Home / ComeDonChisciotte / WASHINGTON PERMETTERA' DI AVERE UN KOSOVO IN CASA ?

WASHINGTON PERMETTERA' DI AVERE UN KOSOVO IN CASA ?

DI LILIYA KHUSAINOVA

actualidad.rt.com

Permetterà Washington di avere un Kosovo in casa ? Il Texas apre la strada per la separazione dagli Stati Uniti

La scorsa settimana il Texas ha annunciato l’istituzione di una propria versione di Fort Knox, il deposito impenetrabile per i lingotti d’oro, che potrebbe essere un segnale della creazione della propria moneta ed infine, un avanzamento verso la separazione degli Stati Uniti .

In base alla proposta di legge 483, approvata all’unanimità dal Senato statale, Glenn Hegar, Revisore dei conti pubblici del Texas, sarebbe autorizzato ad istituire ed amministrare i primi lingotti che lo stato depositerebbe in un luogo non ancora determinato. Si noti che nessun altro stato negli Stati Uniti ha ancora un proprio deposito di lingotti.

Il senatore repubblicano Lois Kolkhorst ha detto che lo Stato e ed i suoi apparati hanno più di 1.000 milioni di dollari in oro oggi conservati in strutture di altri stati.

L’analisi ufficiale del disegno di legge dice: “La creazione di un magazzino nel Texas consente allo Stato, agenzie statali e privati di accumulare metalli preziosi utilizzando un deposito sicuro con sede in Texas per ridurre la dipendenza dagli impianti in un altro stato e isolare gli attivi delle instabilità del mercato “.

“New York respingerà tutto ciò”, ha detto Kolkhorst. “Per me, questo e il fatto che farà risparmiare soldi al Texas la trasformano in un’idea d’oro.”

Gli stati non si fidano più degli Stati Uniti

Non è il primo tentativo del Texas di mostrare la propria indipendenza e di allontanarsi dagli Stati Uniti Se altri sforzi non diventeranno risultati concreti, questo significherà che lo stato restituirà il suo oro così che nessuno sia in grado di determinare il proprio destino. Inoltre, si tratta di un passo decisivo verso la creazione di una propria moneta in Texas e di una sua indipendenza come repubblica autosufficiente.

E lo Stato ha tutte i requisiti per farlo diventare una realtà: il Texas è un territorio enorme, si può addirittura dire che è un paese indipendente, con una cultura ed uno stile di vita unico. Ha una visione del mondo completamente diversa e punti di vista propri sulla politica degli Stati Uniti. Ad esempio, è del tutto in contrasto con la politica del governo federale degli Stati Uniti in materia fiscale, a causa del bilancio chiaramente sfavorevole.

L’economia del Texas è una delle più grandi e in più rapida crescita negli Stati Uniti. In Texas risiedono 50 tra le aziende presenti nella classifica Fortune 500 (terzo posto dopo New York e la California).

Il Texas è il più grande esportatore di beni verso gli Stati Uniti, il volume di affari dal commercio dello stato con altri paesi supera i 100.000 milioni di dollari l’anno. Se il Texas fosse un paese sovrano, avrebbe la 14° economia più grande del mondo in termini di PIL (davanti a Corea del Sud e Paesi Bassi).

Così, molto presto gli Stati Uniti rischiano di perdere non solo uno dei suoi stati più ricchi, ma le sue riserve auree -cuscinetto di sicurezza- che scompariranno a velocità record, alla luce dei tentativi di molti paesi di rimpatriare i loro lingotti.

Con l’avanzare di questo processo si vedrà se Washington mostrerà lo stesso entusiasmo che ha manifestato in merito ad altri processi secessionisti unilaterali: leggasi Kosovo (Serbia).

Liliya Khusainova

Fonte: http://actualidad.rt.com

Link: http://actualidad.rt.com/opinion/liliya_khusainova/177059-texas-repositario-oro-separacion-eeuu

8.06.2015

Traduzione dallo spagnolo per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

Pubblicato da Davide