Home / Attualità / 5 stelle cosa non capisce Blondet

5 stelle cosa non capisce Blondet

DI MARCO GIANNINI

comedonchisciotte.org

Per una volta scriverò un pezzo breve esprimendo il mio punto di vista che, al solito, andrà controcorrente dato che antepongo sempre la testa alla pancia, un articolo che mi porterà molte, moltissime critiche.

Assorbito dai miei impegni lavorativi in questi giorni mi sono assentato dal panorama degli opinionisti ma quando ieri un amico mi ha iniziato a citare Draghi come possibile premier (in realtà aspira al Colle) sostenuto da Lega e 5s, ho iniziato a dare un’occhiata agli “hot spots” degli ultimi giorni per capire se davvero si fosse rovesciato il mondo (in realtà ero già certo che qualche complottista avesse messo in giro qualcosa di “fruibile”): Di Maio da Fazio, Draghi Senatore a vita, Blondet ecc ecc.

Macchiavelli sosteneva che per capire le cose si dovevano osservare i fatti ed i fatti sono questi:

L’accordo con la Cina, il Franco CFA denunciato ad alta voce (vi pare poco di fronte a chi detiene una discreta parte del nostro debito pubblico senza che abbiamo una vera BC alle spalle?), il RDCitt osteggiato da tutte le lobbies internazionali che credevano (e credono) di essere padrone a casa nostra (FMI, WTO, Banca Mondiale, UE, USA ecc), il salario orario minimo garantito, la questione migratoria ecc ecc.

Non bastano a capire?

Mi si dirà “ma Di Maio ha criticato il sovranismo sul quale tu hai scritto un libro, è contro la manifestazione per la famiglia tradizionale e parla di migranti da suddividere in ambito UE, è un secondo caso ALDE!”.

Benissimo…

A parte il fatto che con i temi etici (diritti civili e family day compresi) non ci si sfama (altrimenti si ragiona come il PD) ma dopo anni ed anni di deindustrializzazione veicolata dalla moneta unica e dall’austerity qualcuno crede che si possa uscire dall’euro come fossimo nel 2016: l’industria ha dato preoccupanti cenni di smottamento con almeno 3 anni di anticipo su ciò che avevo previsto nel mio saggio del 2014, abbiamo puntata contro la pistola del default (Francia, Germania e il mondo finanziario vicino al FMI posseggono troppi nostri titoli), Mattarella si è rivelato peggiore di Napolitano, dentro questo Governo (e dentro la coalizione) ci sono quinte colonne come Moavero, Tria, Giorgetti, Zaia ecc, gli ex sovranisti una volta ottenuta la poltrona si sono imborghesiti ed il popolo è largamente disinformato.

Senza prima creare le basi, in primis di una reindustrializzazione di prospettiva incentrata (magari) sulle tecnologie di avanguardia, informatiche e di precisione e senza creare nuove solide alleanze commerciali e geopolitiche crediamo di potercela fare?

Avete visto Trump come ha reagito paventando dazi sulle principali merci italiane per ritorsione (Cina)? Vogliamo drogarci con la guerra tra poveri (disoccupati vs immigrati) per continuare a non vedere lo stato delle cose? Senza cercare nel breve di porre le basi di una sicurezza sociale di fondo legata al rilancio della domanda interna? Questo Governo sta cercando in modo evidente di fare proprio questo senza danneggiare troppo la bilancia commerciale, cioè fa redistribuzione.

Se si cerca di cambiare in Europa serve il maggiore consenso possibile, è grazie a questa logica che in Italia abbiamo questo Governo altrimenti irrealizzabile.

Chi non comprende questa frase (criptica) dovrebbe astenersi dal giudicare dalle apparenze o dalle chiacchiere ed osservare i fatti.

 Nel concreto che strada ha preso il M5s dopo ALDE (vedasi discorso sul Macchiavelli in apertura)?

