Home / 2015 / aprile

Archivi mensili: aprile 2015

COS'E' LA TEORIA DEL COMPLOTTO ? QUAL E' LA VERITA'?

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY mondialisation.ca Obama è sul piede di guerra. La civiltà occidentale sarebbe ipoteticamente “minacciata dallo Stato Islamico”. La “guerra mondiale al terrorismo” è presentata come una missione umanitaria. Noi abbiamo la “responsabilità di proteggere” e la soluzione è la guerra filantropica. La caccia ai malvagi, “bisogna eliminarli”, ha dichiarato George W. Bush.

Leggi tutto »

DAL GOVERNO RENZI AL GOVERNO TROIKA?

DI EUGENIO ORSO pauperclass.myblog.it La sera di martedì 28 aprile, tornato a casa dall’ufficio e costatato che il nipotino se ne stava tranquillo, già addormentato fra le braccia di suo padre (mio figlio, che teneva il bambino perché mia nuora era al lavoro), ho fatto una cosa che raramente oso fare, un po’ per “snobbismo” e molto di più per disgusto: ho guardato quasi per intero un talk-show alla tv. Cosa c’è di martedì? Di Martedì su LA7, appunto, del …

Leggi tutto »

IN CHE MODO SI PUO' AIUTARE IL NEPAL ? CANCELLANDO IL DEBITO

DI KANYA D’ALMEIDA ipsnoticias.net Il numero di morti del terremoto che ha devastato il Nepal Sabato 25 potrebbe superare le 10.000 persone, secondo le stime di primo ministro Sushil Koirala, anche se le cifre ufficiali di vittime si situano ancora a metà e i feriti sono 7.000. Le operazioni di ricerca e soccorso stanno procedendo questo Martedì 28, mentre il governo e le agenzie umanitarie internazionali hanno cercato di affrontare le conseguenze del terremoto di magnitudo 7,8 che ha colpito …

Leggi tutto »

IL DISORDINE DEL NUOVO MONDO (SAPEVANO ESATTAMENTE QUELLO CHE STAVANO FACENDO)

DI TARIQ ALI counterpunch.org Tre decadi fa, con la fine della guerra fredda e lo smantellamento delle dittature dell’America Latina, molti speravano che i famosi “dividendi della pace” promessi da Bush senior e dalla Thatcher si sarebbero realmente materializzati. Non abbiamo avuto tale fortuna. Invece abbiamo fatto esperienza di continue guerre, sconvolgimenti, intolleranza e fondamentalismi di ogni sorta – religiosi, etnici, imperiali. L’esposizione delle reti di sorveglianza del mondo occidentale ha accresciuto il sentimento che le istituzioni democratiche non funzionino …

Leggi tutto »

BOT A ZERO, IN ATTESA DEL GRANDE BOTTO

DI CLAUDIO CONTI Contropiano.org La notizia è da prima pagina. Ma siccome nessuno sa bene come trattarla quasi tutti spingono il tasto “ottimismo” e fanno finta di non vedere l’altra faccia della medaglia. Partiamo dunque dalla notizia semplice semplice: ieri il ministero del Tesoro (ora accorpato a quello dell’Economia) ha collocato BoT a scadenza di sei mesi a un tasso di interesse pari a zero. In pratica, il Tesoro chiede un prestito sui mercati e tra sei mesi non pagherà …

Leggi tutto »

10 FATTI SCIOCCANTI SU BALTIMORA

DI BILL QUIGLEY counterpunch.org Sei scioccato dai disordini di Baltimora? Quello invece che è più scioccante è la vita quotidiana in questa città, che conta 622.000 abitanti, di cui il 63 per cento è afro-americano. Ecco alcuni fatti che raccontano un pò di storia. 1: Se sei un nero Baltimora hai 5/6 volte più probabilità di essere arrestato per possesso di marijuana rispetto a un bianco, anche se il consumo di marijuana tra le razze è simile. Infatti, la contea …

Leggi tutto »

PERCHE' TSIPRAS HA SACRIFICATO VAROUFAKIS ?

DI CARLO CLERICETTI Soldi e Potere Lo stesso giorno in cui a Riga, dopo l’ennesimo incontro finito con un nulla di fatto, i rappresentanti europei lanciavano bordate di insulti contro il ministro Yanis Varoufakis (“dilettante, perditempo, giocatore d’azzardo”, espressi naturalmente in via ufficiosa ma non off the record, perché si voleva che i media li riprendessero), l’economista greco ha pubblicato sul sito Social Europe un articolo, dal titolo A new deal for Greece, che con ogni probabilità riproduce pari pari …

Leggi tutto »

