Addio alle spiagge italiane: hanno vinto le multinazionali

Il Consiglio di Stato proroga le concessioni balneari solo fino a dicembre 2023

Di Jacopo Brogi, ComeDonChisciotte.org

Le spiagge italiane saranno molto presto date in pasto ai grandi gruppi multinazionali. L’Unione Europea ce lo chiede da anni. E in data 5 novembre us. aveva dato l’ordine:

E’ importante che l’Italia agisca rapidamente in modo che la legislazione e le pratiche sulle concessioni balneari siano conformi alla legislazione europea e la giurisprudenza della Corte di giustizia (1).

L’Italia dell’ex banchiere centrale Mario Draghi esegue, ma senza metterci la faccia. Così come la Lega di governo: per il momento si salva (in attesa di prendere il 3% alle prossime elezioni), ma non il settore balneare.

Ci ha pensato il Consiglio di Stato (sotto la presidenza di Filippo Patroni Griffi, ex ministro del governo Monti), a togliere le castagne dal fuoco a governo e parlamento, lo ha fatto nell’adunanza plenaria di ieri (9 novembre u.s.) che ha sancito l’apertura al mercato del settore delle concessioni balneari:

continuano ad essere efficaci sino al 31 dicembre 2023, fermo restando che, oltre tale data, anche in assenza di una disciplina legislativa, esse cesseranno di produrre effetti, nonostante qualsiasi eventuale ulteriore proroga legislativa che dovesse nel frattempo intervenire, la quale andrebbe considerata senza effetto perché in contrasto con le norme dell’ordinamento dell’U.E. (2).

Il Potere giudiziario arriva addirittura a neutralizzare il potere legislativo, disinnescando di fatto il Parlamento e la sua funzione di indirizzo politico, celebrando così la vittoria della legge sovranazionale europea.

Poi aziona la bomba economica, in quanto la drastica decisione della magistratura rischia di mandare sul lastrico un intero comparto del nostro Paese:

Non condividiamo le motivazioni giuridiche di questa sentenza. Quanto deciso dal Consiglio di Stato mette a repentaglio le oltre 30 mila famiglie che lavorano nel settore turistico balneare, decretando il blocco degli investimenti con gravi ripercussioni anche a livello occupazionale. In questo modo, infatti, si rende fortemente instabile un settore che conta circa un milione di lavoratori.

Reagisce così Marco Maurelli, presidente di Federbalneari Italia (3).

Il nostro pensiero va alle decine di migliaia di famiglie coinvolte, indotto incluso.

Questa è l’Italia di Draghi, tutta la società è sotto attacco: non solo l’economia, non solo il patrimonio, non solo il lavoro ma anche la tua nuda vita.

E’ il Grande Reset imposto dalle multinazionali. E se il loro esecutore materiale riuscirà a salire al Quirinale, sarà solo l’inizio.

NOTE

(1) = https://www.ilsole24ore.com/radiocor/nRC_05.11.2021_18.43_62610626?refresh_ce=1 

(2) = https://www.giustizia-amministrativa.it/web/guest/-/l-adunanza-plenaria-pronuncia-sulla-proroga-automatica-delle-concessioni-demaniali 

(3) = https://qds.it/concessioni-federbalneari-a-rischio-un-milione-lavoratori/?refresh_ce 

10.11.2021

Notifica di
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
danone
danone(@danone)
Utente CDC
10 Novembre 2021 8:37

Quest’articolo spero chiarisca a tutti che chi combatte contro la discriminazione del green-pass, certamente fa bene ad indicare e rifarsi alla normativa europea, che ne vieta esplicitamente l’uso discriminatorio, ma sbaglia di grosso se, per portare acqua a questa causa, si afferma che la legislazione europea è di rango superiore alle leggi costituzionali nazionali.
E’ una grande cazzata, da non fare e sostenere.
Non è così e non è accettabile sia così, anche se in situazioni specifiche potrebbe sembrare conveniente.
Non è mai conveniente darsi le mazzate sui gioielli da soli o castrarsi per fare dispetto alla moglie.
L’unione europea è un lager economico, fisico e cognitivo, punto.
All’ingresso del parlamento europeo c’è una targa in pelle umana con su scritto i famosi versi..”lasciate ogni speranza o voi che entrate”

Da notare che in Italia esiste ancora una magistratura che continua a lavorare, pur essendo il paese sotto attacco pandemico sconosciuto, incredibile, che sprezzo del pericolo dimostrano i nostri eroi in toga.
Pensavo fossero tutti emigrati all’estero come sottocategoria dei cervelli migliori in fuga.

