alcuni è necessario il trattamento medico. Intere squadre non possono rientrare in servizio perché sono andate a farsi vaccinare insieme.

La vaccinazione obbligatoria in questo caso è stupida, immorale e irresponsabile, quando si tratta di proteggere il nostro personale e la salute pubblica. Siamo nella fase volontaria della vaccinazione, e vogliamo spingere il personale ad assumere un prodotto non autorizzato che ha un impatto sulla loro salute immediata e (per esperienza diretta personale) che scatena la Covid DOPO la vaccinazione e probabilmente la trasmette? Infatti, è chiaramente indicato che questi prodotti vaccinali non offrono immunità o fermano la trasmissione. In questo caso, perché lo facciamo? Non ci sono dati longitudinali sulla sicurezza (al massimo un paio di mesi di dati di prova) disponibili e questi prodotti sono solo sotto licenza di emergenza. Che cosa ci dice che non ci saranno effetti avversi longitudinali che possiamo affrontare e che possono mettere a rischio l’intero settore sanitario?

L’influenza è un forte killer annuale, inonda il sistema sanitario, uccide i giovani, i vecchi con comorbilità, eppure la gente può scegliere se fare o meno quel vaccino (che era in circolazione da molto tempo). E si può elencare tutta una serie di altri esempi di vaccini che non sono obbligatori, eppure proteggono da malattie di maggiore rilevanza.

La coercizione e l’imposizione di trattamenti medici al nostro personale, al pubblico, specialmente quando i trattamenti sono ancora in fase sperimentale, si collocano fortemente nel regno di una distopia nazista totalitaria e vanno molto al di fuori dei nostri valori etici come custodi della salute.

Io e tutta la mia famiglia abbiamo avuto la Covid. Questo così come la maggior parte dei miei amici, parenti e colleghi. Recentemente ho perso un membro della famiglia relativamente giovane con comorbilità per insufficienza cardiaca, derivante dalla polmonite causata da Covid.

Nonostante questo, non mi svilirei mai al punto di concordare sul fatto che dovremmo abbandonare i nostri principi liberali e le norme internazionali sulla sovranità dell’individuo sul proprio corpo, sulla libera scelta informata e sui diritti umani e sostenere invece la coercizione senza precedenti di professionisti, pazienti e persone perché siano sottoposti a trattamenti sperimentali con dati di sicurezza limitati. Questo e le politiche che lo accompagnano sono un pericolo per la nostra società più di qualsiasi altra cosa che abbiamo affrontato nell’ultimo anno.

Cos’è successo a “il mio corpo è una mia scelta”? Cos’è successo al dibattito scientifico e aperto? Se non prescrivo un antibiotico a un paziente che non ne ha bisogno perché è sano, sono un anti-antibiotico? O un negatore di antibiotici? Non è forse ora che la gente rifletta veramente su quello che ci sta succedendo e su dove tutto questo ci sta portando?

K. Polyakova – Consulente – Londra

 

Link: https://www.bmj.com/content/372/bmj.n810/rr-14?fbclid=IwAR2WBoQl9uPD3YBH9TvTk3TlzUCzSzVsrlb673K0mPnnqDBNZf4JZEFEMCQ

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli e Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Notifica di
34 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
danone
danone
10 Aprile 2021 15:22

Non è forse ora che la gente rifletta veramente su quello che ci sta succedendo e su dove tutto questo ci sta portando?

In effetti sarebbe ora.
Se dovessi guardare alla mia sfera personale dovrei dire che il covid non esiste, non conosco nemmeno uno che l’ha preso, figurarsi chi ci è morto, sebbene abbia le mie convinzioni, a voi ben note.
Per fortuna non baso la mia valutazione solo sulla mia personale esperienza, come fanno in molti, purtroppo.
Le risposte dei medici, a parte l’ultima sono da ricovero immediato, non per covid, ma per evidente e acuto deterioramento delle facoltà motorie-razionali, sono fermi d’intelletto, encefalo piatto.

AlbertoConti
AlbertoConti
10 Aprile 2021 16:31

“Basandomi sulla premessa che i vaccini sono efficaci nel ridurre la trasmissione della Covid-19, ….”

Per un sanitario questa affermazione è un’autoaccusa di ignoranza imperdonabile.