Una strada contro i diritti sociali piegata a 90° sul patto di Aquisgrana (Germania e Francia)?

No! Una strada opposta direi!

Ed i media, espressione dei poteri forti, contro chi ce l’hanno? Col M5s ovviamente!

Entrando nello specifico Di Maio ha detto che in Europa in questo momento le forze sovraniste remano contro gli interessi italiani…cosa ha detto di sbagliato?

In UE ogni paese ragiona per i propri interessi tranne la tafazziana Italia (come disse Montanelli “i francesi in Europa entreranno da francesi, i tedeschi da tedeschi e gli italiani da europei”) ed i Visegrad non fanno eccezione.

Semmai è Salvini che associandosi ai Visegrad è un po’ come il PD che si allea con Macron, dato che sia i Visegrad che Macron e Merkel chiedono il peggio per l’Italia e cioè austerity e isolamento nella gestione della questione migratoria, ma non mi sento di criticarlo proprio per quanto detto sopra riguardo al “criptico”.

Ciò che dobbiamo chiederci non è come porci di fronte a un termine (il sovranismo) ma è come superare l’austerity (che è distruttiva!) imposta dalla UE-M: dentro o fuori di essa?

Si vota per questo alle europee.

Non serve pesare le parole di Di Maio per nutrire la rabbia di chi ha fretta ed avere l’applauso caro Blondet.

I media di regime (ivi compresa Radio Radicale in merito alla quale non scriverò dato che il FQ ha fatto uscire un ottimo articolo con dentro tutto ciò che avrei scritto io che si conclude con “è il mercato bellezza”) ogni volta che si citava l’uscita dall’euro associavano (tecnica subliminale) termini quali fascismo, Hitler, nazismo, violenza, estrema destra ecc.

A questo punto è meglio dire tutti come io dico da tempo “si può essere contrari alla moneta unica senza essere sovranisti”.

Concludo con una analisi del programma in 6 punti del 5s (secondo www.affaritaliani.it/politica/europee-in-6-punti-il-programma-del-m5s-chi-voterai-il-26-maggio-di-la-tua-597174.html?refresh_ce)

  • Nuova Europa: più democrazia diretta e stop privilegi.

Al primo posto quindi la “Nuova Europa”.

  • Stop austerity: piena occupazione e sviluppo sostenibile.

Nessuno ha fatto caso al “piena occupazione”? Significa che tutto deve cambiare o “non c’è altra scelta che”.

  • Tutela delle persone, della salute e dell’ambiente.

Altro punto che mette al centro le persone e non l’ideologia finanziaria delle cifre (manipolate a dovere grazie all’oscuramento dell’Economia per larga fetta della popolazione).

  • In Europa per il Made in Italy.

Ecco la chiosa finale! In Europa per tutelare i nostri interessi. Unita ai precedenti punti il quadro è chiaro…forse anche per Blondet.

  • Politica migratoria comune per la redistribuzione europea.

…e ci mancherebbe pure altro che restassimo agganciati al Trattato di Dublino (argomento da poter utilizzare per smascherare la vera natura ultranazionalista di tedeschi e francesi qualora continuassero a comportarsi come si stanno comportando).

  • Lotta alla grande evasione, alla corruzione e alla criminalità.

Sì…li voterò! Convintamente e spero lo facciano anche gli italiani.

Concludo augurandomi che questo pezzo sia condiviso anche dai detrattori, il motivo potrebbero (provoco lo so) intuirlo.

