Home / Attualità / PRAVDA ALL’AMERICANA OVVERO, IL GENERALE PATTON FU ASSASSINATO ?
general george patton photo

PRAVDA ALL’AMERICANA OVVERO, IL GENERALE PATTON FU ASSASSINATO ?

DI RON UNZ

unz.com

Nella lunga Guerra Fredda molti Russi si sono abbastanza disincantati delle menzogne e omissioni dei loro notiziari e si sono rivolti alle Radio occidentali per una diversa versione della verità.

La crescita di Internet ha ora fornito agli Americani una simile opportunità di cliccare su un sito straniero e scoprire le storie importanti che sono in qualche modo sfuggite all’attenzione dei propri giornalisti di primo piano. Ironia della sorte, gran parte di tale copertura da”media alternativi” in realtà appare sui più importanti quotidiani britannici, eminentemente rispettabili e pubblicati dal nostro alleato storico più vicino.

Per esempio, tre o quattro anni fa ho notato un link su un sito web libertario di primo piano che suggerisce che George S. Patton, uno dei più rinomati comandanti Americani della seconda guerra mondiale, sia stato assassinato per ordine del governo degli Stati Uniti. Non essendo una persona molto attratta dal cospirazionismo/complottismo, l’affermazione lurida sembrava totalmente stravagante, ma ho deciso tuttavia di cliccare il mouse e innocuo esaminare un poco di follia borderline da Internet. Tuttavia, la fonte si è rivelata un lungo articolo dal Daily Telegraph, uno dei giornali più importanti del mondo, che descrive un libro di recente pubblicazione sulla base di un decennio di ricerche e interviste condotte da uno scrittore americano esperto in affari militari.

Il libro e l’articolo era apparso nel 2008 e non avevo mai sentito una parola sulla storia da uno qualunque dei principali giornali americani. La descrizione sembrava sufficientemente dettagliata sul fatto ed ho inoltre consultato un paio di eminenti accademici che conosco, esperti in storia e scienze politiche. Essi avevano anche loro mai incontrato la teoria, e furono altrettanto sorpresi come ero io dal materiale e dal fatto che tali notevoli rivelazioni non avevano mai ricevuto alcuna attenzione nel nostro paese, patria dei mezzi di comunicazione più libera e più scandalistici al mondo!

Obiettivo Patton, scritto da Robert K. Wilcox e pubblicato da Regnery Press, oltre 450 pagine, con una ricca bibliografia e quasi 700 note. I molti anni trascorsi dall’autore su questo progetto sono chiaramente riflessi nei contenuti, che includono numerose interviste personali e l’attenta analisi di una enorme quantità di materiale di origine primaria e secondaria. Ho raramente incontrato in modo dettagliato ed esaustivo un lavoro che sembra dapprima solo di giornalismo d’inchiesta, abbastanza comprensibile data la natura esplosiva delle accuse in corso. Eppure questa inchiesta non aveva mai raggiunto i lettori dei media mainstream americani.

Personalmente ho trovato le prove per l’assassinio di Patton abbastanza convincenti, anche travolgenti, e gli eventuali lettori più curiosi attualmente possono ordinare il libro per un minimo di $ 2,93 più spese di spedizione e giudicare da sé.

Wilcox stesso era stato altrettanto scioccato come tutti quando ha incontrato prima le affermazioni sorprendenti, ma le prove iniziali lo hanno convinto a investire anni completamente alla ricerca della teoria prima di pubblicare i risultati. Alcune delle sue principali scoperte sembrano abbastanza eloquenti.

Nei mesi prima di morire, Patton era diventato un forte critico del governo americano, il suo comportamento nella seconda guerra mondiale, e la sua politica verso i sovietici. Aveva in mente di dimettersi da militare dopo il ritorno in patria per poi iniziare a parlare in pubblico contro la leadership politica degli Stati Uniti; nella veste di uno dei nostri eroi di guerra più celebri, le sue denunce avrebbero certamente avuto un impatto enorme. Il suo incidente d’auto mortale ha avuto luogo il giorno prima della sua partenza prevista, ed era scampato alla morte due volte prima in circostanze molto strane.

Ci sono ampie interviste personali con un assassino governativo reo confesso, poi assunto al servizio di intelligence OSS americano, in tempo di guerra precursore della CIA. Questo operativo ha avuto una carriera lunga e sostanzialmente documentata esattamente su che tipo di attività, sia durante la guerra stessa che per decenni dopo, a lavorare a livello internazionale su una base free-lance di “diserbo” su bersagli umani selezionati sia per la CIA che per vari altri datori di lavoro . Verso la fine della sua vita, deluso e scontento di ciò che considerava come maltrattamenti subiti da parte di ingrati burocrati del governo degli Stati Uniti e anche un po’ per senso di colpa essendo stato responsabile della morte di uno dei più grandi eroi militari americani, prese la decisione di andare in pubblico con le sue affermazioni supportate da un diario personale assai voluminoso. Numerose altre interviste con persone collegate con le circostanze della morte di Patton sembravano corroborare in gran parte la teoria.