Ma, per assurdo, se anche questa “premessa” fosse vera e dimostrata, nulla cambia sulle altre considerazioni fondamentali per dover (questo sì è un obbligo morale) censurare l’obbligatorietà del vaccino.

Vlad
Vlad
10 Aprile 2021 14:48

Ma questi sono una manica di criminali deficienti…

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Vlad
10 Aprile 2021 14:51

Purtroppo credo che non siano deficienti, ma criminali che approfittano della paura e della deficienza di quelli che si affidano a loro. E mi chiedo sempre come si possa sostenere che questi vaccini diano l’immunità

Vlad
Vlad
Risposta al commento di  emilyever
10 Aprile 2021 16:40

Se una persona è disposta a giocarsi la propria credibilità professionale per assecondare una dittatura affermando cose che possono essere smentite in due secondi da qualsiasi profano in grado solamente di leggere….si, bisogna davvero essere dei criminali deficienti. Quale dovere “morale” ci sarebbe nell’atto del vaccino, quando è ben noto che anche chi è vaccinato può trasmettere questo ,ormai patetico, virus? Solo un criminale deficiente potrebbe ancora propagandare tali idiozie.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Vlad
10 Aprile 2021 20:22

Bisogna distinguere i livelli: gli oligarchi che si presentano come filantropi per esempio sono solo criminali, e così tutto il sistema sanitario,dalle case farmaceutiche, all’Ema, agli infettivologi della tv. I deficienti probabilmente sono quegli organi di informazione che in realtà non si informano, e come i conduttori tv, si sono terrorizzati da soli dalle cose che dicevano. Ma forse anche loro stanno recitando, non so

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  emilyever
10 Aprile 2021 17:06

Capita quando si confondono gli oligarchi con i filantropi.

Davide
Davide
Risposta al commento di  emilyever
11 Aprile 2021 13:20

I famosi utili idioti.

nicolass
nicolass
10 Aprile 2021 17:40

Come operatore sanitario ho deciso che non mi vaccinerò. Aspetterò la chiamata dell’ASL come si aspetta la condanna a morte perché probabilmente mi sarà impedito di lavorare e dovrò appendere il camice al chiodo. Non sono disposto a rischiare la mia salute per un trattamento sanitario sperimentale e ne pagherò le conseguenze se del caso. Spero solo che ci siano anche altri operatori sanitari decisi ad opporsi alla vaccinazione di massa e che insieme si possa in qualche modo far valere le nostre ragioni.

R66
R66
Risposta al commento di  nicolass
10 Aprile 2021 18:15

Nel caso non li avessi visti, guardati i video dell’avvocato Fusillo (gli ultimi 2).
Credo che si possa “guadagnare” diversi mesi seguendo le procedure indicate.

danone
danone
Risposta al commento di  nicolass
10 Aprile 2021 18:01

Non vale granchè Nicolass, ma hai il mio assoluto rispetto.

francamente
francamente
Risposta al commento di  nicolass
10 Aprile 2021 21:08

Io spero che si possa far valere le nostre ragioni di massa, per opporci alla vaccinazione degli operatori sanitari, che tanto sara’ il preambolo di quella per le successive categorie.
Complimenti per la decisione.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  nicolass
10 Aprile 2021 20:42

Grande ! Massima ammirazione e rispetto.

IlContadino
IlContadino
Risposta al commento di  nicolass
11 Aprile 2021 3:39

Per fortuna siamo in Italia. Un sistema a maglie larghe, non è così difficile infilarsi tra di esse. E poi quando senti di essere nel giusto non puoi che raccogliere cose giuste. Un giorno un tizio mi ha detto che la vita non ti mette mai in situazioni che non puoi affrontare, non rientra nel suo modo di regnare, ogni problema sul tuo cammino è un problema che puoi risolvere, e che in qualche modo ti servirà da crescita.

IlContadino
IlContadino
Risposta al commento di  nicolass
11 Aprile 2021 3:39

Per fortuna siamo in Italia. Un sistema a maglie larghe, non è così difficile infilarsi tra di esse. E poi quando senti di essere nel giusto non puoi che raccogliere cose giuste. Un giorno un tizio mi ha detto che la vita non ti mette mai in situazioni che non puoi affrontare, non rientra nel suo modo di regnare, ogni problema sul tuo cammino è un problema che puoi risolvere, e che in qualche modo ti servirà da crescita.