Ultimo aggiornamento 29 giorni fa effettuato da danone
lilithdea
lilithdea(@lilithdea)
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
10 Novembre 2021 20:33

Infatti i diktat dell’ UE hanno(fatto salvo in pochissimi casi), dato il là alle peggiori nefandezze, tipo questo altro Reset imposto non per mettere ordine, ma per far arricchire chi si è già arricchito con questa pandemia. Sperando che la schifo riforma progettata da quell’altra anima nera che è indegnamente ministro della giustizia(quella per loro eh), non costringa davvero i magistrati che non si sono ancora calati le braghi ad essere mandati al confino) ad Eboli. Tanto a calarsi le braghe restano i 5 stalle del nuovo corso(?) di Conte, che ormai sembra più uno dei tanti segretari del PD che il leader di un movimento che era nato con ben altri programmi, ma se accantoni la Bonafede ti sei già calato le braghe, pronto a metterti prono(per salvare dal processo il figlio di Grillo, a proposito di “giustizia”). Come cantava il grande Rino Gaetano “partono tutti incendiari e fieri ma quando arrivano sono tutti pompieri”. Altro che terzo mandato per Giggino e co. bastano e avanzano due, mi meraviglia sentire da persone di un certo valore affermare in altri contesti il contrario.

Primadellesabbie
Primadellesabbie(@primadellesabbie)
Utente CDC
10 Novembre 2021 9:23

È solo un cambio di destinazione, alla fine della guerra fu deciso che la Penisola fosse il posto ideale per raffinerie, e industrie inquinanti in genere, che ci vennero ‘concesse’ in cambio della rinuncia al primato nell’agricoltura.

Obbiettivo diligentemente raggiunto installando gli stabilimenti prevalentemente lungo le coste, sulle inutili spiagge del Paese: c’è tanto spazio inutilizzato sul mare!

Oggi pare che le intenzioni siano di trasformarci in un grande parco disney, quindi avanti con gli appalti, delle spiagge per ora, poi troveranno il modo di appaltare le città più interessanti (il biglietto d’ingresso a Venezia dice nulla?).

oriundo2006
oriundo2006(@oriundo2006)
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
10 Novembre 2021 10:21

E’ il vecchio piano per l’ Italia di Lenin…
C’è da dire che spesso in tanti posti le nostre spiagge sono in uno stato di incuria totale, compresi ovviamente in prima linea gli arenili demaniali qualificati come ‘spiagge pubbliche’ ma sozzi immondezzai, ritrovo di fauna varia…
Ho presente due casi, le spiagge tra Rimini e Riccione dove ci sono le famose ‘colonie’, pregevoli esempi di architettura del Ventennio lasciati in totale e criminale abbandono alla mercè di tutto, e la spiaggia pubblica di Sanremo tra San Martino o la Brezza o quella pericolosa spiaggia a ridosso della frontiera, luogo di ogni commercio umano possibile ed immaginabile, specie per gli apostoli del culto Zan…
Tutto maltenuto, tutto a schifìo, tutto senza interesse da parte dell’ amministrazione pubblica a preoccuparsene ed a occuparsene. E’ voluto ? Direi di sì.
Cosa dire allora di questo popolo di amministratori pubblici ?

Ultimo aggiornamento 29 giorni fa effettuato da oriundo2006
Primadellesabbie
Primadellesabbie(@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
10 Novembre 2021 12:21

Alla base della decisione di utilizzare le coste per le acciaierie (per le raffinerie è un altro discorso, successivo alla WWII) ci fu questo signore (metto la versione inglese perché quella italiana è troppo scarna!) che la impose con un semplice ragionamento logistico: https://en.wikipedia.org/wiki/Oscar_Sinigaglia

piero deola
piero deola(@piero-deola)
Utente CDC
10 Novembre 2021 9:45

E’ giunta l’ora,anche se in ritardo,di sbarazzarci di questa moltitudine di faccendieri disonesti e ricordarci che siamo italiani e che dobbiamo riscattarci da certe vergogne del passato.
La nostra legge è la COSTIUZIONE e chi non la applica va denuniato,arrestato e processato per alto tradimento senza tener conto della carica di cui si fa forte. E’ l’ora del risveglio non del terrore per un virus inesistente che ha dato a molti l’occasione per stendere il braccio.Il braccio steso usatelo per fare capire che non ci stiamo più a giochi sporchi e sostenuti da personaggi ancora più sporchi.