AMERICA NEL CAOS

DI FENRIR hescaton.com Nel silenzio assordante dei media di regime, che non possono macchiare l’immagine degli Stati Uniti in ripresa, la realtà è che l’esplosione sociale ed etnica, già da noi preannunciata in altri nostri articoli, si fa sempre più grave. E dopo le rivolte di Ferguson, per la morte di un ragazzo nero che poi si sono diffuse a macchia d’olio in diverse città statunitensi, dopo i diversi episodi violenti contro la Casa Bianca e il Congresso, sabato 25 …

Leggi tutto »

TTIP E SOVRANIT MONETARIA DELL’EUROPA

DI VALENTIN KATASONOV strategic-culture.org Il 20 Aprile ha preso il via a New York la nona tornata di trattative tra Stati Uniti e rappresentanti dell’Unione Europea per la TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership). I funzionari di entrambe le parti convengono sulla cifra di $100 miliardi di dollari. Pare che sarà questa la cifra di cui saranno aumentati il PIL statunitense e quelli di tutti i membri dell’U.E. messi insieme. Finora, nessuno ha dato una spiegazione chiara sull’origine di questa …

Leggi tutto »

I FONDAMENTI STORICI ED IDEOLOGICI DEL RAZZISMO “RISPETTABILE” DELLA “SINISTRA” FRANCESE

DI SAID BOUMAMA bouamamas.wordpress.com L’affrancamento della parola e dei passaggi all’atto islamofobico dopo gli attentati di gennaio 2015 rilevano l’ampiezza del “razzismo rispettabile” all’interno della sinistra francese. Questo ci porta a riproporre uno dei nostri testi pubblicato nell’aprile 2012 nella rivista Que faire. Presa di posizione in favore di una legge sul velo a scuola nel 2004, sostegno più o meno dato e più o meno netto agli interventi imperialisti in Afghanistan, Iraq, Libia, tematica dell’integrazione per riflettere sulle questioni …

Leggi tutto »

LEGALIZZARE L'IMMIGRAZIONE, LO ORDINANO I ROTHSCHILD

DI MAURIZIO BLONDET effedieffe.com Quello qui sopra è il titolo che è apparso su Libération, ed è la soluzione che il giornale francese – posseduto dalla famiglia Rothschild – propone traendo spunto dalla nota «tragedia del Mediterraneo». Interessante coincidenza, anche il New York Times si china, dall’altra parte dell’oceano, sul destino dei poveri morti negri. Sparge e una lacrima, e poi si domanda: Who is to blame?, di chi è la colpa? E si risponde: «I politici europei puntano il …

Leggi tutto »

TRADE SECRETS. PERCHE' NESSUNO RISPONDE ALLE DOMANDE SUL TTIP ?

DI GEORGE MONBIOT monbiot.com Quando un governo propone di abbandonare uno dei principi di giustizia fondamentali, sarebbe meglio ci fosse una ragione potente. L’uguaglianza è largamente ignorata di fronte alla legge. Ne siete sicuri? Beh leggete questo articolo e giudicate voi stessi Il governo inglese, come quello degli Stati Uniti e altri 13 stati membri dell’UE, vogliono istituire un sistema giudiziario separato, solo per le corporations. Mentre noi dovremo sempre subire processi di fronte a corti d’appello, le corporations nell’UE …

Leggi tutto »

LA PROPAGANDA OCCIDENTALE E IL DR. GOEBBELS

DI YURI RUBTSOV strategic-culture.org Lo storico ceco Eve Hahnovà ha scritto un articolo riguardo agli stereotipi anti-Russia della propaganda di Goebbels. In esso si dice che i media occidentali contemporanei assomigliano molto alla propaganda nazista nella Germania fascista. Offrendo il suo commento ai diari di Goebbels, Eve Hahnovà ci riferisce che l’Occidente usa un’immagine creata artificialmente dalla propaganda nazista fino alla fine della II Guerra mondiale: la “minaccia che arriva da Est” e “la minaccia russa” rivivono gli stereotipi della …

Leggi tutto »

IL CROLLO DEL PREZZO DEL PETROLIO POTRA’ ACCENTUARSI, MAN MANO CHE GLI IDROCARBURI DI SCISTO STATUNITENSI SPINGERANNO L’OPEC VERSO UN PUNTO MORTO

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD telegraph.co.uk Harold Hamm della Continental Resources sostiene che l’industria dello “shale” ha appena graffiato la superficie di vaste ed economiche riserve di idrocarburi, e guiderà la crescita del settore negli anni a venire. L’industria dello “shale” [1] statunitense non è collassata, contrariamente a quanto era stato previsto. I trivellatori di petrolio del Mare del Nord e i produttori di petrolio “ad alto costo” che operano al largo della costa africana sono in difficoltà, ma i “flexi-frackers” [2] …

Leggi tutto »

EXPO 2015: GOOD BYE, ITALIA …

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Mentre RaiNews24, servizio pubblico nepalese, sta diffondendo da due giorni dirette in tempo reale con Katmandu, per il devastante terremoto che ha colpito duramente quei territori, strumentalizzando la catastrofe umanitaria con scene particolarmente empatiche, processi virtuali distraenti, accanimento mediatico, e logica assorbente dell’infotainment (la tv del dolore), intanto sugli altri canali d’intrattenimento, come in un vero e proprio “talent show”, Foody e i suoi amici, le mascotte di Expo Milano 2015, comunicano allegria con le loro …

Leggi tutto »

COSA VUOLE DAVVERO PUTIN ?

