Home / ComeDonChisciotte / UNA BOMBA NEL MEDITERRANEO
12640-thumb.jpg

UNA BOMBA NEL MEDITERRANEO

FONTE: COMEDONCHISCIOTTE.ORG

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

SOS: LE ARMI CHIMICHE SIRIANE SARANNO TRATTATE CON L’IDROLISI E POI INABISSATE NEL MEDITERRANEO TRA MALTA, ITALIA, GRECIA E LIBIA

Una “bomba” tossica, estremamente pericolosa per l’ambiente, minaccia la salute pubblica e l’economia dei paesi del Mediterraneo centrale, ma anche tutto il mare Mediterraneo, inteso come un mare chiuso e già seriamente contaminato.

L’arsenale chimico della Siria inizialmente era destinato a essere neutralizzato in Albania ma, dopo le forti proteste pubbliche in quel paese e nonostante i generosi benefici contributivi offerti dagli americani, il governo è stato costretto a declinare “l’offerta”, e così questo arsenale sarà distrutto nella zona di mare ad ovest di Creta, con la connivenza delle autorità greche, italiane e maltesi.

L’allarme è dato dagli scienziati di Democritos (N.d.T. Centro Nazionale di Ricerca Scientifica) di Atene e del Politecnico di Creta, che parlano di “completa distruzione dell’ecosistema e del turismo”.

Secondo il collaboratore scientifico di Democritos ed ex presidente dell’Unione dei Chimici Greci, Nikos Katsaros, “se una tale neutralizzazione delle armi chimiche verrà effettuata tramite il processo di idrolisi, si può parlare di uno scenario da incubo. Si tratta di un metodo estremamente pericoloso, con conseguenze imprevedibili per l’ambiente mediterraneo e i popoli vicini.”

Questi effetti saranno la necrosi completa dell’ambiente interessato e l’inquinamento marino tra il mare Libico ed il mare di Creta. Il pesce sarà avvelenato dalla contaminazione, così come la popolazione che lo consumerà. Da notare inoltre che il punto del mare prescelto è all’incirca lo stesso usato per l’inabissamento di sostanze tossiche gestite in passato dalla mafia ( http://www.haniotika-nea.gr/media/2014/01/224.jpg ).

Solitamente le sostanze chimiche vengono distrutte tramite combustione in aree specifiche dotate di opportune infrastrutture. Queste aree esistono da tempo e svolgono questo tipo di operazioni negli Stati Uniti, in Germania, Francia, Russia, Cina ed altri paesi da molti anni. In questo caso però, trattandosi di un problema politico, nessuno vuole assumersi la responsabilità. Così ricorrono al metodo di idrolisi in mare aperto, nonostante, per ammissione indiretta degli americani stessi, questo metodo sia particolarmente pericoloso: infatti, il mare Mediterraneo è stato scelto proprio perché chiuso. Negli oceani la contaminazione ci sarebbe stata lo stesso, ma la dissoluzione delle sostanze sarebbe stata agevolata dalla più grande quantità d’acqua. In un mare aperto però la possibilità di onde marine di grande altezza e quindi di incidenti è sostanzialmente maggiore.

Di un grave rischio parla il professor Evangelos Gidarakos del Politecnico di Creta, che ha lanciato l’allarme alle autorità greche, le quali appaiono in disparte in questo processo.

“Queste sostanze chimiche sono miscele di sostanze pericolose e tossiche, che non sono in grado di essere inattivate in modo da non causare danni agli organismi viventi solo con questo metodo”, sottolinea. “Questa zona tra l’Adriatico e il Mediterraneo era diventata ‘un cimitero di prodotti chimici’ dalla mafia italiana, che aveva immerso in un periodo di 20 anni circa 30 navi cariche di vari tipi di sostanze e rifiuti chimici, come è stato rivelato in questi ultimi anni”.