L’assassino ha raccontato che il capo dell’OSS William Donovan aveva ordinato l’uccisione con la motivazione che Patton era “divenuto pazzo”, diventando quindi una grave minaccia per gli interessi nazionali americani. Intorno a questo stesso tempo, un agente sul campo del contro-spionaggio militare ha iniziato a scoprire dei rapporti credibili su di un complotto di assassinio pianificato contro Patton e ha tentato di mettere in guardia i suoi superiori, tra cui Donovan; non solo furono ignorati i suoi avvertimenti, ma è stato più volte minacciato, e ad un certo punto, anche posto in stato di arresto. Sembra chiaro che gli ordini di Donovan son venuti dai suoi superiori, dalla Casa Bianca o altrove.

La motivazione può o non può avere in definitiva avuto origine straniera. Nel corso degli ultimi venti anni, gli studiosi come John Earl Haynes e Harvey Klehr hanno esaurientemente dimostrato che nel corso degli anni 30 e 40 una vasta rete di spie comuniste aveva guadagnato enorme influenza negli ambienti più alti del governo americano. Infatti, Wilcox produce documenti su come l’OSS era stata pesantemente infiltrata ai più alti livelli da elementi del NKVD sovietico, e che in questo periodo particolare, le due organizzazioni di intelligence erano in una quasi-collaborazione ambigua, con Donovan particolarmente desideroso di accattivarsi favore politico con gli elementi filo-sovietici vicino alle sfere superiori del governo degli Stati Uniti.

Nel frattempo, Patton, uno zelante anti-comunista, aveva una visione molto diversa, giacché stava sollecitando un attacco militare immediato sulle forze indebolite dalla lunga guerra dell’Unione Sovietica. E ‘facile capire come Stalin e quei dirigenti americani della sua orbita potrebbero aver deciso che la rimozione fisica di Patton era una priorità assoluta.

Al momento della sua morte, Patton è stato l’ufficiale degli Stati Uniti in Europa di grado più alto, e la storia naturalmente è diventata notizia da prima pagina in tutto il mondo. sono stati prodotti diversi rapporti ufficiali per quanto riguarda le circostanze esatte dell’incidente stradale molto strano che l’uccise, ma tutti questi sono completamente scomparsi dai files del governo degli Stati Uniti. Mi è difficile immaginare una spiegazione innocente per questo fatto.

Questi pochi paragrafi forniscono solo una piccola fetta della enorme quantità di materiale documentato e l’analisi accurata che Wilcox ha trascorso in dieci anni di compilazione per il suo libro straordinario. Ovviamente, molte domande rimangono, e la prova assoluta è impossibile settanta anni dopo l’evento. Ma dal mio punto di vista, la probabilità di un assassinio, quasi certamente con il coinvolgimento attivo di alti funzionari americani, sembra schiacciante.

Sono stato anche informato in modo affidabile che per molti anni vi è stata una convinzione diffusa all’interno della comunità dell’intelligence americana che Patton è stato eliminato dal governo degli Stati Uniti per motivi politici. Tale conoscenza acquisita in quegli ambienti non è sorprendente. L’assassino governativo presunto ha confessato la prima volta pubblicamente il suo senso di colpa dopo decenni di fronte a un giornalista in una cena di ex- OSS in District of Columbia, mentre era seduto al tavolo del suo amico di lunga data e collega William Colby, ex direttore della CIA. E anche se le risultanti notizie locali sono state completamente ignorate dai media nazionali, non sorprende che la voce presto si sparse all’interno dei circoli di intelligence.

Forse qualche studioso esperto con una prospettiva diversa potrebbe investire tempo e fatica cercando di confutare il caso documentatissimo montato da Wilcox, anche se nessuno l’ha fatto, apparentemente. Ma supponiamo che le prove di questa teoria non siano così schiaccianti, ma solo sufficienti a fornire una ragionevole possibilità che la storia sia vera, forse c’è una probabilità del 25%. Direi che se esiste anche una piccola possibilità che una delle più rinomate persone d’America, il nostro top-ranking ufficiale del dopo-seconda guerra mondiale in Europa, sia stato assassinato per motivi politici dal proprio governo, lo scandalo che ne sarebbe seguito sarebbe sicuramente tra i più grandi di tutti i tempi per la nostra storia!.