DI ROSTISLAV ISHCHENKO informationclearinghouse.info Introduzione di The Saker: L’analisi che segue è, di gran lunga, la migliore che io abbia visto dall’inizio del conflitto in Ucraina. Ho già pubblicato con regolarità le analisi di Ishchenko su questo blog perché lo considero uno dei migliori analisti della Russia. Ma stavolta Ishchenko ha prodotto un vero capolavoro: un resoconto globale della posizione geostrategica della Russia ed un’analisi chiara e, credo, assolutamente accurata dell’intera “strategia di Putin” per l’Ucraina. Io ho sempre detto …

Leggi tutto »

LO STATO ITALIANO SCOMMETTE IN DERIVATI E PERDE 42,6 MILIARDI

DI LEONARDO MAZZEI sollevazione.blogspot.it Solo negli ultimi 4 anni il debito pubblico italiano è salito di 16,95 miliardi di euro per le scommesse perse sui contratti derivati compiute dal Ministero dell’Economia nelle bische del capitalismo-casinò. C’è di peggio: le perdite future sono ad oggi calcolate in 42,06 miliardi (fonte: il Sole 24 Ore). Perché queste scommesse? Perché queste perdite? Chi sono gli scommettitori? Qual è il volto dei biscazzieri? Immaginate quanti posti di lavoro si sarebbero potuti costruire con 42,6 …

Leggi tutto »

IL 25 APRILE DI OSCAR FARINETTI

DI MARCO TRAVAGLIO ilfattoquotidiano.it […] Oscar Farinetti, dal canto suo, scevro come sempre da ogni interesse pecuniario (come scrive sulla copertina del suo ultimo libro: “Mio padre mi diceva sempre ‘Ricordati, ragazzo, che le persone sono più importanti delle cose’”), ha acquistato una pagina dell’inserto dell’amica Stampa sui 70 anni della Liberazione.

Leggi tutto »

MENTRE ASPETTIAMO UN MOMENTO CHE NON ARRIVERA' MAI

DI ENRICO GIANMARCO minimamoralia.it “È una malattia. La gente ha smesso di pensare, di provare emozioni, di interessarsi alle cose; nessuno che si appassioni o creda in qualcosa che non sia la sua piccola, dannata, comoda mediocrità.” Frank Wheeler è un giovane promettente e talentuoso nell’America postbellica, cui la partecipazione alla Seconda Guerra Mondiale non ha tolto o aggiunto nulla. Egli non ha alcuna idea di cosa fare nella vita, l’unica certezza è che dovrà essere qualcosa di grande. Tutte …

Leggi tutto »

LICENZA DI UCCIDERE

DI DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.it È sempre la stessa storia: una nazione, a causa di una serie di circostanze fortunate, diventa potente – molto più potente delle altre – e per un periodo, dominante. Queste circostanze fortunate però coincidono spesso con non molto di più di strani vantaggi geologici, come il carbone del Galles o il petrolio del Texas, questi a tempo debito arrivano ad una fine. Allo stesso tempo la ex superpotenza diventa corrotta del suo stesso potere.

Leggi tutto »

COLPACCIO DI JUNCKER: FINE DELLA SOVRANITA' ALIMENTARE, OGM PER TUTTI

DI ULRICH ANDERS scenarieconomici.it Il grosso vantaggio dell’UE per le lobby finanziarie e industriali è che è molto più facile influenzare un potere centrale che i singoli governi dei 28 paesi membri. Le istituzioni europee soffrono di una cattiva immagine presso i cittadini europei (vedi Eurobarometer: fiducia nell’Unione Europea al 37% in UE, sfiducia maggioritaria in 14 paesi tra cui l’Italia). I centri di potere di Bruxelles e Francoforte sono visti come lontani dal popolo; controllati dalle lobby; indifferenti agli …

Leggi tutto »

SIAMO PRONTI ALLA GUERRA !

FONTE: EUROACTIV.COM PPE: L’UE DOVREBBE DIRE ALLA RUSSIA CHE SIAMO PRONTI PER LA GUERRA
 

 Un vero tono da falchi è stato sentito nel corso di un’udienza organizzata dal gruppo politico PPE (Partito Popolare Europeo) di centro-destra nel Parlamento continentale Martedì 21 aprile, con i legislatori che andavano sostenendo che il miglior deterrente consisteva nell’essere pronti per la guerra.

