Home / ComeDonChisciotte / PERCHE' L'EUROPA STA DALLA PARTE DEI FASCISTI?
14043-thumb.jpg

PERCHE' L'EUROPA STA DALLA PARTE DEI FASCISTI?

DI ERICH ZUESSE

Gli Stati Uniti sono gli entusiasti sostenitori del genocidio che loro stessi hanno creato. (Clicca su questi link, per averne conferma) Ma perché l’Europa tollera tutto questo? anzi perchè partecipa a tutto questo? Eppure …..

Il 14 novembre, la Francia ha lasciato scadere il secondo termine per consegnare alla Russia la nave portaelicotteri Mistral che la Russia ha già interamente pagato, e che era stata costruita secondo specifiche russe, non adattabili ad un eventuale utilizzo da parte della NATO.

Facciamo un passo indietro e torniamo al 14 maggio 2014, Michael R. Gordon uno dei giornalisti del New York Times (più realisticamente: uno degli stenografi dell’amministrazione USA, quello che nel 2002 aveva “segnalato” tutti gli orrori prodotti dalle ADM o armi di distruzione di massa che stava costruendo Saddam Hussein – ma che in realtà non sono mai esistite, se non notizie passate falle agenzie-di-disinformazione dell’Amministrazione) ha intitolato una cosiddetta-notizia – propaganda-outlet del governo USA – “La Vendita della Francia di 2 Navi ai Russi è un brutto segno, avvertono gli U.S.A” e ha criticato aspramente il vile venditore di quelle che i nazionalisti USA avevano sprezzantemente chiamandolo “freedom fries”(Ndt: French fries sono le patatine fritte in USA).

L’articolo – trascritto dallo stenografo del potere, come è sia lui che il suo giornale – comincia: “In un incontro a porte chiuse del febbraio 2010, il Segretario alla Difesa Robert M. Gates esortò il suo omologo francese a non procedere alla vendita alla Russia di due navi anfibie da assalto, perché si sarebbe potuto inviare un messaggio sbagliato alla Russia e ai nostri alleati in Europa Centrale ed Orientale. In altre parole: la Russia è il nemico; non trattate con loro in nessun modo.

Jennifer Rubin sul Washington Post, titolava il giorno dopo con disprezzo, “L’Europa va per conto suo”, aprendo il suo articolo così : “Il tentativo della Francia di vendere navi da guerra alla Russia non solo significa “vendere la corda per impiccarsi” ma non tiene in considerazione la levatura degli USA in questo momento” – Mentiva: perché la Russia non è nemica della Francia, ma questo è solo quello che dicono gli USA.

E la Francia non stava in nessun modo facendo un tentativo di vendere navi da guerra alla Russia” ma queste navi da guerra erano già state vendute e costruite e pagate, ma Washington stava girando il coltello nella piaga del suo amico’ Francese, per indurlo a non consegnare quello che era già stato venduto e prodotto.

Per i fascisti americani ma anche per i nostri razzistifascisti onazisti, la guerra fredda non è mai finita, nemmeno quando è finita l’Unione Sovietica o quando l’economia marxista è stata rinnegata ovunque, eccetto che a Cuba e nella Corea del Nord. A quanto pare, la guerra fredda non è mai stata veramente una guerra contro il comunismo, se si vuol credere a questi fascisti; si trattava solo di distruggere la Russia. Per loro, quello slogan era solo un buon piano di marketing per le fabbriche di armi USA. Ora che la Russia è una democrazia forse più di quanto non lo siano oggi gli Stati Uniti il vecchio odio brucia ancora come carboni ardenti nei cuori neri di Barack Obama, dei repubblicani, e di tutti gli altri estremisitidi-destra, prooligarchici, dei politici americani al servizio dei capi della Raytheon Corporation e della LockheedMartin, o di altri fornitori della NATO, il club occidentale che compra le armi.

La vigliacca Francia non sta dicendo allo zio Sam di tirare fuori tutto questo, ma si sta mettendo nella condizione di dover pagare da sola un prezzo molto alto, perché glielo ha chiesto quel venditore ambulante dei tanti genocidi che accadono oggi, gli Stati Uniti: Non vedremo mai questo fatto — o questo, o questo — riportato sul New York Times, o sul Washington Post, o sul Wall Street Journal. Questi fatti li scrive chi sta dalla parte del ‘nemico’.

Io sono un Europeo-Americano, sono uno che si sente oltraggiato dal fatto che il mio paese abbia abbracciato quello che era stato uno dei primi obiettivi di Hitler – distruggere e soggiogare i russi – e che l’Europa stia appoggiando questo degrado morale dell’America, il tutto a vantaggio di un gruppo USA fin troppo potente e di pochi altri oligarchi europei che li affiancano, che pensano che il loro sangue non scorrerà mai, nemmeno se provocheranno una guerra nucleare contro la Russia.

Ma i loro condomini chiusi e le loro limousine blindate non basteranno a proteggerli dalla loro cattiveria e dagli odi e dalle psicopatie che albergano in loro stessi, se continueranno a far prostituire la democrazia” in questo modo.

L’America ha bisogno di una stampa vera, non di ‘news-media’ controllati dall’ aristocrazia, non ha bisogno di giornali che si mettono continuamente in vendita a chi paga meglio, chiunque sia può spendere qualche dollaro in pubblicità per comprarsi il giornalismo’ e i pareri editoriali‘ per spiegare come è fatta la democrazia’.

Eric Zuesse , ricercatore storica è autore del recente They’re Not Even Close: The Democratic vs. Republican Economic Records, 1910-2010, e di CHRIST’S VENTRILOQUISTS: The Event that Created Christianity.

Fonte: http://www.globalresearch.ca

Link: http://www.globalresearch.ca/why-is-europe-staying-with-the-leading-fascist-power-thats-now-turned-nazi/5414284

16.11.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • MarioG

    L’ennesimo  con la fascistite. Ma lui almeno  e’ scusabile: e’ un americano.

  • cdcuser
  • giannis

    Basta vedere i film , i telefilm e le telenovele USA per capire che societa’
    violenta ,egoista ,pazza e rincoglionita sia quella USA , se i governi europei
    continueranno a essere schiavi degli USA l Europa fara’ una brutta fine

  • makkia

    Cioé che i fascisti non ce li ha belli in vista in giro per le strade e quindi si sente minacciato e indignato quando li vede venire fuori troppo scopertamente?

    Beato lui che ancora lo può usare come un chiaro distinguo.