Il libro è stato scritto da un autore rispettabile e pubblicato da un giornale molto autorevole anche se di stampa conservatrice, ma è andato sotto silenzio nelle principali pubblicazioni nazionali americane, sia conservatori che liberali, né alcuna indagine successiva è ancora stata intrapresa. Un importante quotidiano britannico ha riferito ciò che i giornalisti americani avevano completamente ignorato.

Sembra probabile che, se un libro simile fosse stato pubblicato, che dovesse fornire tale revisionismo storico solidamente documentato per quanto riguarda la morte improvvisa di un alto generale russo o cinese alla fine della Seconda Guerra Mondiale, la storia potrebbe avere facilmente raggiunto le prime pagine del New York Times, e certamente la sezione settimanale di Book Review. Forse ci potrebbero anche esser state notevoli coperture dei media se la vittima fosse stata un generale guatemalteco di primo piano, il cui nome era del tutto sconosciuto alla maggior parte del pubblico americano. Eppure, accuse simili che circondano la scomparsa di uno dei più famosi e popolari capi militari americani degli anni 40 non sono stati di alcun interesse per i giornalisti tradizionali d’America.

Ancora una volta, dobbiamo distinguere le due questioni. O se non ho ragione di credere che il caso che propende per l’assassinio di Patton sia schiacciante e la cosa potrebbe certamente essere contestata. Ma il fatto che i media americani hanno completamente omesso di segnalare queste rivelazioni è assolutamente innegabile.

Come già detto, avevo inizialmente incontrato questa storia affascinante a pochi anni fa, e al momento ero stato troppo preoccupato di altre questioni di pubblicare una colonna come avevo previsto. Ma dopo aver deciso di tornare al tema, ho riletto il libro in fretta per rinfrescare la memoria, e l’ho trovato ancora più convincente rispetto alla prima volta. Otto anni dopo la pubblicazione originale, non sono ancora riuscito a trovare alcuna copertura nei nostri codardi giornali tradizionali, ma data l’enorme crescita del giornalismo online semi-ufficiale, mi chiedevo cosa poteva apparire altrove.

Gironzolando su Google un po’, non ho trovato un granché. Un paio di volte nel corso degli anni, Wilcox era riuscito a mettere brevi pezzi da qualche parte, tra cui sul New York Post nel 2010 e nel webzine americano The Thinker nel 2012, con quest’ultimo compresa menzione di una nuova importante testimone che aveva finalmente deciso di farsi sotto. Ma per il resto il suo libro sorprendente sembra essere stato del tutto spinto giù in un buco di memoria.

D’altra parte, altri hanno recentemente iniziato cercando di approfittare della sua ricerca,rimodellando la narrazione in una più accettabile per trovare favore all’interno dello establishment americano e dei media che controlla.

Il più notevole fu Bill O’Reilly, il guru di Fox News, che ha pubblicato “Uccidere Patton” nel 2014, un altro nella sua serie di storie popolari best-seller co-scritto con Martin Dugard. Il titolo molto in sé contestato la versione ufficiale di un incidente d’auto accidentale, ed io con entusiasmo ha aperto il libro, solo per essere profondamente deluso. La presentazione sembrava sottile e imbottita, con forse il 10% del testo semplicemente rimasticare l’analisi fornita dalla Wilcox mentre il restante 90% ha rappresentato una sintesi storica piuttosto convenzionale del fronte occidentale verso la fine della seconda guerra mondiale, tra cui pesante copertura del campi di concentramento nazisti, e con po ‘di questo materiale con qualsiasi connessione a Patton. L’unica parte interessante del testo sembrava basa sulla ricerca originale di Wilcox, e che il rapporto è stato pesantemente camuffato dalla totale assenza di note, con l’unica indicazione consistente in una sola frase breve verso la fine citante il libro di Wilcox come una sintesi molto utile per “le teorie del complotto.” Non è cosa poi così irragionevole, e quest’ultimo autore sembrava un poco irritato per la mancanza di comunicazione o di credito appropriata ricevuta.

Il libro annacquato di O’Reilly ha venduto oltre un milione di copie, con un titolo proclamante l’assassinio di Patton. Ma la copertura dei media risultante era ancora piuttosto scarsa e in gran parte negativa, criticando la presunta indulgenza verso le “teorie di complotto”. Media Matters sintetizzava la reazione come “Gli storici fanno a pezzettini il nuovo libro su Patton di O’Reilly”, e data la mancanza quasi totale di tutta la documentazione fornito da O’Reilly, gran parte di quelle critiche posson non essere state irragionevoli. Così, i mezzi di comunicazione hanno del tutto ignorato un libro molto documentato e persuasivo, mentre attaccano e ridicolizzano uno assai più debole sullo stesso argomento, e questo approccio a due facce costituisce un mezzo efficace per oscurare la verità.