Eugiorso
Eugiorso(@eugiorso)
Utente CDC
10 Novembre 2021 10:09

Qualcuno aveva dei dubbi che con il governo del boia/ Quisling draghi sarebbe continuato il saccheggio del patrimonio del paese, pezzo per pezzo?
Dal boia monti, commissario europoide, al boia draghi, banchiere internazionale privato, sono passati circa dieci anni – 10! – ma la politica è sempre quella e ora draghi deve portare a compimento l’opera.
Oggi le spiagge … domani anche tutti i monumenti e i palazzi di interesse storico/ architettonico e artistico … fino allo spolpamento completo del cadavere dell’Italia.
Dopo, ma solo dopo, saremo liberi di uscire dall’unione europoide e il giullare seghista salvini, se sarà ancora vivo e intortato in politikka, rispolvererà il suo slogan “basta euro!”, ma ormai sulle macerie.

Cari saluti

Rnamessaggero
Rnamessaggero(@rnamessaggero)
Utente CDC
10 Novembre 2021 10:35

Allora non cambia niente, non frequento le spiagge della mia zona perché appartengono ad una élite che ti vieta di stare sulla battigia se non li paghi, ti vieta di portarti le merende da casa perché pretende che le compri al bar e ti obbliga a pagare cifre da “borghese” per un ombrellone e un lettino. Nessuno si è mai preoccupato del povero padre/madre di famiglia che non poteva/no permettersi di portare il proprio gruppo al mare.
Non mi stupisce che questo gruppo di aguzzini con privilegi ora lecchino i piedi alle leggi europee, su questo ultimo tema si è già espresso egregiamente danone.
Usare il tema Draghi per dire che ci portano via le spiagge è da dementi con privilegi, esattamente Draghi stesso.

Ultimo aggiornamento 29 giorni fa effettuato da Rnamessaggero
Eugiorso
Eugiorso(@eugiorso)
Utente CDC
Risposta al commento di  Rnamessaggero
10 Novembre 2021 11:13

Se però portano via le spiagge del demanio, colpendo anche quelli che potevano permettersi di pagare l’ombrellone a caro prezzo, vuol dire che l’ultracapitalismo sta facendo “un passo avanti”, impossessandosi di tutto (fra un po’ non solo l’acqua, ma anche l’aria) e gettando letteralmente sul lastrico – ricomparirà lo spettro dell Miseria di massa? Credo di sì – anche quelli come te e soprattutto quelli come te, che l’ombrellone non lo pagavano perché non potevano permetterselo.
Il boia draghi è importante attore e facitore per conto miliardari demokrat-ebrei di questo processo di saccheggio, non dimentichiamoci dell’inzio di novanta e delle “privatizzazioni” …

Cari saluti

Rnamessaggero
Rnamessaggero(@rnamessaggero)
Utente CDC
Risposta al commento di  Eugiorso
10 Novembre 2021 12:15

Si tutto vero concordo con quanto dici, l’ unica inesattezza, ma è quella che commettono tutti, è che Draghi non è il boia ma il tirapiedi, ovvero quello che si attacca ai piedi dell’ impiccato ( dal boia ) per spezzargli il collo ( si lo so la spiegazione è un po’ cruda ). I tirapiedi non fanno mai una bella fine, vedi gli infermieri che prima hanno taciuto tirando i piedi ai condannati alle terapie intensive e poi sono stati usati dagli stessi boia che loro stessi avevano assecondato, per dare il via agli esperimenti genici, è un po’ come se gli avessero detto: voi che avete permesso tutto questo, pur sapendo, adesso o subite o dichiarate di essere stati complici. I boia si circondano di tirapiedi per evitare di essere condannati, chi ha abusato di un privilegio per i propri interessi personali a scapito di quelli sociali è complice del boia e il boia lo sa. La cosa bella di tutto questo guazzabuglio è che ci stanno obbligando a ragionare, e ragionare non porta alla miseria di massa, almeno spero, perché la miseria porta alla guerra e in guerra, la maggioranza spesso prevale sulla strategia, se poi ragionando… Leggi tutto »

Holodoc
Holodoc(@holodoc)
Utente CDC
Risposta al commento di  Rnamessaggero
10 Novembre 2021 11:29

Quella delle spiagge è una delle millemila anomalie italiche. Se vi pare normale che esistano normali famiglie che da un giorno all’altro, grazie ad una concessione pubblica, si siano ritrovate in mano la gallina dalle uova d’oro per loro e per i loro eredi nei secula seculorum…

Un’altra anomalia analoga è quella dei Taxi. In nessun’altro paese prendere un Taxi (quando lo trovi, se lo trovi) è un lusso ma una normale attività quotidiana.

Ovviamente questa anomalia verrà “normalizzata” nel peggior modo possibile come è avvenuto per la privatizzazione delle aziende statali o parastatali. Niente di nuovo sotto il sole.