 

Marco Giannini

 

 

Fonte: www.comedonchisciotte.org

10.04.2019

 

 

Pubblicato da Davide

18 Commenti

  1. Una volta dicevano che siccome l’Italia aveva perso la guerra, era da considerarsi quasi normale che fosse soggetta alle politiche di chi aveva vinto, dovendo di fatto rinunciare alla propria piena sovranità come Stato, o comunque esercitandola all’interno dei limiti posti da altri e con il permesso di questi. C’era la Nato, con un padrone molto evidente e disponente, e comunque la guerra non l’avevamo certo persa solo noi in Europa. In fondo era quasi comodo cosi, un unico padrone, o almeno un unico referente che ci indicava in tutto e per tutto quello che dovevamo fare, fin nei minimi particolari. Il mondo da allora è molto cambiato, eppure continuano a dire che è ancora così, che c’è un unico centro di potere al quale dobbiamo spiegazioni per ogni nostra azione, anche quando ormai vediamo che in molti vogliono comandare a casa nostra. Che cosa gli rimane, al vecchio padrone, da offrirci per continuare ad essere servito da noi? A quanto pare ben poco, anche perché in un mondo dove ormai si combattono guerre soprattutto economiche, le basi militari non hanno ormai più di tanto potere intimidatorio, a meno che non si voglia usarle per invadere l’Italia e poi l’Europa stessa. Qualcuno ha detto che sarà una guerra lunga e dura, non di tipo classico. Quel che è certo è che i nemici sono molti e occorreranno molte capacità machiavelliche per muoversi nel caos delle alleanze. Chissà se il giovane Di Maio e i suoi saranno in grado di fare tesoro degli insegnamenti di Machiavelli.

  2. Naturalmente, non bisogna dire che la guerra tra poveri (disoccupati contro immigrati) non ci sarebbe senza qualcuno che gli immigrati li traghetta qui.

  3. Tralascio di commentare il riferimento a Blondet perché quello che pensa lui dei 5S lo ho già postato in un altro thread e mi concentro sulle misure elencate da Giannini.
    1.Più democrazia in Europa significa che i popoli europei devono poter scegliere se continuare a subire l’invasione oppure se dopo referendum la si debba fermare e rimandare indietro i clandestini. Altro che redistribuzione.
    2.La lotta alla criminalità organizzata, che ormai va fatta a livello europeo è purtroppo scomparsa dal programma di governo e del partito della legalità e onestà.
    3.Manca un programma di sostegno alla produzione industriale senza il quale non ci sarà piena occupazione e l’aumento del reddito (fatto a debito) andrà a sostegno dell’import di prodotti stranieri. Questo Trump lo ha capito Giannini no.
    4.Gli accordi con gente che ha solo l’intenzione di conquistare il mercato europeo mantenendo dazi e mercato chiuso a casa propria non si fanno. Fare quello che ha fatto Trump : prima si mettono i dazi e poi si negozia.
    5.Alla bufala del partito né di destra né di sinistra ormai non crede più nessuno. Il Mov è sempre stato la costola delle sinistra e oggi lo si vede chiaramente.


  4. Nuova Europa: più democrazia diretta e stop privilegi.
    Al primo posto quindi la “Nuova Europa”.

    Basta questo.
    Laddove la costituzione parla di “limitazione”:
    “..consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie”
    specifica in condizioni di parità
    Ebbene, la prima e piu’ importante condizione di parita’ e’ la parita’ democratica.
    Non e’ ammissibile limitare la propria sovranita’ cedendola ad un organismo meno democratico.
    Ed e’per questo che alle elezioni votero’ annullando la scheda.
    La proposta di introduzione dei “referendum europei” va nella giusta direzione

  5. Da questo articolo di Giannini, condivisibile o meno, si evince solo una cosa che l’attuale governo non ha un piano B per l’uscita dal questa follia chiamata Europa.
    L’austerity ci ha tagliato le gambe e disintegrato il tessuto industriale, ma anzichè pensare ad un’uscita si pensa a rivoluzionare il concetto stesso di EU.
    Cosa che reputo irrealizzabile considerando chi risiede a Bruxelles e non ha la minima intenzione di discutere con noi dato che ci prendono a pesci in faccia da sempre.

  6. Frase criptica la chiami o specchietto per le allodole?

    “Se si cerca di cambiare in Europa serve il maggiore consenso possibile, è grazie a questa logica che in Italia abbiamo questo Governo altrimenti irrealizzabile.”