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  nicolass
11 Aprile 2021 7:02

Prendi carta e penna e scrivigli con raccomandata che, come ultimo desiderio, preferisci la fucilazione , rispetto al vaccino, come forma di esecuzione! (in quesrti giorni ci ho pensato, credo che io reagirei cosi’). Manda copia a tutti i giornali e blog. Voi operatori sanitari siete in prima linea. Se possiamo fare qualcosa…informateci di qualche iniziativa che richiede presenza fisica, nelle rispettive regioni….veniamo a darvi manforte, a fare gruppo!

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  cachafaz
11 Aprile 2021 9:07

??

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  nicolass
11 Aprile 2021 6:56

Guarda che puoi dar battaglia…, Avv.to Fusillo solo per citarne uno…

Pierrot Lenolese
Pierrot Lenolese
10 Aprile 2021 16:38

Niente di nuovo. Parlano con linguaggio politico, forbito, come se stessero a caccia di voti, d’altronde potremmo dire che tutta questa giostra è anche un po’ una iniziazione alla moderna politica. Mentre K. Polyakova appare ancora un umano nel modo di esprimersi.

natascia
natascia
10 Aprile 2021 21:03

Se non si ferma il corto-circuito del politicamente corretto è la fine. Non siamo ancora macchine e il pilota automatico si può disinnescare. Attualmente vige il caos apparente volto a disintegrare il residuo raziocinio presente nei popoli occidentali. Per capire a fondo la catastrofe in atto bisogna , ad esempio, osservare “El Papa”. Innesco-disinnesco,innesco-disinnesco..e avanti così fino all’abominio. La narrazione cambia , com’è giusto, in base alla geopolitica, prendiamone atto e fermiamo l’autodistruzione dell’occidente. Disboscare l’Europa dagli europei sembra il vero programma e si è indifesi senza musica, senza quadri, senza teatro, senza poesia il programma sarà compiuto.

natascia
natascia
10 Aprile 2021 21:03

Se non si ferma il corto-circuito del politicamente corretto è la fine. Non siamo ancora macchine e il pilota automatico si può disinnescare. Attualmente vige il caos apparente volto a disintegrare il residuo raziocinio presente nei popoli occidentali. Per capire a fondo la catastrofe in atto bisogna , ad esempio, osservare “El Papa”. Innesco-disinnesco,innesco-disinnesco..e avanti così fino all’abominio. La narrazione cambia , com’è giusto, in base alla geopolitica, prendiamone atto e fermiamo l’autodistruzione dell’occidente. Disboscare l’Europa dagli europei sembra il vero programma . Se si è indifesi, la musica, il teatro, la poesia possono.

RenatoT
RenatoT
10 Aprile 2021 23:35

Suggerisco una lettura del libro di Giorgio Cosmacini “La medicina non è una scienza”.
Giorgio Cosmacini, medico e filosofo, è uno tra i più autorevoli storici della medicina. Attualmente insegna Storia della medicina presso la Facoltà di Filosofia e quella di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele e presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano.

“Lo dice la scienza” è una menzogna. Quello su cui si basano i governi ha la valenza della cartomanzia, dell’astrologia o della magia del mago Otelma. Se non si parte da questa bugia che spiega perchè oggi dicono una cosa e domani un’altra.. non ne usciremo piú.

http://www.raffaellocortina.it/scheda-libro/giorgio-cosmacini/la-medicina-non-e-una-scienza-9788860301710-1190.html

RenatoT
RenatoT
10 Aprile 2021 23:35

Suggerisco una lettura del libro di Giorgio Cosmacini “La medicina non è una scienza”.
Giorgio Cosmacini, medico e filosofo, è uno tra i più autorevoli storici della medicina. Attualmente insegna Storia della medicina presso la Facoltà di Filosofia e quella di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele e presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano.