 Il deputato Tunne Kelam, che ha presieduto la riunione, ha detto che la Russia era diventata ormai un rivale dell’UE e …

Leggi tutto »

OGGI SI FESTEGGIA LA LIBERAZIONE

DI DIEGO FUSARO facebook.com Si festeggia la Liberazione. Ma occorre sempre pensare l’impensato del pensato: la Liberazione fu subito seguita da una nuova occupazione, che ancora subiamo. Alludo naturalmente all’occupazione da parte della potenza imperialista americana, che ad oggi occupa il territorio nazionale italiano con oltre 110 basi: non può esservi democrazia, né libertà, né sovranità ove il territorio nazionale è occupato da basi militari straniere.

Leggi tutto »

ECCO PERCHE' L'EUROPA PERMETTE CHE LE PERSONE ANNEGHINO

DI RAUL ILARGI MEIJER theautomaticearth.com Che l’Europa lasci che quasi 1.000 persone muoiano nel Mediterraneo in una notte non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno, almeno non per coloro che sono ancora svegli ogni tanto. La crisi dei migranti verso il Club Med sta andando avanti già da lungo tempo, e l’unica reazione dell’Unione Europea è stata di tagliare sul bilancio e sulle operazioni nella zona, non di aumentarli. Così, quando il New York Times apre con “I leader europei …

Leggi tutto »

IL PAESE SEGRETO E' DI NUOVO IN GUERRA CONTRO IL SUO STESSO POPOLO

DI JOHN PILGER johnpilger.com L’Australia ha nuovamente dichiarato guerra ai propri nativi, riproponendoci così le brutalità che portarono il Sudafrica dell’apartheid alla condanna universale. Gli Aborigeni saranno cacciati dalle terre dove le loro comunità hanno vissuto per migliaia di anni. Nell’Australia occidentale, dove le società minerarie accumulano miliardi di dollari in profitti sfruttando terreni aborigeni, il governo centrale afferma di non potersi più permettere il “sostegno” delle terre native.

Leggi tutto »

CIAO CIAO BRZEZINSKI. FINISCE QUI IL TUO GRANDE SOGNO DELLO SCACCHIERE DEL POTERE

DI PEPE ESCOBAR counterpunch.org L’Eurasia che conosciamo noi (e gli Usa) è morta Andiamo avanti: Guerra Fredda 2.0. La storia di oggi e del prossimo futuro, nelle sue miriadi di declinazioni e a parte tutti i sobbalzi che certamente avrà lungo il percorso, è quella di una nuova Eurasia integrata. L’ambiziosissimo progetto cinese di una Nuova Via della Seta continuerà a incrociarsi con l’ Unione Economica Eurasiatica (EEU) guidata dalla Russia. E verrà il giorno in cui l’Europa si sveglierà …

Leggi tutto »

IL MONDO REALE CONTRO LA REALTA' TELEVISIVA – LA GUERRA E' INEVITABILE ?

DI THE SAKER informationclearinghouse.info Abbiamo tutti sentito le incoscienti dichiarazioni dei politici americani e, ancor più preoccupante, dei generali:Putin va “fermato”, e alla Russia “non deve essere permesso” di raggiungere i suoi piani nefasti.Una dichiarazione del genere è stata fatta recentemente da un generale a 4 stelle in pensione Gen. Barry McCaffrey:

Leggi tutto »

QUEGLI STRANI COMPAGNI DI LETTO: LA PARTNERSHIP NUCLEARE NAZI-ISRAELIANA

DI GORDON DUFF veteranstoday.com Gordon Duff (direttore di Veterans Today) ntervista Jeff Smith (fisico nucleare ed ex investigatore AIEA) L’intervista a seguire illustra le recenti rivelazioni della stampa tedesca riguardo il finanziamento occulto di questo paese al programma israeliano volto alla costruzione di armi nucleari. L’organizzazione in discussione, la DVD, fu scoperta ai tempi del governo Thatcher, quando il suo consigliere economico, Christopher E.H. Story, contribuì a metterla sul radar. Negli Stati Uniti, allo stesso tempo, il coordinatore per l’intelligence …

Leggi tutto »

BARCONI PIOMBATI E COPERTE INFETTE

DI BARBARA TAMPIERI ilblogdilameduck.blogspot.it In questi giorni mi è tornata alla mente la vicenda della nave Vlora che l’otto agosto del 1991 giunse al porto di Bari carica di quasi ventimila immigrati albanesi (che oggi, secondo il logos del ripopolamento verrebbero definiti semplicemente “migranti”, non più con l’aggettivazione indicante la nazionalità di provenienza ma con quella neutra, sovranazionale, globalizzante e ad alta carica simbolica di “profughi” e “disperati”).

Leggi tutto »