    Cosa vuoi cambiare in Europa se il parlamento ha meno potere della commissione capeggiata dal vecchio ubriacone e composta da lobbisti non votati?
    Questo significa prendere in giro la gente, la politica è totalmente al soldo del capitale, ricordatelo, un vero movimento anticapitalista in Italia tipo la gloriosa resistenza Castrista non riceverebbe le critiche all’acqua di rose che ricevono i cinquini e la Lega ma scatenerebbe il delirio tipico dei fantocci che gestiscono i gangli vitali dell’economia e della politica globale. I tuoi articoli sono ridicoli, vi limitate ad illudere la gente ma come Greta Thunberg siete un prodotto del sistema costruito all’Ikea e l’unico risultato è quello di continuare a galleggiare come str0nz1 nella fogna capitalista

  7. Propaganda anti 5s all’attacco

  8. I legaioli a dire che 5s sono comunisti al servizio di Draghi (mica Giorgetti e Zaia) i sinistrati a definire il 5s sovranista fascista populista. Siamo alle solite. Intanto la realtà e che adesso i diritti sociali stanno aumentando a disposizione rdcitt salario orario, tasse su banche e slot per infrastrutture idrogeologiche, sblocco assunzioni ma è bravo solo Salvini. Scusate ma con chi è alleato?

  9. Superare l’ austerity? …E’ grazie all’ austerity che Barclays s’ è comprata dalle BCC venete le ipoteche dalle banche al 20% del valore!? E scommetto che ha usato i proventi delle aste marginali BTP per pagare. Reindustrializzazione dici? La gente non sa cosa vuol dire impresa oggi. L’ italia non ha ancora ben capito cosa ha perso con la deindustrializazione. E’ già difficilissimo essere competitivi e rimanere a galla…qui si deve ripartire da 0 (zero) !!! Ci vogliono 20 anni per reindustrializzare, capitali e competenze… Noi siamo scesi dal treno! Sul voto…Io direi che serve un partito serio di opposizione al sistema Giannini. Un partito nazional socialista democratico che non si vergogni di parlare di Sion, che non vada in israele con la kippà. Non servono prodotti di laboratorio come Di Maio e Salvini.

  10. Mi ero riproposto di non intervenire più su articoli che riguardano i 5S o la Lega, per non fare il gioco di chi vuole dividere, come sempre, gli Italiani per dominarli dall’estero e con il contributo di qualche fazione interna, in breve è questo e lo è sempre stato il modus operandi con cui hanno dominato l’Italia è tenuto l’Europa frazionata e conflittuale negli ultimi o quasi millecinquecento anni, non è cosa difficile perchè collaboratori seppure in buona fede tra gli irascibili popoli italici se ne trovano sempre ed anche volenterosi, amanti delle risse e della propria località di nascita.
    Senza prendere alcuna parte nell’attuale diatriba, penso che alla base di tutto ci sia l’emancipazione italiana dai poteri stranieri che continuano a governare sulle questioni italiche contro gli abitanti della penisola, quindi se in un programma politico non ci sono l’uscita dalla Nato e l’uscita di ogni esercito straniero dal suolo patrio ed il recupero della sovranità giuridica e monetaria da chi ce ne privò con maastricht ed altri illegali trattati, siglati senza il consenso informato del Popolo Italiano, ebbene qualsiasi programma politico è inutile ed ingannevole, certo vanno bene le politiche citate da Giannini ma senza obbiettivi seri sono solo palliative e portano di fatto ad un riconoscimento dello status di desovranizzati di cui oggi “godono” gli italiani.
    Non ci può essere sovranità di popolo in €uropa, cioè di questa €uropa costruita proprio per sottrarre Sovranità ai Popoli ed agli Stati Nazionali in nome e per conto delle dinastie bankarie e delle corporation transnazionali, l’€uropa degli apolidi non può essere l’Europa dei Popoli, prima lo si capisce e prima ci si mette in salvo, insistere su qualche nuova forma d’€uropa dove non abbiamo, e sempre meno avremo, alcun controllo negli ambiti che definiscono cosa sia e cosa non sia la Sovranità, cioè l’ambito militare [di cui siamo privati dalla NATO] l’ambito monetario [di cui siamo privati dalla BCE] e dell’ambito giuridico [di cui siamo privati dall’€uropa dei trattati e delle Corti non elette] e infine dell’ambito territoriale, su cui non abbiamo più controllo come l’invasione auto-indotta bene dimostra, insistere su questi territori che sono la negazione de facto della Sovranità è stupido, senza offesa eh? niente di personale, ed autodistruttivo.
    Su quali sarebbero poi le strade per la Liberaziona Nazionale possiamo discutere, l’importante però è stare uniti sul punto, che a mio avviso è la rottura della gabbia e la ricerca di una postura nuova, e più consona alla peculiarità storica nostra di Italiani, in ambito internazionale, che faccia riferimento al quadro multipolare che si sta affermando con sempre maggiore evidenza, questo treno potrebbe non passare più e chi lo perde rischia di farlo a titolo definitivo.