Giovanni01
Giovanni01(@giovanni01)
Utente CDC
Risposta al commento di  Holodoc
10 Novembre 2021 13:04

Qui, Liguria di ponente, pretendono il pizzo per raggiungere il bagnasciuga. Certo, loro pagano la concessione, magari più di 200 euro annuali!!!

nicolass
nicolass(@nicolass)
Utente CDC
10 Novembre 2021 11:29

Con l’avvento delle Multinazionali sull’arenile non mi sorprenderei se l’accesso alla spiaggia fosse precluso alle plebi perché troppo oneroso anche fuori stagione.. anche solo fare il bagno in mare sarà cosa riservata a nobili, aristocratici e para culati.. per tutti gli altri la tinozza di casa sarà più che sufficiente .. a patto che possa permettersi di pagare la bolletta dell’acqua

Ultimo aggiornamento 29 giorni fa effettuato da nicolass
Primadellesabbie
Primadellesabbie(@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
10 Novembre 2021 12:02

Ricordo che durante la WWI, stante il monopolio del sale, le spiagge erano tenute d’occhio per impedire ai disgraziati di utilizzare l’acqua di mare per farsi la minestra.

Ultimo aggiornamento 29 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
giovacairo
giovacairo(@giovacairo)
Utente CDC
Risposta al commento di  nicolass
11 Novembre 2021 8:30

Già è così. Gli stabilimenti balneari in Italia si comportano da sciacalli imponendo prezzi decisamente impopolari.
Ben venga un riordino

Bertozzi
Bertozzi(@bertozzi)
Utente CDC
10 Novembre 2021 12:52

Quindi massa di pelandroni vorreste pure andare al mare? Mica siete nati nel periodo giusto, quello del ‘casotto’, quello in cui con 5 mila lire di benzina facevi da trento a napoli in macchina, senza cinture controlli e con pedaggi ridicoli, quello in cui la casetta a due passi dalla spiaggia la portavi a casa con i risparmi di qualche annetto di ‘mollo’ lavoro di fantozziana memoria, quando le tasse si pagavano si e no e lo scontrino te lo facevano solo su richiesta e se lo dovevi mettere in nota spese. Perdigiorno! questi lussi a voi non sono permessi, il mare, tzè pure il mare volete, come se fosse qualcosa che è lì per tutti, il mare, oh, mica l’hanno fatto per voi oh, è solo un miraggio per voi poveracci figli di nessuno, come d’altronde avere una casetta (casetta? come ti permetti? al massimo un mono bi locale accatastato e compresso in un alveare di città ti puoi permettere razza d’un bifolco, con lo stipendio di tutta una vita naturalmente, se proprio lavori sempre e non ti lamenti mai…) mica è per voi il mare o la montagna o il farsi una famiglia ahahah che ridere, fare i… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 28 giorni fa effettuato da Bertozzi
lilithdea
lilithdea(@lilithdea)
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
10 Novembre 2021 20:13

Concordo grosso modo con il tuo pensiero, anche se non tutti “i cigni” degli anni settanta erano “neri”, cioè avevano comunque dei valori morali ed hanno vinto alcune importanti battaglie civili. Purtroppo sono andati al potere i “cigni” neri (ma non dimentichiamoci delle cicale degli anni ottanta, socialisti in primis con lo slogan “Milano da bere”),mentre le persone che onestamene si sono fatte una posizione sociale con il lavoro, e non le regalie delle lobby, si sono purtroppo autoescluse o sono state escluse. O ammazzate, non faccio nomi. Nelle spiagge darei accesso solo a questa nuova élite.. a patto che restino per sempre lì, in una vacanza perpetua, a godersi loro i vitalizi che li vadano di traverso, mi spiace dover sempre puntualizzare (non a te) che i vitalizi non sono un diritto, ma un privilegio VERGOGNOSO, non meno delle scelte ratificate da questo postribolo che chiamano, con un eufemismo, parlamento. Che ovviamente scadrà solo dopo settembre, sennò non maturano i vitalizi, e poi come fanno loro ad andare al mare o in montagna?
Ci vorrebbero altri Villaggio che li mettessero alla gogna.. anche ma non solo con la risata liberatoria, contro loro: questo meriterebbe questo potere marcio e corrotto.

Ultimo aggiornamento 28 giorni fa effettuato da lilithdea
rocks
rocks(@rocks)
Utente CDC
11 Novembre 2021 21:49

Finalmente! Un po’ di libertà di impresa non può che far bene a sto paese di privilegi e massonerie. Non che io faccia molto uso degli stabilimenti balneari, ma vedo solo positivo in un provvedimento del genere.

18
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x