“Lo dice la scienza” è una menzogna. Quello su cui si basano i governi ha la valenza della cartomanzia, dell’astrologia o della magia del mago Otelma. Se non si parte da questa bugia che spiega perchè oggi dicono una cosa e domani un’altra.. non ne usciremo piú.

http://www.raffaellocortina.it/scheda-libro/giorgio-cosmacini/la-medicina-non-e-una-scienza-9788860301710-1190.html

Pierrot Lenolese
Pierrot Lenolese
Risposta al commento di  RenatoT
11 Aprile 2021 6:04

Libro interessante. Stamane appena sveglio pensavo “all’internet of things”, beh in quella “thing” hanno messo anche noi. Se il piano degli idioti va avanti fra un pò di anni il concetto di persona e “cosa” non saranno più distinguibili.

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  RenatoT
11 Aprile 2021 6:59

Prendo nota e me lo vado a cercare. In cambio suggerisco “Eresia” del Dr. Massimo Citro

https://www.macrolibrarsi.it/libri/__eresia.php?pn=3448&adw_kyw=&gclid=EAIaIQobChMImJGhwoT27wIVBrd3Ch2CbQB3EAAYAiAAEgLiZvD_BwE

Nuvola Rossa
Nuvola Rossa
11 Aprile 2021 4:32

E’ pazzesco: obbligare qualcuno a farsi iniettare un esperimento che uccide, contro la costituzione!!Almeno i nazisti lo facevano ai carcerati non ai loro stessi medici e per forza.!!! Oltre al fatto che sia pericoloso c’e’ un malefico trattamento:forse pensano che la gente sia proprio stupida, perche’ imbrogliarli facendo credere in un vaccino che riguarda il virus del febbraio 2020 ormai sparito e’da criminali!!il virus apparso ad ottobre e’ un altro e loro fanno esperimenti su un virus che non c’e’piu’ su deficienti e creduloni.Peggio, molto peggio dei nazisti, quelli erano piu’aperti!!! E gli agnelli vanno al sacrificio in onore degli dei…e’sempre la stessa ignoranza……

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Nuvola Rossa
11 Aprile 2021 7:08

Penso proprio e non da ora che hai ragione…del resto ho letto che anche il virus della spagnola del 1918, apparso verso maggio giugno se non sbaglio, ad inizio anno nuovo si era gia’ modificato, diventando meno letale…

Nuvola Rossa
Nuvola Rossa
Risposta al commento di  cachafaz
11 Aprile 2021 7:14

per forza, quindi cosa stanno inoculando alla gente, soprattutto dell’occidente, perche’in asia e russia quasi niente e i vaccini sono proteici. E’altro quel che vogliono fare ma non e’detto che riesca…..

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Nuvola Rossa
11 Aprile 2021 9:10

…soprattutto se i decessi post vaccino continuano con l’attuale trend..

Mario Poillucci
Mario Poillucci
11 Aprile 2021 9:34

Ma come per che ”partecipare alla discussione”??? A che cactus serve?? Che cosa si realizza e si integra??? Quella feccia DEVE essere annientata a colpi di ak47 mg42 e bombe!!! Le chiacchiere non servono ad una beata minchia!!!!! E sarebbe ora e passata di finirla con i birignao e mettere mano alle armi!!!! E porco (omissis)!!!!!!!!

emilyever
emilyever
11 Aprile 2021 10:39

Colloquio di un mio amico oggi a pranzo con due suoi cugini medici,già vaccinati con la seconda dose.- Ma allora voi non potete più prendervi il virus, neppure in forma lieve?- – No, ci rimbalza addosso, siamo immunizzati.

Intanto l’adkronos comunica che in Israele la prevalenza della variante sudafricana in coloro che sono stati vaccinati e contagiati è 8 volte superiore a quelli che non sono stati vaccinati
https://notizie.virgilio.it/variante-sudafricana-coronavirus-vaccino-pfizer-1475652

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  emilyever
12 Aprile 2021 0:34

Ma i due hanno studiato medicina al Cepu?

AlbertoConti
AlbertoConti
Risposta al commento di  Astrolabio
12 Aprile 2021 5:46

No, all’università privata del Dr.Aghi, finanziata dalla UE.

AlbertoConti
AlbertoConti
Risposta al commento di  Astrolabio
12 Aprile 2021 5:46

No, all’università privata del Dr.Aghi, finanziata dalla UE.

34
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x