  11. Tutto condivisibile. Inoltre il punto è che non siamo pronti ne in grado, al momento,come popolo e come stato- nazione a fare la guerra totale con l’Europa.intanto però hanno invertito o tentano di invertire molti meccanismi negativi.certo la storia dell’alde e’un po strana. Come è strano sentire di maio etichettare i gilet gialli come eversori o cambiare registro in due secondi sul Venezuela.strana anche la storia del dibba.ma si è sempre detto,dei grandi politici italiani,che la loro bravura fosse il farci barcamenare in relativa tranquillità tra attori più grandi e più forti di noi spuntando più indipendenza e benessere possibile.magari stanno provando a fare proprio questo, riposizionandoci in un mondo che cambia.sempre sotto, ahinoi qualche ombrello altrui.comunque se il sistema ha assorbito il colpo e sono solo un esperimento ben riuscito, lo vedremo presto..spero ardentemente che invece siano solo all’inizio..

  12. Osservando i fatti si vede chiaramente che c’è un eredità pesante anche analizzando e comparando i dati emerge lo stesso risultato, usare la testa (cervello) per parlare significa essere persone normali ed usare la pancia per parlare significa solo analfabetismo emotivo che non serve a niente.

  13. Fino ad un certo punto ho avuto davvero paura che in qualche maniera questo sistema si potesse riformare, da quando sono comparsi i millennials e i loro paladini questa paura è sparita.
    Vai M5S, vai, continua così, il PD non era adatto a fare quello che riuscirai a fare tu!
    Chi ancora non ha capito che siamo nella fase avanzata del “si salvi chi può” non è in grado di analizzare la struttura psicologica, filosofica e antropologica del “nuovo che avanza”, l’autopropulsione è già partita da un pezzo.
    Una volta per i vecchi c’era la briscola ora ci sono i pipponi tecnicistici, vabè, ci si aggiorna anche qui, comunque Marco Giannini non temere, i tuoi eroi (gli italiani) li voteranno, per preoccuparti avrai tempo in seguito. 😉

  14. L’Europa non esiste ! I 5 Stalle cosi come la Sega o gli altri partiti sono solo servi che guidano la nazione verso la finale dissoluzione ! Potete mettere chi volete il risultato non cambierà di molto . Non essersi resi conto dopo quasi 20 anni che l’Europa e l’EUR sono dei progetti morti ( in via di seppellimento ) è un errore fatale e madornale che costerà a tutti gli Stati membri una nuova Guerra !!! I punti del programma dei 5 Stalle poi sono puttanate cosmiche a livello di unicorni rosa !!!

    1) In Europa non c’è Democrazia = Decide tutto la Commissione Europea , organo di non eletti ma nominati .

