Home / ComeDonChisciotte / PER LE ELITE RUSSE C'E' RISCHIO DI GUERRA CON GLI USA

PER LE ELITE RUSSE C'E' RISCHIO DI GUERRA CON GLI USA

DI MIRIAM ELDER

informationclearinghouse.info

“Quando non ci sono relazioni bancarie, le nazioni si avvicinano ad una guerra.”

Venerdì scorso il capo di una delle più importanti banche di proprietà del Cremlino ha ammonito che ulteriori sanzioni bancarie potrebbero portare Russia e USA sull’ “orlo di una guerra.”

“I russi appoggiano totalmente il loro Presidente” – ha detto Shuvalov – “e se qualcuno che non lo capisce, vuol dire che non comprende il carattere dei russi e non conose la storia della Russia. Se dovessimo immaginare che qualcuno dall’esterno del nostro paese vuole far cadere il nostro leader e voglia agire contro la nostra volontà … saremo tutti uniti come mai è stato prima.”

Andrei Kostin, capo della VTB, ha reagito con rabbia quando gli è stato chiesto quali sarebbero state le conseguenze se la Russia fosse stata esclusa dal Swift banking system, sistema che permette al denaro di attraversare le frontiere in modo sicuro.

Se questo dovesse accadere, ha detto Kostin – in una sessione sull’economia russa al World Economic Forum di Davos – “gli ambasciatori potrebbero essere richiamati e dopo questo atto Russia e America potrebbero interrompere qualsiasi relazione.”

“Se non ci sono relazioni bancarie, i paesi sono arrivati molto vicino ad una guerra o almeno sicuramente ad una guerra fredda” ha ha dichiarato Kostin in inglese, mentre diventava sempre più rosso in volto. “Sarebbe una situazione veramente pericolosa.”

Ha detto che se la Russia dovesse venire esclusa dallo Swift system, le relazioni USA–Russia potrebbero arrivare al livello di quelle che intercorrono tra U.S.A e Iran. Poi nei suoi commenti ha ricordato che la Russia ha recentemente creato un nuovo sistema alternativo allo Swift.

U.S.A e UE hanno imposto parecchie sanzioni alla Russia, incluse quelle contro la VTB. (Kostin non rientra, comunque, nella lista dei sanzionati e recentemente ha parlato sul Wall Street Journal della sua vacanza ad Aspen, Colorado.)

Igor Shuvalov, il Vice PM e capo della delegazione russa a Davos, ha inviato un severo monito a tutti quelli che stanno immaginando una Russia senza il Presidente Vladimir Putin.

“Appoggio il mio Presidente al 100%” -ha detto Shuvalov “Se c’è qualcuno che non lo capisce, vuol dire che non comprende il carattere dei russi e che non conose la storia della Russia.”

“Se dovessimo immaginare che qualcuno dall’esterno del nostro paese vuole far cadere il nostro leader e voglia agire contro la nostra volontà … saremo tutti uniti come mai è stato prima.”

Poi ha spazzato via qualsiasi domanda diretta sull’Ucraina ed ha avvertito che l’Occidente deve trattare con la Russia come si tratta con un partner paritario e che non si deve credere che la Russia se ne resterà “seduta nell’angolo.” Se l’Occidente non vorrà trattare la Russia in modo paritario – Shuvalov ha ammonito – l’ Ucraina “resterà un enorme ferita aperta per i prossimi 10 anni.”

Sia Kostin che Shuvalov hanno criticato la situazione economica attuale, che ha visto la Russia bruciare parte delle sue riserve per bloccare il crollo del rublo, che ha perso quasi il 50% del suo valore negli ultimi mesi ed ora, dopo parecchi anni di crescita alimentata con i proventi del petrolio, si trova ad affrontare un periodo di recessione.

“Non c’è proprio niente di buono nella situazione attuale” ha detto Shuvalov. “E’ un momento molto difficile e penso che non potrà che peggiorare… la chiave di tutto ora sarà cercare di “insegnare alla gente — a cominciare dalle grandi corporazioni statali fino ai singoli cittadini — che si dovrà vivere in modo differente.”

Miriam Elder è Foreign Editor per “BuzzFeed News” e lavora a New York. – miriam.elder@buzzfeed.com

Fonte: http://www.informationclearinghouse.info

Link: http://www.informationclearinghouse.info/article40790.htm

23.01.2015

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Pubblicato da Bosque Primario