Secondo annunci ufficiali, le armi chimiche, dopo essere trasportate dalla Siria, saranno caricate in Italia nel recipiente di titanio della nave americana Cape Ray e saranno distrutte col processo di idrolisi in acque internazionali tra l’Italia e la Grecia, nel tratto di mare tra Malta – Libia – Creta. La procedura per la distruzione dell’arsenale chimico della Siria dovrebbe durare circa tre mesi. Non vengono forniti ulteriori dettagli.

Il professor Gidarakos però ha molti dubbi. “L’armamento chimico della Siria consiste di due parti”, dice. “Esistono 1.250 tonnellate di armamenti ‘principali’ come i gas sarin e i gas mostarda ed altre 1.230 tonnellate di sostanze precursori che sono utilizzate per la fabbricazione delle armi vere e proprie. Queste sostanze, principalmente composti chimici di cloro e fluoro, sono di per sé altamente velenose e tossiche. E poi esiste una gamma di altre sostanze acquistate dalla Siria dopo l’embargo per cui sono sia di provenienza sia di natura ignota. Anche prendendo per buone le 1.500 tonnellate ufficialmente dichiarate, non credo che tutto possa essere concluso in soli tre mesi. Ci vorrà probabilmente il triplo di questo tempo, sempre che non succedano degli spiacevoli imprevisti”.

Il professor Gidarakos sostiene che l’idrolisi di tutto questo quantitativo pericoloso produrrà una terza componente tossica che sarà formata direttamente nelle acque marine. Perché l’idrolisi non è più un processo relativamente sicuro come nel passato (p. es. durante la neutralizzazione delle armi chimiche della 2a Guerra Mondiale al largo del Giappone) in quanto oggi l’idrolisi produce anche degli scarti in forma liquida, cosa che non succedeva nel passato.

Aggiunge inoltre che si sarebbe aspettato un comportamento più responsabile da parte dell’Organizzazione per il Divieto delle Armi Chimiche, un’organizzazione direttamente coinvolta in questa faccenda, che pochi mesi fa aveva fortemente sconsigliato la neutralizzazione di tali sostanze in alto mare.

“Tutta questa storia ricorda molto un’operazione militare ed ha poco di scientifico”, conclude.

Intanto qui cominciano a circolare le varie “voci”. C’è persino chi parla della reale possibilità di condizioni che “non permetteranno a chiunque di nuotare” nelle spiagge di Creta per (almeno) i prossimi 5 anni. Catastrofisti, certo. E il primo che ci rimette, oltre al turismo, è il morale del già martoriato popolo greco. Ma, pensandoci bene, chi gli può garantire il contrario?

Un corrispondente volontario dalla Grecia

Fonte: www.comedonchisciotte.org

16.01.2014

Fonti

http://www.haniotika-nea.gr/anastatosi-gia-ta-chimika/

http://www.koutipandoras.gr/article/103763/sos-sti-thalassa-tis-kritis-tha-rixoyn-ta-himika-opla-tis-syrias

http://www.efsyn.gr/?p=164848

http://www.efsyn.gr/?p=164847

http://www.youtube.com/watch?v=YkY7sXu9qtE (intervista del professor Gidarakos)

Pubblicato da Davide

  • lucamartinelli

    e cosa vi aspettavate? Che i gringos inabissassero tutta quella schifezza nel lago Michigan?

  • helios

    ma i siriani hanno dato veramente le armi chimiche da distruggere?

    Da notare che le armi chimiche hanno agenti che possono inquinare l’aria e non solo l’acqua,agenti patogeni e quant’altro. Qui sembra che stiano giocando al piccolo chimico o ce la raccontano sbagliata.

  • cavalea

    Non sarebbe il caso di riportare le armi chimiche siriane, 

    ai paesi che gliele hanno vendute?
  • Mattanza

    Le armi batteriologiche sono facilmente rese inoffensive,o no?E poi si parla di  armi chimiche.

  • luiginox

    Grazie  ministra bonino sei sempre impareggiabile(come cameriera di obama).un grazie di cuore anche al potente alleato usa, indiscusso paese guida della prodigiosa nato che ci ama e  ci protegge.noinon siamo fessi come gli albanesi che hanno detto no ad un simile privilegio!