    2) Stop Austerity???!!! Aha ha ha = La Sovranità Monetaria appartiene alla BCE , una Banca Privata che fa i suoi interessi e col Quazzo che da EUR senza avere in cambio il vostro sangue .

    3) Tutela delle persone della salute ecc = Sono Pro Immigrazione incontrollata che porta degrado e caos sociale , la Grillo è peggio della Lorenzin per la questione vaccinale ed a Roma si vedono in giro pantegane grosse come cani e buche da fossa delle marianne .

    4) Made in Italy = vedi punto 1 , l’Italia non decide nulla .

    5) L’immigrazione quote comuni ecc = vedi punto 1 , la pernacchia della chiappona e del gerontofilo la si puo’ sentire fino a qua .

    6) Lotta alla grande evasione Ecc = Un ottimo slogan come ” Piu’ figa per tutti” ve bene per ogni stagione e mette d’accordo tutti .

    In definitiva tutto il programma mostra come costoro non vivano e non sappiano nulla ne delle leggi basilari che regolano la politica e l’ordinamento odierno , ne della realtà contingente che ci circonda , ne dello stato di degrado dello Stato in generale .
    Questo programma puo’ agilmente scriverlo un bimbo di 5 elementare .

    Mi sarei aspettato un 7 punto con ” La pace nel mondo ” …

    Se la gente fa affidamento su questi la situazione è seria , vuol dire che siamo in pochi a renderci realmente conto di come stanno le cose e che la deriva di questo paese è inarrestabile , non per la classe politica ma per la sua popolazione .

  15. il buon blondet a volte affronta le cose dando molto spazio alle emozioni. il problema però è reale, ovvero ci sono molteplici spinte, interne ed esterne, per cambiare governo e maggioranza. ovviamente le spinte punteranno ad una restaurazione, in continuità con il trentennio post mani lavate!
    ma voglio invece porre all’attenzione di come si stia usando la figura di senatore a vita.
    i senatori a vita dovrebbero, ed uso impropriamente il condizionale, essere soggetti che hanno dato lustro alla nazione, soggetti a cui si rende, con un titolo a tutti gli effetti “onorario”, un ringraziamento da parte dell’italia (di fatto rappresentata dal presidente che ha il diritto di nomina). ora, se sul Gianni Agnelli, citato a caso, può esservi ampio spazio alla critica, ma onestamente qualche merito lo si trova, su soggetti come Mario Monti o draghi che sia, che meriti gli riconosciamo? quello di avere affamato un paese? di averlo svenduto al peggior offerente? e rivolgendosi a chi nomina, visto che ha facoltà di parto gemellare, ci aggiungiamo pure il Carlo de Benedetti, così la trinità è completa?
    concludo: visto che queste nuove aree politiche vogliono cambiare, cerchiamo di togliere in fretta i troppi ed assurdi, nonché anacronistici, privilegi riservati al Quirinale!

  16. È vero, Blondet ragiona spesso di pancia e passa dall’euforia alla depressione in men che non si dica. Tuttavia, al netto di alcune sue paranoie, Blondet è molto più lungimirante di altri suoi colleghi.
    I fatti quali sono?
    La ministra Grillo ha presentato alle regioni la bozza del Patto per la Salute che apre la strada alla privatizzazione del SSN.
    Le quinte colonne sembrano essere molte di più di quelle elencate e alcune sono presenti perfino nel M5S.

  17. Dai commenti che leggo una cosa è certa: il M5S ha ragione Marco….MUORE se resta nell’euro.
    La gente si aspettava un RDCittd molto più esteso ma gli italiani da un lato vogliono tutto e dall’altro vogliono l’euro…

  18. In che mondo vive Marco Giannini,come dice lui i fatti sono che il m5s ha detto tante belle parole,ma i vaccini sono obbligatori,gli f35 li hanno ordinati e il rdc non è ancora e non sarà mai erogato.Inoltre le tasse aumenteranno,così come l’iva.Ma di cosa stai blaterando.