Gli opinion leader americani tendono a fare affidamento sui nostri quotidiani nazionali più d’elite per la loro conoscenza del mondo, e l’unica copertura che ho trovato in questi tra i best-seller di O’Reilly era un pezzo dal parere piuttosto strano sul Washington Post di Richard Cohen. Cohen sembrava piuttosto disinteressato a domandarsi sull’ipotesi assassinio in un modo o nell’altro, ma aspramente condannava O’Reilly per non aver dedicato pagine abbastanza per discutere di Patton ed il suo presunto antisemitismo. In effetti, quasi ad intendere che alcune delle osservazioni che più avanti si trovano nei diari privati di Patton erano sufficientemente cattive nei confronti degli ebrei che forse nessun americano finirebbe per curarsene un granché se il nostro generale più alto in Europa sia stato ucciso dal suo stesso governo o da chiunque altro. La mentalità dei nostri media mainstream in questi giorni è molto strana, e viviamo nel mondo che essi creano su loro misura per noi.

Più di recente, il successo del libro O’Reilly e il nostro resuscitare la guerra fredda con la Russia può aver portato alla produzione di un nuovo documentario che riapra il caso dell’assassinio di Patton, ma forse ricostruire i fatti con una bella stortura: La ricerca originale di Wilcox aveva dimostrato che i vertici dell’amministrazione americana hanno organizzato l’assassinio di Patton, anche se probabilmente in concomitanza con i sovietici. O’Reilly ha fornito alcuni di tali fatti nel suo libro, ma le sue interviste con i media quasi cancellano il ruolo americano, limitandosi a dichiarare che “Stalin ha ucciso Patton.” E sulla base di notizie che mi arrivano, mi chiedo se questo nuovo documentario, apparentemente realizzato senza il coinvolgimento di Wilcox, sarà così sfrontato da ignorare la massiccia evidenza di un coinvolgimento diretto del governo degli Stati Uniti, più forse il tentativo di affibbiare la colpa esclusivamente sui russi cattivi…

Infine, questo importante avvenimento storico fornisce un mezzo utile per valutare la credibilità di alcune risorse diffuse. Per anni ho sottolineato alle persone che Wikipedia è assolutamente privo di valore come fonte di informazioni affidabili su qualsiasi argomento relativamente “controverso”. Data l’enorme statura storica di Patton, non sorprende che la sua voce su Wikipedia sia eccezionalmente lunga e dettagliata, con oltre 15.000 parole, quasi 300 riferimenti e note. Ma questa esposizione esaustiva non contiene il minimo suggerimento di tutti gli aspetti sospetti della sua morte. “Wiki-Pravda”, direi di rinominarla.

 

Ron Unz

Fonte: www.unz.com

Link: http://www.unz.com/runz/was-general-patton-assassinated/

2.08.2016

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ROBERTO MARROCCHESI

 

 

Pubblicato da Davide

  • PietroGE

    L’articolo sul Telegraph si trova qui : http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/northamerica/usa/3869117/General-George-S.-Patton-was-assassinated-to-silence-his-criticism-of-allied-war-leaders-claims-new-book.html

    Quando si decide di assassinare un eroe di guerra i motivi devono essere molto importanti. Patton, con la sua ostinazione a concludere la guerra e rimandare i sovietici nelle frontiere ante guerra si era fatto molti nemici tra coloro che invece avevano pianificato la divisione dell’Europa, e della Germania in particolare.

    E che l’Europa doveva essere divisa con i sovietici a Berlino, non credo che ci siano ancora dubbi. Una prova ulteriore di questo accordo sotto banco tra gli USA (o meglio la lobby ebraica che decideva delle sorti della guerra) e l’URSS è stata il passaggio di informazioni sulla bomba atomica ai sovietici da parte di spie che ufficialmente si facevano passare per simpatizzanti comunisti ma che in realtà facevano gli interessi della famosa lobby. Era ovvio che non sarebbe stato possibile giustificare la divisione dell’Europa se solo gli USA potevano disporre di un’arma decisiva come la bomba.

    Patton ha pagato con la vita il mettersi contro gli interessi della lobby e ha scoperto troppo tardi chi comanda a Washington e chi, in ultima analisi, scrive la storia.

  • Truman

    Giusto un chiarimento (probabilmente già noto a molti): “pravda” in russo vuol dire “verità”.